Donald Trump: una minaccia per il commercio italiano del ‘bello e ben fatto’ negli Usa?

A discuterne dai microfoni di America24 è Michael Froman, rappresentante Usa per il commercio durante l’amministrazione Obama. Il 44esimo presidente arriva a Milano nei panni del 'turista' per partecipare al convegno Seeds&Chips
A24

E’ un Barack Obama nei panni del ‘turista’ quello visto ieri a Milano, dove l’ex presidente americano è atterrato per partecipare come ospite d’onore al Seeds&Chips, il vertice internazionale che promuove l’innovazione alimentare. Obama ha visitato il Duomo e la Pinacoteca Ambrosiana, mentre oggi riceverà le chiavi della città dal sindaco di Milano, Giuseppe Sala. Nella serata di ieri l’ex Commander in Chief ha anche partecipato ad una cena all’ispi, l'Istituto Superiore di Politica Internazionale, dove ha cercato di rassicurare sul nuovo corso della Casa Bianca: il sistema dei check and balances funziona, ha detto, le iniziative più azzardate di Trump non sono solo sotto controllo, ma verranno scontate con le elezioni di metà mandato del 2018.

ASCOLTA IL PODCAST DELLA PUNTATA

Sul fronte commerciale, dove negli ultimi mesi si sono rincorse le preoccupazioni per una svolta in senso protezionista degli Usa, Obama ha invece sorvolato. A fare maggior chiarezza in un’intervista con America24 è Michael Froman, rappresentante Usa per il commercio proprio durante l’amministrazione Obama. Froman ha negoziato l’accordo di libero scambio del Tpp e del Ttip, rispettivamente per l’area pacifica e per quella atlantica, e oggi è forse la persona più autorevole in materia di commercio. “L'Italia ha un grosso surplus commerciale con gli Stati Uniti: 28 miliardi di dollari. Questo dato - avverte Froman - sta diventando un problema con questa amministrazione”. Ad essere coinvolto potrebbe essere uno dei settori su cui l’Italia ha costruito la propria eccellenza nel mondo, quello del ‘bello e ben fatto’; se Trump dovesse davvero decidere di adottare delle politiche protezioniste l’economia italiana potrebbe infatti subire un danno di 1,4 miliardi di dollari in dieci anni.

Più in generale, i punti di attrito tra gli Usa ed Europa sono però emersi anche con l’amministrazione Obama, che sulla volontà di difendere gli interessi americani in materia di commercio si è dimostrata altrettanto determinata. E’ questo ad esempio il caso delle cos" dette ‘carni agli ormoni’, su cui l’Europa ha perso la causa al Wto. Proprio su questo fronte, dove Trump si è di fatto inserito nel seminato di Obama, potrebbero ora esserci delle ripercussioni. “L’Europa di fatto non ha mai modificato le sue pratiche illegali - spiega ancora Froman - e noi abbiamo deciso di passare alle sanzioni. Nessuno ovviamente vuole andare fino in fondo, ma speriamo che queste minacce possano essere sufficienti per riportare l’Unione Europea al tavolo delle trattative”. Il rischio di azioni unilaterali di questo tipo dunque esiste, e le conseguenze secondo l’ex rappresentante commerciale Usa potrebbero ripercuotersi su larga scala: “ Se si impongono delle tariffe si rischia di spingere gli altri paesi a vendicarsi o, ancora peggio, a imitarti. Ed è proprio questo il rischio principale”.

Guardando al futuro Froman si augura tuttavia che le relazioni commerciali fra le due sponde dell’atlantico possano essere improntate al dialogo piuttosto che allo scontro. “Mi auguro che l' amministrazione Trump decida di impegnarsi sulle trattative per un trattato commerciale con l’Europa, anche mentre questa si confronta con Brexit. Non sono due evoluzioni che si escludono a vicenda; si possono perseguire entrambe, allo stesso tempo”.


Canzone del giorno: Barrett Strong - Money (That's What I Want)

Altri Servizi

Tesla: cda forma comitato speciale per valutare il delisting sognato da Musk

Nelle mani di tre persone la decisione sul buyout

Il consiglio di amministrazione di Tesla ha confermato di avere formato un comitato speciale per valutare il desiderio del Ceo Elon Musk di delistare il gruppo. Il comitato - composto da tre direttori indipendenti - "non ha ancora ricevuto una proposta formale da parte di Musk" né "ha raggiunto una conclusione sulla fattibilità della transazione".

La stampa Usa unita per dire a Trump che non è "nemica del popolo"

Su iniziativa del Boston Globe, almeno 100 organizzazioni il 16 agosto pubblicheranno editoriali per criticare la retorica del presidente Usa. Il 43% degli elettori Gop darebbe a Trump il potere di chiudere giornali "cattivi"
Ap

Ripetutamente attaccata da Donald Trump come fonte di "fake news" e considerata sin dal suo primo giorno alla Casa Bianca una "nemica della gente", la stampa americana si prepara a unire le forze in un'operazione contro il presidente americano.

I gruppi di private equity si danno ai prestiti

A fine 2017 avevano concesso oltre 500 milioni di dollari ad aziende di medie dimensioni, contro i 300 milioni del 2012

Noti per essere proprietari di aziende, i gruppi di private equity stanno sempre più diventando anche i loro principali creditori. Sono disposti a concedere prestiti laddove le banche non lo farebbero un po' per via di regolazioni più stringenti e un po' per evitare i passi falsi passati.

Coca-Cola sfida PepsiCo investendo in start-up appoggiata da Kobe Bryant

Si chiama BodyArmor e produce bevande sportive che sfidano Gatorade e Powerade

Cooperare o morire. Facebook smentisce minaccia fatta agli editori

A darne notizia è The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch. Il social network non più interessato a inviare traffico ai gruppi media

L'ambasciatrice Mariangela Zappia debutta all'Onu, vede Guterres

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso il palazzo di vetro ha presentato le sue credenziali. I temi prioritari per il nostro Paese: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni

La Fed avverte Trump: i dazi faranno calare le esportazioni americane

Con essi il presidente Usa vuole ridurre il deficit commerciale della nazione, che però non migliorerà
iStock