Dopo Gm e Ford, Trump contro Toyota (e il Messico)

Il presidente eletto minaccia il gruppo giapponese: produca in Usa o pagherà alti dazi doganali. L'azienda risponde: occupazione Usa salva con nuova fabbrica in Messico (annunciata nell'aprile 2015)

Toyota va ad aggiungersi all'elenco di gruppi automobilistici presi di mira da Donald Trump. Dopo avere attaccato General Motors e Ford, il presidente eletto indirizza un tweet all'azienda giapponese: "Toyota Motor dice che costruirà una nuova fabbrica a Baja, Messico, per produrre auto Corolla per gli Usa. Niente affatto. Costruisca la fabbrica in Usa o paghi alti dazi doganali".

Toyota possiede uno stabilimento a Baja, dove produce pickup truck e dove intende aumentare la capacità produttiva di 60.000 veicoli entro il 2017. Nel 2015 il gruppo aveva annunciato piani per spendere un miliardo di dollari in una nuova fabbrica a Guanajuato, Stato centrale del Messico, per realizzare auto a marchio Corolla dal 2019. La vettura in questione è la seconda meglio venduta in Usa e attualmente è prodotta nello Stato americano del Mississippi e in Ontario (Canada).

Il gruppo giapponese ha in Nord America 14 fabbriche di cui 10 in Usa, tre in Canada e solo una in Messico. Nel 2015 ha prodotto oltre 2 milioni di veicoli in questa regione di cui 1,3 milioni in Usa. Nello stesso anno la produzione messica è stata pari a solo 82.328 Tacoma. E in Usa ha importato dal Messico solo 47.000 vetture, molto meno delle 438 mila di Gm, delle 368mila di Fca, delle 361mila di Renault, delle 334 mila di Ford e delle 192mila di Volkswagen.

La risposta di Toyota
Toyota ha risposto a Donald Trump, il presidente eletto che ha preso di mira il gruppo giapponese produttore di auto intenzionato a costruire una nuova fabbrica in Messico dove costruire l'auto Corolla; il successore di Barack Obama ha minacciato dazi doganali alti per l'importazione della vettura in Usa.

"Toyota è parte del tessuto imprenditoriale americano da quasi 60 anni", ha risposto l'azienda dicendo che "il volume di produzione o l'occupazione in Usa non caleranno come risultato del nuovo impianto a Guanajuato, Messico, annunciato nell'aprile 2015" e che andrà ad aggiungersi all'unico esistente nella nazione dell'America centrale.

Il gruppo si è detto "impaziente di collaborare con l'amministrazione Trump nel migliore interesse dei consumatori e del settore automobilistico".

Il caso Gm
E' la stessa minaccia che il successore di Barack Obama aveva paventato per Gm lo scorso tre gennaio, quando scrisse su Twitter che avrebbe imposto una "tassa doganale alta" sulle Chevy Cruze importate in Usa dal Messico. Gm aveva risposto dicendo che "tutte le berline Chevrolet Cruze vendute negli Stati Uniti sono prodotte nello stabilimento di Lordstown, in Ohio", mentre in Messico sono costruiti modelli per il mercato globale e solo "una piccola parte è venduta negli Stati Uniti".

Il caso Ford
Nello stesso giorno Ford - pur lasciando intatto il piano di trasferire in Messico la produzione della Focus senza alcuna perdita di occupazione in Usa - aveva fatto saltare il piano di costruire una fabbrica in Messico che implicava un investimento di 1,6 miliardi di dollari. Il gruppo guidato da Mark Fields aveva scelto di investire 700 milioni di dollari in una fabbrica del Michigan (Usa) dove verranno creati 700 posti di lavoro nuovi.

Altri Servizi

Trump: "Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non cattiva"

Al via il vertice con Putin a Helsinki. Il presidente russo: "È ora di affrontare i punti dolenti"
Ap

"Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non una cosa cattiva". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante il saluto ufficiale con l'omologo russo, Vladimir Putin, all'interno del palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Il presidente statunitense, che so è congratulato con Putin "per il Mondiale davvero grandioso", ha detto che con il leader russo affronterà la questione nucleare. "Siamo le due più grandi potenze nucleari. Abbiamo il 90% del nucleare e questa è una cosa negativa, non positiva. Spero che potremo fare qualcosa al riguardo" ha aggiunto Trump.

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

La settimana americana (ovvero, Trump incontra Putin)

Lunedì sarà il giorno dei giorni. Il presidente americano incontra quello russo. Poi è tutto in discesa, con tantissime trimestrali a Wall Street, la Fed e Facebook al Congresso
AP

Lunedì sarà il giorno più atteso degli ultimi mesi per la politica internazionale. Donald Trump incontra Vladimir Putin a Helsinki, in Finlandia. La Casa Bianca ha detto che i due presidenti discuteranno di Medio Oriente, Ucraina e di interferenze russe nelle elezioni americane del 2016. Uno dei punti fondamentali è l'annessione russa della Crimea, che gli Stati Uniti non hanno riconosciuto e su cui Trump ha lasciato una apertura: "Vedremo". Tra l'arto, il presidente Usa insiste nel voler affrontare parte del colloquio da solo con Putin, cosa che sta preoccupando molto l'amministrazione Usa, visto che Putin è un ex agende del Kgb, con decenni di formazione alle spalle. 

L'ultimo Blockbuster d'America

Si trova a 120 chilometri da Portland, in Oregon. Tra poco - quando chiuderanno i due negozi dell'Alaska - rimarrà solo.

Il negozio Blockbuster a Bend, in Oregon, ha una strategia chiara: vuole resistere e fare da argine all'espansione dei servizi di streaming digitale come Netflix e HBO, che permettono ai clienti di non alzarsi dal divano per vedere un film. Ma è rimasto solo.

Vertice Nato, Trump: sull’energia la Germania è “prigioniera” della Russia. Poi assicura: "Rapporto eccezionale" con Berlino

Bilaterale tra il presidente Usa e la cancelliera tedesca, Angela Merkel, per provare a dissipare le tensioni
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha assicurato di avere "dei rapporti molto buoni" con la cancelliera tedesca, Angela Merkel, durante il summit della Nato, a Bruxelles. Trump aveva attaccato la Germania, questa mattina, affermando che Berlino "è prigioniera" della Russia e non contribuisce sufficientemente agli sforzi militari della Nato. Merkel aveva risposto che la Germania prende le sue decisioni in modo "indipendente".

Sanzioni all'Iran, gli Usa non concederanno esenzioni alle società europee

Washington respinge la richiesta di Regno Unito, Francia e Germania. "Faremo una pressione finanziaria senza precedenti sul regime iraniano"

Gli Stati Uniti hanno respinto l'appello di Regno Unito, Francia e Germania, che chiedevano ampie esenzioni alle aziende europee per fare affari con l'Iran, e andranno avanti con la loro volontà di imporre sanzioni per esercitare pressioni economiche "senza precedenti" sul regime di Teheran. Lo hanno detto funzionari statunitensi ed europei a Nbc News.

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

Microsoft chiede la Congresso di regolare il riconoscimento facciale

In un post sul blog del colosso, il presidente Brad Smith chiede un intervento della politica
AP

Microsoft vuole che il governo degli Stati Uniti inizi a pensare a quali limiti dovrebbero essere impostati sull'uso della tecnologia di riconoscimento facciale. In un post sul suo blog,  Microsoft ha anche affermato di essere in contatto con gruppi esterni per definire le proprie politiche su come utilizzerà e venderà questa tecnologia.

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock