Disoccupazione Usa cala al 5,9%, prima volta sotto 6% da 2008

In settembre le aziende americane hanno creato più posti di lavoro del previsto, mentre il tasso di disoccupazione è calato per la prima volta sotto il 6% dalla metà del 2008

In settembre le aziende americane hanno creato più posti di lavoro del previsto, mentre il tasso di disoccupazione è calato per la prima volta sotto il 6% dalla metà del 2008. Negli Stati Uniti sono stati creati 248.000 posti di lavoro, più dei 215.000 attesi dagli analisti. Come riferito dal dipartimento al Lavoro, il tasso di disoccupazione è calato al 5,9%, mentre gli analisti attendevano un dato invariato al 6,1%.

Il dato sull'occupazione è dunque di buon auspicio sulla ripresa del mercato del lavoro, più rapida di quanto ipotizzato in precedenza, e sull'andamento dell'economia nel suo complesso, ma restano tuttavia dei dubbi. Preoccupa in particolare il fatto che la partecipazione alla forza lavoro è nuovamente calata dal 62,8 al 62,7%, il minimo in 35 anni e molto al di sotto del 66% di prima della recessione.

Detto questo i numeri sono incoraggianti: dopo il rallentamento di agosto, il primo mese con meno di 200.000 posti di lavoro creati dopo sei mesi sopra quella soglia, le assunzioni sono tornate a crescere in modo deciso. Va comunque detto che le cifre dei mesi precedenti sono state riviste al rialzo: in agosto sono stati creati 180.000 posti di lavoro (più dei 142.000 inizialmente stimati) e in luglio 243.000, contro i 212.000 della prima stima. Negli ultimi tre mesi sono stati aggiunti in media 224.000 al mese, in linea con la media di 228.000 dei primi sei mesi dell'anno.

Il dato "sottolinea che sei anni dopo la Grande Recessione l'economia americana si è ripresa con più forza rispetto alla maggior parte delle altre a livello mondiale", ha detto in una nota Jason Furman, presidente del Council of Economic Advisers della Casa Bianca, spiegando che questo è stato possibile "grazie al duro lavoro degli americani e in parte alle politiche messe in atto dal presidente Barack Obama". Tuttavia, "pur prendendo atto dei progressi che sono stati fatti, troppi americani non ne sentono ancora a sufficienza i benefici", ha detto ancora Furman.

Il tasso di disoccupazione, appunto sceso al 5,9%, il minimo da luglio 2008, si è abbassato dell'1,3% da agosto 2013, quando si attestava al 7,2%. Nonostante il ribasso, il tasso di disoccupazione resta alto e al di sopra della media tra il 4 e il 5% di prima della recessione e oltre il range tra 5,2 e 5,5 che la Federal reserve considera come il valore medio di lungo termine.

Per questo, andando avanti, la Federal Reserve, che proprio sull'andamento del mercato dell'occupazione regola le proprie scelte in fatto di stimoli all'economia, dovrà calibrare con cura la propria azione. Con le aziende americane che continuano ad assumere a passo più o meno sostenuto ormai da molti mesi e con il tasso di disoccupazione in progressivo ribasso, la Banca centrale americana, che durante la riunione di ottobre metterà fine al programma di stimoli all'economia, dovrà poi decidere quando cominciare ad alzare il costo del denaro, a un certo punto del 2015.

Guardando ai singoli settori, nel comparto delle costruzioni sono stati creati 16.000 posti di lavoro, 35.000 in quello retail, 81.000 nei servizi professionali e 23.0000 nella sanità. Piatte le assunzioni nel comparto manifatturiero. I salari medi sono calati di un centesimo a 24,53 dollari l'ora, il 2% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, mentre la settimana di lavoro è rimasta ferma a 34,5 ore.

Da segnalare che circa 9,3 milioni di persone sono alla ricerca di un posto di lavoro e circa 7,1 milioni lavorano part-time perché non riescono a trovare, pur cercandola, un'occupazione a tempo piano (in agosto erano 7,3 milioni e in luglio 7,5 milioni). Includendoli, il tasso di disoccupazione sale all'11,8%, il minimo da ottobre 2008.

Altri Servizi

Trump difende Kavanaugh ("difficile immaginare che sia successo qualcosa") e si augura che l'accusatrice parli

Il giudice nominato dal presidente alla Corte Suprema accusato di tentato stupro
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha detto che dovrà "prendere una decisione" sul futuro della nomina del giudice Brett Kavanaugh alla Corte Suprema, se la sua accusatrice, Christine Blasey Ford, darà "una testimonianza credibile". Sarebbe "meraviglioso" se si presentasse davanti alla commissione Giustizia del Senato, "spiacevole" se non lo facesse, ha aggiunto il presidente.

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

"Sarà la seduta del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite più vista di tutti i tempi". Parola dell'ambasciatrice statunitense al Palazzo di Vetro, Nikki Haley, parlando di chi, di audience, certamente capisce: il presidente statunitense Donald Trump, che mercoledì presiederà la riunione del Consiglio, a rotazione tra i 15 membri e destinata, in concomitanza con la 73esima Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, proprio agli Stati Uniti. La riunione sarà dedicata alla non proliferazione e sarà l'occasione per attaccare l'Iran, denunciando il suo tentativo di destabilizzare il Medio Oriente.

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap

Dopo una battaglia di 21 mesi, Sky ha battuto 21st Century Fox nello scontro per l'acquisizione di Sky. Il più grande operatore via cavo degli Stati Uniti ha prevalso nell'asta in tre round imposta dalle autorità britanniche per concludere l'affare riguardante la pay-tv.

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock

Cresce la fiducia nell'economia in Usa, forte pessimismo in Italia. In Europa, prevale la nostalgia per il passato

Sono i dati dell'ultimo studio del Pew Research Center, a dieci anni da quella che Bernanke ha definito "la peggiore crisi della Storia"
Ap

Dazi, la Cina cancella la ripresa dei negoziati commerciali con gli Usa

Washington e Pechino continuano a fronteggiarsi a colpi di imposte, ma la Cina "ha finito i proiettili". Colpire le aziende statunitensi nel Paese sarebbe un rischio troppo grande per la Repubblica popolare, che tiene aperta la porta a futuri colloqui
Ap

Ciberspazio, la strategia all'attacco di Trump promossa (con riserva) dagli esperti

In attesa dei dettagli, il documento sembra prendere ampiamente spunto dalle raccomandazioni dell'amministrazione Obama. Non a caso, due alti responsabili della cibersicurezza con il precedente presidente hanno dato la loro approvazione
Ap

Trump mette in dubbio le accuse di Ford, difende Kavanaugh e attacca la sinistra

Il presidente statunitense, piuttosto moderato nei commenti degli ultimi giorni, è 'esploso' venerdì mattina per difendere il giudice che ha nominato alla Corte Suprema
Ap