Dimmi che marchio preferisci e ti dirò per chi voti

Sondaggio di "Buyology" mostra affinità tra pubblicità delle aziende e politica

Se sei americano e mangi i panini di Subway, la tua macchina è una Bmw, prendi il caffè da Dunkin' Donuts, allora sei certamente repubblicano. Se invece preferisci una Jeep, la mattina fai colazione da Starbucks e pranzi da Wendy, allora sei democratico. E' il risultato di uno studio di “Buyology”, secondo cui ci sono somiglianaze tra le strategie di marketing dei grandi brand e le tecniche dei partiti per accaparrarsi consensi.

I grandi marchi negano di seguire linee politiche e assicurano di essere aperti a consumatori appartenenti a qualsiasi gruppo: “I nostri clienti sono tanto diversi quanto il nostro mercato globale, appartengono a diversi gruppi sociali” ha detto ad Abc News Kenn Sparks, rappresentante di BMW of North America. Vanitha Swaminathan, professore dell'Università di Pittsburgh, spiega però come i grandi brand influenzano le emozioni delle persone allo stesso modo in cui lo fanno i politici.

Ad esempio l'agenzia assicurativa Allstate, la preferita dai repubblicani, punta su una campagna pubblicitaria incentrata sulla paura “Mayhem is everywhere” cioè “il caos è dappertutto” recita il suo slogan. Secondo Gary Singer, direttore generale di “Buyology”, i repubblicani sarebbero così attratti dallo slogan perchè è costruito sulle stesse emozioni su cui gioca la campagna elettorale del partito, la cui tattica è quella di suggerire agli elettori che votare per il presidente Obama sarebbe un disastro per i prossimi quattro anni.

Per fare l'esempio dei panini, secondo lo studio i repubblicani preferirebbero Subway perchè offre una scelta molto ampia di ingredienti, mentre Wendy è visto più come democratico perchè offre soluzioni preconfezionate uguali per tutti. Google, Visa, Apple e Coca-cola sono invece brand che piacciono a tutti senza distinzioni politiche. Secondo Singer “questi sono marchi che si elevano al di sopra delle differenze e attirano clienti da tutte le parti”.

Altri Servizi

Trump svela la "maggiore riforma fiscale dal 1986", ma mancano i dettagli

Proposto un taglio dell'aliquota aziendale al 15% dal 35%. Raddoppiato il livello di redditi non tassati per le famiglie. Eliminata la tassa di successione. Obiettivo: spingere crescita (per coprire le entrate che veranno a mancare)

Donald Trump l'ha definita "grandiosa". Il suo consigliere economico la considera "un'opportunità che capita una volta per generazione". Il segretario al Tesoro crede che sia un mezzo per portare ad almeno il 3% la crescita annua degli Stati Uniti alimentando l'occupazione e convincendo le aziende americane a rimpatriare "migliaia di miliardi di dollari" di utili parcheggiati all'estero. Ma la riforma fiscale presentata oggi dalla Casa Bianca come la "maggiore dal 1986" non ha stupito praticamente nessuno, nemmeno gli investitori che a Wall Street hanno fatto perdere slancio agli indici. Il motivo è semplice: il 45esimo presidente Usa vuole s" promuovere "uno dei maggiori tagli delle tasse nella storia Usa" ma i dettagli scarseggiano, anche su come coprire le entrate nelle casse del fisco che verrebbero a mancare.

Pagato dalla Russia, il Pentagono apre un'indagine su Flynn

Ha ricevuto denaro senza autorizzazione dell'esercito come generale in pensione. Si intensificano le polemiche sull'ex consigliere per la Sicurezza nazionale del presidente Trump, dimessosi dopo meno di un mese dal suo giuramento

Il Pentagono Usa ha aperto un'indagine interna volta a verificare possibili violazioni della legge da parte di Michael Flynn, l'ex consigliere per la Sicurezza nazionale di Donald Trump. Nel mirino ci sono pagamenti ricevuti per le sue attività di consulenza e lobbying in Russia e in Turchia svolte dopo aver lasciato l'esercito. Lo si apprende da documenti resi pubblici da membri democratici del Congresso.

Come sfuggire al traffico? Elon Musk sogna tunnel sotterranei high-tech

Il numero uno di Tesla e SpaceX si dedica a un nuovo progetto con la sua Boring Company. Per lui le auto volanti - che Uber vuole testare entro tre anni - non saranno una soluzione

Cento giorni di Trump: tutte le proteste contro il presidente

Donne, immigrati, scienziati: ecco chi ha manifestato contro il 45esimo inquilino della Casa Bianca
AP

Exxon e Chevron danno segni di ripresa, i conti battono le stime

Nel primo caso, profitti più che raddoppiati. Nel secondo, il gruppo è tornato in utile grazie a una ripresa dei prezzi del petrolio

Economia Usa cresciuta al passo più lento dal 2014 nel primo trimestre

Le spese dei consumatori aumentate al ritmo più basso dal quarto trimestre del 2009. Come farà Trump ha raggiungere una crescita annua di almeno il 3% come promesso?
Shutterstock

Primi 100 giorni di Trump, sfuma l'obiettivo di riformare la sanità

Manca il consenso in Aula, i repubblicani devono rimandare il voto. Resta in vigore, per ora, l'Obamacare
Ap

Trump: "Possibile un enorme, enorme conflitto" con la Corea del Nord

Il presidente statunitense intervistato dall'agenzia Reuters in occasione dei suoi primi cento giorni alla Casa Bianca. "Pensavo sarebbe stato più facile, ho più lavoro di prima. Mi manca la mia vecchia vita"

Wall Street, il Pil Usa delude

Dopo una partenza in positivo, il Nasdaq vira in calo unendosi a Dj e S&P 500
AP

Alphabet: i conti tengono nonostante la fuga degli inserzionisti da YouTube

Utili in rialzo del 29% nel primo trimestre e ricavi in aumento del 22%. Il cost-per-clickè sceso del 21% sui siti Google
Shutterstock