Di Maio a Washington: contatto duraturo con Usa, ma con noi Italia via da Afghanistan

Il vice presidente della Camera e candidato premier del Movimento 5 Stelle è in missione negli Stati Uniti. Incontri con parlamentari al Congresso e funzionari al dipartimento di Stato. E critica l'obiettivo del 2% del Pil alla Nato chiesto da Trump

"Il mio obiettivo qui a Washington è di stabilire un contatto diretto e duraturo con l'amministrazione Usa. Per questo inizio con il Dipartimento di Stato". Comincia con queste dichiarazioni la missione negli Stati Uniti del vice presidente della Camera e candidato premier del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, che in mattinata incontrerà al Congresso parlamentari Democratici e Repubblicani.

"Parlerò del Movimento, delle nostre intenzioni sulla squadra di governo" "al netto della disinformazione e delle impressioni sbagliate che possiamo avere dato", ha continuato Di Maio, ricordando che "le elezioni siciliane ci hanno confermato come prima forza politica del paese".

"Ho parlato degli Stati Uniti come di un paese alleato e qualsiasi messa in discussione su questo fronte deve essere legata a un dialogo con gli Stati Uniti," ha aggiunto Di Maio, rispondendo a una domanda sull'orientamento del Movimento 5 Stelle rispetto alla presenza delle basi americane sul territorio italiano. "Attualmente il nostro obiettivo quando parliamo di presenza all’interno della Nato è che quando si prendono decisioni in Italia che riguardano la Nato, il parlamento deve avere più potere. Questo è un altro dei punti di cui ho parlato in passato. Da questo punto di vista non c’è un pregiudizio ideologico nei confronti degli americani dell’essere nostri alleati," ha continuato il leader del M5S.

No a intervento in Afghanistan. "Sull'intervento in Afghanistan siamo sempre stati chiari. Per noi quello è un intervento che per la spesa pubblica italiana è insostenibile. Ma non siamo pregiudizialmente contro missioni di pace all'estero, specialmente quelle a guida italiana che hanno reso lustro alle nostre truppe", ha detto Di Maio.

Parlando ai giornalisti italiani durante una visita a Washington DC per incontrare rappresentanti del Dipartimento di Stato e del Congresso e della comunità italiana negli Usa, il leader del movimento chiarisce che "non c'è pregiudizio ideologico" contro la partecipazione delle truppe italiane a missioni di pace, aggiungendo che il problema della missione in Afghanistan "è che in quel caso spendiamo un sacco di soldi come Stato italiano".  "Ho parlato degli Stati Uniti come di un paese alleato e qualsiasi messa in discussione su questo fronte deve essere legata a un dialogo con gli Stati Uniti",  ha aggiunto Di Maio, rispondendo a una domanda sull'orientamento del Movimento 5 Stelle rispetto alla presenza delle basi americane sul territorio italiano.

"Attualmente il nostro obiettivo quando parliamo di presenza all’interno della Nato è che quando si prendono decisioni in Italia che riguardano la Nato, il parlamento deve avere più potere. Questo è un altro dei punti di cui ho parlato in passato. Da questo punto di vista non c’è un pregiudizio ideologico nei confronti degli americani dell’essere nostri alleati," ha continuato il leader del M5S.

Contro aiuti da governi esteri. Rifiutiamo qualsiasi tipo di aiuto da parte di stati esteri che vogliano condizionare le elezioni politiche italiane", ha continuato il candidato premier del Movimento 5 Stelle.

"Rifiutiamo qualsiasi tipo di aiuto da parte di stati esteri che vogliano condizionare le elezioni politiche italiane, abbiamo rifiutato i rimborsi elettorali, i finanziamenti dai grandi gruppi industriali, figuriamoci se non rifiutiamo questo genere di condizionamenti," dice Di Maio parlando con i giornalisti italiani a margine della sua visita nella capitale Usa, dove sta incontrando rappresentanti del Dipartimento di Stato e del Congresso. "Non abbiamo alcuna intenzione di stabilire relazioni con stati esteri per avvantaggiarcene nelle elezioni," ha aggiunto Di Maio.

"L'Italia non deve restare isolata, per quanto ci abbiamo demonizzato come isolazionisti l'obiettivo è fare in modo che questo Paese abbia più relazioni internazionali possibili in un'ottica in cui gli Usa sono uno dei nostri principali alleati e la Russia un nostro interlocutore storico," ha proseguito Di Maio, chiarendo la posizione in politica estera del movimento. "Siamo sempre stati uno di quei paesi al centro del Mediterraneo, alleati dell'Occidente che hanno sempre avuto buone relazioni con altri paesi fuori del blocco occidentale," ha aggiunto Di Maio.

Sul 2% Pil a Nato. "Abbiamo sempre detto e lo dirò anche oggi che il nostro obiettivo è restare nella Nato ma abbiamo perplessità sulla spesa al 2% del Pil in armamenti", ha detto Di Maio.

"A noi farebbe piacere avviare dei progetti in ottica di scurezza per rafforzare l’intelligence, investimenti in innovazione che possano anche essere partnership esclusive con gli Stati Uniti", ha spiegato Di Maio, parlando con i giornalisti italiani a margine della sua visita nella capitale americana, dove il candidato premier del M5S sta incontrando rappresentanti del Dipartimento di Stato, del Congresso e della comunità italiana in vista delle prossime elezioni di primavera.

Di Maio ha garantito che con il Movimento 5 Stelle al governo l'Italia resterà nell'Europa, anche se cercherà di cambiare alcuni accordi. Martedì il leader del partito ha visto il vice assistente del segretario di stato Conrad Tribble. I due hanno discusso "dell'importanza della cooperazione Usa-Italia su un ampio raggio di priorita' condivise, come pure le attuali dinamiche politiche in Europa e in Italia", come hanno confermato fonti del dipartimento di Stato americano.

Prima di lasciare gli Stati Uniti, mercoledì Di Maio farà due interviste: una con il network finanziario Cnbc e l'altra con il Washington Post.

Altri Servizi

Tentato stupro, Kavanaugh e la donna che lo accusa testimonieranno lunedì

Il giudice nominato per la Corte Suprema ha responto le accuse. Trump lo ha difeso
AP

Lunedì 24 settembre l'America avrà l'opportunità straordinaria di ascoltare l'uomo nominato dal presidente Usa per la Corte Suprema e la donna che lo ha accusato di tentato stupro. Il tutto a una cinquantina di giorni dalle elezioni di metà mandato.

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock

I politici iracheni, ancora incapaci di formare un nuovo governo dopo le elezioni di maggio, hanno davanti un problema ancora più pressante: persuadere il presidente statunitense, Donald Trump, a concedere l'esenzione dal rispetto delle sanzioni contro l'Iran, perché in caso contrario Baghdad dovrebbe rinunciare - per non essere sanzionata da Washington - al 40% della sua energia elettrica, già insufficiente a soddisfare la domanda, perché dipendente dal gas iraniano.

Tentato stupro, Kavanaugh e la sua accusatrice testimonieranno lunedì in Senato

Il giudice nominato dal presidente Trump per la Corte Suprema sarà ascoltato in commissione Giustizia, così come la professoressa di psicologia che lo accusa
Ap

Il giudice Brett Kavanaugh, nominato dal presidente statunitense Donald Trump per la Corte Suprema, e Christine Blasey Ford, la donna che lo ha accusato di aver tentato di stuprarla quando erano adolescenti, negli anni '80, testimonieranno il 24 settembre davanti alla commissione Giustizia del Senato, a porte aperte. Commissione che, il 20 settembre, avrebbe dovuto votare sulla conferma della nomina.

Google si fa strada nel settore auto. Intenzionata a replicare nelle quattro ruote il successo avuto nel mercato degli smartphone dal suo sistema operativo Android, la controllata di Alphabet ha siglato una partnership con l'alleanza franco-giapponese formata da Renault, Nissan e Mitsubishi nel 1999 e che nel 2017 ha venduto in tutto il mondo oltre 10,6 milioni di vetture (più di qualsiasi altra alleanza).

Bannon difende Salvini e Orbán: si stanno riprendendo la sovranità dei loro Paesi

L'ex stratega di ultra destra di Donald Trump: cercano di rendere migliori le loro nazioni

Stanno cercando di "riprendersi la sovranità dei loro Paesi". Per questo vanno lodati. Steve Bannon, l'ex stratega di ultra destra del presidente americano, Donald Trump, difende Matteo Salvini e Viktor Orbán, due uomini accumunati da una politica durissima in tema di migrazione. 

Trump invierà un sms a tutti i cellulari d'America, test per una "allerta presidenziale"

Il 20 settembre alle 20.18 italiane tutti i cellulari statunitensi riceveranno un messaggio. L'intento: testare un sistema da usare in caso di emergenze nazionali

Giovedì 20 settembre l'amministrazione americana invierà un sms a tutti i cellulari degli Stati Uniti. L'obiettivo: testare un sistema di allerta mai usato e pensato per mettere in guardia la popolazione in merito a emergenze nazionali.

Si avvicina la sentenza per Michael Flynn, l'ex consigliere di Trump mentì all'Fbi

Il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari

Quasi 10 mesi dopo essersi dichiarato colpevole di avere mentito all'Fbi, Michael Flynn, il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano Donald Trump, si avvicina al momento della sua sentenza. L'ex generale che lavorò nella campagna elettorale del miliardario di New York diventato leader Usa rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari.

Wall Street, i dazi non fanno paura

Record di S&P e Dow nonostante le tensioni tra Usa e Cina
iStock

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

L'amministrazione Trump vuole rendere più difficile l'arrivo di immigrati e la permanenza di quelli regolari che hanno ricevuto, o potrebbero ricevere - avendone diritto - dei sussidi statali, come i fondi per pagare l'affitto di una casa popolare, gli aiuti alimentari o il Medicaid, l'assistenza sanitaria per i poveri.

La Giustizia Usa ordina a due media cinesi di registrarsi da agenti stranieri

Si tratta dell'agenzia Xinhua e dell'emittente China Global Television Network. Stesso destino toccato alle russe RT e Sputnik

Il dipartimento americano di Giustizia ha ordinato a due gruppi media cinesi controllati da Pechino di registrarsi da agenti stranieri. Lo riferisce il Wall Street Journal, secondo cui la mossa si colloca negli sforzi di Washington volti a combattere le interferenze straniere.