Decine di atleti russi hanno barato a Sochi. Lo dice l'inventore del cocktail dopante

Grigory Rodchenkov era il direttore del laboratorio anti-doping della nazione. Lodato dal presidente Putin, è stato silurato da Mosca dopo le rivelazioni dell'Agenzia Mondiale Antidoping. E ora cerca di stare al sicuro a Los Angeles

Decine di atleti russi alle Olimpiadi invernali di Sochi (Russia), inclusi almeno 15 che hanno portato a casa una medaglia, erano parte di un programma di doping gestito da Mosca, pianificato nel dettaglio per anni e pensato per garantire il dominio ai Giochi. E' quanto ha detto Grigory Rodchenkov, all'epoca il direttore del laboratorio anti-doping della nazione. E' lui ad avere sviluppato un cocktail di sostanze vietate mischiato con alcolici e fornito poi a decine di atleti russi facilitando quello che il giornale newyorchese definisce uno dei più elaborati e riusciti schemi di doping nella storia dello sport.

I dettagli sono stati da lui forniti in tre giorni di interviste messe a punto dal regista americano Bryan Fogel, che sta lavorando a un documentario che vede protagonista proprio Rodchenkov. Il Nyt non ha potuto verificare quanto sostenuto dall'uomo il cui racconto è in linea con quanto emerso da un rapporto diffuso lo scorso anno dall'Agenzia Mondiale Antidoping. Al giornale newyorchese, Rodchenkov ha fornito email con i nomi degli atleti coinvolti nel piano riassunto in tabelle inviategli dal ministero dello Sport prima dei Giochi a Sochi.

Su richiesta del New York Times, il ministro russo dello Sport, Vitaly Mutko, ha rilasciato una dichiarazione dicendo che le ultime rivelazioni "sono la continuazione degli attacchi informativi sullo sport russo".

Stanto a Rodchenkov, membri dei servizi d'intelligence ed esperti anti-doping russi sono stati protagonisti di attività notturne segrete. In pratica hanno sostituito campioni di urina contenenti il cocktail vietato con altri contenenti urina collezionata mesi prima. Ogni notte, per quattro ore, hanno lavorato in un laboratorio nascosto e volutamente poco illuminato. Hanno persino garantito la fuga dei campioni che sarebbero stati incriminati attraverso un buco nel muro grande quanto un pugno. Alla fine dei Giochi olimpici, così facendo almeno 100 campioni di urine incriminati sono stati rimossi. E la Russia ha portato a casa il maggior numero di medaglie superando facilmente il suo rivale, gli Stati Uniti. Nessuno degli atleti è stato beccato barare.

"Potete immaginare come lo sport olimpico sia organizzato?", chiede retoricamente Rodchenkov.

Rodchenkov non sembra però pentirsi visto che descrive il suo lavoro a Sochi come "un risultato notevole", l'apice di uno sforzo decennale per perfezionare la strategia di doping russa nelle competizioni internazionali. "Eravamo totalmente attrezzati, esperti e perfettamente pronti per Sochi come mai prima di quel momento. Lavoravo come un orologio svizzero".

Rodchenkov ricevette, su volere del presidente russo Vladimir Putin, la prestigiosa onorificenza russa dell'Ordine dell'Amicizia. Lo scorso novembre però fu lui a essete stato identificato dall'Agenzia Mondiale Antidoping come l'uomo al centro di un programma di doping esteso in Russia. Rodchenkov sostiene che dopo la diffusione del rapporto dell'Agenzia, i funzionari russi gli chiesero di dimettersi. Temendo per la sua incolumità, lui ha deciso di trasferirisi a Los Angeles (California) con l'aiuto del filmaker Fogel.

La tempistica delle sue dichiarazioni arriva in un momento particolare. Nelle settimane a venire i leader del comitato olimpico internazionale decideranno se la Russia potrà partecipare alle Olimpiadi estive del Brasile. Mosca poi si prepara per ospitare la prossima coppa del mondo del 2018.

Altri Servizi

Trump pagherà di tasca propria spese legali Russiagate. Studia modo per aiutare staff Casa Bianca

Tecnicamente non c'è una legge che vieta al presidente di fare doni al proprio staff, ma nel caso specifico c'è il dubbio che il contributo del presidente finirebbe per influenzare la testimonianza delle persone che lo hanno ricevuto.
AP

Donald Trump pagherà di tasca propria i conti legali collegati all'indagine sul Russiagate, senza usare i fondi della sua campagna elettorale e senza chiedere l'intervento della Republican National Committee. Il presidente americano sta anche studiando un piano per usare fondi personali per aiutare il personale della Casa Bianca, attuale e passato, a coprire le spese legali.

Trump e Putin cercano intesa sulla Siria, ma le difficoltà sono molte

L'intesa, ancora alle fasi iniziali, traballa già dopo uno scontro alle Nazioni Unite. Questo getta acqua sul fuoco dell'ottimismo e solleva dubbi in vista delle riunioni internazionali sulla spinosa questione.
AP

Il presidente americano Donald Trump e il suo omologo russo Vladimir Putin sono al lavoro su un accordo sulla Siria, ma la strada appare in salita. L'intesa, ancora alle fasi iniziali, traballa già dopo uno scontro alle Nazioni Unite. Come spiega l'Afp in un'analisi, questo getta acqua sul fuoco dell'ottimismo e solleva dubbi in vista delle riunioni internazionali sulla spinosa questione.

Disegni "hot" in cielo con l'aereo, nei guai un pilota della Us Navy

Gesto provocatorio mentre in America piovono accuse di molestie. La Marina "si scusa con chiunque sia stato offeso da questa azione inaccettabile".

Un equipaggio della Marina militare ha disegnato una forma fallica con la scia lasciata in cielo dell'aereo in uso. Lo ha ammesso la Marina stessa, chiedendo scusa. "La Marina si scusa con chiunque sia stato offeso da questa azione inaccettabile", ha spiegato un portavoce alla Cnbc.

Wall Street in cerca di direzione nel finale di ottava

Attenzione alle trimestrali di Foot Locker e A&F, sul fronte macroeconomico notizie dal fronte immobiliare e manifatturiero.
AP

L'amministrazione Trump conferma: riforma fiscale entro Natale

Resta da vedere se la promessa del presidente Usa verrà mantenuta. La Camera ha approvato la bozza ma l'iter al Senato sembra più complicato. Mnuchin: siamo fiduciosi

L'amministrazione Trump continua a essere convinta che una riforma fiscale verrà sottoscritta dal presidente in carica entro Natale. Per Donald Trump sarebbe la prima vittoria legislativa da quando mise piede alla Casa Bianca il 20 gennaio 2016. A confermare la tempistica promessa dal governo è il segretario al Tesoro, Steven Mnuchin.

Trump vuole nuove misure per difendere Usa da Nordcorea

Il presidente americano ha suggerito al Congresso di approvare lo stanziamento di 4 miliardi di dollari: serviranno per costruire sistemi informatici in grado di fermare le testate di Pyongyang prima che escano dai confini dello Stato.
AP

Nonostante gli Stati Uniti abbiano un sistema di difesa sicuro e costato più di 100 miliardi di dollari, l'amministrazione Trump si prepara ad aumentare le precauzioni per difendersi dagli attacchi missilistici della Corea del Nord.

Usa: si dimette il direttore dell'agenzia per la protezione dei consumatori

Richard Cordray lascia in anticipo. Fu nomina da Barack Obama alla guida di un'ente creato dopo la crisi finanziaria del 2008. Ne è stato l'unico numero uno. L'addio spiana la strada alla deregulation di Trump
Consumer Financial Protection Bureau

Richard Cordray, direttore del Consumer Financial Protection Bureau (l'agenzia preposta alla protezione dei consumatori nel settore finanziario), ha annunciato che intende lasciare il suo ruolo alla fine di novembre. Cordray mette così fine a un incarico durato sei anni e creato dalla riforma finanziaria post crisi, la Dodd-Frank.

Cristiana Pegoraro: l'arte di suonare per promuovere (e raccontare) la musica classica

La pianista e compositrice italiana è tornata a Carnegie Hall. Di origini ternane, vuole svecchiare un genere musicale che secondo lei sopravviverà. Il suo messaggio: aprire il cuore all'arte

 

Molestie sessuali, una conduttrice Usa accusa il senatore democratico Al Franken

Leeann Tweeden: "Mi ha baciata e palpeggiata" nel 2006. L'ex comico e sceneggiatore: "Le chiedo scusa"

Dopo quelle a Roy Moore, candidato repubblicano al Senato, arrivano le prime accuse di molestie sessuali nei confronti di un senatore in carica, il democratico Al Franken. Ad accusarlo è Leeann Tweeden, modella, commentatrice sportiva e conduttrice radiofonica.

Russiagate: Sessions non ricorda il colloquio con Papadopoulos, ma "ho bocciato l'incontro con Putin"

Il segretario alla Giustizia Usa, davanti a una commissione della Camera, ha parlato anche di Hillary Clinton e Roy Moore
Ap

Il segretario alla Giustizia statunitense, Jeff Sessions, ha detto che il "caos" della campagna elettorale di Donald Trump gli aveva fatto dimenticare il colloquio con il consigliere che gli aveva parlato di aprire un canale di comunicazione con i russi, ma che sicuramente ha "bocciato un incontro con Putin". Nel discorso preparato, letto davanti alla commissione Giustizia della Camera, che indaga sui possibili rapporti tra il Cremlino e lo staff di Trump, Sessions ha detto che era molto difficile, per lui, ricordare tutti i dettagli su chi, tra i membri della campagna elettorale, aveva cercato di parlare con il governo russo di informazioni che avrebbero potuto danneggiare la candidatura della rivale democratica, Hillary Clinton. "È stata una campagna brillante, credo, da molti punti di vista, ma c'era una forma di caos, ogni giorno, dal primo giorno" ha detto Sessions. "Certe volte andavamo in molti posti in un giorno. Si dormiva poco ed ero ancora un senatore a tempo pieno, con un'agenda molto piena".