Dopo aver rovinato Gawker Media, Thiel potrebbe provare a comprare il suo sito

Il miliardario aveva finanziato la causa di Hulk Hogan contro la società, costretta a un megarisarcimento e quindi a chiedere l'amministrazione controllata. Tutti gli asset sono stati venduti, tranne il sito
AP

Peter Thiel, l'investitore miliardario della Silicon Valley che ha finanziato la causa dell'ex wrestler Hulk Hogan che ha rovinato Gawker Media, costretta a un risarcimento da 140 milioni di dollari e finita in amministrazione controllata, potrebbe cercare di acquistare il sito della società, chiuso nell'agosto dello scorso anno.

Thiel, 50 anni, fondatore di PayPal e membro del consiglio di amministrazione di Facebook, unico repubblicano della Silicon Valley, sta cercando di fermare il processo di vendita del sito web, perché sarebbe stato escluso ingiustamente, secondo i documenti giudiziari ottenuti da BuzzFeed. L'acquirente di Gawker.com (il resto di Gawker Media è stato acquistato da Univision per 135 milioni) avrà il totale controllo del suo archivio, potendo per esempio cancellare vecchi articoli.

Dopo il risarcimento a Hogan deciso dal tribunale, Gawker Media era finita in amministrazione controllata. L'ex wrestler aveva fatto causa al sito per violazione della privacy, visto che aveva pubblicato un video di anni prima in cui lui faceva sesso con la moglie di un suo amico. Gawker, fondato nel 2002 dal giornalista britannico Nick Denton, era diventato uno dei nomi più noti del giornalismo online, anche grazie a uno stile aggressivo e sensazionalistico, simile a quello dei tabloid. Thiel decise di aiutare Hogan perché il sito di Gawker era sempre stato critico nei confronti delle sue attività e, nel 2007, aveva anche rivelato la sua omosessualità. L'investitore, al 315esimo posto della classifica Forbes 400 del 2017 con un patrimonio netto di 2,6 miliardi di dollari, spiegò che Gawker "aveva rovinato le vite delle persone senza motivo. Non è vendetta, direi più una specifica deterrenza".

Altri Servizi

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock

I politici iracheni, ancora incapaci di formare un nuovo governo dopo le elezioni di maggio, hanno davanti un problema ancora più pressante: persuadere il presidente statunitense, Donald Trump, a concedere l'esenzione dal rispetto delle sanzioni contro l'Iran, perché in caso contrario Baghdad dovrebbe rinunciare - per non essere sanzionata da Washington - al 40% della sua energia elettrica, già insufficiente a soddisfare la domanda, perché dipendente dal gas iraniano.

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare la prossima settimana

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Cresce la fiducia nell'economia in Usa, forte pessimismo in Italia. In Europa, prevale la nostalgia per il passato

Sono i dati dell'ultimo studio del Pew Research Center, a dieci anni da quella che Bernanke ha definito "la peggiore crisi della Storia"
Ap

Dazi, la Cina cancella la ripresa dei negoziati commerciali con gli Usa

Washington e Pechino continuano a fronteggiarsi a colpi di imposte, ma la Cina "ha finito i proiettili". Colpire le aziende statunitensi nel Paese sarebbe un rischio troppo grande per la Repubblica popolare, che tiene aperta la porta a futuri colloqui
Ap

Ciberspazio, la strategia all'attacco di Trump promossa (con riserva) dagli esperti

In attesa dei dettagli, il documento sembra prendere ampiamente spunto dalle raccomandazioni dell'amministrazione Obama. Non a caso, due alti responsabili della cibersicurezza con il precedente presidente hanno dato la loro approvazione
Ap

Trump mette in dubbio le accuse di Ford, difende Kavanaugh e attacca la sinistra

Il presidente statunitense, piuttosto moderato nei commenti degli ultimi giorni, è 'esploso' venerdì mattina per difendere il giudice che ha nominato alla Corte Suprema
Ap

Wall Street: nel giorno delle "quattro streghe" solo il Dow da record

Scaduti future e opzioni. Per gli indici S&P, la maggiore riclassificazione dal 1999. Fed verso il terzo rialzo dei tassi del 2018. Nafta in bilico
AP

Airbnb sogna di premiare padroni di casa migliori con titoli del gruppo

Chiede all'autorità di borsa Usa un cambiamento delle regole sullo stock-sharing

Wall Street, i dazi non fanno paura

Record di S&P e Dow nonostante le tensioni tra Usa e Cina
iStock