Divieto Trump, il direttore del Wsj ai giornalisti: "Non chiamateli più solo Paesi musulmani"

È giusto identificare così i 7 Stati colpiti dal bando? La discussione è aperta nelle redazioni. Il timore di alcuni è che certa stampa non abbia voglia di 'fare guerra' al presidente per quattro anni. Il richiamo a una decisione di Obama è inappropriato
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha sospeso l'ingresso nel Paese per i cittadini di sette nazioni a maggioranza musulmana, provocando enormi proteste nel Paese e nel resto del mondo. Il direttore del Wall Street Journal, Gerry Baker, non trova però corretto definire i Paesi bloccati da Trump solo come nazioni "a maggioranza musulmana" nelle notizie scritte sul quotidiano. "È molto tendenzioso. La ragione per cui (questi Paesi, ndr) sono stati scelti non è perché sono a maggioranza musulmana - ha scritto Baker in un'e-mail inviata ai caporedattori, ottenuta da BuzzFeed - ma perché sono nella lista dei Paesi che Obama ha identificato come Paesi che preoccupano".

I Paesi colpiti dal provvedimento sono Iraq, Iran, Somalia, Sudan, Siria, Libia e Yemen; l'ordine esecutivo prevede il blocco degli ingressi per 90 giorni, ma il segretario alla Sicurezza nazionale, John Kelly, ha detto ieri che, per i cittadini di alcuni di questi Paesi, il divieto potrebbe durare a lungo. L'amministrazione si è più volte difesa, affermando che non si tratta di un "bando contro i musulmani", ma di un tentativo di impedire l'ingresso di "terroristi islamici", basato su Paesi già individuati dalla precedente amministrazione.

"Sarebbe meno tendenzioso dire 'sette Paesi che gli Stati Uniti hanno designato come Stati che pongono un rischio significativo o elevato di terrorismo'" ha scritto ancora Baker. L'e-mail avrebbe subito creato malumori tra i giornalisti: "Non dovremmo berci in modo acritico quello che dice l'amministrazione. Ho capito quello che intendeva, ma nom è questo il modo di affrontarlo" ha commentato un giornalista, parlando con BuzzFeed.

Dopo la pubblicazione dell'articolo di BuzzFeed, Baker ha voluto precisare, scrivendo ai suoi giornalisti, che "non c'è alcun divieto sulla frase 'Paese a maggioranza musulmana', ma dovemmo sempre fare attenzione a non usare questi termini come unica descrizione dei Paesi colpiti dal divieto".

Il dibattito sull'uso tendenzioso di certe parole è senza dubbio positivo, ma negli Stati Uniti c'è il timore che possa trattarsi di un riposizionamento di alcuni media, forse non intenzionati a 'fare guerra' a Trump per quattro anni.

Per quanto riguarda il riferimento a un precedente atto dell'amministrazione Obama, è necessario chiarire che si trattava di una modifica al programma di ingresso negli Stati Uniti senza visto, permesso ai cittadini di 38 Paesi (tra cui l'Italia) per 90 giorni con il Visa Waiver Program; Obama firmò una legge che modificava il programma, impedendo ai cittadini dei 38 Paesi di entrare senza visto qualora avessero visitato Iran, Iraq, Siria e Sudan (furono poi aggiunti Libia, Yemen e Somalia) dopo il marzo 2011. In altre parole, l'azione di Obama mirava a non far entrare senza visto le persone che erano state in quei Paesi; non riguardava quindi i cittadini dei sette Paesi presi di mira da Trump e, soprattutto, non vietava a nessuno l'ingresso negli Stati Uniti.

Altri Servizi

Usa: venti gruppi farmaceutici accusati di avere gonfiato i prezzi

Sell-off a Wall Street per Teva e Mylan. Si temono multe e pagamento di danni

Un cartello per gonfiare artificialmente i prezzi di oltre un centinaio di farmaci, con punte del mille per cento. E' questa l'accusa lanciata da 44 stati americani capitanati dal Connecticut contro 20 produttori di farmaci generici che includono la svizzera Novartis e la sua controllata tedesca Sandoz, le statunitensi Pfizer e Mylan e l'israeliana Teva.

L'escalation delle tensioni commerciali Usa-Cina manda a picco Wall Street

DJIA e S&P 500 verso il maggio peggiore da quasi 50 anni. Archiviata la seduta più brutta del 2019 a causa delle ritorsioni di Pechino ai dazi di Washington
AP

Lunedì nero a Wall Street a causa dei timori di una guerra a colpi di dazi tra Stati Uniti e Cina. Già reduci dalla peggiore settimana del 2019, i listini hanno archiviato la peggiore giornata dell'anno in corso. Il Dow Jones Industrial Average e l'S&P 500 stanno vivendo il peggiore maggio dal 1970; per il Nasdaq Composite, è il peggiore maggio dal 2000. Con perdite, nell'ordine del 5,1%, del 4,8% e del 5,7%, gli indici rischiano di chiudere con i cali mensili più ampi dallo scorso dicembre.

Operazioni sospette di Trump e Kushner, Deutsche Bank ignorò l'allerta antiriciclaggio

Il New York Times: i vertici della banca ignorarono le segnalazioni dei dipendenti nel 2016-2017
AP

Venezuela, Usa al lavoro per tenere fuori Russia e Cuba

Ue e Gruppo di Lima, intanto, lavorano a un negoziato tra Maduro e l'opposizione
AP

Trump vuole graziare dei militari condannati o accusati di crimini di guerra

Lo sostiene il New York Times, secondo cui il presidente vorrebbe i documenti pronti per il Memorial Day (27 maggio)
US Departement of Defence

Trump pro vita, ma contro le leggi in Alabama e Missouri

Il presidente su Twitter: "Sono fortemente pro vita, con tre eccezioni: stupro, incesto e per proteggere la vita della madre. La stessa posizione di Ronald Reagan". L'offensiva dei repubblicani punta alla Corte Suprema e a cancellare il diritto all'aborto
ap

Biden lancia ufficialmente la sua campagna con un duro attacco a Trump: "Vomita odio"

L’ex vicepresidente americano, a Philadelphia per il primo grande comizio verso Usa 2020, ha lanciato l'appello all'unità
Ap

Boeing, completato l'aggiornamento del software: i 737 max sono pronti a volare

La ho annunciato la società in una nota in cui ha dichiarato di aver effettuato test su 207 voli, per oltre 360 ore
Ap

Usa2020, Obama lancia un fondo per finanziare la nomination democratica

L’ex presidente sosterrà i candidati del partito dell’asinello attraverso il "Democratic Unity Fund"

Marco Glaviano: il fotografo delle top model con la passione per il jazz

Fino al 15 giugno 2019, le sue opere esposte alla Space Gallery St Barth/Soho a New York. Il suo lavoro più bello? Ritratti di jazzisti in un libro ancora da pubblicare
Space Gallery St Barth/Soho