Dimon: potrei battere Trump, "sono più intelligente". Poi si pente

Il Ceo di Jpm ha escluso una candidatura alle presidenziali
Wikimedia Commons

Jamie Dimon deve avere pensato che non è elegante insultare pubblicamente il presidente americano in carica, per quanto le sue politiche non piacciano.

Nel giro di un'ora, il Ceo di JP Morgan si è pentito dei commenti fatti su Donald Trump. Durante un evento a New York aveva detto che lui batterebbe Trump alle elezioni perché "sono più tosto e più intelligente di lui". Poi Dimon ha fatto marcia indietro: "Non avrei dovuto dirlo". E ha confermato quanto già detto in passato: "Non mi candiderò alla presidenza"... "mia moglie non me lo permetterebbe" anche se "credo che le piacerebbe essere una first lady".

L'a.d. della più grande banca americana per asset, ruolo che manterrà per altri cinque anni anche se ha di fatto ceduto ai due co-presidenti la sua gestione, aveva spiegato che sarebbe improbabile che un banchiere ricco come lui possa "vincere il lato liberal del partito democratico". Quel partito, amaramente sconfitto nel novembre 2016 dalla vittoria shock di Trump, deve però "tirarsi insieme" per riscattarsi.

Prima della marcia indietro, i commenti di Dimon erano stati piuttosto duri contro l'inquilino della Casa Bianca, che potrebbe reagire con un suo solito tweet.

Dimon aveva spiegato di avere pensato che mai un ricco newyorchese sarebbe riuscito a diventare Commander in chief, cosa smentita dalla vittoria di Trump. Lui ha sostenuto di essere "cresciuto in una parte del Queens più povera" di quella dove viveva Trump. "Ma io sono un banchiere. Sono parte dell'elite. Lui...non credo che gli americani lo vedano come parte di una elite. Lo vedono come qualcuno che ha dato ogni giorno un pugno all'elite".

Dimon aveva fatto anche un paragone con lo stesso Trump e riferendosi a sé stesso aveva dichiarato: "Questo newyorchese ricco ha guadagnato i suoi soldi. Non sono stato un regalo di papà".

Altri Servizi

L’euforia del mercato azionario statunitense è razionale?

L'analisi di Didier Saint-Georges, managing director e membro del comitato investimenti di Carmignac
Carmignac

di Didier Saint-Georges*

A Wall Street piace la marijuana: performance 'stupefacente' di Tilray

Il titolo del produttore canadese arrivato a guadagnare fino al 94%. Dall'Ipo di luglio +1.100% circa. Il gruppo punta sul beverage e sul pharma

Tilray, produttore canadese di cannabis, ha appena archiviato una seduta sull'ottovolante a Wall Street, confermando una performance 'stupefacente' da quando il gruppo si è quotato sul Nasdaq il 19 luglio scorso. Da allora, quando debuttò il borsa a 17 dollari, l'azione che oggi ha raggiunto un record intraday a 300 dollari ha guadagnato oltre il 1.100%.

Trump difende Kavanaugh ("difficile immaginare che sia successo qualcosa") e si augura che l'accusatrice parli

Il giudice nominato dal presidente alla Corte Suprema accusato di tentato stupro
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha detto che dovrà "prendere una decisione" sul futuro della nomina del giudice Brett Kavanaugh alla Corte Suprema, se la sua accusatrice, Christine Blasey Ford, darà "una testimonianza credibile". Sarebbe "meraviglioso" se si presentasse davanti alla commissione Giustizia del Senato, "spiacevole" se non lo facesse, ha aggiunto il presidente.

Facebook verificherà l'autenticità di video e foto

Attenzione non solo ad articoli e link. Ricorrerà a segnalazioni di utenti e tecnologia per individuare "nuovi formati visuali di disinformazione"

Continuano gli sforzi di Facebook volti a individuare i contenuti falsi che circolano sulla sua piattaforma. Con l'aiuto di persone e strumenti tecnologici, il social network verificherà l'autenticità di immagini e video testati.

Bitcoin: verso standard globali contro il riciclaggio, boom di mining illecito

La Financial Action Task Force punta a un quadro normativo uniforme. La Cyber Threat Alliance lancia l'allarme sulla generazione illegale di valite digitali

Sono sempre più vicini gli standard globali contro il riciclaggio di denaro realizzato attraverso criptovalute. La Financial Action Task Force (FATF) creata a questo proposito si riunirà a ottobre e c'è ottimismo affinché venga trovata un'intesa su una serie di standard. "E' essenziale che vengano fissati degli standard globali da usare in modo uniforme", ha dichiarato Marshall Billingslea, il presidente della FATF mentre la Cyber Threat Alliance pubblicava un rapporto secondo cui gli hacker stanno generando illegalmente Bitcoin, Monero e altre valute digitali attraverso uno strumento (Eternal Blue) sviluppato presumibilmente dalla National Security Agency per sfruttare falle di un software Microsoft.

Nafta: Usa e Canada tornano a trattare

Sembra difficile che un accordo possa essere raggiunto entro la scadenza del 30 settembre
AP

A Washington sono ripresi i negoziati tra Usa e Canada per riscrivere il North American Free Trade Agreement (Nafta), l'accordo di libero scambio siglato nel 1994 e che include anche il Messico. E' stato il presidente americano, Donald Trump, a spingere affinché il Nafta - giudicato "l'accordo peggiore di sempre" - fosse rivisto.

Wall Street non teme i nuovi dazi Usa contro la Cina

I mercati sembrano reagire bene alla nuova mossa del presidente Trump
iStock

Jack Ma 'tradisce' Trump: Alibaba non creerà più 1 mln di posti di lavoro in Usa

La promessa si fondava su "partnership amichevole tra Usa e Cina e relazioni commerciali razionali"
ap

La Cina ammette: in "difficoltà" ma no a svalutazione yuan, unilateralismo inutile

Il premier cinese Li Keqiang parla all'indomani dell'annuncio di nuovi dazi con cui Usa e Pechino si sono colpiti a vicenda

Wall Street, nessun contraccolpo dal nuovo capitolo dello scontro Usa-Cina

I due Paesi continuano a sfidarsi a colpi di dazi
iStock