Strategie e suggerimenti per superare i colloqui a Google

Un libro dell'economista William Poundstone spiega i test logici dell'azienda

Quanta carta igienica sarebbe necessaria per coprire il Texas? Quanti aspirapolveri sono costruiti in un anno? Si può nuotare più velocemente in acqua o nello sciroppo? Se la risposta a queste domande è “chi se ne importa”, forse le probabilità di andare a lavorare per Google sono piuttosto scarse. A chi invece interessasse trovare una risposta, William Poundstone, autore del libro intitolato “Sei abbastanza brillante per lavorare in Google?” spiega nella sua opera quanto sia difficile oggi, anche per le menti migliori al mondo, ottenere un lavoro in qualsiasi settore della new economy.

Le ragioni sarebbero diverse. Innanzitutto, spiega l'economista, ci sono più persone che posti di lavoro e poi chi assume ha paura e non può essere mai sicuro che le risposte esatte di un candidato si traducano in buoni risultati sul lavoro. Poundstone sostiene che non esiste nessuna prova che queste domande talvolta impossibili e anche bizzare possano funzionare, tuttavia ricorda che diversi studi scientifici dimostrano che i vecchi processi di selezione erano del tutto errati poichè si basavano solo sull'apparenza e sul modo di parlare anzichè sull'intelletto.

Le domande di Google, per esempio come elaborare un piano di evacuazione per San Francisco, sarebbero intenzionalmente aperte perchè non importa tanto che le risposte siano giuste quanto il processo logico con cui si arriva a darle. Poundstone nel suo libro cerca dunque di offrire strategie e suggerimenti per rispondere ad ogni tipo di domanda o trabocchetto. Una speranza in più per chi cerca lavoro oggi e che potrebbe un giorno o l'altro, trovarsi di fronte agli stessi bizzarri quesiti.

Altri Servizi

Trump alla Casa Bianca, primo mese tra caos e immobilismo

Polemiche e scandali, ordini esecutivi ma, in realtà, pochi fatti. Il senatore McCain: "Nessuno sa chi fa cosa"

Ordini esecutivi, polemiche, litigi, scandali, tribunali; infine, le dimissioni di Michael Flynn da consigliere per la sicurezza nazionale. Donald Trump non ha ancora festeggiato il primo mese da presidente degli Stati Uniti, eppure le cronache sono già piene di episodi che mettono in dubbio le sue capacità, e quelle dell'intera amministrazione, di essere all'altezza del compito.

Trump presidente, ma si scommette già su dimissioni e impeachment

I bookmaker non sembrano credere molto alla possibilità che The Donald resti alla Casa Bianca per quattro anni
AP

La presidenza di Donald Trump è iniziata da poco più di tre settimane, eppure la sua permanenza alla Casa Bianca per quattro anni non è data per scontata dalle società di scommesse, che puntano (è proprio il caso di dire) sull'impeachment.

Wall Street chiude in rialzo

Giornata senza dati. Venerdì, chiusura record per i tre maggiori indici
AP

Donald Trump spiegato dai suoi sostenitori. Intervista con Maria Giovanna Maglie

Anche lo Yemen si schiera contro Trump: stop alle missioni Usa sul suolo nazionale. Tutti contro Trump dunque? Ai microfoni di America24 spazio ai suoi sostenitori con la giornalista Maria Giovanna Maglie, autrice del libro '@RealDonaldTrump'

La Corte d’Appello di San Francisco non ha ancora emesso li suo verdetto. Donald Trump, in attesa di conoscere quale sarà il destino del suo decreto sull’immigrazione, ha però dovuto incassare un’altra piccola sconfitta, che è giunta dal fronte mediorientale. Dopo l’esito deludente di una missione dalle forze speciali americane nel mese di gennaio - quando un elicottero è stato abbattuto e un soldato americano è rimasto ucciso nel tentativo di recuperare documenti strategici da una cellula di al-Qaida attiva nella regione - lo Yemen ha deciso di impedire agli Stati Uniti di compiere altre operazioni al suolo sul suo territorio. Tra le vittime dell’attacco Usa ci sarebbero infatti anche diversi civili. La presidenza di Donald Trump, che aveva descritto come un successo il suo primo intervento militare, torna cos" ad essere sotto esame.

Il prossimo iPhone? Per Tim Cook è la realtà aumentata

A dieci anni dal primo telefonino di Apple, il gruppo pensa a nuove strategie per continuare a crescere

Quando nel 2007 Apple mise sul mercato il primo iPhone, non creò nulla di nuovo. Riusc" invece a fare bene e a semplificare quello che già esisteva da qualche tempo: lo smartphone.

Luca Maestri (Apple): il prossimo Steve Jobs può essere italiano

Il direttore finanziario del produttore dell'iPhone sostiene che la nostra nazionalità è un "asset enorme". Cupertino? Un esercito e un monastero insieme. Juventino, difende la diversità. E consiglia: inseguite la vostra passione, avrete successo
Apple

Il prossimo Steve Jobs potrebbe essere italiano. Parola di Luca Maestri, il direttore finanziario di Apple ospite di una conversazione organizzata nella serata del 10 febbraio dal consolato italiano a New York sotto la guida del console generale Francesco Genuardi.

Wall Street: altra seduta di record nonostante una Yellen un po' falco

Il governatore della Fed ha detto che non sarebbe saggio aspettare troppo per alzare i tassi
AP

Tom Price confermato a guida dipartimento Salute. Ora andrà all'attacco dell'Obamacare

Il repubblicano, un chirurgo ortopedico che rappresenta alla Camera una zona settentrionale di Atlanta, in Georgia, è uno dei maggiori critici, in Congresso, dell'Obamacare
AP

La squadra di Governo del presidente Donald Trump ha, ufficialmente, un pezzo in più. Il Senato, con 52 voti favorevoli e 47 contrari, ha confermato la nomina di Tom Price a segretario alla Salute e ai servizi umani. 

Corte d'Appello contro Trump: la sospensione al 'muslim ban' resta in vigore

Sconfitta, almeno per il momento, per il presidente americano: vorrebbe stop temporaneo agli ingressi di rifugiati e cittadini di sette nazioni prevalentemente musulmane
AP

L'ordine esecutivo firmato il 27 gennaio scorso da Donald Trump, che sospende l'ingresso negli Stati Uniti di rifugiati e cittadini di sette nazioni prevalentemente musulmane, deve restare sospeso. Almeno fino a quando non verrà deciso se il provvedimento si spinge oltre il dovuto nel limitare gli arrivi nella nazione. E' questa la decisione tanto attesa della Corte d'Appello federale di San Francisco, che così lascia in vigore l'alt all'ordine esecutivo voluto da un giudice di Seattle, Stato di Washington, venerdì 3 febbraio. Quell'alt sta permettendo alle persone prese di mira dal decreto di entrare negli Stati Uniti.

Il brand di Ivanka Trump non è un buon affare per Nordstrom, vendite -70% prima delle presidenziali

Il retailer ha deciso di sospendere le vendite del brand. Per Trump sua figlia è stata trattata in modo ingiusto. La società si difende dicendo che è stata una decisione finanziaria, non politica
AP

Le vendite della linea di moda firmata da Ivanka Trump per Nordstrom sono calate del 32% nell'ultimo anno fiscale, accelerando notevolemente man mano che si avvicinavano le elezioni presidenziali che hanno consegnato la vittoria a Donald Trump. Sulla scia degli appelli a boicottare le linee di calzature e abbigliamento della figlia del presidente lanciati dagli oppositori del magnate repubblicano, le vendite sono calate più del 70% nelle ultime tre settimane di ottobre.