Dopo la vittoria shock, parte totonomi per squadra Governo Trump

Il nuovo presidente dovrà subito mettersi al lavoro per arrivare al 20 gennaio, il giorno in cui presterà giuramento ed entrerà ufficialmente alla Casa Bianca, pronto a iniziare il suo primo mandato
AP

Donald Trump, neoeletto presidente degli Stati Uniti, passata l'euforia di una vittoria da molti considerata improbabile, se non addirittura impensabile, dovrà subito mettersi al lavoro per arrivare al 20 gennaio, il giorno in cui presterà giuramento ed entrerà ufficialmente alla Casa Bianca, pronto a iniziare il suo primo mandato. La priorità, innanzi tutto, è formare la squadra di Governo, su cui è già partito il totonomi. Va innanzi tutto notato che il magnate repubblicano, totalmente estraneo al mondo politico americano (cosa che per altro era stata una delle principali critiche che gli erano state rivolte, insieme alla mancanza di esperienza) non ha attorno il tradizionale circolo di insider e "sponsor" da cui attingere per costruire la sua squadra.

Invece, è probabile che Trump vada a pescare tra le fila del mondo industriale, tra gli attivisti conservatori e tra coloro che lo hanno sostenuto durante la campagna elettorale. In quest'ottica, non sembra campata per aria l'ipotesi che vada a scegliere all'interno del settore privato: è per esempio noto all'interno del suo entourage che Trump ha preso seriamente in considerazione la scelta di Forrest Lucas, confondatore del gruppo di prodotti petroliferi Lucas Oil, come segretario al Territorio e Steven Mnuchin, che ha lavorato 17 anni per Goldman Sachs, come numero uno del Tesoro.

Altri papabili del "Trumpworld", il mondo di Trump, potrebbero essere persone che lo hanno attivamente sostenuto durante la campagna elettorale, come l'ex speaker della Camera Newt Gingrich, l'ex sindaco di New York Rudy Giuliani e il governatore del New Jersey Chris Christie. Altri politici repubblicani, come i senatori Bob Corker e Jeff Sessions, potrebbero essere scelti rispettivamente come segretario di Stato e alla Difesa.

Nella scelta della squadra di Governo una difficoltà potrà essere attirare nomi di peso, dal momento che molti politici e capi d'industria lo hanno pubblicamente criticato, spesso duramente, nel corso dell'ultimo anno. Ciò detto, Trump è già da tempo attivo nella ricerca e, nelle ultime settimane, avrebbe intensificato email e telefonate per tastare il polso dei papabili.

Più nel dettaglio, come segretario alla Difesa sarebbero in corsa Newt Gingrich, sostenitore della prima ora di Trump e il senatore repubblican Bob Corker, attuale presidente della commissioni relazioni con l'estero del Senato. Quest'ultimo ha già fatto sapere che prenderebbe "seriamente in considerazione" l'ipotesi di una nomina. Un altro papabile potrebbe essere l'ex ambasciatore americano alle Nazioni Unite John Bolton.

Per il Tesoro lo stesso Trump ha indicato che vorrebbe assegnare la poltrona di segretario a Steven Mnuchin, che è ora presidente e amministratore delegato della società di investimento Dune Capital Management e che in passato ha lavorato per OneWest Bank, poi venduta a Cit Group nel 2015. Tra i candidati per la poltrona di segretario alla Difesa ci sono il senatore Jeff Sessions, consulente di Trump, l'ex consigliere per la sicurezza nazionale Stephen Hadley e l'ex senatore Jim Talent. Altri nomi che sono circolati sono quelli del debutato Duncan Hunter e dell'ex direttore della Defence Intelligence Agency Mike Flynn, molto vicino al nuovo presidente, che però avrebbe bisogno di una speciale autorizzazione del Congresso per diventare segretario, visto che la legge prevede che militari in pensione debbano aspettare sette anni prima di assumere la guida del Pentagono.

Per la poltrona di ministro della Giustizia sono stati fatti i nomi dell'ex sindaco di New York Rudy Giuliani, di Chris Christie, che però appare meno papabile a causa dei guai legali che lo hanno travolto nello scandalo del Bridgegate. Un'altra possibilità è il procuratore generale della Florida Pam Bondi, che però è al centro di una controversia per le donazioni fatte da Trump.

Per il Territorio, oltre a Lucas, altri papabili segretari sono il venture capitalist Robert Grady, che ha avuto incarichi alla Casa Bianca sotto l'ex presidente George H.W. Bush e ha legami con il governatore Christie. Un'altra possibilità potrebbe essere il figlio del presidente, Donald Trump Jr, o ancora l'ex governatore dell'Arizona Jan Brewer, il governatore dell'Oklahoma Mary Fillin e la deputata del Wyoming Cynthia Lummis.

Vari i nomi in considerazione per la guida del dipartimento all'Agricoltura, con il presidente orientato a scegliere tra i membri di una commissione di consulenza composta da 70 leader del settore. In pole position sembrano esserci l'ex governatore del Texas Rick Perry, l'ex governatore della Georgia Sonny Perdue e i governatori di Kansas e Nebraska, Sam Brownback e Dave Heineman. O ancora leader del settore agricolo, come Mike McCloskey e Chuck Connor, amministratore delegato del National Council of Farmer Cooperatives.

Se per il Commercio Trump potrà guardare al settore aziendale, per esempio scegliendo il suo consulente economico, il miliardario Wilbur Ross, o l'ex Ceo di Nucor Dan DiMicco, per il dipartimento al Lavoro uno dei nomi circolati è quello di Victoria Lipnic, dal 2010 numero uno della Equal Employment Opportunity Commission e che tra il 2002 e il 2009 ha lavorato per il dipartimento (anche Mitt Romney l'aveva presa in considerazione per un'eventuale squadra di governo nel 2012, salvo poi essere sconfitto da Barack Obama).

Alla Sanità, dipartimento cruciale visto che una delle priorità di Trump è far abrogare l'Obamacare, la riforma del settore voluta da Barack Obama, potrebbero andare il governatore della Florida Rick Scott, l'ex candidato alla Casa Bianca Bill Carson o Newt Gingrich, mentre per il dipartimento all'Energia sono in corsa il numero uno di Continental Resources Harold Hamm e il venture capitalist Robert Grady.

Per quanto riguarda il dipartimento all'Educazione, posto che continuerà a esistere visto che Trump aveva ipotizzato di sopprimerlo, le scelte appaiono al momento poco chiare, mentre per il dipartimento che si occupa dei veterani potrebbe essere scelto Jeff Miller, attuale presidente della commissione veterani della Camera e sostenitore della prima ora del nuovo presidente. Infine, per il dipartimento alla Sicurezza nazionale, si è parlato di David Clarke, sceriffo della contea di Milwaukee.

Altri Servizi

Email Clinton, accusate 38 persone ma non ci fu uso volontario di informazioni classificate

Lo ha stabilito un'indagine del Dipartimento di Stato che ha messo sotto accusa i funzionari. L'ex first Lady attacca una delle candidate dem alle presidenziali, accusandola di essere "un asset dei russi"
Ap

Hillary Clinton torna a occupare prepotentemente le prime pagine dei quotidiani americani e i dibattiti dei talk politici d'oltreoceano. Da un lato, l’ex segretario di Stato è stata coinvolta nella chiusura delle indagini sull'emailgate, dall’altro, ha invece denunciato una possibile nuova interferenza dei russi nel voto delle prossime Presidenziali nel 2020.

Siria, Pence: Turchia ha accettato un cessate il fuoco di 5 giorni

Il vicepresidente statunitense ha incontrato il presidente turco Erdogan

Il vicepresidente statunitense Mike Pence, in visita ad Ankara, dove ha incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, ha annunciato che la Turchia ha accettato un cessate il fuoco di 120 ore nel Nord-est della Siria, per permettere ai curdi di ritirarsi verso aree sicure.

Wall Street, attenzione rivolta a trimestrali e tensioni commerciali

Tra le grandi banche, oggi è il turno di Bank of America
AP

Siria, McConnell contro Trump: "Il ritiro delle truppe è un errore strategico"

Duro attacco del leader dei repubblicani al Senato dalle pagine del Washington Post
AP

Duro attacco di Mitch McConnell a Donald Trump per la linea militare scelta dal Tycoon in Medio Oriente. "Ritirare le forze americane dalla Siria è un grave errore strategico", ha scritto sulle pagine del Washington Post il senatore del Kentucky, leader della maggioranza repubblicana al Senato nonché uno dei più stretti alleati del presidente americano.

Wall Street, svanisce l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino vuole approfondire alcune questioni prima di firmare la 'fase uno' dell'accordo
AP

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Oggi, i conti di Citigroup, Goldman Sachs, JPMorgan Chase e Wells Fargo
AP

Warren: "Basta premiare i donatori con incarichi diplomatici"

La senatrice, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali, lancia una nuova battaglia contro l'influenza dei soldi nella politica statunitense
AP

Basta ricchi donatori come ambasciatori. La senatrice statunitense Elizabeth Warren, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali del prossimo anno, ha annunciato che, se eletta presidente, metterà fine alla consuetudine decennale di scegliere, per molti incarichi diplomatici, generosi donatori della campagna elettorale del presidente di turno. "Per decenni, le amministrazioni di entrambi i partiti hanno scelto come ambasciatori i grandi donatori. Solitamente non sono esperti del Paese, di politica estera o di qualsiasi cosa rilevante per l'incarico" ha scritto Warren. 

Le Maire: "Libra non benvenuta in Europa, la vieteremo"

Il ministro dell'Economia francese contro la valuta virtuale di Facebook: "Stiamo lavorando con Italia e Germania a una serie di misure, in gioco c'è la nostra sovranità"

Francia, Italia e Germania stanno lavorando a una serie di misure per vietare in Europa l'uso di Libra, la moneta virtuale di Facebook. Lo ha detto il ministro dell'Economia francese, Bruno Le Maire, sottolineando che "Libra non è benvenuta in Europa. Vareremo misure con Italia e Germania perché è in gioco la nostra sovranità'" ha detto durante una conferenza stampa a margine delle riunioni del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale a Washington.

Wall Street, occhi su Cina e Brexit

La crescita economica rallenta a Pechino, mentre a Londra si discute dell'accordo con l'Unione europea
AP