Decine di atleti russi hanno barato a Sochi. Lo dice l'inventore del cocktail dopante

Grigory Rodchenkov era il direttore del laboratorio anti-doping della nazione. Lodato dal presidente Putin, è stato silurato da Mosca dopo le rivelazioni dell'Agenzia Mondiale Antidoping. E ora cerca di stare al sicuro a Los Angeles

Decine di atleti russi alle Olimpiadi invernali di Sochi (Russia), inclusi almeno 15 che hanno portato a casa una medaglia, erano parte di un programma di doping gestito da Mosca, pianificato nel dettaglio per anni e pensato per garantire il dominio ai Giochi. E' quanto ha detto Grigory Rodchenkov, all'epoca il direttore del laboratorio anti-doping della nazione. E' lui ad avere sviluppato un cocktail di sostanze vietate mischiato con alcolici e fornito poi a decine di atleti russi facilitando quello che il giornale newyorchese definisce uno dei più elaborati e riusciti schemi di doping nella storia dello sport.

I dettagli sono stati da lui forniti in tre giorni di interviste messe a punto dal regista americano Bryan Fogel, che sta lavorando a un documentario che vede protagonista proprio Rodchenkov. Il Nyt non ha potuto verificare quanto sostenuto dall'uomo il cui racconto è in linea con quanto emerso da un rapporto diffuso lo scorso anno dall'Agenzia Mondiale Antidoping. Al giornale newyorchese, Rodchenkov ha fornito email con i nomi degli atleti coinvolti nel piano riassunto in tabelle inviategli dal ministero dello Sport prima dei Giochi a Sochi.

Su richiesta del New York Times, il ministro russo dello Sport, Vitaly Mutko, ha rilasciato una dichiarazione dicendo che le ultime rivelazioni "sono la continuazione degli attacchi informativi sullo sport russo".

Stanto a Rodchenkov, membri dei servizi d'intelligence ed esperti anti-doping russi sono stati protagonisti di attività notturne segrete. In pratica hanno sostituito campioni di urina contenenti il cocktail vietato con altri contenenti urina collezionata mesi prima. Ogni notte, per quattro ore, hanno lavorato in un laboratorio nascosto e volutamente poco illuminato. Hanno persino garantito la fuga dei campioni che sarebbero stati incriminati attraverso un buco nel muro grande quanto un pugno. Alla fine dei Giochi olimpici, così facendo almeno 100 campioni di urine incriminati sono stati rimossi. E la Russia ha portato a casa il maggior numero di medaglie superando facilmente il suo rivale, gli Stati Uniti. Nessuno degli atleti è stato beccato barare.

"Potete immaginare come lo sport olimpico sia organizzato?", chiede retoricamente Rodchenkov.

Rodchenkov non sembra però pentirsi visto che descrive il suo lavoro a Sochi come "un risultato notevole", l'apice di uno sforzo decennale per perfezionare la strategia di doping russa nelle competizioni internazionali. "Eravamo totalmente attrezzati, esperti e perfettamente pronti per Sochi come mai prima di quel momento. Lavoravo come un orologio svizzero".

Rodchenkov ricevette, su volere del presidente russo Vladimir Putin, la prestigiosa onorificenza russa dell'Ordine dell'Amicizia. Lo scorso novembre però fu lui a essete stato identificato dall'Agenzia Mondiale Antidoping come l'uomo al centro di un programma di doping esteso in Russia. Rodchenkov sostiene che dopo la diffusione del rapporto dell'Agenzia, i funzionari russi gli chiesero di dimettersi. Temendo per la sua incolumità, lui ha deciso di trasferirisi a Los Angeles (California) con l'aiuto del filmaker Fogel.

La tempistica delle sue dichiarazioni arriva in un momento particolare. Nelle settimane a venire i leader del comitato olimpico internazionale decideranno se la Russia potrà partecipare alle Olimpiadi estive del Brasile. Mosca poi si prepara per ospitare la prossima coppa del mondo del 2018.

Altri Servizi

Wells Fargo verso il faccia a faccia con gli azionisti: traballa poltrona vari membri Cda

Gli investitori alla società un deciso cambio di rotta dopo lo scandalo dei 2,1 milioni di conti fantasma creati ad arte per centrare gli obiettivi sulle vendite e costato una multa da 185 milioni di dollari.
Wells Fargo

Wells Fargo, che ha chiuso il primo trimestre con profitti piatti, seppur superiori alle previsioni, deve fare i conti con una situazione che altre grandi banche hanno già sperimentato dopo la crisi finanziaria, ovvero forti pressioni interne per un rimpasto radicale del consiglio di amministrazione.

Tribunale federale ferma esecuzione sei sentenze capitali in Arkansas

Sarebbero le prime dal 2005. Erano previste nell'arco di dieci giorni. Disappunto della procura generale dello Stato: tentativi di ostacolare la giustizia.

Lo Stato dell'Arkansas non potrà portare avanti le sei esecuzioni capitali in dieci giorni, previste a partire dal 17 aprile. Un giudice federale ha infatti imposto la sospensione di quello che sarebbe stato un numero senza precedenti per un arco di tempo così breve nella storia moderna degli Stati Uniti.

Tensione Usa-Corea del Nord alle stelle. Pyongyang pronta a rispondere a guerra totale

Ma dopo l'intensa attività diplomatica delle ultime ore il test nucleare nordcoreano ipotizzato per oggi, proprio in occasione dell'anniversario della nascita di Kim il-Sung, non c'è stato.

La Corea de Nord è pronta a rispondere a qualsiasi attacco nucleare statunitense con le stesse armi. "Risponderemo alla guerra totale con la guerra totale. Risponderemo a un attacco nucleare con un nostro attacco nucleare", ha detto il numero due del regime di Pyongyang, Choe Ryong-Hae, durante la parata militare svoltasi nella capitale nordcoreana.

La Cina teme l'escalation Usa-Nord Corea: tempesta all'orizzonte, stop a minacce reciproche

Pechino teme che la situazione possa finire fuori controllo dopo che Pyongyang ha fatto sapere di essere pronta a effettuare test nucleari e Washington pensa a un raid preventivo
AP

L'escalation delle tensioni tra Corea del Nord e Stati Uniti preoccupa la Cina, che teme che la situazione possa finire fuori controllo dopo che Pyongyang ha fatto sapere di essere pronta a effettuare test nucleari quando Kim Jong-un dovesse dare il via libea e mentre le forze navali americane si avvicinano alla penisola Coreana.

Le istituzioni globali a Trump: il commercio ha benefici

Fmi, Banca Mondiale e Wto uniscono le forze per difendere il "motore per la crescita e la prosperità globale". Premono su governi per occuparsi di chi "è rimasto indietro" nella società a causa di progressi tecnologici e automazione
AP

Donald Trump non viene citato ma il messaggio a lui mandato da tre istituzioni globali non poteva che essere più chiaro e tagliato su misura per lui: a fronte di una virata a favore del protezionismo e del nazionalismo del 45esimo presidente americano, il Fondo monetario internazionale, la Banca Mondiale e l'Organizzazione mondiale del commercio hanno unito le forze in un raro gesto volto a ribadire che "l'integrazione commerciale è uno strumento potente per aumentare la crescita e migliorare gli standard di vita" e che "è stato un motore per la crescita e la prosperità globale". E sempre pensando all'inquilino della Casa Bianca, si sono schierati contro restrizioni commerciali e l'imposizione di tariffe, che "può essere costosa e avere effetti indiretti su industrie a valle" rispetto a quella in cui si applicano i dazi. 

Afghanistan, Usa hanno lanciato la più grande bomba non nucleare. Trump: un'altra missione di successo

La MOAB è stata usata per la prima volta sul campo di battaglia. Usata contro tunnel dello Stato islamico

Le forze statunitensi hanno lanciato in Afghanistan la più grande bomba non nucleare. Dopo che fonti militari avevano rivelato la notizia a Cnn, la conferma è poi arrivata dalla Casa Bianca: per il presidente Donald Trump si tratta di "un'altra missione di successo". Una GBU-43 Massive Ordnance Air Blast Bomb (MOAB), definita informalmente la "madre di tutte le bombe" (Mother Of All Bombs) è stata sganciata oggi intorno alle 19:30, ora locale. Per la prima volta una MOAB è stata usata sul campo di battaglia. Si tratta di un ordigno sviluppato durante la guerra in Iraq, dal peso di 21.600 libre e dalla lunghezza di 30 piedi guidato con sistema satellitare.

Il professore "veggente" che aveva previsto la vittoria di Trump ora ne anticipa l'impeachment

In un libro in uscita nei prossimi giorni, Allan Lichtman, studioso dell'American University, pronostica l'impeachment del magnate repubblicano e il passaggio di consegne al vicepresidente Mike Pence
AP

Apple lancia la sfida sulle vetture autonome, ottiene via libera ai test in California

Entra nella lista di società che hanno ricevuto le autorizzazioni dal California Department of Motor Vehicles, che già aveva dato il via libera a colossi come Tesla, Uber, Nvidia e Alphabet

Fusione tra Abbott Laboratories e Alere si farà, ma con un prezzo più basso

Abbott pagherà 51 dollari per azione, meno dei 56 dollari inizialmente ipotizzati, ovvero un totale di 4,44 miliardi di dollari, meno dei quasi 5 miliardi originali.

Afghanistan, la 'superbomba' ha ucciso 36 miliziani dell'Isis. Il generale Nicholson: "Scelta puramente tattica"

La GBU-43 è stata usata per la prima volta sul campo di battaglia. Soddisfatto il presidente Trump: "Un'altra missione di successo"