Dieci milioni a Romney da Sheldon Adelson: "E non è che l'inizio"...

Il magnate dei casinò, già grande sponsor di Gingrich ora è il finanziatore n.1 di Romney. Forbes: disponibilità illimitata, potrebbe donare 100 milioni

E così Mitt Romney ce l'ha fatta: al suo ricco paniere di grandi finanziatori ha finalmente acquisito il boccone più prelibato, il supermiliardario Sheldon Adelson, 79 enne magnate dei casinò che durante le primarie, con donazioni da capogiro per circa ventuno milioni di dollari, aveva tenuto in vita artificialmente la candidatura di Newt Gingrich, naufragata la quale si era rimesso su piazza pur non nascondendo il suo scarso entusiasmo per gli altri aspiranti candidati rimasti in lizza, Romney compreso.

Ieri mattina i media hanno diffuso l'indiscrezione di una mega-donazione di ben dieci milioni di dollari da Andelson per la campagna presidenziale di Romney: si tratta di una cifra impressionate, che rappresenta la singola donazione più grande sin qui ricevuta dal candidato repubblicano, e che da sola equivale a quasi un sesto di quanto sin qui registrato nei pur rosei bilanci di "Restore Our Future", il "SuperPAC" che raccoglie i grandi finanziamenti per la campagna elttorale di Romney. Dieci milioni sono il doppio di quanto il magnate della finanza filo-democratico George Soros donò nel 2008 per finanziare Barack Obama, e quasi la metà del suo storico mega-finanziamento per la candidatura di John Kerry nel 2004, nel vano tentativo di impedire la rielezione di Bush. 

Se si scorre la pur nutrita lista dei miliardari che sponsorizzano la campagna Romney for President, si può facilmente notare come questa donazione di Adelson faccia impallidire tutti gli altri contributi sin qui elargiti da quel genere di finanziatori, nessuno dei quali sino ad ora si era spinto a donare più di uno o due milioni. Del resto anche sul fronte avversario nessuno dei grandi sponsor di Obama si è sino ad ora sbilanciato oltre la soglia dei due milioni, che rappresenta ad oggi la vetta raggiunta dai superfinanziatori del presidente come lo stesso Soros e come Jeffrey Katzenberg, il presidente della DreamWorks da lui fondata con Steven Spielberg.

E' da tempo risaputo che Adleson, nato povero (figlio di un tramviere ebreo immigrato dalla Lituania) e divenuto uomo dalla ricchezza leggendaria - pare possegga la più grande flotta area privata del mondo, quattordici veivoli incluso un Boeing 747 - forte delle immense fortune della sua Las Vegas Sands Corporation (l'impero mondiale dei casinò che, tanto per dirne una, include il celeberrimo surreale hotel-casinò Venetian a Las Vegas il quale con le sue ottomila camere si fregia di essere "l'albergo più grande del mondo", e prossimamente, alla faccia della crisi, potrebbe avviare la costruzione nientemeno che di una "Las Vegas Eropea" in Spagna...), può permettersi questo ed altro - molto altro. 

Il fatto nuovo, che potrebbe scuotere dalle fondamenta la campagna elettorale, è che non solo Adelson può, ma anche, a quanto pare, vuole. A rilanciare la notizia su di un livello superiore è infatti sopraggiunta ieri sera un'indiscrezione pubblicata sul sito della rivista Forbes (che nel 2008 definì Adelson il terzo uomo più ricco degli Stati Uniti, e tutt'ora lo annovera tra i primi dieci con un patrimonio personale di oltre venti miliardi): questi dieci milioni sarebbero solo "la punta dell'iceberg", il primo acconto di un finanziamento a valanga ben più cospicuo, "potenzialmente illimitato". 

Per tentare di dare una dimensione a questa iperbolica immagine di "illimitatezza", confidata a Forbes da un ben informato collaboratore di Adelson, il cronista ha ripescato l'intervista rilasciata proprio a lui a febbraio, nella quale, da finanziatore di Gingrich, Adelson aveva dichiarato di essere talmente agguerrito nel voler evitare altri quattro anni delle politiche "socialiste" di Obama da essere disposto a mettere sul tavolo cento milioni (ne avevate letto anche qui).

Lasciando trapelare l'indiscrezione che questi dieci milioni potrebberon essere solo l'inizio, Adelson potrebbe aver voluto esercitare una qualche pressione sul team Romney per influenzare maggiormente la campagna in merito a questioni che notoriamente gli stanno a cuore, come ad esempio la linea filoisraeleiana in politica estera. C'è però da chiedersi se Romney avrebbe davvero convenienza ad accettare una donazione tanto spropositata, che inevitabilmente farebbe scaturire l'accusa di aver "venduto" la propria candidatura ad un singolo finanziatore, fatto senza precedenti nella storia americana. In ogni caso, notano i commentatori di The Politico, questa sua "puntata" alla roulette delle presidenziali è solo una prima apertura del gioco.

Altri Servizi

Bannon, Scaramucci, Comey: tutte le teste cadute alla Casa Bianca

In sei mesi Donald Trump ha cacciato sei persone dal suo governo
AP

Lo stratega capo Steven Bannon è solo l’ultimo di una serie di vittime della Casa Bianca di Donald Trump, che ha fatto fuori esperti, funzionari e collaboratori a un ritmo che non si vedeva da anni. Molti media hanno accusato il presidente americano di usare al governo lo stesso stile di un reality show come The Apprentice, che ha condotto per anni, con colpi di scena e cambiamenti improvvisi. Di seguito la lista, incompleta, delle persone messe alla porta nell’ultimo anno.

La Silicon Valley vende l'antico sogno dell'immortalità

Il filosofo Metzinger ne parla sul Financial Times. Siamo di fronte a una religione senza dio che promettendo il futuro infinito vende i propri prodotti
AP

Sembra che negli ultimi anni le startup e i grandi colossi della Silicon Valley si stia concentrando su un unico tema: vendere il più grande e antico sogno dell'uomo, l'immortalità. Nel 2013 Google ha fondato Calico, che ha come scopo quello di portare l'umanità verso una vita più lunga e in salute. Altri, come Aubrey de Grey, si sono spinti ancora più in là: ha fondato infatti Strategies for Engineered Negligible Senescence, una startup che prevede di risolvere l'invecchiamento trattandolo come un problema ingegneristico. Proprio a Google invece lavora, Ray Kurzweil, che ha fissato per il 2045 l'anno della singolarità, quando potremo fondarci con le macchine e moltiplicare la nostra intelligenza in modo impensabile. Ne scrive sul Financial Times, Thomas Metzinger, filosofo tedesco che insegna alla Johannes Gutenberg University di Magonza, in Germania.

Wall Street teme conseguenze dell'addio di Bannon

Reduci dalla peggiore seduta da tre mesi, gli indici si erano risollevati sulla scia dell'uscita dalla Casa Bianca dello stratega di ultradestra del presidente Trump. Poi hanno perso quota

Bannon pronto a influenzare Trump anche da fuori la Casa Bianca

L'ex stratega del presidente torna a guidare Breitbart News, sito di ultra destra
AP

E quattro. Tante sono le figure di alto profilo che nell'ultimo mese hanno lasciato la Casa Bianca. E si arriva a 13 se si prende in considerazione la presidenza intera di Donald Trump. Dopo il portavoce Sean Spicer, il capo di gabinetto Reince Priebus e il direttore alla comunicazione Anthony Scaramucci, l'ultima ad avere finito in modo brusco la sua carriera nell'amministrazione Trump è Steve Bannon: oggi è l'ultimo giorno al civico 1600 di Pennsylvania Avenue dello stratega di ultra destra a cui era associata la deriva economica nazionalista e la linea dura in tema di immigrazione e sicurezza nazionale del 45esimo Commander in chief.

Oro sopra i 1.300 dollari l'oncia, prima volta da novembre

Dal caos politico legato a Trump all'attacco terroristico a Barcellona. Ecco perché il rally potrebbe non essere finito

Per la prima volta dallo scorso novembre, l'oro ha raggiunto un valore di almeno 1.300 dollari all'oncia. Il contratto dicembre al Comex, divisione del New York Mercantile Exchange, si è spinto fino a 1.306,90 dollari l'oncia. La corsa del metallo prezioso, arrivata al terzo giorno consecutivo, è alimentata dall'avversione al rischio, con gli investitori preoccupati dal rischio che l'agenda pro-crescita e pro-business promessa da Donald Trump possa deragliare visto il caos politico esploso in Usa dopo i commenti controversi del presidente sulle violenze esplose sabato scorso a Charlottesville (Virginia). Quei commenti hanno portato allo sfaldamento di due forum economici voluti da Trump, che di fronte a un esodo di Ceo pare avere rinunciato alla creazione di uno dedicato alle infrastrutture.

Conto alla rovescia per l'eclissi totale di sole negli Stati Uniti

Tutti quello che c'è da sapere sul fenomeno astronomico più importante degli ultimi cento anni in America

Lunedì 21 agosto in un'ampia parte degli Stati Uniti, che va dall'Oregon fino alla South Carolina, sarà visibile un'eclissi totale di sole.

Poco importa cosa veramente intendesse. Quando il 15 agosto scorso ha rilasciato commenti controversi sulle violenze esplose tre giorni prima a Charlottesville (Virginia) - finendo per paragonare manifestanti contro il razzismo ai suprematisti bianchi riuniti per protestare contro la rimozione di una statua di un leader confederato - Donald Trump "ha portato i razzisti a festeggiare, le minoranze a piangere e il vasto cuore dell'America a essere in lutto". Lo ha detto Mitt Romney. L'ex candidato repubblicano alle presidenziali del 2012 nonché ex governatore del Massachusetts va cos" ad aggiungersi al fiume di critiche arrivate da membri del Gop contro il loro presidente.

Lo stratega Bannon fuori dalla Casa Bianca

L'annuncio è stato dato dalla portavoce del presidente Trump, dopo le voci sul licenziamento; secondo altre fonti, sarebbe stato lo stratega a dimettersi
AP

Steve Bannon lascia l'amministrazione Trump. Lo stratega del presidente, fondamentale in campagna elettorale, trascorrerà oggi il suo ultimo giorno di lavoro alla Casa Bianca. A comunicarlo, con una breve dichiarazione, è stata la portavoce della Casa Bianca, Sarah Huckabee Sanders: "Il capo di gabinetto, John Kelly, e Steve Bannon hanno deciso di comune accordo che oggi sarà l'ultimo giorno di Steve. Siamo grati per il suo servizio e gli auguriamo il meglio".

Estée Lauder: utile più che doppio in IV trim. a 229 mln $. Freda: grande slancio

Nel suo quarto trimestre fiscale 2017, la società ha visto più che raddoppiare i profitti, mentre nell'intero anno fiscale è aumentato del 12%.
Estée Lauder

Utile e fatturato superiore alle previsioni per Estée Lauder Companies, il colosso americano dei prodotti di bellezza guidato dall'italiano Fabrizio Freda, cosa che fa salire del 4,7% il titolo del gruppo nel premercato a Wall Street. Nel suo quarto trimestre fiscale 2017, la società ha visto più che raddoppiare i profitti, mentre nell'intero anno fiscale è aumentato del 12%.

Mls, errore clamoroso del Var. Espulso Kaka per condotta violenta, ma stava scherzando

L'arbitro Jorge Gonzalez ha sventolato il rosso alla stella brasiliana durante New York Red Bulls e Orlando

Ricardo Kaka è stato espulso. Già questa è una notizia considerando che il giocatore brasiliano ex Milan e Real Madrid, oggi numero dieci di Orlando City, ha ricevuto solo un altro cartellino rosso nella sua carriera. Eppure c’è dell’altro perché l’espulsione del brasiliano, avvenuta "per condotta violenta", è scaturita dopo l’intervento del Var (video assistant referee) che esamina le decisioni degli altri arbitri in campo tramite l'ausilio di filmati, si tratta di quella che in gergo viene definita "moviola in campo".