Donald Trump: il mio patrimonio supera 10 MILIARDI DI DOLLARI

Il candidato repubblicano lo scrive in maiuscolo in un documento

Donald Trump, magnate newyorchese del real estate e candidato repubblicano alle elezioni presidenziali americane del 2016, ha un patrimonio che supera i 10 miliardi di dollari. E' quanto emerge da un documento depositato alla Commissione Elettorale Federale e in cui la cifra - più alta di quella pari a 8,7 miliardi fornita da Trump durante il discorso con cui il mese scorso annunciava la sua candidatura - è scritta di proposito in maiuscolo. Nel comunicato si legge: “Il patrimonio netto del signor Trump è aumentato rispetto al bilancio (vecchio di un anno) a cui ha fatto riferimento quando ha annunciato la candidatura. I valori degli immobili di New York, San Francisco e Miami, oltre alle agli altri luoghi dove possiede proprietà, sono aumentati considerevolmente in questo lasso di tempo. Il suo debito è una percentuale piccola del valore e a tassi di interesse molto bassi”. Il documento termina con la frase così scritta (le dimensioni dei caratteri sono originali): "Ad oggi, il patrimonio netto di Trump supera i 10 MILIARDI DI DOLLARI".

La caratterizzazione della ricchezza personale di Trump solleva comunque scetticismo da più parti, uno scetticismo alimentato dalle sue stesse dichiarazioni. Un tempo disse: "Il mio patrimonio netto fluttua, sale e scende con i mercati, con i comportamenti, con i sentimenti - persino i miei stessi sentimenti - ma ci provo". Il team di Trump dedicato alla campagna elettorale ha fornito anche un riassunto delle transazioni azionarie realizzate fino al gennaio 2014. Da esse emerge come sia uno "stock-picker", colui che seleziona con attenzione i titoli su cui puntare in borsa. Trump ha per esempio venduto azioni di Bank of America e Boeing generando rispettivamente un guadagno di 6,7 milioni e 3,9 milioni di dollari.

Il candidato repubblicano - uno tra 15 - continua comunque a crescere di popolarità, nonostante il partito conservatore abbia preso le distanze dalle sue dichiarazioni razziste sui messicani. Il sondaggio congiunto del Washington Post e di Abc, pubblicato marted", ha rivelato che il 57% degli elettori conservatori vede con favore la sua candidatura (quasi sei su dieci) mentre il 40% lo giudica negativamente. Tra lo stesso elettorato del Gop, l’imprenditore è primo con il 17% delle preferenze, seguito da Jeb Bush con il 14% e da Scott Walker, distaccato al terzo posto con l’8%.

Altri Servizi

Suprematisti bianchi a Charlottesville: è stato di emergenza. Un'auto contro la folla, 3 morti e 35 feriti

Scontri nella piccola città della Virginia per la rimozione di una statua del generale Lee. Donald Trump: "La divisione arriva da più parti e iniziata molto tempo fa. Non è colpa di Trump o di Obama". Ma non condanna i razzisti
Suprematisti bianchi manifestano a Charlottesville, Virginia AP

Il governatore della Virginia, Terry McAuliffe, ha dichiarato lo stato di emergenza a Charlottesville, dopo che le proteste contro la rimozione di una statua di un generale delle forze Confederate, Robert E. Lee, ha portato a scontri violenti. Decine di persone sono rimaste ferite tra i manifestanti, quasi tutti appartenenti a gruppi di suprematisti bianchi. Il presidente americano Donald Trump ha condannato le violenze, sostenendo che arrivano da "più parti", ma anche che le divisioni sono iniziate molto tempo fa e "non è colpa di Donald Trump o di Barack Obama".

Snapchat delude ancora: perdita trimestrale quasi quadruplicata

Ricavi +153% non soddisfano gli analisti; male anche la crescita degli utenti

Con la sua seconda trimestrale dall'Ipo del 2 marzo scorso, Snap ha deluso. Di nuovo. E' il segno di come la competizione data da Facebook con la app rivale Instagram continui a pesare. La controllante di Snapchat ha messo a segno una perdita quasi quadruplicata, ricavi inferiori alle attese e la crescita degli utenti non ha convinto cos" come le vendite generate per ogni utente. Per questo il titolo è arrivato a cedere oltre il 14% nel dopo mercato (dopo la sua prima trimestrale da azienda quotata aveva perso più del 23%). La seduta era finita in rialzo dell'1,6% a 13,77 dollari, sotto i 17 dollari del prezzo di collocamento.

I cinque monumenti nazionali che Trump potrebbe cancellare

Il 24 agosto dovrebbe arrivare la decisione del segretario dell'Interno. Poi il presidente potrebbe decidere di eliminarli in parte o completamente. Sarebbe una vittoria per l'industria del petrolio e del carbone

Facebook sfida YouTube: nasce la piattaforma video Watch

Un nuovo servizio con piccoli show esclusivi, e partner come la Nasa e l'Nba

Facebook ha lanciato una sfida a YouTube, parte di Google (a sua volta controllata da Alphabet). Il più grande social network al mondo ha presentato un nuovo servizio di contenuti video esclusivi: Watch.

Charlottesville, bufera su Trump. "Le sue parole sono insufficienti"

"Chiami il male col suo nome", repubblicani e democratici uniti contro il presidente

In quasi sette mesi di presidenza Donald Trump ha dimostrato di non aver alcun timore ad esprimere le proprie opinioni, per quanto a volte possano essere impopolari. Ci sono però degli argomenti su cui "The Donald" sembra essere più riflessivo, o quanto meno più attento, nel modo di esprimersi.

Charlottesville, la Casa Bianca prova a spegnere le polemiche contro Trump

Una nota ha fatto chiarezza sostenendo che il il presidente "condanna tutti, anche i suprematisti bianchi"

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, condanna "tutte le forme di violenza", incluse quelle dei suprematisti bianchi, dei neonazisti, del Kkk e di tutti i gruppi estremisti. Questo il senso della nota rilasciata dalla Casa Bianca per cercare di fare chiarezza dopo le polemiche arrivate da più parti nei confronti del presidente Trump, accusato di non aver condannato esplicitamente la violenza dei suprematisti bianchi a Charlottesville, in Michigan, dove sono morte tre persone e 35 sono rimaste ferite.

L'Iran risponde agli Usa. Parlamento approva un programma missilistico

Oltre mezzo miliardo di dollari per misure difensive e militari

Il Parlamento iraniano ha votato un pacchetto da mezzo miliardo di dollari di misure difensive e militari all’interno delle quali è previsto lo stanziamento di 260 milioni destinati allo sviluppo di un programma missilistico nazionale e alla Guardia Rivoluzionaria. Si tratta di una risposta alle sanzioni imposte da Washington a Teheran all’inizio del mese, proprio per via del programma balistico iraniano.

David Letterman torna in tv, su Netflix

Oltre due anni fa, l'ultima puntata del suo "The Late Show". Dal 2018 sarà protagonista di una nuova serie in sei puntate

Dopo oltre due anni dall'addio al piccolo schermo, David Letterman torna in tv. Questa volta, però, il volto del celebre "The Late Show" lo fa su Netflix. Il conduttore che ha intrattenuto l'America (e non solo) nella fascia oraria notturna per il periodo più lungo in Usa, dal 2018 sarà il protagonista di una nuova serie sul sito di video in streaming che ieri ha annunciato la sua prima acquisizione (l'editore di fumetti Millarworld).

AP

Mentre lo scontro a parole sull'asse Washington-Pyongyang non sembra placarsi, come dimostrato dalle affermazioni prima di Donald Trump e del Pentagono e poi della Corea del Nord che vorrebbe lanciare missili nelle acque vicine all'isola di Guam, il mondo intero si domanda se ci si trovi sull'orlo di una guerra nucleare. Il presidente ha promesso il ricorso al "fuoco e furia" e ha ricordato che gli Usa vantano l'arsenale nucleare "mai così potente". Il 'cane pazzo' James Mattis ha garantito che il regime nordcoreano può essere annientato. E' toccato al pragmatico Rex Tillerson, il capo della diplomazia Usa, a dire che una "minaccia non è imminente" e che si può dormire sonni tranquilli. Poi però il regime di Kim Jong-un ha minacciato di nuovo quello che risulterebbe il primo lancio di missili vicino a un territorio Usa. E forse proprio perché due terzi degli americani non sa trovare sulla mappa la Corea del Nord, l'America resta in allerta. Secondo il New York Times, però, non bisogna avere paura. Per almeno cinque motivi.

Mls, errore clamoroso del Var. Espulso Kaka per condotta violenta, ma stava scherzando

L'arbitro Jorge Gonzalez ha sventolato il rosso alla stella brasiliana durante New York Red Bulls e Orlando

Ricardo Kaka è stato espulso. Già questa è una notizia considerando che il giocatore brasiliano ex Milan e Real Madrid, oggi numero dieci di Orlando City, ha ricevuto solo un altro cartellino rosso nella sua carriera. Eppure c’è dell’altro perché l’espulsione del brasiliano, avvenuta "per condotta violenta", è scaturita dopo l’intervento del Var (video assistant referee) che esamina le decisioni degli altri arbitri in campo tramite l'ausilio di filmati, si tratta di quella che in gergo viene definita "moviola in campo".