Decreto immigrazione, capitolo secondo

Donald Trump ha firmato un nuovo ordine esecutivo più moderato, con l'Iraq fuori dalla lista dei 7 paesi. Continuano le polemiche per le accuse ad Obama, e visto il risultato del primo 'muslim ban' ora per il presidente è vietato sbagliare
iStock

Donald Trump ha firmato il nuovo ordine esecutivo per bloccare l’ingresso negli Usa delle persone provenienti da quei paesi islamici considerati a rischio di infiltrazioni terroristiche. Il 'Muslim ban bis' entrerà in vigore il prossimo 16 marzo, consentendo così all'amministrazione di avere una decina di giorni per organizzarsi ed evitare la confusione seguita al primo decreto del 27 gennaio.

ASCOLTA IL PODCAST DELLA PUNTATA 

La nuova versione, memore della bocciatura da parte della Corte d’Appello di San Francisco, è stata ammorbidita: via il divieto d'accesso a tempo indeterminato per i rifugiati siriani (per cui valgono ora i 120 giorni di stop applicati a tutti gli altri rifugiati), nessuna influenza sui possessori di visti già approvati o di una Green Card e, sopratutto, depennamento dell’Iraq dalla precedente lista di 7 paesi. Ad essere colpiti dalla sospensione degli ingressi per 90 giorni restano però Iran, Siria, Sudan, Yemen, Somalia e Libia.

 La firma del nuovo decreto è arrivata all’inizio di una settimana su cui si allungano ancora le ombre delle accuse del nuovo presidente all’indirizzo del suo predecessore Barack Obama, che secondo Trump avrebbe ordinato di intercettare le sue telefonate dalla Trump Tower. La mossa, condannata anche dal numero uno dell’Fbi James Comey, si è rivelata un boomerang per Donald Trump, la cui credibilità è stata di fatto messa in discussione. Ciononostante la Casa Bianca non sembra intenzionata a fare marcia indietro sul punto: “Crediamo che la questione debba essere analizzata dalla commissione d'Intelligence della Camera”, ha ribadito ieri la portavoce Sarah Huckabee.

 Reduce dal passo falso su Obama e dalla bocciatura del primo ‘muslim ban’, Trump però non può più permettersi passi falsi; il successo di questo nuovo ordine esecutivo acquisisce pertanto una doppia importanza. Anche se dovesse passare l’esame legale, come è probabile, sarà comunque molto difficile che il nuovo decreto riesca ad evitare una fitta pioggia di critiche. La prima è arrivata subito dopo la firma di Trump dal profilo Twitter del leader dem in senato Chuck Shumer: “E’ un decreto meschino e contrario ai valori americani. Deve essere revocato".

Canzone del giorno: Bruce Springsteen - American Land

Altri Servizi

Ibm chiude il 22esimo trimestre con ricavi in calo

Bene le attività legate ai cosiddetti "imperativi strategici" tra cui il cloud. Conti sopra le stime degli analisti

E' da oltre cinque anni di fila che International Business Machines (Ibm) registra ricavi in calo su base annuale ma il gruppo - da tempo impegnato in una trasformazione con un focus sui servizi tecnologici e non più sull'hardware soltanto - è ottimista tanto da avere confermato le stime per il 2017. La conferma è arrivata con i conti del terzo trimestre del 2017, pubblicati dopo la chiusura di Wall Street e che hanno battuto le stime degli analisti: gli utili netti sono stati di 2,7 miliardi di dollari, in flessione del 4% su base annuale. Al netto di voci straordinarie, i profitti per azione si sono attestati a quota 3,30 dollari, meglio dei 3,29 dollari per azione previsti dal mercato.

Il caffè migliore? Per illy arriva da Honduras

Consegnato a New York l'annuale Ernesto Illy International Coffee Award, giunto alla seconda edizione

Dopo una serie di degustazioni alle Nazioni Unite fatte da una giuria indipendente di esperti internazionali, illycaffè ha premiato i chicchi di caffè coltivati da José Abelardo Diaz Enamorado dell'Honduras. Sono loro ad essere stati giudicati come “Best of the Best” tra i migliori raccolti della stagione 2016/2017. Per questo al coltivatore è stato consegnato il 2017 Ernesto Illy International Coffee Award, un riconoscimento annuale voluto dal gruppo triestino e giunto alla sua seconda edizione.

Amico di Trump inietta capitali in Weinstein Company

Il miliardario Tom Barrack tratta per comprare tutta o parte della società di produzione travolta dagli scandali sessuali del suo co-fondatore, silurato dal club degli Oscar
AP

The Weinstein Company, la società di produzione cinematografica travolta dagli scandali sessuali riguardanti il suo cofondatore Harvey Weinstein, ha raggiunto un accordo preliminare per una immediata iniezione di capitali. A concerderli è Colony Capital, società di investimento di Tom Barrack (amico di lunga data del presidente americano Donald Trump). A comunicarlo è stata l'azienda stessa, che ha iniziato un periodo di negoziati che potrebbe portare Colony Capital a comprare tutto o parte del gruppo che - tra gli altri - ha prodotto film come "Lion" e che ha distribuito "The Hateful Eight" di Quentin Tarantino.

Wall Street continua a macinare record

Secondo il Beige Book della Fed, l'economia Usa ha continuato a espandersi tra settembre e inizio ottobre. Pressioni "modeste" sui prezzi
AP

La Nfl ignora Trump, il presidente: "Manca di rispetto per il nostro Paese"

La lega ha deciso di permettere le proteste durante l'inno, nonostante le critiche e le pressioni della Casa Bianca
AP

"La Nfl ha deciso di non obbligare i giocatori a stare in piedi durante l'esecuzione del nostro inno nazionale. Una totale mancanza di rispetto per il nostro grande Paese!". Non si è fatta attendere, su Twitter, la risposta del presidente statunitense, Donald Trump, alla decisione della lega professionistica di football americano.

Fed: economia Usa cresciuta nonostante gli uragani

Le pressioni sui prezzi restano modeste nonostante per i datori di lavoro sia difficile trovare personale qualificato. Il "mistero" dell'inflazione al palo perseguita Yellen
AP

L'economia americana ha continuato a espandersi a un passo tra il "modesto" e il "moderato" tra settembre e l'inizio di ottobre. E questo nonostante l'effetto uragani. Le pressioni sui prezzi "sono rimaste modeste", dimostrazione che il "mistero" dell'inflazione al palo continua a perseguitare il governatore della Federal Reserve, Janet Yellen. E' questo quanto emerso dal Beige Book, il rapporto pubblicato dalla banca centrale Usa ogni sei settimane e pensato per fotografare lo stato di salute dell'economia statunitense. Frutto dell'analisi condotta nei 12 distretti in cui opera la banca centrale americana, il documento verrà utilizzato nella prossima riunione della Fed in calendario il 31 ottobre e 1 novembre prossimi, quando i tassi sono visti rimenere all'1-1,25%.

Molestie sessuali, la denuncia di 140 donne che lavorano al Parlamento della California

Hanno preso coraggio grazie alla campagna #MeToo, rilanciata dopo lo scandalo sessuale che sta travolgendo il produttore cinematografico Harvey Weinstein

Più di 140 donne che lavorano al Parlamento statale della California, tra senatrici e deputate, assistenti e lobbiste, hanno denunciato molestie sessuali, prendendo il coraggio dalla campagna #MeToo, rilanciata per denunciare le violenze dopo lo scandalo sessuale che vede come protagonista il produttore cinematografico Harvey Weinstein e ormai diffusa in molti Paesi.

Mnuchin avverte: azionario Usa rischia sell-off senza riforma fiscale

Il segretario al Tesoro sembra certo che il provvedimento verrà approvato entro fine 2017. Intanto il Dow Jones macina nuovi record oltre i 23mila punti, grazie alle trimestrali societarie. Domani il 30esimo anniversario del Black Monday

Mentre Wall Street continua a macinare record, con il Dow Jones Industrial Average che punta a chiudere sopra la soglia dei 23.000 punti per la prima volta, il segretario americano al Tesoro ha lanciato un avvertimento: il Congresso passi la riforma fiscale tanto promossa dal presidente Usa o l'azionario americano subirà un sell-off.

Unesco: Italia "cruciale" nella tutela del patrimonio culturale in aree di crisi

L'agenzia dell'Onu loda la task force italiana e la partnership "innovativa" siglata. Franceschini agli Usa e Israele: la cultura deve essere terreno che unisce.

L'Italia porta a casa le lodi dell'Unesco per i suoi sforzi volti a garantire e promuovere la tutela e il recupero del patrimonio culturale nelle aree di crisi. E' Dario Franceschini, ministro italiano dei Beni e delle attività culturali e del turismo, a ricevere i complimenti dell'agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di educazione, scienza e cultura (quella da cui Stati Uniti e Israele intendono ritirarsi perché considerata filo-palestinese).

Maroney, olimpionica Usa di ginnastica: anch'io vittima di abusi sessuali

La confessione dell'ex campionessa, che ha preso coraggio dalla campagna #MeToo: "Da fuori sembra tutto fantastico. Ce l'ho fatta, ma ho pagato un prezzo". Il medico della nazionale statunitense accusato da almeno 140 ragazze e donne

L'ex campionessa olimpica di ginnastica artistica, la statunitense McKayla Maroney, ha aderito alla campagna sui social network #MeToo, rilanciata dopo lo scandalo sessuale che sta travolgendo il produttore cinematografico Harvey Weinstein, denunciando di aver subito abusi sessuali dal dottore della nazionale olimpica, Larry Nassar.