Donald Trump: una minaccia per il commercio italiano del ‘bello e ben fatto’ negli Usa?

A discuterne dai microfoni di America24 è Michael Froman, rappresentante Usa per il commercio durante l’amministrazione Obama. Il 44esimo presidente arriva a Milano nei panni del 'turista' per partecipare al convegno Seeds&Chips
A24

E’ un Barack Obama nei panni del ‘turista’ quello visto ieri a Milano, dove l’ex presidente americano è atterrato per partecipare come ospite d’onore al Seeds&Chips, il vertice internazionale che promuove l’innovazione alimentare. Obama ha visitato il Duomo e la Pinacoteca Ambrosiana, mentre oggi riceverà le chiavi della città dal sindaco di Milano, Giuseppe Sala. Nella serata di ieri l’ex Commander in Chief ha anche partecipato ad una cena all’ispi, l'Istituto Superiore di Politica Internazionale, dove ha cercato di rassicurare sul nuovo corso della Casa Bianca: il sistema dei check and balances funziona, ha detto, le iniziative più azzardate di Trump non sono solo sotto controllo, ma verranno scontate con le elezioni di metà mandato del 2018.

ASCOLTA IL PODCAST DELLA PUNTATA

Sul fronte commerciale, dove negli ultimi mesi si sono rincorse le preoccupazioni per una svolta in senso protezionista degli Usa, Obama ha invece sorvolato. A fare maggior chiarezza in un’intervista con America24 è Michael Froman, rappresentante Usa per il commercio proprio durante l’amministrazione Obama. Froman ha negoziato l’accordo di libero scambio del Tpp e del Ttip, rispettivamente per l’area pacifica e per quella atlantica, e oggi è forse la persona più autorevole in materia di commercio. “L'Italia ha un grosso surplus commerciale con gli Stati Uniti: 28 miliardi di dollari. Questo dato - avverte Froman - sta diventando un problema con questa amministrazione”. Ad essere coinvolto potrebbe essere uno dei settori su cui l’Italia ha costruito la propria eccellenza nel mondo, quello del ‘bello e ben fatto’; se Trump dovesse davvero decidere di adottare delle politiche protezioniste l’economia italiana potrebbe infatti subire un danno di 1,4 miliardi di dollari in dieci anni.

Più in generale, i punti di attrito tra gli Usa ed Europa sono però emersi anche con l’amministrazione Obama, che sulla volontà di difendere gli interessi americani in materia di commercio si è dimostrata altrettanto determinata. E’ questo ad esempio il caso delle cos" dette ‘carni agli ormoni’, su cui l’Europa ha perso la causa al Wto. Proprio su questo fronte, dove Trump si è di fatto inserito nel seminato di Obama, potrebbero ora esserci delle ripercussioni. “L’Europa di fatto non ha mai modificato le sue pratiche illegali - spiega ancora Froman - e noi abbiamo deciso di passare alle sanzioni. Nessuno ovviamente vuole andare fino in fondo, ma speriamo che queste minacce possano essere sufficienti per riportare l’Unione Europea al tavolo delle trattative”. Il rischio di azioni unilaterali di questo tipo dunque esiste, e le conseguenze secondo l’ex rappresentante commerciale Usa potrebbero ripercuotersi su larga scala: “ Se si impongono delle tariffe si rischia di spingere gli altri paesi a vendicarsi o, ancora peggio, a imitarti. Ed è proprio questo il rischio principale”.

Guardando al futuro Froman si augura tuttavia che le relazioni commerciali fra le due sponde dell’atlantico possano essere improntate al dialogo piuttosto che allo scontro. “Mi auguro che l' amministrazione Trump decida di impegnarsi sulle trattative per un trattato commerciale con l’Europa, anche mentre questa si confronta con Brexit. Non sono due evoluzioni che si escludono a vicenda; si possono perseguire entrambe, allo stesso tempo”.


Canzone del giorno: Barrett Strong - Money (That's What I Want)

Altri Servizi

Sparatoria in Texas: tra le vittime anche la ragazza che disse "no" al killer

Emergono nuovi dettagli sulla strage avvenuta nella scuola di Santa Fe venerdì mattina

C'è anche la ragazza che lo ha rifiutato, umiliandolo davanti alla classe, tra le vittime di Dimitrios Pagourtzis, il 17enne autore della strage nella scuola superiore di Santa Fe, in Texas, dove venerdì mattina hanno perso la vita dieci persone. A rivelare questi dettagli, poi riportati dal Los Angeles Times, è Sadie Rodriguez la madre della 16enne Shana Fisher che "per quattro mesi ha avuto problemi con questo ragazzo".

Tesla, Elon Musk svela nuovi dettagli della Model 3

Il visionario Ceo annuncia su Twitter le caratteristiche della versione top della gamma: "Costerà 78mila dollari con tutti gli optional e sarà più veloce di una Bmw"
Tesla

Elon Musk ha svelato su Twitter di aver aggiunto nuovi accessori alla Model 3, la berlina di Tesla pensata per il mercato di massa. Si tratta della versione di punta che costerà 78mila dollarie (con tutti gli optional) le cui modifiche la rendono "un'auto capace di muoversi rapidamente, affidabilmente, e che ha l’abilità di battere chiunque nella sua classe".

Wall Street incerta, attenzione rivolta ai colloqui sul commercio con la Cina

Prosegue il secondo round di colloqui ad alto livello tra Washington e Pechino
iStock

Stati Uniti-Cina: prove di disgelo sul fronte commerciale

Raggiunto l’accordo per tagliare il deficit commerciale americano. Pechino importerà più prodotti Made in Usa

Il pericolo di una guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, che ha rischiato di esplodere dopo le minacce di Trump delle scorse settimane di voler imporre dazi sulle importazioni, è stato definitivamente scongiurato. Le due più grandi economie mondiali, dopo giorni di intensi colloqui, hanno infatti trovato un accordo che punta a "prendere misure efficaci per ridurre in maniera sostanziale il deficit degli Usa nel commercio di merci con la Cina".

La Cina tende la mano a Trump

Pechino smentisce l'offerta per ridurre di 200 miliardi di dollari l'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti. Ha però eliminato dazi sul sorgo Usa

La Cina non ha offerto a Donald Trump una riduzione di 200 miliardi di dollari dell'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti ma ha comunque teso la mano agli Stati Uniti.

Gli Usa aprono l' ambasciata a Gerusalemme, per Israele un momento storico

Mentre israeliani e statunitensi celebrano la nuova sede, nella Striscia di Gaza si muore: almeno 52 persone sono state uccise dalle forze dello Stato ebraico. Casa Bianca: colpa di Hamas
Ap

Sessantanove anni dopo che Israele l'ha dichiarata capitale e 23 anni dopo che il Congresso statunitense ha approvato una legge per riconoscerla come tale, gli Stati Uniti hanno formalmente aperto la loro ambasciata a Gerusalemme. Mentre Usa e Israele celebravano, i soldati israeliani sparavano sulle migliaia di palestinesi che hanno protestato lungo il confine tra la Striscia di Gaza e lo stato ebraico. Almeno 52 palestinesi sono stati uccisi e - stando al ministero della Salute palestinese - oltre 1.200 sono rimasti feriti. La Casa Bianca non ha condannato l'accaduto attribuendo la colpa esclusivamente ad Hamas, l'organizzazione politica che controlla Gaza e che secondo Washington "sfrutta in modo cinico la situazione".

Melania torna a casa dopo l'intervento, Trump l’accoglie sbagliando il suo nome su Twitter

Il presidente americano la chiama Melanie. L’errore, subito corretto, non è passato inosservato agli utenti della rete

Un errore dovuto, molto probabilmente, ad una disattenzione nella digitazione. Fatto sta che il benvenuto di Donald Trump alla moglie Melania, rientrata a casa dopo il ricovero ospedaliero, è stato preda di sfottò e battute varie ai danni del presidente americano che su Twitter ha sbagliato il nome della First Lady chiamandola "Melanie".

Wall Street ritrova forza

Il rendimento del Treasury a 10 anni resta però sopra il 3%
iStock

Wall Street, attenzione a disoccupazione e Fed

Oggi il dato sui sussidi. Il Fondo monetario internazionale tiene il suo consueto briefing bisettimanale con la stampa alle 9:30 (le 15:30 in Italia)
iStock

Le bambole Bratz volevano giocare con le Barbie ma non ci sono riuscite. Il gruppo MGA Entertainment puntava a fondersi con il rivale Mattel e mettere al vertice dell'azienda combinata Isaac Larian, l'uomo dietro alle Bratz, ma Mattel ha respinto la proposta. E' il Wall Street Journal a riferirlo dopo avere ottenuto documenti che dimostrano come Larian abbia fatto la sua proposta in una lettera datata 25 aprile. Mattel ha risposto dicendo che l'offerta non era nel migliore interesse dei suoi soci.