Dogana Usa, nel 2017 cresciuti a dismisura i controlli su telefoni e dispositivi mobili

Controllati i device di oltre 30.200 persone. Rilasciata anche una nuova policy sulle perquisizioni

Se non siete un cittadino americano e state programmando un viaggio negli Stati Uniti dovete mettere in conto che il vostro smartphone o uno degli altri vostri dispositivi elettronici venga controllato o addirittura sequestrato alla frontiera. Il Custom and Boarder Protection (Dogana e Polizia di Frontiera degli Stati Uniti) ha infatti controllato nello scorso anno un numero record di cellulari e dispostivi mobili alle frontiere statunitensi.

A dichiararlo è stata la stessa agenzia, posta sotto il controllo del Dipartimento della Sicurezza Interna (Homeland Security), specificando che l’incremento dei controlli è da attribuire all’aumento del numero di dispositivi elettronici che i viaggiatori portano con sé, ma anche alla necessità di monitorare con maggiore attenzione il numero di device, vista l’immensa quantità di informazioni che contengono.

Nello specifico, come riporta il Wall Street Journal, nell’anno fiscale che si è concluso il 30 settembre 2017 (e che prende in considerazione il periodo che va dal 1 ottobre 2016) sono stati perquisiti e analizzati i dispositivi di 30.200 persone, la maggior parte dei quali ha poi lasciato il Paese. Una crescita sostanziosa rispetto ai 19.051 dispositivi controllati nell’anno precedente.

L’80% delle ispezioni è stato effettuato su smartphone, tablet e portatili appartenenti a stranieri o a possessori di una Permanent Resident Card (la cosiddetta Green Card). Solo una verifica ogni cinque è stata invece effettuata sui device di un cittadino americano.

"In questa era digitale, i controlli alle frontiere sui dispositivi elettronici sono essenziali per far rispettare la legge al confine degli Stati Uniti e per proteggere il popolo americano", ha dichiarato John Wagner, vice commissario esecutivo dell'Office of Field Operations che assieme alla Cbp controlla le frontiere.

C'è però dell'altro perché oltre ad aver rilasciato questi importanti dati, l’agenzia americana ha reso nota anche la nuova policy sui controlli che specifica quali sono le procedure concesse agli agenti di frontiera e in quali casi possono applicarle. Nel dettaglio, le nuove direttive fanno sì che gli agenti possano controllare i dati e le informazioni salvate sul dispositivo ma non possano accedere a tutto ciò che è salvato nel cloud. Allo stesso modo, gli agenti hanno il diritto di chiedere le password di accesso dei singoli device ma non hanno alcun diritto a salvarle o memorizzarle.

Queste nuove regole stabiliscono inoltre le differenze tra i "controlli di base" e quelli "avanzati", con questi ultimi che implicano il collegamento del dispositivo a un computer per recuperare e copiare le informazioni. Ma quali sono i casi in cui questi controlli avanzati sono consentiti? Per la prima volta è stato chiarito anche questo punto: gli agenti hanno il diritto di attuare questa procedura, sempre dopo l’approvazione di un superiore, solo nel caso in cui ci sia "un ragionevole sospetto" o "prove inconfutabili" che su quel dispositivo siano contenute informazioni sensibili o che il possessore sia un soggetto pericoloso.

Ma non è tutto perché le nuove regole stabiliscono il diritto dei viaggiatori ad essere informati quando i loro dispositivi sono posti sotto controllo a meno che il viaggiatore "non sia un pericolo per la sicurezza nazionale, per le forze dell’ordine, per la sicurezza degli ufficiali o per altri interessi operativi". C’è insomma una certa discrezionalità d’attuazione di queste nuove norme da parte degli agenti.

Va’ detto che si tratta di una materia spinosa che ha più volte fatto scendere in campo le associazioni a difesa della privacy. Lo scorso anno, ad esempio, l’American Civil Liberties Union e la Electronic Frontier Foundation hanno citato in giudizio l’amministrazione americana per conto di 10 cittadini statunitensi e un residente permanente i cui dispositivi sono stati perquisiti o sequestrati alla frontiera. I gruppi sostengono che questa politica vada contro i diritti sanciti costituzionalmente e che bisognerebbe avere un mandato per effettuare questa tipologia di controlli sui viaggiatori.

Sul fronte opposto l’ex segretario di Homeland Security John Kelly e attuale capo di gabinetto della Casa Bianca durante un’udienza in Senato nel giugno scorso ha dichiarato che questa tipologia di controlli non sono la routine ma vengono effettuati solo quando necessari. Eppure è stato lo stesso Kelly a suggerire un’opzione che rischia di essere ancora più lesiva della privacy dei viaggiatori: i controlli sui loro account social e sui loro browser internet.

Altri Servizi

Non c'è accordo sui fondi, Stati Uniti in shutdown: bloccate le attività federali

Il Senato non ha approvato la legge di rifinanziamento provvisorio per quattro settimane. Trump attacca: "I democratici vogliono svilire il grande successo dei tagli alle tasse". Possibile riduzione del Pil di 6,5 miliardi alla settimana

Gli Stati Uniti sono in shutdown. Il Senato non ha trovato un accordo per approvare il finanziamento provvisorio del governo federale, necessario entro la fine del 19 gennaio. La prima conseguenza è che migliaia di lavoratori federali saranno in congedo non retribuito e che circa 1,3 milioni di militari resteranno senza stipendio finché non si troverà una soluzione a questo stallo. Secondo un rapporto di S&P Global Ratings, lo shutdown potrebbe far scendere il Pil degli Stati Uniti dello 0,2% ogni settimana, ovvero 6,5 miliardi di dollari.

In Usa è scattato lo shutdown: cosa è e cosa comporta

Per la prima volta dall'ottobre 2013, il governo federale subisce una paralisi parziale. La Casa Bianca accusa i democratici

Per la prima volta dall'ottobre 2013, quando il presidente era Barack Obama, il governo federale degli Stati Uniti  è protagonista di una paralisi parziale. Per trovare una soluzione c'era tempo fino alla mezzanotte del 19 gennaio 2018 di Washington, le sei del mattino di sabato 20 gennaio in Italia. Come successo oltre quattro anni fa, il cosiddetto "shutdown" ha visto repubblicani e democratici scontrarsi sulla legislazione che andava approvata per continuare a finanziare le attività del governo.

S&P promuove la Grecia, prima volta in due anni

Il rating passa a B da B-, comunque cinque gradini sotto l'investment grade. L'outlook resta positivo
iStock

Per la prima volta in due anni, S&P Global Ratings ha migliorato il suo giudizio sulla tenuta creditizia della Grecia, portato a "B" da "B-" (comunque cinque gradini al di sotto dell'investment grade). L'outlook è rimasto "positivo", cosa che implica un'altra possibile promozione.

Svolta storica al Los Angeles Times, arrivano i sindacati

Sono gli stessi che rappresentano già NY Times, Washington Post e Wsj. Il proprietario Tronc: aperto a discussioni produttive. Al via formazione di un comitato per trattare aumenti salariali
L'edizione del 5 novembre 2008 del giornale AP

Per la prima volta nei suoi 136 anni di storia, al "Los Angeles Times" entrano i sindacati. Il quotidiano controllato dal gruppo editoriale Tronc fa cos" storia e si prepara a vivere tensioni crescenti non solo con la proprietà del giornale ma anche con il suo management. I due fronti si sono già scontrati su licenziamenti, cambi di vertice e priorità di un gruppo che punta sul giornalismo digitale.

Un avvocato di Trump: "Il presidente è molto impaziente di parlare con Mueller"

Il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni potrebbe presto ascoltare il capo di Stato

Un avvocato di Donald Trump ha detto che il presidente degli Stati Uniti è "molto impaziente" di sedersi a parlare con il procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni.

JP Morgan: per il Ceo Dimon, compensi 2017 per 29,5 milioni di dollari

Sono saliti del 5,4% sul 2016 ma restano sotto il record da 30 milioni del 2007. Salario di base fermo a 1,5 milioni; a lui azioni vincolate per 23 milioni di dollari
Wikimedia Commons

Nel 2017 il Ceo di JP Morgan Chase ha portato a casa compensi per 29,5 milioni di dollari, il 5,4% in più sul 2016 ma meno del record da 30 milioni del 2007 ossia l'anno precedente allo scoppio della peggiore crisi finanziaria dagli anni '30 del secolo scorso.

Wall Street ignora il rischio shutdown

Ieri chiusure in calo, ma Dow Jones oltre 26.000 punti
AP

Shutdown vicino, Trump: "Colpa dei democratici, vogliono gli immigrati irregolari"

Oggi serve l'ok del Senato alla proposta di legge per una copertura di spesa mensile, ma l'accordo è lontano
AP

Il Washington Post tiene il conto alla rovescia in testa all'homepage del proprio sito: mancano ormai poche ore allo shutdown, ovvero la paralisi della pubblica amministrazione statunitense, che potrà essere evitata solo con un accordo tra democratici e repubblicani.

Ibm: ultimo trimestre del 2017 chiuso con ricavi in rialzo, prima volta da inizio 2012

Traino del cloud e degli "imperativi strategici". Il periodo è finito in perdita. Hanno pesato oneri da 5,5 miliardi di dollari legati alla riforma fiscale Usa.
Ibm

L'opera di trasformazione di International Business Machines (Ibm), iniziata cinque anni fa, sta forse cominciando a dare i suoi frutti. Il gruppo informatico ha chiuso il periodo ottobre-dicembre del 2017 con ricavi in rialzo annuo per la prima volta dopo 22 trimestri di fila in calo. Il Ceo Ginni Rometty può finalmente tirare un sospiro di sollievo anche se il mercato resta scettico del fatto che il business legato a cloud computing, intelligenza artificiale e sicurezza bastino per rendere sostenibile quella crescita.

Usa vogliono l'estradizione di due italiani, sono accusati di traffico illecito di oppiacei

Si chiamano Luca Sartini, 58 anni, e Luigi Palma, 51. Entrambi sono di Roma. Arrestati nella capitale italiana