Dopo Gm e Ford, Trump contro Toyota (e il Messico)

Il presidente eletto minaccia il gruppo giapponese: produca in Usa o pagherà alti dazi doganali. L'azienda risponde: occupazione Usa salva con nuova fabbrica in Messico (annunciata nell'aprile 2015)

Toyota va ad aggiungersi all'elenco di gruppi automobilistici presi di mira da Donald Trump. Dopo avere attaccato General Motors e Ford, il presidente eletto indirizza un tweet all'azienda giapponese: "Toyota Motor dice che costruirà una nuova fabbrica a Baja, Messico, per produrre auto Corolla per gli Usa. Niente affatto. Costruisca la fabbrica in Usa o paghi alti dazi doganali".

Toyota possiede uno stabilimento a Baja, dove produce pickup truck e dove intende aumentare la capacità produttiva di 60.000 veicoli entro il 2017. Nel 2015 il gruppo aveva annunciato piani per spendere un miliardo di dollari in una nuova fabbrica a Guanajuato, Stato centrale del Messico, per realizzare auto a marchio Corolla dal 2019. La vettura in questione è la seconda meglio venduta in Usa e attualmente è prodotta nello Stato americano del Mississippi e in Ontario (Canada).

Il gruppo giapponese ha in Nord America 14 fabbriche di cui 10 in Usa, tre in Canada e solo una in Messico. Nel 2015 ha prodotto oltre 2 milioni di veicoli in questa regione di cui 1,3 milioni in Usa. Nello stesso anno la produzione messica è stata pari a solo 82.328 Tacoma. E in Usa ha importato dal Messico solo 47.000 vetture, molto meno delle 438 mila di Gm, delle 368mila di Fca, delle 361mila di Renault, delle 334 mila di Ford e delle 192mila di Volkswagen.

La risposta di Toyota
Toyota ha risposto a Donald Trump, il presidente eletto che ha preso di mira il gruppo giapponese produttore di auto intenzionato a costruire una nuova fabbrica in Messico dove costruire l'auto Corolla; il successore di Barack Obama ha minacciato dazi doganali alti per l'importazione della vettura in Usa.

"Toyota è parte del tessuto imprenditoriale americano da quasi 60 anni", ha risposto l'azienda dicendo che "il volume di produzione o l'occupazione in Usa non caleranno come risultato del nuovo impianto a Guanajuato, Messico, annunciato nell'aprile 2015" e che andrà ad aggiungersi all'unico esistente nella nazione dell'America centrale.

Il gruppo si è detto "impaziente di collaborare con l'amministrazione Trump nel migliore interesse dei consumatori e del settore automobilistico".

Il caso Gm
E' la stessa minaccia che il successore di Barack Obama aveva paventato per Gm lo scorso tre gennaio, quando scrisse su Twitter che avrebbe imposto una "tassa doganale alta" sulle Chevy Cruze importate in Usa dal Messico. Gm aveva risposto dicendo che "tutte le berline Chevrolet Cruze vendute negli Stati Uniti sono prodotte nello stabilimento di Lordstown, in Ohio", mentre in Messico sono costruiti modelli per il mercato globale e solo "una piccola parte è venduta negli Stati Uniti".

Il caso Ford
Nello stesso giorno Ford - pur lasciando intatto il piano di trasferire in Messico la produzione della Focus senza alcuna perdita di occupazione in Usa - aveva fatto saltare il piano di costruire una fabbrica in Messico che implicava un investimento di 1,6 miliardi di dollari. Il gruppo guidato da Mark Fields aveva scelto di investire 700 milioni di dollari in una fabbrica del Michigan (Usa) dove verranno creati 700 posti di lavoro nuovi.

Altri Servizi

Wall Street ignora il rischio shutdown

Ieri chiusure in calo, ma Dow Jones oltre 26.000 punti
AP

Wall Street si allontana dai record

Morgan Stanley ha battuto le stime con la sua trimestrale. A mercati chiusi i conti di American Express e Ibm
AP

Usa rischiano lo shutdown: cosa è e cosa comporta

Per la prima volta dall'ottobre 2013, il governo federale potrebbe subire una paralisi

Per la prima volta dall'ottobre 2013, quando il presidente era Barack Obama, il governo federale degli Stati Uniti potrebbe subire una paralisi. Per trovare una soluzione c'è tempo fino alla mezzanotte del 19 gennaio 2018 di Washington, le sei del mattino di sabato 20 gennaio in Italia. Come successo oltre quattro anni fa, il cosiddetto "shutdown" vede repubblicani e democratici scontrarsi sulla legislazione che va approvata per continuare a finanziare le attività del governo.

AmEx chiude trimestre in perdita, prima volta da un quarto di secolo. Pesa riforma fiscale Usa

Colpo da 2,6 miliardi di dollari. Il gruppo si aspetta dal provvedimento benefici nel lungo termine. Nel frattempo però sospenderà il programma di buyback. Salvi i dividendi

Per la prima volta in un quarto di secolo, American Express ha chiuso un trimestre in perdita. Non solo. Il gruppo di carte di credito ha detto che sospenderà il suo programma di riacquisto di azioni proprie nella prima metà del 2018 per ricostituire i propri livelli di capitale, intaccati da oneri per 2,6 miliardi di dollari dovuti alla riforma fiscale Usa approvata prima di Natale. AmEx ha spiegato che i dividendi trimestrali resteranno invece invariati.

Trump: sul muro non è cambiato nulla, lo pagherà il Messico

Il presidente replica a un articolo del New York Times, secondo cui il capo di gabinetto, John Kelly, avrebbe detto a un gruppo di democratici di averlo convinto che la barriera non è necessaria
Ap

"Il muro è il muro, non è mai cambiato dal primo giorno in cui l'ho concepito" e "sarà pagato, direttamente o indirettamente, dal Messico". Lo ha assicurato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tornando a parlare, su Twitter, della barriera al confine tra i due Paesi.

Un avvocato di Trump: "Il presidente è molto impaziente di parlare con Mueller"

Il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni potrebbe presto ascoltare il capo di Stato

Un avvocato di Donald Trump ha detto che il presidente degli Stati Uniti è "molto impaziente" di sedersi a parlare con il procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni.

Interferenza russa nel referendum su Brexit? Facebook amplia l'inchiesta

Il social network risponde al pressing dei legislatori britannici. Il gruppo aveva scoperto solo una minima attività riconducibile a Mosca

Facebook sta ampliando la sua inchiesta volta a capire se la Russia ha interferito nel referendum con cui nel giugno 2016 i cittadini britannici hanno scelto l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea. Lo ha detto ieri il social network, che in una precedente indagine aveva scoperto soltanto un'attività minima da parte di Mosca.

Russiagate: accordo con Mueller, Bannon evita il gran giurì

L'ex stratega della Casa Bianca risponderà alle domande del procuratore speciale sulle interferenze russe nelle elezioni

Steve Bannon avrebbe raggiunto un accordo con Robert Mueller per evitare di testimoniare davanti al gran giurì istituito per l'inchiesta sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi. Lo riporta la Cnn.

Il Congresso Usa approva il rinnovo di un programma di sorveglianza, sconfitta la privacy

Dopo il voto della Camera, è arrivato quello del Senato. La sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act rinnovata per sei anni. Attesa la firma di Trump

Il Senato statunitense ha approvato (con 65 voti a favore e 34 contro) il rinnovo per sei anni della sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act, che permette alle agenzie di spionaggio di obbligare le aziende statunitensi, come Google e AT&T, a consentire l'accesso illimitato e senza mandato alle e-mail e ad altre comunicazioni di stranieri all'estero, anche quando comunicano con cittadini statunitensi che si trovano in patria. Si tratta di una sconfitta per le associazioni che si battono per la difesa della privacy. Il provvedimento, approvato dalla Camera la scorsa settimana, dovrebbe essere firmato domani dal presidente Donald Trump.

Il capo, il fidanzato e l'Fbi: Simona Mangiante, l'italiana finita nel Russiagate

L'avvocata di diritto internazionale sta con Papadopoulos, ex consigliere di Trump, e ha lavorato per Mifsud, misterioso professore maltese finito al centro delle indagini di Mueller

C'è un uomo misterioso emerso come figura centrale nelle indagini di Robert Mueller, il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle ultime elezioni presidenziali statunitensi: Joseph Mifsud, un professore maltese che avrebbe fatto da intermediario tra George Papadopoulos, ex consigliere di Donald Trump per la politica estera durante la campagna elettorale, e alcuni funzionari russi, promettendo allo statunitense informazioni compromettenti sulla candidata democratica, Hillary Clinton. Per Mifsud ha lavorato Simona Mangiante, fidanzata di Papadopoulos. Su queste tre figure si concentra un articolo del Guardian.