Dimmi che marchio preferisci e ti dirò per chi voti

Sondaggio di "Buyology" mostra affinità tra pubblicità delle aziende e politica

Se sei americano e mangi i panini di Subway, la tua macchina è una Bmw, prendi il caffè da Dunkin' Donuts, allora sei certamente repubblicano. Se invece preferisci una Jeep, la mattina fai colazione da Starbucks e pranzi da Wendy, allora sei democratico. E' il risultato di uno studio di “Buyology”, secondo cui ci sono somiglianaze tra le strategie di marketing dei grandi brand e le tecniche dei partiti per accaparrarsi consensi.

I grandi marchi negano di seguire linee politiche e assicurano di essere aperti a consumatori appartenenti a qualsiasi gruppo: “I nostri clienti sono tanto diversi quanto il nostro mercato globale, appartengono a diversi gruppi sociali” ha detto ad Abc News Kenn Sparks, rappresentante di BMW of North America. Vanitha Swaminathan, professore dell'Università di Pittsburgh, spiega però come i grandi brand influenzano le emozioni delle persone allo stesso modo in cui lo fanno i politici.

Ad esempio l'agenzia assicurativa Allstate, la preferita dai repubblicani, punta su una campagna pubblicitaria incentrata sulla paura “Mayhem is everywhere” cioè “il caos è dappertutto” recita il suo slogan. Secondo Gary Singer, direttore generale di “Buyology”, i repubblicani sarebbero così attratti dallo slogan perchè è costruito sulle stesse emozioni su cui gioca la campagna elettorale del partito, la cui tattica è quella di suggerire agli elettori che votare per il presidente Obama sarebbe un disastro per i prossimi quattro anni.

Per fare l'esempio dei panini, secondo lo studio i repubblicani preferirebbero Subway perchè offre una scelta molto ampia di ingredienti, mentre Wendy è visto più come democratico perchè offre soluzioni preconfezionate uguali per tutti. Google, Visa, Apple e Coca-cola sono invece brand che piacciono a tutti senza distinzioni politiche. Secondo Singer “questi sono marchi che si elevano al di sopra delle differenze e attirano clienti da tutte le parti”.

Altri Servizi

Trump sceglie McMaster come nuovo consigliere per la sicurezza nazionale

Segue Michael Flynn, dimessosi su richiesta del presidente Usa dopo 24 giorni dall'incarico. Il suo successore è considerato uno stratega di punta dell'esercito

Il presidente americano Donald Trump ha scelto uno stratega militare per diventare il suo nuovo consigliere per la sicurezza nazionale al posto di Michael Flynn, costretto a dimettersi dall'incarico dopo 24 giorni per avere fuorviato il vice Mike Pence sulla natura delle conversazioni avute con l'ambasciatore russo in Usa.

Nel Giorno dei presidenti, previste manifestazioni contro Trump

Originariamente, con il Presidents' Day si commemorava la nascita di George Washington; poi Nixon la trasformò nella festa di tutti i presidenti

È il terzo lunedì di febbraio, il giorno in cui gli Stati Uniti festeggiano il Presidents' Day, ovvero il Giorno dei presidenti. Donald Trump, il 45esimo presidente, ha naturalmente usato il suo mezzo preferito, Twitter, per augurare agli americani di passare una bella giornata, ribadendo poi il suo slogan elettorale: "Felice Giorno dei Presidenti. Make America Great Again!".

La gaffe di Trump sull'attentato (mai avvenuto) in Svezia diventa virale sul web

Il presidente cerca di difendersi e twitta: la mia affermazione su quanto accadeva in Svezia si riferiva a una trasmissione diffusa da Fox News sugli immigrati

Prima la gaffe, poi il tentativo di metterci una pezza: il risultato è una marea di tweet, tra il divertente, l'esilarante, lo sconfortato e l'arrabbiato. Si riassume così lo scivolone diplomatico di Donald Trump, che durante un comizio in Florida, arringando la folla e stigmatizzando l'immigrazione clandestina, ha citato un fantomatico attentato che sarebbe avvenuto in Svezia. Il problema è che l'attacco non si è mai verificato.

Il Calendario Pirelli 2017: Peter Lindbergh e l'emozione della bellezza

Durante la settimana della moda di New York, una serata per celebrare "The Cal" con il fotografo tedesco e Steve McCurry, Jessica Chastain, Fran Lebowitz e Derek Blasberg

Non c'è concetto che sia insieme più chiaro eppure più indefinibile della bellezza: non quella data da un'emozione e nemmeno quella interiore, ma la bellezza oggettiva. Che cos'è? Ha a che fare con l'armonia dei tratti del volto? Con l'equilibrio? Con la simmetria? Nessuno è davvero capace di dirlo, eppure resta un fatto: quando c'è, mette tutti d'accordo. Dall'antica Grecia a oggi, passando per ogni altra epoca, possono essere cambiati gli archetipi, le caratteristiche che ci fanno dire di un corpo "è bello", eppure c'è una cosa che non cambia mai: l'inevitabilità della bellezza. La chiarezza con cui, di epoca in epoca, di un viso o un corpo che è bello riusciamo a dire solo che è bello.

Kraft Heinz fa un passo indietro, ritirata l’offerta di acquisto per Unilever

L’operazione, valutata 143 miliardi di dollari avrebbe creato un colosso da

Kraft Heinz, gruppo agroalimentare statunitense, ha accettato "amichevolmente" di ritirare la sua offerta d'acquisto per il gigante anglo-olandese Unilever. L’annuncio è stato dato dai due gruppi in un comunicato congiunto.

Immelt resta saldo alla guida di General Electric, ma gli investitori pensano al dopo

E' Ceo da quindici anni, ma gli investitori si preparano a un'eventualità che, se non altro per questioni anagrafiche, non è così improbabile.
General Electric

Jeffrey Immelt non ha fatto intendere che lascerà a breve la guida di General Electric, di cui è amministratore delegato da quindici anni, ma gli investitori si preparano a un'eventualità che, se non altro per questioni anagrafiche, non è così improbabile.

Pence ribadisce il sostegno degli Usa all'Ue. Ma basterà?

Il vicepresidente ha voluto di nuovo rassicurare Bruxelles, ma Trump ha dimostrato di non avere a cuore le sorti dell'Unione europea

L'impegno degli Stati Uniti nei confronti dell'Unione europea "è saldo e duraturo". Lo ha dichiarato il vicepresidente Mike Pence, che anche a Bruxelles ha assicurato che Washington non cambierà direzione con Donald Trump alla Casa Bianca, come già fatto a Monaco di Baviera alla Conferenza sulla sicurezza.

Resistenze in Congresso per la politica di Trump sul trade. Anche dai repubblicani

I democratici sono delusi per la mancanza di dettagli precisi sull'azione che l'amministazione Trump intende promuovere, mentre rappresentanti del partito del presidente hanno lamentato una divergenza sulla priorità

La politica commerciale di Donald Trump, cruciale nell'agenda del presidente, focalizzata sull'"America First", gli interessi degli Stati Uniti prima di quelli degli altri Paesi, incontra resistenze in Congresso, da parte dei democratici, come prevedibile, ma anche da parte del suo stesso partito. Le tensioni sono venute a galla nell'ultima settimana, quando i parlamentari di entrambi i partiti hanno incontrato Peter Navarro, numero uno del National Trade Council, il panel creato da presidente per sviluppare e portare avanti la strategia sul trade.

"La vita è una campagna", il ritorno di Donald Trump alla sua "comfort zone"

Il presidente americano ha arringato i suoi sostenitori in Florida sullo stile della sua campagna elettorale

"La vita è una campagna" così come lo è "rendere l’America di nuovo grande". Parole di Donald Trump che si è espresso in questo modo davanti ai giornalisti al suo seguito sull’Air Force One che l’ha portato in Florida, dove sta trascorrendo il suo terzo weekend in quattro settimane da quando si è insediato alla Casa Bianca. Prima di dirigersi nel suo resort di Mar-a-Lago, a Palm Beach, il presidente americano ha però arringato una folla di un migliaio di sostenitori riunitisi in un hangar all’aeroporto di Melbourne, in Florida, dove l’aereo presidenziale è atterrato, con la verve e con i toni che hanno contraddistinto la sua campagna elettorale.

McCain difende la stampa e attacca ancora Trump: "È così che iniziano i dittatori"

Il senatore repubblicano è stato intervistato a Meet the Press, su Nbc