Donald Trump: il mio patrimonio supera 10 MILIARDI DI DOLLARI

Il candidato repubblicano lo scrive in maiuscolo in un documento

Donald Trump, magnate newyorchese del real estate e candidato repubblicano alle elezioni presidenziali americane del 2016, ha un patrimonio che supera i 10 miliardi di dollari. E' quanto emerge da un documento depositato alla Commissione Elettorale Federale e in cui la cifra - più alta di quella pari a 8,7 miliardi fornita da Trump durante il discorso con cui il mese scorso annunciava la sua candidatura - è scritta di proposito in maiuscolo. Nel comunicato si legge: “Il patrimonio netto del signor Trump è aumentato rispetto al bilancio (vecchio di un anno) a cui ha fatto riferimento quando ha annunciato la candidatura. I valori degli immobili di New York, San Francisco e Miami, oltre alle agli altri luoghi dove possiede proprietà, sono aumentati considerevolmente in questo lasso di tempo. Il suo debito è una percentuale piccola del valore e a tassi di interesse molto bassi”. Il documento termina con la frase così scritta (le dimensioni dei caratteri sono originali): "Ad oggi, il patrimonio netto di Trump supera i 10 MILIARDI DI DOLLARI".

La caratterizzazione della ricchezza personale di Trump solleva comunque scetticismo da più parti, uno scetticismo alimentato dalle sue stesse dichiarazioni. Un tempo disse: "Il mio patrimonio netto fluttua, sale e scende con i mercati, con i comportamenti, con i sentimenti - persino i miei stessi sentimenti - ma ci provo". Il team di Trump dedicato alla campagna elettorale ha fornito anche un riassunto delle transazioni azionarie realizzate fino al gennaio 2014. Da esse emerge come sia uno "stock-picker", colui che seleziona con attenzione i titoli su cui puntare in borsa. Trump ha per esempio venduto azioni di Bank of America e Boeing generando rispettivamente un guadagno di 6,7 milioni e 3,9 milioni di dollari.

Il candidato repubblicano - uno tra 15 - continua comunque a crescere di popolarità, nonostante il partito conservatore abbia preso le distanze dalle sue dichiarazioni razziste sui messicani. Il sondaggio congiunto del Washington Post e di Abc, pubblicato marted", ha rivelato che il 57% degli elettori conservatori vede con favore la sua candidatura (quasi sei su dieci) mentre il 40% lo giudica negativamente. Tra lo stesso elettorato del Gop, l’imprenditore è primo con il 17% delle preferenze, seguito da Jeb Bush con il 14% e da Scott Walker, distaccato al terzo posto con l’8%.

Altri Servizi

Trump, oggi l'ordine esecutivo sul clima per 'cancellare' Obama

La firma del presidente avverrà alle 20 (ora italiana); per la Casa Bianca, ci sarà attenzione per l'ambiente e per i posti di lavoro

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, firmerà oggi un ordine esecutivo per cancellare una parte importante delle politiche ambientali del predecessore, Barack Obama, e dare impulso alla produzione di energia. Trump sarà alla Environmental Protection Agency (Epa), l'agenzia federale che si occupa di ambiente, dove alle 14 (le 20 in Italia) firmerà l'Energy Independence Executive Order.

Facebook si dà alla musica per sfidare Spotify e YouTube

Il social network sta reclutando persone esperte nel settore per trattare con etichette musicali e mettere a punto le migliori licenze

Facebook sta sempre più puntando sulla musica per sfidare Spotify e YouTube. Il più grande social network al mondo è alla ricerca di tre top executive esperti del settore musicale per lavorare al suo quartier generale americano.

Elon Musk studia come impiantare microchip nel cervello

Il fondatore di Tesla e SpaceX presto potrebbe presentare Neuralink, un progetto per aumentare le capacità cognitive dell'umanità
AP

Prima ha cambiato il modo di fare pagamenti con PayPal. Poi ha puntato sulle auto elettriche e sul settore aerospaziale con Tesla e SpaceX. Adesso Elon Musk sa che nei prossimi anni l'intelligenza artificiale e l'interazione uomo-macchina diventeranno sempre più centrali. Per questo sta per presentare Neuralink, una società che studia il modo per impiantare microchip nel cervello, grazie ai quali, in futuro, saremo in grado di inserire dati o di scaricare pensieri dal nostro cervello. Lo scrive il Wall Street Journal che cita fonti anonime.

Salini Impregilo stringe dialogo Usa sulle note di Toscanini

Divisione americana Lane promuove tre concerti esclusivi a Washington e New York

Un tributo musicale al genio cosmopolita del maestro Arturo Toscanini per stringere un dialogo oltreoceano in un anno cruciale per i rapporti economici tra Stati Uniti e Italia: è questo il senso dei tre concerti esclusivi promossi a Washington e New York dal gruppo di costruzioni Salini Impregilo e dalla sua divisione americana Lane Construction Corporation. Nel 150esimo aniversario della nascita e a 60 anni dalla morte di Toscanini, lo spirito del leggendario direttore d’orchestra che nel secolo scorso sfidò i totalitarismi europei e trovò libertà negli Stati Uniti ha echeggiato lunedì sera tra i marmi cesellati e i mosaici policromi della Library of Congress sulle note di Verdi e Rossini interpretate magistralmente dall’Orchestra da Camera del Teatro La Scala. Stasera, sempre nella capitale americana, si replica per il grande pubblico alla Union Station alle 18 e domani, mercoledì 29 Marzo, il tour musicale, accompagnato dalla presentazione del libro “Toscanini – The Maestro: A Life in Pictures” e dalla proiezione della video biografia firmata da Harvey Sachs si conclude alla libreria Rizzoli di New York, sempre alle 18.

Studiare in una università americana dopo la scuola superiore

Quello che bisogna sapere per scegliere e per essere ammessi in un college negli USA. Gli ostacoli da superare e gli strumenti migliori per battere la concorrenza nelle università più prestigiose
Unsplash

Cervelli in fuga non si nasce, si diventa. E il modo più semplice per diventarlo è 'studiarlo' a scuola. Abbiamo provato a confezionare una sorta di guida per iscriversi in una università americana dopo avere ottenuto un diploma di scuola superiore in Italia. Entrare in questo mondo di football, confraternite e campus da film, e ottenere una laurea in una università americana, è in assoluto la linea più diretta per andare a un punto A (non avere chiare prospettive di lavoro in Italia dopo la laurea) a un punto B (trovare un lavoro in America).

Trump fa marcia indietro, l'Obamacare resta (per ora)

"Ryancare" ritirata, mancavano i voti per la sua approvazione. Il presidente dà la colpa ai democratici. La prossima sfida è la riforma fiscale

Donald Trump fa marcia indietro. Piuttosto che mettere al voto un disegno di legge che non sarebbe mai stato approvato, il presidente americano ha chiamato lo speaker alla Camera per dire di ritirare la riforma sanitaria pensata per abrogare e sostituire l'Obamacare. Si tratta di un'amara ammissione del fatto che né le minacce e gli ultimatum dell'inquilino della Casa Bianca né il pressing di Paul Ryan sono bastati per convincere l'ala più conservatrice del partito repubblicano ad allinearsi e promettere di votare "sì".

Wall Street, il Dow Jones prova a ripartire dopo otto cali consecutivi

Serie peggiore dal 2011. Oggi atteso il dato sulla fiducia dei consumatori
AP

Il Dnc in crisi chiede le dimissioni di tutto il suo staff

L'organo che governa il partito democratico americano sta conducendo interviste per decidere chi resta e chi no e per determinare la direzione del partito stesso dopo l'amara sconfitta elettorale e le rivelazioni imbarazzanti
AP

Il Democratic National Committee, l'organo che governa il partito democratico americano, ha chiesto le dimissioni di tutti i membri del suo staff. Questi ultimi sono chiamati a presentare una lettera entro il 15 aprile. Lo sostiene NBC News, secondo cui l'uomo scelto a febbraio per guidare il Dnc ha lanciato una riorganizzazione totale. Si tratta di Tom Perez, 55 anni, ex segretario al Lavoro durante la presidenza di Barack Obama e simbolo della continuità rispetto a Keith Ellison, l'unico altro front runner per quell'incarico e che ha fatto la storia essendo il primo parlamentare musulmano (si convert" a 19 anni) e il primo afroamericano a rappresentare come deputato lo Stato del Minnesota a Washington.

Slitta il voto sulla Ryancare, Trump si prepara a fare pressing

La Casa Bianca tenta di salvare la faccia e lavora a ulteriori modifiche. Repubblicani alla Camera negoziano. Venerdì atteso il voto. E qualcuno insinua che la proposta di riforma sanitaria non passerà
AP

La Casa Bianca tenta di salvare la faccia e lavora a ulteriori modifiche. Lo speaker alla Camera non si fa vedere. I repubblicani ribelli continuano a negoziare. I democratici festeggiano, Barack Obama in primis. Si inquadra così la situazione al Campidoglio americano dopo che è saltato il voto previsto oggi, giovedì 23 marzo, sulla Ryancare, la proposta di riforma sanitaria pensata per abrogare e sostituire l'Obamacare.