Dieci milioni a Romney da Sheldon Adelson: "E non è che l'inizio"...

Il magnate dei casinò, già grande sponsor di Gingrich ora è il finanziatore n.1 di Romney. Forbes: disponibilità illimitata, potrebbe donare 100 milioni

E così Mitt Romney ce l'ha fatta: al suo ricco paniere di grandi finanziatori ha finalmente acquisito il boccone più prelibato, il supermiliardario Sheldon Adelson, 79 enne magnate dei casinò che durante le primarie, con donazioni da capogiro per circa ventuno milioni di dollari, aveva tenuto in vita artificialmente la candidatura di Newt Gingrich, naufragata la quale si era rimesso su piazza pur non nascondendo il suo scarso entusiasmo per gli altri aspiranti candidati rimasti in lizza, Romney compreso.

Ieri mattina i media hanno diffuso l'indiscrezione di una mega-donazione di ben dieci milioni di dollari da Andelson per la campagna presidenziale di Romney: si tratta di una cifra impressionate, che rappresenta la singola donazione più grande sin qui ricevuta dal candidato repubblicano, e che da sola equivale a quasi un sesto di quanto sin qui registrato nei pur rosei bilanci di "Restore Our Future", il "SuperPAC" che raccoglie i grandi finanziamenti per la campagna elttorale di Romney. Dieci milioni sono il doppio di quanto il magnate della finanza filo-democratico George Soros donò nel 2008 per finanziare Barack Obama, e quasi la metà del suo storico mega-finanziamento per la candidatura di John Kerry nel 2004, nel vano tentativo di impedire la rielezione di Bush. 

Se si scorre la pur nutrita lista dei miliardari che sponsorizzano la campagna Romney for President, si può facilmente notare come questa donazione di Adelson faccia impallidire tutti gli altri contributi sin qui elargiti da quel genere di finanziatori, nessuno dei quali sino ad ora si era spinto a donare più di uno o due milioni. Del resto anche sul fronte avversario nessuno dei grandi sponsor di Obama si è sino ad ora sbilanciato oltre la soglia dei due milioni, che rappresenta ad oggi la vetta raggiunta dai superfinanziatori del presidente come lo stesso Soros e come Jeffrey Katzenberg, il presidente della DreamWorks da lui fondata con Steven Spielberg.

E' da tempo risaputo che Adleson, nato povero (figlio di un tramviere ebreo immigrato dalla Lituania) e divenuto uomo dalla ricchezza leggendaria - pare possegga la più grande flotta area privata del mondo, quattordici veivoli incluso un Boeing 747 - forte delle immense fortune della sua Las Vegas Sands Corporation (l'impero mondiale dei casinò che, tanto per dirne una, include il celeberrimo surreale hotel-casinò Venetian a Las Vegas il quale con le sue ottomila camere si fregia di essere "l'albergo più grande del mondo", e prossimamente, alla faccia della crisi, potrebbe avviare la costruzione nientemeno che di una "Las Vegas Eropea" in Spagna...), può permettersi questo ed altro - molto altro. 

Il fatto nuovo, che potrebbe scuotere dalle fondamenta la campagna elettorale, è che non solo Adelson può, ma anche, a quanto pare, vuole. A rilanciare la notizia su di un livello superiore è infatti sopraggiunta ieri sera un'indiscrezione pubblicata sul sito della rivista Forbes (che nel 2008 definì Adelson il terzo uomo più ricco degli Stati Uniti, e tutt'ora lo annovera tra i primi dieci con un patrimonio personale di oltre venti miliardi): questi dieci milioni sarebbero solo "la punta dell'iceberg", il primo acconto di un finanziamento a valanga ben più cospicuo, "potenzialmente illimitato". 

Per tentare di dare una dimensione a questa iperbolica immagine di "illimitatezza", confidata a Forbes da un ben informato collaboratore di Adelson, il cronista ha ripescato l'intervista rilasciata proprio a lui a febbraio, nella quale, da finanziatore di Gingrich, Adelson aveva dichiarato di essere talmente agguerrito nel voler evitare altri quattro anni delle politiche "socialiste" di Obama da essere disposto a mettere sul tavolo cento milioni (ne avevate letto anche qui).

Lasciando trapelare l'indiscrezione che questi dieci milioni potrebberon essere solo l'inizio, Adelson potrebbe aver voluto esercitare una qualche pressione sul team Romney per influenzare maggiormente la campagna in merito a questioni che notoriamente gli stanno a cuore, come ad esempio la linea filoisraeleiana in politica estera. C'è però da chiedersi se Romney avrebbe davvero convenienza ad accettare una donazione tanto spropositata, che inevitabilmente farebbe scaturire l'accusa di aver "venduto" la propria candidatura ad un singolo finanziatore, fatto senza precedenti nella storia americana. In ogni caso, notano i commentatori di The Politico, questa sua "puntata" alla roulette delle presidenziali è solo una prima apertura del gioco.

Altri Servizi

Elon Musk studia come impiantare microchip nel cervello

Il fondatore di Tesla e SpaceX presto potrebbe presentare Neuralink, un progetto per aumentare le capacità cognitive dell'umanità
AP

Prima ha cambiato il modo di fare pagamenti con PayPal. Poi ha puntato sulle auto elettriche e sul settore aerospaziale con Tesla e SpaceX. Adesso Elon Musk sa che nei prossimi anni l'intelligenza artificiale e l'interazione uomo-macchina diventeranno sempre più centrali. Per questo sta per presentare Neuralink, una società che studia il modo per impiantare microchip nel cervello, grazie ai quali, in futuro, saremo in grado di inserire dati o di scaricare pensieri dal nostro cervello. Lo scrive il Wall Street Journal che cita fonti anonime.

Wall Street, il Dow Jones prova a ripartire dopo otto cali consecutivi

Serie peggiore dal 2011. Oggi atteso il dato sulla fiducia dei consumatori
AP

Facebook si dà alla musica per sfidare Spotify e YouTube

Il social network sta reclutando persone esperte nel settore per trattare con etichette musicali e mettere a punto le migliori licenze

Facebook sta sempre più puntando sulla musica per sfidare Spotify e YouTube. Il più grande social network al mondo è alla ricerca di tre top executive esperti del settore musicale per lavorare al suo quartier generale americano.

La Bce conferma: è stata nel mirino degli hacker nordcoreani

L'Eurotower figura tra un centinaio di istituzioni prese di mira insieme alla filiale Usa di Deutsche Bank. Secondo il NYT, i pirati informatici sono gli stessi che hanno rubato 81 milioni di dollari dalla Fed di NY e che hanno attaccato Sony

C'era anche la Banca centrale europea tra oltre 100 istituzioni finanziarie prese di mira da hacker nordcoreani. E' quanto sostiene il New York Times, che ha ottenuto e analizzato un elenco di indirizzi IP forniti da esperti di cybersicurezza e che a loro volta hanno passato al setaccio le tracce lasciate dai pirati informatici di Pyongyang quando lo scorso ottobre hanno cercato di intrufolarsi nelle reti di banche polacche. Queste sono state il principale target seguite da quelle americane, a detta del quotidiano newyorchese secondo cui nel mirino c'erano anche la Banca Mondiale di Washington, Bank of America, State Street, Bank of New York Mellon e la filiale statunitense della tedesca Deustche Bank. Anche le banche centrali di Russia, Venezuela, Cile, Messico e Repubblica Ceca erano nella lista degli hacker, mai emersa prima d'ora e che in Cina avevano solo un obiettivo: le filiali a Hong Kong e in Usa della Bank of China. Un portavoce della Bce ha risposto a una richiesta di commento di America24 spiegando che l'istituzione guidata da Mario Draghi "è venuta a conoscenza del tentativo di hackeraggio all'inizio di febbraio. Il nostro team dedicato alla sicurezza ha velocemente concluso che non siamo stati infettati e ha preso misure aggiuntive per prevenire ulteriori rischi legati a quel tentativo di compromissione. In quanto organizzazione finanziaria pubblica internazionale, la Bce è sempre un target di hacker e ha le misure e le procedure necessarie per gestire" tali minacce.

Studiare in una università americana dopo la scuola superiore

Quello che bisogna sapere per scegliere e per essere ammessi in un college negli USA. Gli ostacoli da superare e gli strumenti migliori per battere la concorrenza nelle università più prestigiose
Unsplash

Cervelli in fuga non si nasce, si diventa. E il modo più semplice per diventarlo è 'studiarlo' a scuola. Abbiamo provato a confezionare una sorta di guida per iscriversi in una università americana dopo avere ottenuto un diploma di scuola superiore in Italia. Entrare in questo mondo di football, confraternite e campus da film, e ottenere una laurea in una università americana, è in assoluto la linea più diretta per andare a un punto A (non avere chiare prospettive di lavoro in Italia dopo la laurea) a un punto B (trovare un lavoro in America).

Vettura autonoma Uber provoca incidente, società sospende test

Per il momento la società ha deciso di sospendere i test e di togliere le vetture autonome dalle strade di Pittsburgh, in Pennsylvania, e appunto Tempe, in Arizona.

Una delle vetture autonome di Uber si è schiantata in Arizona, cosa che è destinata a metere sotto ulteriore pressione la società che già deve fare i conti con una serie di problemi interni e internazionali (si pensi per esempio alle tensioni con i tassisti in vari Paesi, tra cui l'Italia).

La battaglia tra conservatori e liberal alla Casa Bianca arriva anche al Tesoro

Dalla parte del segretario Mnuchin ci sarebbero Ivanka Trump e il marito oltre a Gary Cohn, l'ex presidente di Goldman ora a capo dei consiglieri economici di Trump. Contro di lui lo stratega del presidente, Bannon

La frattura interna al partito repubblicano ha affossato, per il momento, il progetto di riforma sanitaria con cui Donald Trump intendeva superare Obamacare. E adesso rischia anche di travolgere un altro dei capisaldi del programma del nuovo presidente Usa: la modifica del codice tributario con un drastico taglio delle tasse. La culla dei nuovi malumori ha sede nel dipartimento del Tesoro: dentro l'amministrazione Usa si sta giocando un pugno di ferro tra due fazioni opposte sul ruolo del segretario Steven Mnuchin. Con la fronda dei nazionalisti guidata dallo stratega Steve Bannon e dal consigliere Stephen Miller, sul piede di guerra contro quelli che considera intrusi "liberal" nel governo di Donald Trump. Lo scrive Politico.

Trump fa marcia indietro, l'Obamacare resta (per ora)

"Ryancare" ritirata, mancavano i voti per la sua approvazione. Il presidente dà la colpa ai democratici. La prossima sfida è la riforma fiscale

Donald Trump fa marcia indietro. Piuttosto che mettere al voto un disegno di legge che non sarebbe mai stato approvato, il presidente americano ha chiamato lo speaker alla Camera per dire di ritirare la riforma sanitaria pensata per abrogare e sostituire l'Obamacare. Si tratta di un'amara ammissione del fatto che né le minacce e gli ultimatum dell'inquilino della Casa Bianca né il pressing di Paul Ryan sono bastati per convincere l'ala più conservatrice del partito repubblicano ad allinearsi e promettere di votare "sì".

Trump, vietata un'altra sconfitta. Ma sulle tasse il rischio è alto

Dopo la bocciatura della riforma sanitaria, l'attenzione si sposta sul codice tributario. Anche in questo caso, i dissidenti potrebbero far naufragare i progetti del presidente
AP

Messo da parte il primo fallimento, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e i repubblicani in Congresso affronteranno da questa settimana il percorso legislativo che ha un obiettivo ancora più difficile da raggiungere della riforma sanitaria, bocciata venerd": la prima modifica al codice tributario in tre decenni.

Wall Street preoccupata, dopo lo stop a Trump sulla riforma sanitaria

La scorsa settimana è stata la peggiore per gli indici statunitensi dall'inizio dell'anno
AP