Dogana Usa, nel 2017 cresciuti a dismisura i controlli su telefoni e dispositivi mobili

Controllati i device di oltre 30.200 persone. Rilasciata anche una nuova policy sulle perquisizioni

Se non siete un cittadino americano e state programmando un viaggio negli Stati Uniti dovete mettere in conto che il vostro smartphone o uno degli altri vostri dispositivi elettronici venga controllato o addirittura sequestrato alla frontiera. Il Custom and Boarder Protection (Dogana e Polizia di Frontiera degli Stati Uniti) ha infatti controllato nello scorso anno un numero record di cellulari e dispostivi mobili alle frontiere statunitensi.

A dichiararlo è stata la stessa agenzia, posta sotto il controllo del Dipartimento della Sicurezza Interna (Homeland Security), specificando che l’incremento dei controlli è da attribuire all’aumento del numero di dispositivi elettronici che i viaggiatori portano con sé, ma anche alla necessità di monitorare con maggiore attenzione il numero di device, vista l’immensa quantità di informazioni che contengono.

Nello specifico, come riporta il Wall Street Journal, nell’anno fiscale che si è concluso il 30 settembre 2017 (e che prende in considerazione il periodo che va dal 1 ottobre 2016) sono stati perquisiti e analizzati i dispositivi di 30.200 persone, la maggior parte dei quali ha poi lasciato il Paese. Una crescita sostanziosa rispetto ai 19.051 dispositivi controllati nell’anno precedente.

L’80% delle ispezioni è stato effettuato su smartphone, tablet e portatili appartenenti a stranieri o a possessori di una Permanent Resident Card (la cosiddetta Green Card). Solo una verifica ogni cinque è stata invece effettuata sui device di un cittadino americano.

"In questa era digitale, i controlli alle frontiere sui dispositivi elettronici sono essenziali per far rispettare la legge al confine degli Stati Uniti e per proteggere il popolo americano", ha dichiarato John Wagner, vice commissario esecutivo dell'Office of Field Operations che assieme alla Cbp controlla le frontiere.

C'è però dell'altro perché oltre ad aver rilasciato questi importanti dati, l’agenzia americana ha reso nota anche la nuova policy sui controlli che specifica quali sono le procedure concesse agli agenti di frontiera e in quali casi possono applicarle. Nel dettaglio, le nuove direttive fanno sì che gli agenti possano controllare i dati e le informazioni salvate sul dispositivo ma non possano accedere a tutto ciò che è salvato nel cloud. Allo stesso modo, gli agenti hanno il diritto di chiedere le password di accesso dei singoli device ma non hanno alcun diritto a salvarle o memorizzarle.

Queste nuove regole stabiliscono inoltre le differenze tra i "controlli di base" e quelli "avanzati", con questi ultimi che implicano il collegamento del dispositivo a un computer per recuperare e copiare le informazioni. Ma quali sono i casi in cui questi controlli avanzati sono consentiti? Per la prima volta è stato chiarito anche questo punto: gli agenti hanno il diritto di attuare questa procedura, sempre dopo l’approvazione di un superiore, solo nel caso in cui ci sia "un ragionevole sospetto" o "prove inconfutabili" che su quel dispositivo siano contenute informazioni sensibili o che il possessore sia un soggetto pericoloso.

Ma non è tutto perché le nuove regole stabiliscono il diritto dei viaggiatori ad essere informati quando i loro dispositivi sono posti sotto controllo a meno che il viaggiatore "non sia un pericolo per la sicurezza nazionale, per le forze dell’ordine, per la sicurezza degli ufficiali o per altri interessi operativi". C’è insomma una certa discrezionalità d’attuazione di queste nuove norme da parte degli agenti.

Va’ detto che si tratta di una materia spinosa che ha più volte fatto scendere in campo le associazioni a difesa della privacy. Lo scorso anno, ad esempio, l’American Civil Liberties Union e la Electronic Frontier Foundation hanno citato in giudizio l’amministrazione americana per conto di 10 cittadini statunitensi e un residente permanente i cui dispositivi sono stati perquisiti o sequestrati alla frontiera. I gruppi sostengono che questa politica vada contro i diritti sanciti costituzionalmente e che bisognerebbe avere un mandato per effettuare questa tipologia di controlli sui viaggiatori.

Sul fronte opposto l’ex segretario di Homeland Security John Kelly e attuale capo di gabinetto della Casa Bianca durante un’udienza in Senato nel giugno scorso ha dichiarato che questa tipologia di controlli non sono la routine ma vengono effettuati solo quando necessari. Eppure è stato lo stesso Kelly a suggerire un’opzione che rischia di essere ancora più lesiva della privacy dei viaggiatori: i controlli sui loro account social e sui loro browser internet.

Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP
Ibm

Per International Business Machines (Ibm), il recupero dei ricavi trimestrali sembra un miraggio dopo la breve ripresa finita lo scorso giugno e durata nove mesi consecutivi (i primi successivi a cinque anni di declini). L'azienda ha tuttavia saputo superare le stime degli investitori, concentrati sul fatto che le vendite siano salite nell'intero esercizio per la prima volta in vari anni.

Trump riconosce Guaido come leader del Venezuela, sfida a Maduro

"Tutte le opzioni sono sul tavolo" se il regime reagirà con violenze. "Ha i giorni contati". Meglio una "exit pacifica" per consentire nuove elezioni
AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha ufficialmente riconosciuto come nuovo presidente ad interim del Venezuela l'attuale presidente dell'Assemblea nazionale e leader dell'opposizione nel Paese, Juan Guaido. E ha lanciato un messaggio al regime di Nicolas Maduro: se reagirà con violenza "tutte le opzioni sono sul tavolo". I suoi giorni sono comunque "contati".

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

La Corte Suprema Usa respinge Trump: resta la tutela per i Dreamers (per ora)

Il massimo tribunale ha deciso di non pronunciarsi sulla fine del programma Daca, cercata dal presidente anche per avere un'arma in più nei negoziati con i democratici su immigrazione e muro
Ap

La Corte Suprema statunitense ha respinto la richiesta dell'amministrazione Trump di valutare subito e pronunciarsi sulla fine del programma Daca, che protegge dal rimpatrio 700.000 immigrati irregolari arrivati da bambini. Questo significa che il programma voluto dall'allora presidente Barack Obama, contro cui si batte Donald Trump, resta per ora in vigore, in attesa che lo scontro arrivi a conclusione nei tribunali inferiori; inoltre, nel caso in cui il massimo tribunale dovesse accettare un nuovo tentativo da parte del governo, il caso non verrebbe discusso prima di ottobre e una decisione non sarebbe presa prima del 2020. La volontà del massimo tribunale statunitense di non valutare il caso toglierà una potente arma di negoziazione al presidente, che si era detto sicuro di una vittoria davanti alla Corte Suprema, nelle trattative con i democratici sull'immigrazione.

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

Larry Kudlow, il consigliere economico della Casa Bianca, ha negato indiscrezioni di stampa secondo cui gli Stati Uniti hanno cancellato un incontro con la Cina pensato per spianare la strada al prossimo round di negoziati di alto livello previsto a Washington tra i negoziatori delle due nazioni il 30 e il 31 gennaio prossimo.

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati

Un investitore miliardario - conosciuto negli Stati Uniti per essere l'equivalente di Boston del cosiddetto Oracolo di Omaha, ossia Warren Buffett - ha messo in guardia gli investitori "compiaciuti" che stanno ignorando i rischi esistenti prendendone di nuovi. Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), ha lanciato il suo avvertimento nella lettera annuale da 22 pagine scritta agli investitori e di cui il New York Times ha ottenuto una copia.

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.