Dopo le Midterm, attesi meno stimoli fiscali e forse calo delle tensioni commerciali

L'azionario corre. Il dollaro si indebolisce. I Treasury si stabilizzano. Le varie asset class a Wall Street stanno reagendo così all'esito delle elezioni americane di metà mandato, con le quali ieri il partito democratico ha strappato la Camera a quello repubblicano, che invece ha mantenuto il controllo del Senato.

Il risultato di quello che era visto come un referendum sui primi due anni della presidenza di Donald Trump non ha sorpreso nessuno a Wall Street. E anche se l'inquilino della Casa Bianca ha cantato una "grande vittoria", minacciando di contrastare il lancio di eventuali indagini sulla sua amministrazione da parte della Camera, tra gli investitori vengono meno le attese per ulteriori stimoli fiscali dopo il taglio delle tasse approvato prima del Natale 2017 e dopo l'aumento della spesa pubblica (inclusa quella militare).

Goldman Sachs giudica "limitato" il potenziale di cambiamenti significativi in termini di politica fiscale. "Un governo non coeso potrebbe portare a uno stallo politico, riducendo la probabilità di ulteriori stimoli fiscali negli Stati Uniti come ad esempio un taglio alle imposte per la classe media" che Trump aveva promesso prima delle Midterm. La pensa così anche uno strategist di Standard Chartered, secondo cui "i tagli alle aliquote resteranno probabilmente in vigore ma ci sono pochi rischi che le misure politiche future aumentino vistosamente il deficit" federale.

Di fronte a questo scenario, Goldman prevede che i mercati restino concentrati sul potenziale rallentamento dell'economia Usa nel 2019, cosa condivisa anche da Peter Rosenstreich, a capo della Market Strategy per Swissquote: "Il ciclo economico Usa si sta esaurendo, il che lascia pensare che l’economia decelererà, nonostante l’espansione fiscale, e che il rendimento del decennale americano sia ormai prossimo al picco (sotto 3,50%)".

Oltre al piano fiscale, trader e gestori si interrogano anche su quello commerciale. Trump ha bisogno del Congresso per approvare l'accordo di libero scambio Usmc che sostituirà - se approvato dai parlamenti dei tre Paesi - il Nafta del 1994. Forse per questo già sta corteggiando la futura leadership Dem alla Camera. Goldman non esclude che "l'amministrazione potrebbe cercare di allentare le tensioni commerciali per sostenere la crescita economica". E infatti, i fari di Wall Street sono già puntati sul G20 in Argentina di fine mese, a margine del quale Trump vedrà il presidente cinese Xi Jinping. Se le cose andranno male, Washington potrebbe pensarci due volte prima di imporre nuovi dazi su importazioni cinesi con un valore di 267 miliardi di dollari considerate le conseguenze negative su consumatori e aziende Usa. Dal marzo 2019, inoltre, il tetto al debito Usa potrebbe diventare di nuovo un problema.

James Athey, senior investment manager di Aberdeen Standard Investments, ha spostato l'attenzione sulla politica estera. Su questo fronte Trump "può agire senza il sostegno del Congresso". Come dimostra l'approccio duro verso l'Iran, contro cui il 5 novembre sono scattate nuovi sanzioni pensate per metterne in ginocchio il settore energetico.

Altri Servizi

Elezioni di Midterm, in Florida si ricontano i voti

Ancora in bilico le sfide per le nomine del governatore e al Senato

A oltre quattro giorni dalla chiusura dei seggi in Florida e dopo le accuse reciproche di frode tra democratici e repubblicani è stato ordinato un riconteggio dei voti. La decisione è stata presa dal segretario di stato della Florida, Ken Detzner, quando nel Sunshine State l’assegnazione della poltrona da senatore e la carica di governatore sono ancora in ballo con margini davvero ristretti tra i vari candidati.

Wall Street, pesa la volatilità del petrolio

Attesa per il dato sull'inflazione
iStock

"Presidential Medal of Freedom", Trump nomina Elvis, Babe Ruth e Antonin Scalia

Si tratta della più alta onorificenza civile che un presidente Usa può assegnare. Assieme a loro anche altre quattro personalità

Il prossimo 16 novembre Donald Trump conferirà a sette persone la "Presidential Medal Freedom" la più alta onorificenza civile che un presidente degli Stati Uniti può assegnare a un cittadino americano. Tra le sette personalità che verranno insignite quest’anno ci sono quattro assegnazioni postume: il Re del Rock’n Roll Elvis Presley, il campione di baseball e icona dello sport americano, Babe Ruth, conosciuto come "The Great Bambino", il celebre giudice della Corte Suprema, Antonin Scalia, scomparso due anni fa, e Miriam Adelson, moglie del miliardario Sheldon, finanziatori del partito repubblicano.

Elezioni Usa, vittoria democratica più netta a una settimana dal voto

Il conteggio va avanti ed è sempre più favorevole ai democratici. Il Congresso diviso, però, sarà un'arma in più per il presidente Trump
Ap

Non è stata un'onda blu, ma a una settimana dalle elezioni di metà mandato negli Stati Uniti (qui il pezzo sui risultati parziali; questo il commento, il giorno dopo), i contorni del risultato dei democratici si fanno più nitidi, mentre si continuano a contare i voti ed emergono i vincitori.

Amazon

Dopo le indiscrezioni, sono arrivate le conferme. Amazon ha scelto di dividere tra due città il suo secondo quartier generale. Dopo quello di Seattle (nello Stato di Washington) il colosso americano del commercio elettronico investirà 5 miliardi di dollari creando oltre 50mila posti di lavoro tra New York City (a Long Island City, la località del Queens separata da Manhattan dall'East River) e Arlington (Virginia).

Dopo Parigi Trump tornerà in Usa, improbabile che sia a conferenza su Libia

Il premier Conte, a fine luglio, aveva incassato dal presidente Usa il ricnoscimento della leadership dell'Italia nella stabilizzazione della nazione africana
AP

Il presidente americano, Donald Trump, sabato e domenica prossimi sarà a Parigi per partecipare alle celebrazioni del centesimo anniversario dell'armistizio che ha messo fine alla Prima guerra mondiale. Già domenica il leader Usa rientrerà negli Stati Uniti, proprio alla vigilia della conferenza internazionale sulla Libia di Palermo, a cui dunque non dovrebbe partecipare.

Wall Street, attenzione rivolta al petrolio

L'Arabia Saudita ha annunciato un taglio della produzione per alzare i prezzi
AP

Afghanistan, anno record per bombe lanciate dagli Usa

Tra gennaio e settembre, lanciati 5.213 ordigni; superato il record di 5.101 del 2010. Con Tump, cambiate le regole d'ingaggio

Gli Stati Uniti non hanno mai lanciato così tante bombe sull'Afghanistan com nel 2018. È quanto emerge dai dati resi noti dallo U.S. Air Forces Central Command, ripresi da Forbes. Diciassette anni dopo la presa di Kabul da parte delle forze statunitensi e alleate, metà dell'Afghanistan è sotto il controllo dei talebani e la guerra è ancora lontana da una conclusione, con 14.000 soldati statunitensi ancora nel Paese.

La minaccia di dazi americani su auto importate negli Stati Uniti si è riaccesa. Il presidente americano, Donald Trump, oggi dovrebbe incontrare il suo team di esperti in ambito commerciale per discutere se procedere o meno con queste tariffe doganali da tempo ventilate. Stando a Bloomberg, alla Casa Bianca sta circolando una bozza di uno studio del dipartimento del Commercio di cui sono però sconosciute le conclusioni.