Dopo la Corea del Nord Trump minaccia anche il Venezuela

Il presidente americano dice di valutare una opzione militare anche per il Paese e rifiuta la telefonata del presidente venezuelano Nicolas Maduro

Dopo aver minacciato più volte la Corea del Nord, adesso il presidente americano, Donald Trump, ha avvertito che anche per il Venezuela sta valutando una opzione militare. Tuttavia ha fornito pochi dettagli sulle sue intenzioni nel corso di una conferenza stampa dal suo campo da golf a Bedminster, New Jersey, dove sta trascorrendo le vacanze estive. "Non ho intenzione di escludere un'opzione militare", ha detto Trump ai giornalisti. Il Venezuela è un casino", ha poi aggiunto ricordando che il suo governo ha "molte opzioni per il Venezuela, tra cui una possibile opzione militare, se necessario".

Le osservazioni di Trump arrivano a un giorno dal discorso del presidente venezuelano, Nicolás Maduro, che ha affermato davanti alla nuova assemblea costituente di voler discutere con Trump al telefono o incontrarlo quando il mese prossimo sarà a New York per l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite. "Se lui è cos" interessato al Venezuela, sono qui", ha detto Maduro: "Signor Donald Trump, ecco la mia mano".

Ma Maduro ha anche ricordato che Trump è il leader di un "potere imperiale", una minaccia all'ordine globale. "Con Donald Trump, una classe pericolosa di lobbisti, multimilionari e estremisti di destra raggiunto la presidenza, catturando tutte le posizioni di potere nel governo", ha detto Maduro. "Oggi stanno minacciando la pace nel mondo".

Venerdì invece il ministro dell'informazione del Venezuela, Ernesto Villegas, ha scritto su Twitter che i commenti di Trump sono "la minaccia più grave e insolente mai fatta contro la patria di Bolivar", riferendosi all'eroe che ha portato all'indipendenza del paese.

Trump non vuole parlare con Maduro. Un portavoce del Pentagono ha detto che il Dipartimento della Difesa non ha ricevuto ordini dalla Casa Bianca per quanto riguarda il Venezuela. La Casa Bianca in un comunicato ha poi affermato che Maduro, prima della conferenza stampa di Trump, ha chiesto una discussione telefonica con il presidente Usa, ma Trump ha rifiutato la richiesta. Per declinare l'invito Trump ha citato alcuni passaggi del discorso in cui Maduro definiva gli Stati Uniti come "la via della dittatura".

"Gli Stati Uniti sono con il popolo del Venezuela, in questa continua oppressione del regime di Maduro. Il presidente Trump sarà lieto di parlare con il leader del Venezuela non appena la democrazia sarà ripristinata in quel paese ", ha dichiarato la Casa Bianca nella nota.

La crisi in Venezuela. Il Venezuela continua ad affrontare un periodo molto difficile sia da punto di vista economico che da quello politico. Negli ultimi quattro mesi sono state uccise 120 persone nel corso delle proteste anti-governative, secondo Luisa Ortega, procuratore generale del paese che è stata licenziato a causa della sua opposizione a Maduro.

Maduro sta consolidando il potere a Caracas con metodi ritenuti dittatoriali dai funzionari americani e il suo atteggiamento ha portato a sanzioni molto severe contro il suo regime.

Altri Servizi

Amministrazione Trump contro Fmi: vuole che riforma fiscale fallisca

L'istituto di Washington aspetta dettagli sulla legislazione ma avverte: non aumenti il deficit. Le probabilità che un taglio alle tasse si finanzi da solo è bassa
AP

Washington - L'amministrazione Trump ha apertamente attaccato il Fondo monetario internazionale, accusandolo di volere un fallimento della riforma fiscale che il presidente americano vorrebbe portare a casa entro fine anno; per lui, sarebbe la prima vittoria legislativa da quando mise piede alla Casa Bianca dal 20 gennaio scorso.

G7: Mustier (Unicredit) a incontro centrato su cybersicurezza finanziaria

Dialogo tra settore pubblico e privato per capire le sfide e definire le soluzioni. Non è emerso un senso di urgenza nonostante i casi in Usa contro Equifax, Sec e Deloitte

Washington - Jean Pierre Mustier, Ceo di Unicredit, ha partecipato nel pomeriggio americano del 12 ottobre a una riunione del G7 che si è occupata anche di cybersicurezza nel settore finanziario. L'amministratore delegato è stato uno dei rappresentanti del settore privato, uno per nazione, che sono stati invitati a partecipare all'incontro organizzato a Washington a margine dei lavori autunnali del Fondo monetario internazionale.

G20: Schaeuble con Padoan, vietato compiacersi

Alla riunione di Washington, non si è discusso di commercio nonostante i negoziati sul Nafta e quelli legati alla Brexit

L'ultimo G20 presieduto dalla Germania ha ignorato il tema del commercio nonostante i negoziati in corso sul Nafta e sulla Brexit. Dalla riunione dei ministri delle Finanze e dei governatori delle bance centrali delle principali economie al mondo è invece stato lanciato un messaggio che ricalca esattamente quello del Fondo monetario internazionale: è vietato compiacersi di fronte a una ripresa dell'economia globale forte e generalizzata come non succedeva da un decennio.

Bank of America: utile sale e batte le stime, ma fatturato delude con il trading

Nel terzo trimestre Bank of America ha visto salire l'utile netto del 13%, mentre il fatturato è salito dell'1%, battendo le stime degli analisti, nonostante le difficoltà delle attività di trading.
AP

Nel terzo trimestre Bank of America ha visto salire l'utile netto del 13%, mentre il fatturato è salito dell'1%, battendo le stime degli analisti, nonostante le difficoltà delle attività di trading. 

Wall Street, occhi su trimestrali e Fmi

Attesi i conti di Wells Fargo e Bank of America
AP

Cottarelli (Fmi): riduzione Npl in Italia procede a "velocità adeguata"

Intervista all'uscente direttore esecutivo per il nostro Paese al Fondo, che si schiera dalla parte delle autorità italiane e contro la Bce. "Positiva" la ripresa dell'economia

I non-perfoming loan (Npl) delle banche italiane si stanno riducendo a una “velocità adeguata” che non giustifica l'urgenza sollevata dalla Banca centrale europea e dallo stesso Fondo monetario internazionale, che comunque riconosce i progressi fatti nel nostro Paese dove si aspetta per quest'anno una riduzione di Npl pari a 65 miliardi di euro inclusi i circa 18 miliardi da Unicredit, 26 miliardi da Mps dopo la sua ricapitalizzazione e altri da banche più piccole. Ne è convinto Carlo Cottarelli, direttore esecutivo per l’Italia al Fmi, che in un'intervista ad America24 ha detto che intende sollevare la questione in occasione della prossima visita a Washington di Daniele Nouy, presidente del Single Supervisory Mechanism, l’organo di supervisione bancaria della Bce.

Nbc: Trump vorrebbe decuplicare l'arsenale nucleare; il presidente nega

Dopo quell'incontro, Tillerson lo avrebbe definito un "imbecille". Il presidente vorrebbe che gli Stati Uniti, che hanno 4.000 testate nucleari, tornassero ad averne 32.000, come negli anni '60

Il presidente Donald Trump avrebbe detto di voler quasi decuplicare la quantità di armi nucleari a disposizione degli Stati Uniti. Lo sostiene la Nbc, che ha rivelato in esclusiva il presunto contenuto di un incontro con i vertici militari e politici avvenuto la scorsa estate, grazie a tre fonti, presenti al vertice.

Padoan: "grandi risultati" per rafforzare la crescita. Fmi: abbassare il debito

Per il ministro, la legge di bilancio "compatta ed efficace" continua l'aggiustamento dei conti pubblici. Npl? E' nell'interesse del nostro Paese ridurli in modo "ordinato e rapido".

Iran: Usa non lasciano l'accordo sul nucleare ma Trump è pronto a cancellarlo

Il presidente Usa accusa Teheran di averlo violato più volte, di sostenere il terrorismo e di finanziare la Corea del Nord. E lascia la decisione al Congresso, anche se "posso decidere di uscire quando voglio"
AP

Trump, altro colpo all'Obamacare: taglia i fondi per le polizze ai poveri

Annunciato ore dopo la firma di un ordine esecutivo sulla sanità, con cui il presidente ha compiuto il primo passo per smantellare la riforma del predecessore