Di Maio a Washington: contatto duraturo con Usa, ma con noi Italia via da Afghanistan

Il vice presidente della Camera e candidato premier del Movimento 5 Stelle è in missione negli Stati Uniti. Incontri con parlamentari al Congresso e funzionari al dipartimento di Stato. E critica l'obiettivo del 2% del Pil alla Nato chiesto da Trump

"Il mio obiettivo qui a Washington è di stabilire un contatto diretto e duraturo con l'amministrazione Usa. Per questo inizio con il Dipartimento di Stato". Comincia con queste dichiarazioni la missione negli Stati Uniti del vice presidente della Camera e candidato premier del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, che in mattinata incontrerà al Congresso parlamentari Democratici e Repubblicani.

"Parlerò del Movimento, delle nostre intenzioni sulla squadra di governo" "al netto della disinformazione e delle impressioni sbagliate che possiamo avere dato", ha continuato Di Maio, ricordando che "le elezioni siciliane ci hanno confermato come prima forza politica del paese".

"Ho parlato degli Stati Uniti come di un paese alleato e qualsiasi messa in discussione su questo fronte deve essere legata a un dialogo con gli Stati Uniti," ha aggiunto Di Maio, rispondendo a una domanda sull'orientamento del Movimento 5 Stelle rispetto alla presenza delle basi americane sul territorio italiano. "Attualmente il nostro obiettivo quando parliamo di presenza all’interno della Nato è che quando si prendono decisioni in Italia che riguardano la Nato, il parlamento deve avere più potere. Questo è un altro dei punti di cui ho parlato in passato. Da questo punto di vista non c’è un pregiudizio ideologico nei confronti degli americani dell’essere nostri alleati," ha continuato il leader del M5S.

No a intervento in Afghanistan. "Sull'intervento in Afghanistan siamo sempre stati chiari. Per noi quello è un intervento che per la spesa pubblica italiana è insostenibile. Ma non siamo pregiudizialmente contro missioni di pace all'estero, specialmente quelle a guida italiana che hanno reso lustro alle nostre truppe", ha detto Di Maio.

Parlando ai giornalisti italiani durante una visita a Washington DC per incontrare rappresentanti del Dipartimento di Stato e del Congresso e della comunità italiana negli Usa, il leader del movimento chiarisce che "non c'è pregiudizio ideologico" contro la partecipazione delle truppe italiane a missioni di pace, aggiungendo che il problema della missione in Afghanistan "è che in quel caso spendiamo un sacco di soldi come Stato italiano".  "Ho parlato degli Stati Uniti come di un paese alleato e qualsiasi messa in discussione su questo fronte deve essere legata a un dialogo con gli Stati Uniti",  ha aggiunto Di Maio, rispondendo a una domanda sull'orientamento del Movimento 5 Stelle rispetto alla presenza delle basi americane sul territorio italiano.

"Attualmente il nostro obiettivo quando parliamo di presenza all’interno della Nato è che quando si prendono decisioni in Italia che riguardano la Nato, il parlamento deve avere più potere. Questo è un altro dei punti di cui ho parlato in passato. Da questo punto di vista non c’è un pregiudizio ideologico nei confronti degli americani dell’essere nostri alleati," ha continuato il leader del M5S.

Contro aiuti da governi esteri. Rifiutiamo qualsiasi tipo di aiuto da parte di stati esteri che vogliano condizionare le elezioni politiche italiane", ha continuato il candidato premier del Movimento 5 Stelle.

"Rifiutiamo qualsiasi tipo di aiuto da parte di stati esteri che vogliano condizionare le elezioni politiche italiane, abbiamo rifiutato i rimborsi elettorali, i finanziamenti dai grandi gruppi industriali, figuriamoci se non rifiutiamo questo genere di condizionamenti," dice Di Maio parlando con i giornalisti italiani a margine della sua visita nella capitale Usa, dove sta incontrando rappresentanti del Dipartimento di Stato e del Congresso. "Non abbiamo alcuna intenzione di stabilire relazioni con stati esteri per avvantaggiarcene nelle elezioni," ha aggiunto Di Maio.

"L'Italia non deve restare isolata, per quanto ci abbiamo demonizzato come isolazionisti l'obiettivo è fare in modo che questo Paese abbia più relazioni internazionali possibili in un'ottica in cui gli Usa sono uno dei nostri principali alleati e la Russia un nostro interlocutore storico," ha proseguito Di Maio, chiarendo la posizione in politica estera del movimento. "Siamo sempre stati uno di quei paesi al centro del Mediterraneo, alleati dell'Occidente che hanno sempre avuto buone relazioni con altri paesi fuori del blocco occidentale," ha aggiunto Di Maio.

Sul 2% Pil a Nato. "Abbiamo sempre detto e lo dirò anche oggi che il nostro obiettivo è restare nella Nato ma abbiamo perplessità sulla spesa al 2% del Pil in armamenti", ha detto Di Maio.

"A noi farebbe piacere avviare dei progetti in ottica di scurezza per rafforzare l’intelligence, investimenti in innovazione che possano anche essere partnership esclusive con gli Stati Uniti", ha spiegato Di Maio, parlando con i giornalisti italiani a margine della sua visita nella capitale americana, dove il candidato premier del M5S sta incontrando rappresentanti del Dipartimento di Stato, del Congresso e della comunità italiana in vista delle prossime elezioni di primavera.

Di Maio ha garantito che con il Movimento 5 Stelle al governo l'Italia resterà nell'Europa, anche se cercherà di cambiare alcuni accordi. Martedì il leader del partito ha visto il vice assistente del segretario di stato Conrad Tribble. I due hanno discusso "dell'importanza della cooperazione Usa-Italia su un ampio raggio di priorita' condivise, come pure le attuali dinamiche politiche in Europa e in Italia", come hanno confermato fonti del dipartimento di Stato americano.

Prima di lasciare gli Stati Uniti, mercoledì Di Maio farà due interviste: una con il network finanziario Cnbc e l'altra con il Washington Post.

Altri Servizi

Wall Street punta sul rimbalzo

Ieri per il DJIA è stata la peggiore seduta dal 19 ottobre
AP

Il Pentagono paga a un soldato l'operazione per il cambio di sesso

È la prima volta. L'ok è arrivato mentre negli Stati Uniti si combatte la decisione del presidente Trump di vietare ai transgender di far parte delle forze armate
U.S. Department of Defense

Il Pentagono ha deciso per la prima volta di pagare l'operazione chirurgica a cui è stato sottoposto un militare statunitense in servizio per cambiare sesso. Lo riporta la Nbc. Il militare in questione, secondo quanto trapelato, si identifica come donna. L'operazione è avvenuta ieri; il giorno prima, l'agenzia federale che si occupa delle cure mediche del personale in servizio aveva accettato di pagare l'operazione, avvenuta in un ospedale privato e non in un ospedale militare, avevano spiegato le autorità, perché in quelli militari mancano le competenze necessarie.

Su Facebook un mercato parallelo di oppiacei vietati in Usa

Lo rivela una inchiesta di Cnbc. Questo mentre Zuckerberg ha detto di essere rimasto impressionato dalla grandezza del fenomeno dell'abuso di questi farmaci

L'amministratore delegato di Facebook, Mark Zuckerberg, ha detto che la cosa che lo ha più sorpreso nel corso del suo tour negli Stati Uniti è la grandezza della crisi degli oppiacei, che da tempo sta distruggendo piccole comunità rurali degli Stati Uniti. Tuttavia sul social network esiste un mercato parallelo per la sponsorizzazione di questi prodotti, e spesso sono venditori internazionali che fanno pubblicità, visto che alcune medicinali sono vietati negli Usa.

21st Century Fox: all'assemblea dei soci confermato il potere dei Murdoch

Bocciata la proposta di abolire l'esistenza di due classi di azioni. No comment sui negoziati con Disney. Fiducia per il completamento della scalata di Sky nel 2018
AP

E' rimasto deluso chi si aspettava che dall'assemblea annuale degli azionisti di 21st Century Fox emergessero conferme di presunti negaziati avuti con Walt Disney per la cessione di asset dell'impero di Rupert Murdoch.

Moore accusato da nove donne, i repubblicani valutano le opzioni per salvarsi

Altre quattro donne sono uscite allo scoperto contro il candidato all'elezione speciale in Alabama per un seggio al Senato federale. Seggio detenuto dal Grand Old Party, che ora teme di perderlo

Altre quattro donne hanno accusato di molestie sessuali Roy Moore, il candidato repubblicano all'elezione speciale in Alabama, negli Stati Uniti, per un seggio al Senato federale. La situazione sta diventando insostenibile per il partito, che nella notte ha discusso del futuro di Moore; nessuna decisione è stata annunciata, ma i leader del partito potrebbero prendere in considerazione un piano drastico, per salvare un seggio che detengono da 20 anni: chiedere all'attuale senatore, Luther Strange, di dimettersi, in modo da indire una nuova elezione speciale, al posto di quella del 12 dicembre.

La Camera passa la riforma fiscale, ma la vera battaglia è al Senato

Adesso il Senato deve valutare una sua bozza, molto diversa da quella della Camera. Il rischio è che non si arrivi ad avere la riforma approvata entro la fine dell'anno , come ha chiesto Donald Trump

La Camera degli Stati Uniti ha approvato la riforma fiscale, che permetterà di tagliare le tasse ai lavoratori e alle imprese per 1.500 miliardi di dollari. Potrebbe essere la prima conquista dell'amministrazione Trump, che finora non è riuscita a mantenere le promesse fatte nella campagna elettorale.

Riforma fiscale: maggioranza degli americani contrari agli sforzi dei repubblicani

Oggi si vota la bozza del Gop alla Camera. Un primo senatore conservatore contro la proposta del Senato

Gli sforzi del partito repubblicano per approvare entro fine anno una riforma fiscale stanno incontrando ostacoli non solo al Congresso ma anche nell'opinione pubblica.

Molestie sessuali, una conduttrice Usa accusa il senatore democratico Al Franken

Leeann Tweeden: "Mi ha baciata e palpeggiata" nel 2006. L'ex comico e sceneggiatore: "Le chiedo scusa"

Dopo quelle a Roy Moore, candidato repubblicano al Senato, arrivano le prime accuse di molestie sessuali nei confronti di un senatore in carica, il democratico Al Franken. Ad accusarlo è Leeann Tweeden, modella, commentatrice sportiva e conduttrice radiofonica.

Dopo l'Expo, 'Orgoglio Brescia' va a Chicago con l'opera Leosphere

Il consorzio confindustriale che ha piantato l'Albero della vita all'esposizione universale a Rho festeggia il 45esimo anniversario del gemellaggio tra Milano e la Windy City con la creazione di Florian Boje

Dopo avere piantato l’Albero della Vita all'Expo 2015 di Milano, il consorzio confindustriale “Orgoglio Brescia” dimostra le sue ambizioni internazionali con una nuova opera: Leosphere.  Si tratta di una sfera in legno alta 45 metri ispirata agli studi di Leonardo da Vinci, che la cordata composta da 18 aziende bresciane ad alta specializzazione porterà al centro di Chicago nel 2018 per celebrare il 45esimo anniversario del gemellaggio tra la città dell'Illinois e Milano. L'opera, creata da Florian Boje, è pensata per rappresentare l'incontro, la contaminazione, il dialogo tra l'ingegno italiano e tecnologia americana.

Vetro di Murano e cinture nere: Peter Marino per Venini

Presentata la collezione esclusiva dello storico marchio di vetreria

 Esistono due elementi che possano sembrare più lontani tra loro del vetro di Murano e delle cinture di pelle? Forse no, eppure da questo momento coesistono idealmente, in armonia, in una collezione di vasi creata dall'architetto newyorkese Peter Marino per Venini, storica azienda leader nel settore della vetreria. Presentata al Museum of Arts and Design di Columbus Circle, "Black Belt" è una collezione in edizione limitata che comprende 349 pezzi unici, nati dall'unione tra la sapienza dei vetrai veneziani e la creatività di questo architetto celebre - oltreché per il suo look fatto di pelle nera, cinture e cappello da poliziotto - per aver collaborato con i più grandi brand di moda, disegnando le boutique di stilisti come Calvin Klein, Giorgio Armani, Fendi, Dior, Chanel e Louis Vuitton.