Dopo aver rovinato Gawker Media, Thiel potrebbe provare a comprare il suo sito

Il miliardario aveva finanziato la causa di Hulk Hogan contro la società, costretta a un megarisarcimento e quindi a chiedere l'amministrazione controllata. Tutti gli asset sono stati venduti, tranne il sito
AP

Peter Thiel, l'investitore miliardario della Silicon Valley che ha finanziato la causa dell'ex wrestler Hulk Hogan che ha rovinato Gawker Media, costretta a un risarcimento da 140 milioni di dollari e finita in amministrazione controllata, potrebbe cercare di acquistare il sito della società, chiuso nell'agosto dello scorso anno.

Thiel, 50 anni, fondatore di PayPal e membro del consiglio di amministrazione di Facebook, unico repubblicano della Silicon Valley, sta cercando di fermare il processo di vendita del sito web, perché sarebbe stato escluso ingiustamente, secondo i documenti giudiziari ottenuti da BuzzFeed. L'acquirente di Gawker.com (il resto di Gawker Media è stato acquistato da Univision per 135 milioni) avrà il totale controllo del suo archivio, potendo per esempio cancellare vecchi articoli.

Dopo il risarcimento a Hogan deciso dal tribunale, Gawker Media era finita in amministrazione controllata. L'ex wrestler aveva fatto causa al sito per violazione della privacy, visto che aveva pubblicato un video di anni prima in cui lui faceva sesso con la moglie di un suo amico. Gawker, fondato nel 2002 dal giornalista britannico Nick Denton, era diventato uno dei nomi più noti del giornalismo online, anche grazie a uno stile aggressivo e sensazionalistico, simile a quello dei tabloid. Thiel decise di aiutare Hogan perché il sito di Gawker era sempre stato critico nei confronti delle sue attività e, nel 2007, aveva anche rivelato la sua omosessualità. L'investitore, al 315esimo posto della classifica Forbes 400 del 2017 con un patrimonio netto di 2,6 miliardi di dollari, spiegò che Gawker "aveva rovinato le vite delle persone senza motivo. Non è vendetta, direi più una specifica deterrenza".

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta agli Spring Meetings dell'Fmi

Tra i dati in programma oggi, le richieste dei sussidi di disoccupazione
iStock

Alcoa si aspetta un deficit nel 2018 di alluminio, su cui l'amministrazione Trump ha imposto dazi. Il gruppo ieri ha fornito una indicazione della conseguente domanda attesa in aumento con la pubblicazione della sua trimestrale.

Amazon: oltre 100 milioni di persone pagano per Prime, oltre le stime

Lo ha svelato il Ceo Bezos nella lettera ai soci. 2017 anno record in termini di vendite di hardware del gruppo come le casse Echo e i tablet Kindle
Amazon

Per la prima volta, il Ceo di Amazon ha fornito un'indicazione numerica del numero di persone che pagano per godere del servizio Prime, che negli Stati Uniti costa 99 dollari l'anno e prevede consegne gratuite illimitate entro due giorni da un ordine oltre a - tra le altre cose - accesso a musica e video.

Dopo avere archiviato l'ultimo trimestre del 2017 in perdita, il primo in rosso in un quarto di secolo, America Express è tornata a generare utili.

La conferma di Pompeo a segretario di Stato Usa a rischio in Senato

Al direttore della Cia servirà il voto di almeno un democratico. La sua visita in Corea del Nord un ulteriore ostacolo verso il voto
Ap

La conferma del direttore della Cia, Mike Pompeo, come nuovo segretario di Stato non è scontata, al Senato statunitense. Nessun democratico ha finora dichiarato di sostenerlo e, con il repubblicano Rand Paul contrario e il collega John McCain tornato in Arizona per portare avanti la sua difficile battaglia contro il cancro, al Grand Old Party servirebbe il voto di un democratico, nel caso gli altri 49 repubblicani in Senato si schierassero con l'uomo scelto dal presidente Donald Trump per prendere il posto di Rex Tillerson.

Trump e Abe uniti sulla Corea del Nord ma non sul commercio

Il presidente americano lascia i dazi su acciaio e alluminio giapponesi e resta contrario alla Tpp, a meno che non gli sia proposto un accordo "che non posso rifiutare". Lui preferisce intese bilaterali
AP

Uniti in favore della denuclearizzazione della Corea del Nord. Divisi, ma in modo apparentemente amichevole, sul commercio. E' terminato così il summit in Florida tra il presidente americano Donald Trump e il premier giapponese Shinzo Abe.

Fmi: Gaspar, ecco come l'Italia deve gestire entrate e spesa pubblica

Ridurre cuneo fiscale e sgravi, alzare l'Iva, riformare il catasto, contenere la spesa pensionistica e migliorare l'efficienza di quella sanitaria

Mentre l'Italia è alle prese con la formazione del prossimo governo, da Washington arrivano suggerimenti su come gestire al meglio i conti pubblici e fare imboccare al debito una strada esclusivamente in discesa. E' il Fondo monetario internazionale a fornire quella che negli Stati Uniti chiamano 'to-do list', la lista delle cose da fare. Ad averla descritta è Vitor Gaspar, direttore del dipartimento degli Affari fiscali dell'istituto guidato da Christine Lagarde.

Le aziende Usa alle Fed: i dazi di Trump preoccupano

Balzo notevole dei prezzi dell'acciaio. Per alcuni le tariffe "stanno uccidendo" aziende e posti di lavoro

Saranno anche "in generale ottimiste" sull'outlook americano, ma le aziende americane sembrano temere l'effetto negativo dato dai dazi che l'amministrazione Trump ha introdotto (su pannelli solari, lavatrici, acciaio e alluminio) o che si prepara a fare scattare su una vasta gamma di prodotti Made in China. E' quanto emerge dal Beige Book della Federal Reserve, in base al quale l'economia statunitense ha continuato a espandersi a un passo tra il "modesto" e il "moderato" tra marzo e l'inizio di aprile.

Trump non ha una strategia in Siria. E il Congresso è diviso su come agire

Lascia aperta la possibilità di un nuovo attacco, ma in realtà i generali sono molto preoccupati per l'assenza di un disegno nella regione
AP

Il presidente americano Donald Trump ha commentato i bombardamenti contro il regime di Bashar al Assad come una "missione compiuta". Nonostante questo ha lasciato aperta la possibilità di nuovi attacchi nelle prossime settimane, se Damasco dovesse continuare a usare armi chimiche.

Fmi lancia allarme: debito globale oltre il record del 2009, Cina fa da capofila

Nelle economie avanzate è ai massimi dalla Seconda guerra mondiale. In quelle emergenti è al top degli anni '80