Dopo le occasioni perse da Ballmer, Microsoft al bivio

La società non ha cavalcato la rivoluzione mobile e ora si deve reinventare. A partire dal nuovo amministratore delegato, ma non ci sono candidati ovvi.

La decisione di Microsoft di rimpiazzare l'amministratore delegato Steven Ballmer, annunciata venerdì, non segue il "protocollo" che insegnano all'università per questo genere di passaggi di consegne. Annunciato a sorpresa, a mercati aperti, senza che ci sia già un successore designato, è stato ben accolto dagli investitori, ma avrebbe potuto essere un disastro. Eppure a chi conosce il colosso informatico fondato da Bill Gates nel 1975 è chiaro che non è stata una scelta non meditata.

Il consiglio di amministrazione, spiegano fonti interne alla società, già da tempo valutava la possibilità di mettere fine ai 13 anni di gestione Ballmer. Tuttavia, la forte personalità dell'amministratore delegato, la riluttanza del Cda a sostituirlo, il flop di alcuni prodotti e i recenti problemi finanziari hanno costretto la società ad agire.

Al di là della scelta del nuovo Ceo, il problema di Microsoft è superare le condizioni che hanno provocato un calo dei profitti e reso necessario l'addio di Ballmer: le sorti di Microsoft sono al momento legate alla popolarità dei personal computer, una tecnologia in costante calo e in netto svantaggio rispetto a tablet e smartphone. Ballmer ha di recente delineato la nuova strategia della società che passa per prodotti più efficienti, ma secondo gli analisti si è trattato di un'azione troppo poco aggressiva e tardiva.

"Il grande cambiamento era il mobile, Ballmer sarà a lungo criticato per avere perso l'attimo e non avere partecipato alla rivoluzione chiaramente iniziata alla metà degli anni Novanta", ha detto JP Gownder, analista di Forrester. I numeri gli danno ragione: secondo i dati di IDC, le vendite di smartphone sono cresciute nel 2012 del 46% e quelle di tablet del 78%. Al contrario quelle di computer da tavolo e portatili sono calate in modo costante e lo stesso hanno fatto le società che puntavano tutto sui software. Come Microsoft.

Nel breve termine, comunque, la priorità è trovare un successore. "Non ci sono candidati ovvi, tutte le persone interessanti che hanno lavorato per Microsoft negli ultimi dieci anni e che sarebbero state candidati papabili se ne sono andate", ha detto Michael Cusumano, professore di ingegneria al Massachusetts Institute of Technology ed esperto di strategia nell'industria dei software. "E' anche difficile introdurre un esterno. Microsoft è nota per i suoi gruppi di potere interni, difficilmente controllabili da un esterno", ha detto.

Trovare un adeguato piano di successione è cosa delicata per tutte le aziende, ma lo è in modo particolare per Microsoft: Ballmer è un dirigente dal 1980 e amministratore delegato dal 2000, ma è anche grande amico di Bill Gates, che è ancora presidente della società. "Ballmer è uno dei fondatori, lasciare Microsoft è come morire, quindi è difficile seguire una procedura ordinata. Occorre una grande maturità da parte di tutti", ha detto Joseph Bower, professore della Harvard Business School.

Subito dopo l'annuncio sono partite le speculazioni sul nome del candidato, ma secondo gli osservatori il processo di scelta sarà lungo e non senza sorprese. E' improbabile che ritorni Steven Sinofsky, ex capo della divisione che si occupa del sistema operativo Windows: aveva lasciato l'incarico l'anno scorso sulla scia di forti disaccordi con lo stesso Ballmer e si è da poco inserito nella società di venture capital di Andreessen Horowitz. Appare invece possibile un ritorno di altri dirigenti, come Paul Maritz, amministratore delegato di VMware fino all'anno scorso, Stephen Elop, passato a Nokia, Kevin Johnson, prossimo all'addio di Juniper Networks.

Altri nomi che circolano sono quelli di Jeff Raikes, amministratore delegato della Gates Foundation, e Chris Liddell, ex direttore finanziario di Microsoft e G.M. Tra i candidati esterni è stato nominato praticamente chiunque, compresi il direttore operativo di Facebook Sheryl Sandberg, l'amministratore delegato di Netflix Reed Hastings e Scott Forstall, che ha guidato fino all'anno scorso la divisione iOS di Apple.

Altri Servizi

Wall Street, il focus resta sulle tensioni commerciali

In programma anche il dato sulla vendita di case esistenti
iStock

La Corea del Nord smantella sito di test nucleari, Trump apre a denuclearizzazione graduale

Pyongyang ha annunciato l'esito delle operazioni, il presidente Usa ha parlato di "grande cosa per il mondo" se l'incontro con Kim si terrà

La Corea del Nord ha annunciato di aver smantellato "completamente" il proprio sito di test nucleari, a Punggye-ri, nel Nord-Est del Paese, con una serie di esplosioni pianificate che lo hanno reso inutilizzabile. "L'Istituto per le armi nucleari della Corea del Nord ha tenuto una cerimonia per smantellare completamente il sito di test nucleari nel Nord il 24 maggio... per garantire la trasparenza della discontinuità dei test nucleari", si legge in una dichiarazione in inglese pubblicata dall'agenzia di stampa statale KCNA.

Trump cancella l'incontro con Kim: "Persa un'opportunità per la pace"

Il presidente Usa disponibile, ma anche minaccioso nei confronti della Corea del Nord: "Forze Usa pronte più che mai"

Troppa ostilità da parte di Pyongyang negli ultimi giorni, nessuna base per arrivare a un risultato positivo. Per questo, il presidente statunitense, Donald Trump, ha deciso di cancellare l'incontro con il leader nordcoreano, Kim Jong Un, in programma a Singapore il 12 giugno. "Sono stato costretto", ha scritto Trump su Twitter, allegando la lettera con cui ha avvertito tutti della sua decisione. "Il mondo intero, e la Corea del Nord in particolare, ha perso una grande opportunità per una pace duratura, per la prosperità e il benessere. Questa opportunità mancata è un momento veramente triste nella Storia" ha scritto Trump nella lettera a Kim.

Nordcorea, Trump cancella l'incontro con Kim il 12 giugno

Il presidente Usa ha inviato una lettera al leader nordcoreano: "Il mondo ha perso una grande opportunità". Decisione presa per "l'enorme rabbia e l'aperta ostilità" mostrata recentemente da Pyongyang

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha deciso di cancellare l'incontro con il leader nordcoreano, Kim Jong Un, in programma a Singapore il 12 giugno. Il presidente ha inviato una lettera a Kim per spiegargli i motivi della decisione. "Non vedevo l'ora di essere lì con lei. Purtroppo, in base all'enorme rabbia e all'ostilità aperta mostrata nelle sue più recenti dichiarazioni, sento che sia inappropriato, in questo momento, avere questo incontro programmato da tempo. Per questo" ha aggiunto Trump nella lettera, "l'incontro di Singapore, per il bene di entrambe le parti, ma a scapito del mondo, non si terrà".

Trump valuta nuovi dazi sulle auto importate

Potrebbero arrivare fino al 25%. L'amministrazione Usa userebbe 'scuse' legate alla tutela della sicurezza nazionale, che per il segretario al Commercio è sicurezza militare
AP

L'amministrazione Trump sta valutando se imporre nuovi dazi, fino al 25%, sulle auto importate in Usa. La mossa di Washington sarebbe giustificata per motivi di sicurezza nazionale; si tratta degli stessi motivi con cui gli Stati Uniti hanno cercato di convincere - inutilmente - della bontà delle tariffe doganali pari a 25% sull'acciaio e al 10% sull'alluminio scattate il 23 marzo scorso con alcune eccezioni. La Ue, per esempio, ne è stata esonerata fino al primo giugno. Anche Canada e Messico non sono soggetti alla misura sui metalli importati in Usa mentre negoziano sul Nafta.

Tiffany: i conti brillano, annuncia piano di buyback da 1 miliardo di dollari

Utili +53% a 142 milioni di dollari. Ricavi +15% a 1 miliardo. Outlook per il 2018 migliorato

Tiffany brilla nel pre-mercato, dove il titolo della catena di gioiellerie vola del 14,5% a 117,10 dollari. Il gruppo ha pubblicato conti che hanno battuto le stime sotto ogni punto di vista e ha annunciato un nuovo piano di riacquisto di titoli propri per 1 miliardo di dollari.

Elliott conferma quota "significativa" nella tedesca ThyssenKrupp

Continua l'attivismo in Europa dell'hedge fund di Paul Singer, che con l'azienda industriale vuole un "dialogo costruttivo"

L'investitore attivista Elliott Advisors continua a puntare sull'Europa. Il braccio britannico dell'hedge fund americano Elliott Management ha confermato che fondi da esso gestiti sono "soci significativi" nel gruppo industriale tedesco ThyssenKrupp e che "ad oggi" i titoli ordinari in possesso sono tali da "non superare" il limite oltre il quale, stando alla normativa tedesca, è obbligatorio svelare la partecipazione.

McDonald's travolto da accuse di molestie sessuali in Usa

Le hanno lanciate dieci donne. Il gruppo le prende "molto seriamente"
iStock

L'ondata di molestie sessuali che ha travolto Hollywood, Capitol Hill e il mondo dei media è arrivata anche nel colosso mondiale del fast-food McDonald's.

Donald Trump chiede l'apertura di un'inchiesta sull'Fbi

Il tycoon domanderà al Dipartimento di Giustizia di accertare eventuali infiltrazioni durante la sua campagna del 2016

Donald Trump ha chiesto al Dipartimento di Giustizia americano di aprire un'indagine per verificare se l’Fbi, o lo stesso Dipartimento, si siano infiltrati nella sua campagna nel 2016. Il presidente americano lo ha scritto su Twitter dopo altri cinguetii domenicali in cui ha attaccato nuovamente la stampa e Hillary Clinton.

Congresso Usa smantella riforma finanziaria post-crisi in favore delle banche più piccole

Alzato a 250 miliardi di dollari da 50 miliardi il valore degli asset che un istituto di credito deve avere per essere soggetto alle regole più severe

Dopo quasi due mesi, anche la Camera Usa ha spianato la strada a un indebolimento della regolamentazione bancaria entrata in vigore dopo la crisi del 2008.