Dogana Usa, nel 2017 cresciuti a dismisura i controlli su telefoni e dispositivi mobili

Controllati i device di oltre 30.200 persone. Rilasciata anche una nuova policy sulle perquisizioni

Se non siete un cittadino americano e state programmando un viaggio negli Stati Uniti dovete mettere in conto che il vostro smartphone o uno degli altri vostri dispositivi elettronici venga controllato o addirittura sequestrato alla frontiera. Il Custom and Boarder Protection (Dogana e Polizia di Frontiera degli Stati Uniti) ha infatti controllato nello scorso anno un numero record di cellulari e dispostivi mobili alle frontiere statunitensi.

A dichiararlo è stata la stessa agenzia, posta sotto il controllo del Dipartimento della Sicurezza Interna (Homeland Security), specificando che l’incremento dei controlli è da attribuire all’aumento del numero di dispositivi elettronici che i viaggiatori portano con sé, ma anche alla necessità di monitorare con maggiore attenzione il numero di device, vista l’immensa quantità di informazioni che contengono.

Nello specifico, come riporta il Wall Street Journal, nell’anno fiscale che si è concluso il 30 settembre 2017 (e che prende in considerazione il periodo che va dal 1 ottobre 2016) sono stati perquisiti e analizzati i dispositivi di 30.200 persone, la maggior parte dei quali ha poi lasciato il Paese. Una crescita sostanziosa rispetto ai 19.051 dispositivi controllati nell’anno precedente.

L’80% delle ispezioni è stato effettuato su smartphone, tablet e portatili appartenenti a stranieri o a possessori di una Permanent Resident Card (la cosiddetta Green Card). Solo una verifica ogni cinque è stata invece effettuata sui device di un cittadino americano.

"In questa era digitale, i controlli alle frontiere sui dispositivi elettronici sono essenziali per far rispettare la legge al confine degli Stati Uniti e per proteggere il popolo americano", ha dichiarato John Wagner, vice commissario esecutivo dell'Office of Field Operations che assieme alla Cbp controlla le frontiere.

C'è però dell'altro perché oltre ad aver rilasciato questi importanti dati, l’agenzia americana ha reso nota anche la nuova policy sui controlli che specifica quali sono le procedure concesse agli agenti di frontiera e in quali casi possono applicarle. Nel dettaglio, le nuove direttive fanno sì che gli agenti possano controllare i dati e le informazioni salvate sul dispositivo ma non possano accedere a tutto ciò che è salvato nel cloud. Allo stesso modo, gli agenti hanno il diritto di chiedere le password di accesso dei singoli device ma non hanno alcun diritto a salvarle o memorizzarle.

Queste nuove regole stabiliscono inoltre le differenze tra i "controlli di base" e quelli "avanzati", con questi ultimi che implicano il collegamento del dispositivo a un computer per recuperare e copiare le informazioni. Ma quali sono i casi in cui questi controlli avanzati sono consentiti? Per la prima volta è stato chiarito anche questo punto: gli agenti hanno il diritto di attuare questa procedura, sempre dopo l’approvazione di un superiore, solo nel caso in cui ci sia "un ragionevole sospetto" o "prove inconfutabili" che su quel dispositivo siano contenute informazioni sensibili o che il possessore sia un soggetto pericoloso.

Ma non è tutto perché le nuove regole stabiliscono il diritto dei viaggiatori ad essere informati quando i loro dispositivi sono posti sotto controllo a meno che il viaggiatore "non sia un pericolo per la sicurezza nazionale, per le forze dell’ordine, per la sicurezza degli ufficiali o per altri interessi operativi". C’è insomma una certa discrezionalità d’attuazione di queste nuove norme da parte degli agenti.

Va’ detto che si tratta di una materia spinosa che ha più volte fatto scendere in campo le associazioni a difesa della privacy. Lo scorso anno, ad esempio, l’American Civil Liberties Union e la Electronic Frontier Foundation hanno citato in giudizio l’amministrazione americana per conto di 10 cittadini statunitensi e un residente permanente i cui dispositivi sono stati perquisiti o sequestrati alla frontiera. I gruppi sostengono che questa politica vada contro i diritti sanciti costituzionalmente e che bisognerebbe avere un mandato per effettuare questa tipologia di controlli sui viaggiatori.

Sul fronte opposto l’ex segretario di Homeland Security John Kelly e attuale capo di gabinetto della Casa Bianca durante un’udienza in Senato nel giugno scorso ha dichiarato che questa tipologia di controlli non sono la routine ma vengono effettuati solo quando necessari. Eppure è stato lo stesso Kelly a suggerire un’opzione che rischia di essere ancora più lesiva della privacy dei viaggiatori: i controlli sui loro account social e sui loro browser internet.

Altri Servizi

Nuovo fronte di Trump contro la Cina: Usa fuori da trattato postale internazionale

Fu creato nel 1874 ed era pensato per agevolare lo sviluppo di nazioni povere concedendo commissioni basse per le spedizioni di pacchi. Per Washington, Pechino se ne è approfittata

Il presidente americano, Donald Trump, vuole aprire un nuovo fronte nella sua battaglia commerciale con la Cina. Come? Ritirando gli Stati Uniti da un trattato postale vecchio di 144 anni che ha permesso alle aziende cinesi di inviare pacchi di piccole dimensioni in Usa a un tasso decisamente scontato.

Per il terzo mese di fila la Cina riduce i Treasury in suo possesso

Ad agosto la quantità in mano a Pechino è scesa ai minimi del giugno 2017 ma il calo non è significativo. Anche il Giappone ha venduto mentre l'Arabia Saudita ha comprato

Per il terzo mese di fila, ad agosto, la Cina ha ridotto la quantità di Treasury in suo possesso portandola ai minimi del giugno 2017, quando erano a 1.147 miliardi di dollari.

Netflix: la crescita degli abbonati straccia le stime

Utili triplicati nel terzo trimestre. Ricavi cresciuti più del previsto (+34% a 4 miliardi di dollari). Aumenta la cassa bruciata. Pesano investimenti in contenuti originali
iStock

Nel terzo trimestre del 2018, Netflix è tornato a sorprendere in positivo, motivo per cui il titolo a Wall Street ieri nell'after-hours era arrivato a guadagnare fino al 13%: il gruppo di video in streaming ha registrato un aumento degli abbonati superiore alle stime, cosa che ha fatto venire meno i timori di un rallentamento che erano sorti con la trimestrale precedente. Il gruppo ha inoltre visto triplicare gli utili rispetto a un anno prima e ha registrato ricavi in aumento del 34%, più del previsto, anche se ha continuato a bruciare cassa a un passo più rapido che in passato. Il tutto mentre investe sempre di più sui contenuti, per i quali secondo gli analisti spenderà quest'anno 12 miliardi di dollari, 4 miliardi in più di quelli annunciati dall'azienda.

Google: i produttori di smartphone in Europa dovranno pagare per avere app del gruppo

La controllata di Alphabet passa a un modello di business a pagamento, conseguenza della multa Ue per abuso di posizione dominante con Android

Google cambia modello di business in Europa, dove lo scorso 18 luglio la controllata di Alphabet è stata colpita dalla Commissione europea con una multa di 4,34 miliardi di euro per abuso di posizione dominante con Android (il suo sistema operativo per dispositivi mobili).

Il rimbalzo dei ricavi di International Business Machines (Ibm) si è fermato dopo soli tre trimestri. E le vendite legate al cloud computing hanno deluso. Questo spiega perché il titolo del gruppo IT sta scivolando nel dopo mercato a Wall Street (-3,7%).

Trump contro Mattis: "È una sorta di democratico, potrebbe andarsene presto"

Il presidente americano in un’intervista alla Cbs ha parlato del rapporto con il segretario alla Difesa

Donald Trump continua a lanciare messaggi ai membri della sua amministrazione. Ultimo in ordine di tempo è il segretario alla Difesa, il generale Jim Mattis, sul quale il tycoon si è espresso durante un’intervista a "60 Minutes" sulla Cbs. "È una sorta di democratico" ha detto il tycoon che ha ammesso di non sapere se Mattis lascerà o meno il suo incarico.

Facebook riduce a 30 mln il numero di account colpiti da recente attacco hacker

I pirati informatici hanno avuto accesso a email, numeri di telefono e nomi di 15 milioni di persone. L'Fbi indaga. Bocche cucite su chi sia il responsabile dell'intrusione. Intatte le app Messenger, WhatsApp e Instagram
AP

Sono 20 milioni di meno gli account Facebook colpiti dai problemi di sicurezza scoperti il 25 settembre. Il gruppo ha tagliato a 30 milioni da 50 milioni il numero di account di cui gli hacker hanno sfruttato una vulnerabilità associata alla funzione (in inglese "view as") che consente agli utenti di vedere i loro profili come se fossero uno dei loro amici.

"Sip Trip": il viaggio a tappe in Italia con cui il sommelier di Bastianich vuole ingolosire gli Usa

Al via le registrazioni della serie YouTube di Jeff Porter, direttore beverage dell'impero della celebre chef. Dalla Lombardia alla Campania per condividere piatti e vini del nostro Paese

A lui i "superlativi" non piacciono e dunque non si spingerà mai a dire che l'Italia è il migliore produttore di vini in assoluto. Eppure l'Italia sta diventando la "seconda casa" di Jeff Porter. Ed è la "prima porta" di quella casa che il sommelier americano vuole aprire allo spettatore di "Sip Trip", una mini serie su YouTube da lui ideata e che sta per essere girata nelle regioni italiane famose per il loro vino con tappe nelle cantine migliori, dal Veneto al Piemonte passando per Lombardia, Toscana, Umbria e Campania.

Nyt: Kushner non ha pagato tasse per anni

Il genero di Donald Trump ha usufruito di pesanti sgravi fiscali nel periodo tra il 2009 e il 2016

Nel periodo tra il 2009 e il 2016 Jared Kushner, genero di Donald Trump e consigliere della Casa Bianca, non ha pagato tasse o ne ha pagate pochissime. A scriverlo è il New York Times che cita documenti finanziari riservati tra cui carte compilate, con la collaborazione dello stesso immobiliarista, da un istituto finanziario in vista della concessione di un prestito.

Il primo anno fiscale completo di Trump chiuso con deficit al top del 2012

E' salito del 17% a 779 miliardi di dollari, top del 2012. Come percentuale del Pil, il dato è cresciuto al 3,9% dal 3,5%. Timori su sostenibilità dei conti pubblici

Nel primo anno fiscale completo dell'era Trump, il deficit federale americano è salito ai massimi di sei anni fa. E' l'effetto della politica fiscale espansiva voluta dal presidente Donald Trump, fatta di tagli alle tasse e maggiori spese (anche militari).