Descalzi (Eni): nessun rischio politico dall'Italia, "mare molto agitato" nel mondo

Il Ceo del gruppo petrolifero parla da New York, dove ha presentato agli investitori il piano al 2021. Esclude guerra dei dazi tra Usa e Cina e socio potenziale in Messico ma giudica possibile un barile a 80 dollari

Il rischio politico in Italia? Per Eni non c'è. Il fronte geopolitico internazionale? Come "un mare molto agitato". La guerra commerciale tra Cina e Usa? "Solo titoli", una soluzione verrà trovata. Il barile a 80 dollari? "Possibile" ma i prezzi sono nelle mani di Opec e Russia. Un socio potenziale in Messico? No. Claudio Descalzi non si è limitato a parlare del piano strategico 2018-2021 di Eni.

Italia non è un rischio politico
Dal New York Stock Exchange, dove ha tenuto il suo Investor Day dopo quello di Londra del 16 marzo scorso, il Ceo di Eni ha spiegato che la situazione politica in Italia, dove è in corso un "lecito dibattito democratico", "non è un rischio" per le attività di Eni. Il Ceo ha detto che "non ci sono rischi politici" e che "preoccupazioni per l'esecuzione del piano [2018-2021] non ne abbiamo". Facendo riferimento al nostro Paese, Descalzi ha precisato che "i progetti sono già avviati" e che "la maggior parte degli investimenti sono upstream al di fuori dei confini italiani.

"Mare molto agitato" nel mondo
Mentre l'Italia cerca di formare un governo dopo le elezioni del 4 marzo scorso, nel mondo "il mare è molto agitato" dal punto di vista geopolitico. Per questo, c'è cautela da parte degli investitori. Sottolineando che Eni opera "in aree non complicate", tra le quali ha citato Egitto, Indonesia e Messico, Descalzi ha fatto riferimento alla situazione tesa in Siria ma anche alla Russia (sanzionata recentemente dagli Stati Uniti) e all'Iran, protagonista di uno storico accordo sul nucleare siglato nell'estate 2015 dalle principale potenze mondiali e minacciato dal presidente americano Donald Trump. In vista della decisione che Trump prenderà a maggio, reintrodurre o no sanzioni contro Teheran, Descalzi ha affermato che "già ora è difficile lavorare con l'Iran" e che un aumento delle tensioni con Washington farebbe aumentare i prezzi del petrolio.

Cina e Usa troveranno accordo sui dazi
Quanto a Cina e Stati Uniti, secondo Descalzi non si arriverà a una guerra commerciale. Secondo lui le minacce fatte a colpi di dazi sull'asse Washington-Pechino "sono solo titoli", mosse "per potere parlare" e giungere a una soluzione sulla proprietà intellettuale (che secondo il presidente americano Donald Trump è sfruttata ingiustamente dalla seconda economia più importante al mondo). Descalzi ha spiegato che l'obiettivo di Cina e Usa sono "negoziati, accordi. Probabilmente ci arriveranno". Anche perché, ha aggiunto, una guerra commerciale "farebbe più male a chi la inizia di chi la subisce". Il Ceo di Eni ha sottolineato come "il mondo globale sia interconnesso. E' chiaro che una guerra non è tra due Paesi ma qualcosa di più ampio".

Barile a 80 dollari? Dipende da Opec e Russia
A margine dell'Investor Day, al Ceo è stato chiesto un commento sulle indiscrezioni di stampa secondo cui l'Arabia Saudita, il leader di fatto dell'Opec, punta a prezzi del petrolio intorno agli 80 dollari al barile per finanziare la sua fitta agenda e sostenere la valutazione di Aramco, il colosso petrolifero nazionale che si prepara a una mega Ipo. Opec e Russia "stanno riuscendo" a condizionare i prezzi del greggio, risollevati dai livelli a cui scivolò nel 2014. Descalzi ha aggiunto che "il mercato è guidato anche dai fondamentali; le scorte stanno scendendo. Se ci sarà davvero un riequilibrio e [Opec e Russia] continueranno a tagliare l'output, magari si potrebbe" vedere il barile intorno agli 80 dollari. "E' molto nelle loro mani", ha concluso Descalzi secondo cui lo shale oil americano non rappresenta una minaccia perché "la domanda sta crescendo". Secondo lui, "la produzione americana è ottima ma è in mano a centinaia di produttori. Non può fare cambiare il prezzo in prospettiva".

Nessun socio potenziale in Messico
Quanto al Messico, Descalzi ha escluso un socio potenziale al momento. "Che ci sia un socio potenziale in questo momento, no, perché ora il focus è prendere una decisione finale di investimento e iniziare a produrre". Al Ceo è stato chiesto di commentare indiscrezioni recenti di Bloomberg secondo cui il colosso petrolifero italiano stava trattando per cedere una quota in un maxi giacimento petrolifero in Messico. Secondo quelle indiscrezioni, Eni stava negoziando per vendere una partecipazione nell'Area 1 (che si trova offshore) al Qatar Petroleum International; altri potenziali investitori sembravano a loro volta in trattativa.

"Normalmente non si tiene un campo al 100%. Nell'ambito di questo, [avevamo detto che] il Messico poteva entrare. Però siamo stati presi anche un po' alla sprovvista [dalle indiscrezioni] perché se facessimo una cosa del genere, dovremmo parlare con le autorità", ha aggiunto Descalzi precisando: "Spero nei prossimi due mesi" di avere una risposta dal governo messicano per potere avviare il progetto. "Se riusciamo ad avere ok, si parte rapidamente", ha concluso Descalzi.

Altri Servizi

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock

I politici iracheni, ancora incapaci di formare un nuovo governo dopo le elezioni di maggio, hanno davanti un problema ancora più pressante: persuadere il presidente statunitense, Donald Trump, a concedere l'esenzione dal rispetto delle sanzioni contro l'Iran, perché in caso contrario Baghdad dovrebbe rinunciare - per non essere sanzionata da Washington - al 40% della sua energia elettrica, già insufficiente a soddisfare la domanda, perché dipendente dal gas iraniano.

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare la prossima settimana

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Cresce la fiducia nell'economia in Usa, forte pessimismo in Italia. In Europa, prevale la nostalgia per il passato

Sono i dati dell'ultimo studio del Pew Research Center, a dieci anni da quella che Bernanke ha definito "la peggiore crisi della Storia"
Ap

Dazi, la Cina cancella la ripresa dei negoziati commerciali con gli Usa

Washington e Pechino continuano a fronteggiarsi a colpi di imposte, ma la Cina "ha finito i proiettili". Colpire le aziende statunitensi nel Paese sarebbe un rischio troppo grande per la Repubblica popolare, che tiene aperta la porta a futuri colloqui
Ap

Ciberspazio, la strategia all'attacco di Trump promossa (con riserva) dagli esperti

In attesa dei dettagli, il documento sembra prendere ampiamente spunto dalle raccomandazioni dell'amministrazione Obama. Non a caso, due alti responsabili della cibersicurezza con il precedente presidente hanno dato la loro approvazione
Ap

Trump mette in dubbio le accuse di Ford, difende Kavanaugh e attacca la sinistra

Il presidente statunitense, piuttosto moderato nei commenti degli ultimi giorni, è 'esploso' venerdì mattina per difendere il giudice che ha nominato alla Corte Suprema
Ap

Wall Street: nel giorno delle "quattro streghe" solo il Dow da record

Scaduti future e opzioni. Per gli indici S&P, la maggiore riclassificazione dal 1999. Fed verso il terzo rialzo dei tassi del 2018. Nafta in bilico
AP

Airbnb sogna di premiare padroni di casa migliori con titoli del gruppo

Chiede all'autorità di borsa Usa un cambiamento delle regole sullo stock-sharing

Wall Street, i dazi non fanno paura

Record di S&P e Dow nonostante le tensioni tra Usa e Cina
iStock