Dopo la vittoria shock, parte totonomi per squadra Governo Trump

Il nuovo presidente dovrà subito mettersi al lavoro per arrivare al 20 gennaio, il giorno in cui presterà giuramento ed entrerà ufficialmente alla Casa Bianca, pronto a iniziare il suo primo mandato
AP

Donald Trump, neoeletto presidente degli Stati Uniti, passata l'euforia di una vittoria da molti considerata improbabile, se non addirittura impensabile, dovrà subito mettersi al lavoro per arrivare al 20 gennaio, il giorno in cui presterà giuramento ed entrerà ufficialmente alla Casa Bianca, pronto a iniziare il suo primo mandato. La priorità, innanzi tutto, è formare la squadra di Governo, su cui è già partito il totonomi. Va innanzi tutto notato che il magnate repubblicano, totalmente estraneo al mondo politico americano (cosa che per altro era stata una delle principali critiche che gli erano state rivolte, insieme alla mancanza di esperienza) non ha attorno il tradizionale circolo di insider e "sponsor" da cui attingere per costruire la sua squadra.

Invece, è probabile che Trump vada a pescare tra le fila del mondo industriale, tra gli attivisti conservatori e tra coloro che lo hanno sostenuto durante la campagna elettorale. In quest'ottica, non sembra campata per aria l'ipotesi che vada a scegliere all'interno del settore privato: è per esempio noto all'interno del suo entourage che Trump ha preso seriamente in considerazione la scelta di Forrest Lucas, confondatore del gruppo di prodotti petroliferi Lucas Oil, come segretario al Territorio e Steven Mnuchin, che ha lavorato 17 anni per Goldman Sachs, come numero uno del Tesoro.

Altri papabili del "Trumpworld", il mondo di Trump, potrebbero essere persone che lo hanno attivamente sostenuto durante la campagna elettorale, come l'ex speaker della Camera Newt Gingrich, l'ex sindaco di New York Rudy Giuliani e il governatore del New Jersey Chris Christie. Altri politici repubblicani, come i senatori Bob Corker e Jeff Sessions, potrebbero essere scelti rispettivamente come segretario di Stato e alla Difesa.

Nella scelta della squadra di Governo una difficoltà potrà essere attirare nomi di peso, dal momento che molti politici e capi d'industria lo hanno pubblicamente criticato, spesso duramente, nel corso dell'ultimo anno. Ciò detto, Trump è già da tempo attivo nella ricerca e, nelle ultime settimane, avrebbe intensificato email e telefonate per tastare il polso dei papabili.

Più nel dettaglio, come segretario alla Difesa sarebbero in corsa Newt Gingrich, sostenitore della prima ora di Trump e il senatore repubblican Bob Corker, attuale presidente della commissioni relazioni con l'estero del Senato. Quest'ultimo ha già fatto sapere che prenderebbe "seriamente in considerazione" l'ipotesi di una nomina. Un altro papabile potrebbe essere l'ex ambasciatore americano alle Nazioni Unite John Bolton.

Per il Tesoro lo stesso Trump ha indicato che vorrebbe assegnare la poltrona di segretario a Steven Mnuchin, che è ora presidente e amministratore delegato della società di investimento Dune Capital Management e che in passato ha lavorato per OneWest Bank, poi venduta a Cit Group nel 2015. Tra i candidati per la poltrona di segretario alla Difesa ci sono il senatore Jeff Sessions, consulente di Trump, l'ex consigliere per la sicurezza nazionale Stephen Hadley e l'ex senatore Jim Talent. Altri nomi che sono circolati sono quelli del debutato Duncan Hunter e dell'ex direttore della Defence Intelligence Agency Mike Flynn, molto vicino al nuovo presidente, che però avrebbe bisogno di una speciale autorizzazione del Congresso per diventare segretario, visto che la legge prevede che militari in pensione debbano aspettare sette anni prima di assumere la guida del Pentagono.

Per la poltrona di ministro della Giustizia sono stati fatti i nomi dell'ex sindaco di New York Rudy Giuliani, di Chris Christie, che però appare meno papabile a causa dei guai legali che lo hanno travolto nello scandalo del Bridgegate. Un'altra possibilità è il procuratore generale della Florida Pam Bondi, che però è al centro di una controversia per le donazioni fatte da Trump.

Per il Territorio, oltre a Lucas, altri papabili segretari sono il venture capitalist Robert Grady, che ha avuto incarichi alla Casa Bianca sotto l'ex presidente George H.W. Bush e ha legami con il governatore Christie. Un'altra possibilità potrebbe essere il figlio del presidente, Donald Trump Jr, o ancora l'ex governatore dell'Arizona Jan Brewer, il governatore dell'Oklahoma Mary Fillin e la deputata del Wyoming Cynthia Lummis.

Vari i nomi in considerazione per la guida del dipartimento all'Agricoltura, con il presidente orientato a scegliere tra i membri di una commissione di consulenza composta da 70 leader del settore. In pole position sembrano esserci l'ex governatore del Texas Rick Perry, l'ex governatore della Georgia Sonny Perdue e i governatori di Kansas e Nebraska, Sam Brownback e Dave Heineman. O ancora leader del settore agricolo, come Mike McCloskey e Chuck Connor, amministratore delegato del National Council of Farmer Cooperatives.

Se per il Commercio Trump potrà guardare al settore aziendale, per esempio scegliendo il suo consulente economico, il miliardario Wilbur Ross, o l'ex Ceo di Nucor Dan DiMicco, per il dipartimento al Lavoro uno dei nomi circolati è quello di Victoria Lipnic, dal 2010 numero uno della Equal Employment Opportunity Commission e che tra il 2002 e il 2009 ha lavorato per il dipartimento (anche Mitt Romney l'aveva presa in considerazione per un'eventuale squadra di governo nel 2012, salvo poi essere sconfitto da Barack Obama).

Alla Sanità, dipartimento cruciale visto che una delle priorità di Trump è far abrogare l'Obamacare, la riforma del settore voluta da Barack Obama, potrebbero andare il governatore della Florida Rick Scott, l'ex candidato alla Casa Bianca Bill Carson o Newt Gingrich, mentre per il dipartimento all'Energia sono in corsa il numero uno di Continental Resources Harold Hamm e il venture capitalist Robert Grady.

Per quanto riguarda il dipartimento all'Educazione, posto che continuerà a esistere visto che Trump aveva ipotizzato di sopprimerlo, le scelte appaiono al momento poco chiare, mentre per il dipartimento che si occupa dei veterani potrebbe essere scelto Jeff Miller, attuale presidente della commissione veterani della Camera e sostenitore della prima ora del nuovo presidente. Infine, per il dipartimento alla Sicurezza nazionale, si è parlato di David Clarke, sceriffo della contea di Milwaukee.

Altri Servizi

Libra pericolosa "più dell'11 settembre": l'attacco di un deputato Usa

Il responsabile del progetto di Facebook, David Marcus, messo sotto torchio al Congresso per il secondo giorno di fila
Ap

La criptovaluta che Facebook vorrebbe lanciare nel 2020 continua ad alimentare dubbi tra i legislatori americani. Nella seconda giornata consecutiva di audizioni al Congresso Usa, un democratico della California ha sostenuto che Libra può fare danni maggiori degli attacchi terroristici che colpirono l'America l'11 settembre del 2001. Brad Sherman, membro della commissione Servizi finanziari della Camera, ha affermato: "Ci viene detto che l'innovazione è sempre positiva. La cosa più innovativa che è successa nel secolo in corso è stata quando [l'ex leader di al-Qaeda] Osama bin Laden ebbe l'idea innovativa di fare schiantare due aerei" contro le Torri Gemelle di New York. "Quella è stata l'innovazione più significativa, anche se questa [Libra] potrebbe mettere in pericolo l'America ancora di più".

Elon Musk vuole controllare uno smartphone con il pensiero

La sua start-up Neuralink punta a iniziare test sugli esseri umani mettendo sensori nel cranio
AP

Dopo avere cambiato il modo di fare pagamenti con PayPal, dopo avere fatto da apripista nel settore dell'elettrificazione delle auto con Tesla e dopo avere gettato le basi per portare turisti nello spazio con SpaceX, adesso Elon Musk punta sull'interazione uomo-macchina con Neuralink.

Wall Street, altra giornata di trimestrali

Analisti preoccupati dalle nuove accuse di Trump alla Cina
AP

Incidenti 737 Max: per Boing ogni vittima vale meno di 150mila dollari

Il gruppo destina la metà dei 100 milioni di dollari promessi a famiglie e comunitià di chi ha perso la vita in due incidenti. A gestire i risarcimenti, reclutato lo stesso avvocato degli attacchi terroristici dell'11 settembre
iStock

Il 3 luglio scorso Boeing aveva sorpreso annunciando la creazione di un fondo da 100 milioni di dollari per le famiglie e per le comunità delle vittime dei due incidenti aerei che hanno messo a repentaglio la reputazione del gruppo e che da marzo hanno costretto gli esemplari del suo 737 Max a restare a terra.

Fmi: la relazione economica della Cina con il mondo è diventata equilibrata

Quasi azzerato l'avando delle partite correnti: nel 2019 allo 0,4% del Pil. Era oltre il 10% nel 2007. L'istituto avverte: dispute commerciali con Usa colpiscono tutti. Si rischia "notevoli" perdite di posti di lavoro

Il Fondo monetario internazionale crede che la relazione economica della Cina con il resto del mondo sia abbastanza equilibrata, cosa che fa venire meno uno dei rischi per l'economia globale. E' la dimostrazione di come negli ultimi anni la nazione asiatica sia diventata più dipendente dalla domanda interna e meno dalle esportazioni e dagli investimenti stranieri.

Tutti gli occhi su Libra: chi dovrà regolarla?

La Sec sta studiando la criptovaluta di Facebook per capire se debba essere trattata come un Etf. Intanto Trump chiede regole per evitare che le valute virtuali facilitino attività illegali

La Securities and Exchange Commission (Sec), l'ente statunitense che equivale all'italiana Consob, sta valutando la possibilità che Libra, la criptovaluta che Facebook vorrebbe lanciare, debba ricadere sotto la sua supervisione, una possibilità che renderebbe più complicato il progetto di Mark Zuckerberg, già criticato dal presidente Donald Trump e da molti deputati.

Dopo il governatore della Federal Reserve, anche il segretario americano al Tesoro fa pressione sul Congresso affinché alzi il tetto al debito per evitare che gli Stati Uniti si ritrovino da inizio settembre senza i fondi per finanziare le loro spese e onorare i propri impegni con i creditori.

Wall Street, attesa per le trimestrali

Trimestrali di JP Morgan, Goldman Sachs e Wells Fargo
AP

Trump attacca le deputate progressiste: "Tornino nei Paesi corrotti da dove sono venute"

Nel mirino Ocasio-Cortez, le musulmane Ilhan Omar e Rashida Tlaib e l'afroamericana Ayanna Pressley

In un weekend particolarmente teso negli Stati Uniti, dopo il via libera di Donald Trump ai raid contro i migranti irregolari, il presidente americano si è scagliato contro un gruppo di parlamentari progressiste appartenenti ad alcune minoranze etniche sempre più influenti all'interno del Partito Democratico.

Wall Street, timori su negoziati Usa-Cina

Dati in programma: richieste di sussidi di disoccupazione e superindice
AP