Dopo le occasioni perse da Ballmer, Microsoft al bivio

La società non ha cavalcato la rivoluzione mobile e ora si deve reinventare. A partire dal nuovo amministratore delegato, ma non ci sono candidati ovvi.

La decisione di Microsoft di rimpiazzare l'amministratore delegato Steven Ballmer, annunciata venerdì, non segue il "protocollo" che insegnano all'università per questo genere di passaggi di consegne. Annunciato a sorpresa, a mercati aperti, senza che ci sia già un successore designato, è stato ben accolto dagli investitori, ma avrebbe potuto essere un disastro. Eppure a chi conosce il colosso informatico fondato da Bill Gates nel 1975 è chiaro che non è stata una scelta non meditata.

Il consiglio di amministrazione, spiegano fonti interne alla società, già da tempo valutava la possibilità di mettere fine ai 13 anni di gestione Ballmer. Tuttavia, la forte personalità dell'amministratore delegato, la riluttanza del Cda a sostituirlo, il flop di alcuni prodotti e i recenti problemi finanziari hanno costretto la società ad agire.

Al di là della scelta del nuovo Ceo, il problema di Microsoft è superare le condizioni che hanno provocato un calo dei profitti e reso necessario l'addio di Ballmer: le sorti di Microsoft sono al momento legate alla popolarità dei personal computer, una tecnologia in costante calo e in netto svantaggio rispetto a tablet e smartphone. Ballmer ha di recente delineato la nuova strategia della società che passa per prodotti più efficienti, ma secondo gli analisti si è trattato di un'azione troppo poco aggressiva e tardiva.

"Il grande cambiamento era il mobile, Ballmer sarà a lungo criticato per avere perso l'attimo e non avere partecipato alla rivoluzione chiaramente iniziata alla metà degli anni Novanta", ha detto JP Gownder, analista di Forrester. I numeri gli danno ragione: secondo i dati di IDC, le vendite di smartphone sono cresciute nel 2012 del 46% e quelle di tablet del 78%. Al contrario quelle di computer da tavolo e portatili sono calate in modo costante e lo stesso hanno fatto le società che puntavano tutto sui software. Come Microsoft.

Nel breve termine, comunque, la priorità è trovare un successore. "Non ci sono candidati ovvi, tutte le persone interessanti che hanno lavorato per Microsoft negli ultimi dieci anni e che sarebbero state candidati papabili se ne sono andate", ha detto Michael Cusumano, professore di ingegneria al Massachusetts Institute of Technology ed esperto di strategia nell'industria dei software. "E' anche difficile introdurre un esterno. Microsoft è nota per i suoi gruppi di potere interni, difficilmente controllabili da un esterno", ha detto.

Trovare un adeguato piano di successione è cosa delicata per tutte le aziende, ma lo è in modo particolare per Microsoft: Ballmer è un dirigente dal 1980 e amministratore delegato dal 2000, ma è anche grande amico di Bill Gates, che è ancora presidente della società. "Ballmer è uno dei fondatori, lasciare Microsoft è come morire, quindi è difficile seguire una procedura ordinata. Occorre una grande maturità da parte di tutti", ha detto Joseph Bower, professore della Harvard Business School.

Subito dopo l'annuncio sono partite le speculazioni sul nome del candidato, ma secondo gli osservatori il processo di scelta sarà lungo e non senza sorprese. E' improbabile che ritorni Steven Sinofsky, ex capo della divisione che si occupa del sistema operativo Windows: aveva lasciato l'incarico l'anno scorso sulla scia di forti disaccordi con lo stesso Ballmer e si è da poco inserito nella società di venture capital di Andreessen Horowitz. Appare invece possibile un ritorno di altri dirigenti, come Paul Maritz, amministratore delegato di VMware fino all'anno scorso, Stephen Elop, passato a Nokia, Kevin Johnson, prossimo all'addio di Juniper Networks.

Altri nomi che circolano sono quelli di Jeff Raikes, amministratore delegato della Gates Foundation, e Chris Liddell, ex direttore finanziario di Microsoft e G.M. Tra i candidati esterni è stato nominato praticamente chiunque, compresi il direttore operativo di Facebook Sheryl Sandberg, l'amministratore delegato di Netflix Reed Hastings e Scott Forstall, che ha guidato fino all'anno scorso la divisione iOS di Apple.

Altri Servizi

Boston, migliaia di persone marciano contro il razzismo

La città sta ospitando una manifestazione per protestare contro un'altra marcia organizzata da un gruppo di destra

Migliaia di persone stanno manifestando pacificamente a Boston contro il razzismo che dopo la manifestazione di sabato scorso a Charlottesville, in Virginia, è ritornato ad essere argomento centrale del dibattito in America.

La Silicon Valley vende l'antico sogno dell'immortalità

Il filosofo Metzinger ne parla sul Financial Times. Siamo di fronte a una religione senza dio che promettendo il futuro infinito vende i propri prodotti
AP

Sembra che negli ultimi anni le startup e i grandi colossi della Silicon Valley si stia concentrando su un unico tema: vendere il più grande e antico sogno dell'uomo, l'immortalità. Nel 2013 Google ha fondato Calico, che ha come scopo quello di portare l'umanità verso una vita più lunga e in salute. Altri, come Aubrey de Grey, si sono spinti ancora più in là: ha fondato infatti Strategies for Engineered Negligible Senescence, una startup che prevede di risolvere l'invecchiamento trattandolo come un problema ingegneristico. Proprio a Google invece lavora, Ray Kurzweil, che ha fissato per il 2045 l'anno della singolarità, quando potremo fondarci con le macchine e moltiplicare la nostra intelligenza in modo impensabile. Ne scrive sul Financial Times, Thomas Metzinger, filosofo tedesco che insegna alla Johannes Gutenberg University di Magonza, in Germania.

Bannon, Scaramucci, Comey: tutte le teste cadute alla Casa Bianca

In sei mesi Donald Trump ha cacciato sei persone dal suo governo
AP

Lo stratega capo Steven Bannon è solo l’ultimo di una serie di vittime della Casa Bianca di Donald Trump, che ha fatto fuori esperti, funzionari e collaboratori a un ritmo che non si vedeva da anni. Molti media hanno accusato il presidente americano di usare al governo lo stesso stile di un reality show come The Apprentice, che ha condotto per anni, con colpi di scena e cambiamenti improvvisi. Di seguito la lista, incompleta, delle persone messe alla porta nell’ultimo anno.

Conto alla rovescia per l'eclissi totale di sole negli Stati Uniti

Tutti quello che c'è da sapere sul fenomeno astronomico più importante degli ultimi cento anni in America

Lunedì 21 agosto in un'ampia parte degli Stati Uniti, che va dall'Oregon fino alla South Carolina, sarà visibile un'eclissi totale di sole.

Lo stratega Bannon fuori dalla Casa Bianca

L'annuncio è stato dato dalla portavoce del presidente Trump, dopo le voci sul licenziamento; secondo altre fonti, sarebbe stato lo stratega a dimettersi
AP

Steve Bannon lascia l'amministrazione Trump. Lo stratega del presidente, fondamentale in campagna elettorale, trascorrerà oggi il suo ultimo giorno di lavoro alla Casa Bianca. A comunicarlo, con una breve dichiarazione, è stata la portavoce della Casa Bianca, Sarah Huckabee Sanders: "Il capo di gabinetto, John Kelly, e Steve Bannon hanno deciso di comune accordo che oggi sarà l'ultimo giorno di Steve. Siamo grati per il suo servizio e gli auguriamo il meglio".

Oro sopra i 1.300 dollari l'oncia, prima volta da novembre

Dal caos politico legato a Trump all'attacco terroristico a Barcellona. Ecco perché il rally potrebbe non essere finito

Per la prima volta dallo scorso novembre, l'oro ha raggiunto un valore di almeno 1.300 dollari all'oncia. Il contratto dicembre al Comex, divisione del New York Mercantile Exchange, si è spinto fino a 1.306,90 dollari l'oncia. La corsa del metallo prezioso, arrivata al terzo giorno consecutivo, è alimentata dall'avversione al rischio, con gli investitori preoccupati dal rischio che l'agenda pro-crescita e pro-business promessa da Donald Trump possa deragliare visto il caos politico esploso in Usa dopo i commenti controversi del presidente sulle violenze esplose sabato scorso a Charlottesville (Virginia). Quei commenti hanno portato allo sfaldamento di due forum economici voluti da Trump, che di fronte a un esodo di Ceo pare avere rinunciato alla creazione di uno dedicato alle infrastrutture.

Wall Street teme conseguenze dell'addio di Bannon

Reduci dalla peggiore seduta da tre mesi, gli indici si erano risollevati sulla scia dell'uscita dalla Casa Bianca dello stratega di ultradestra del presidente Trump. Poi hanno perso quota

Bannon pronto a influenzare Trump anche da fuori la Casa Bianca

L'ex stratega del presidente torna a guidare Breitbart News, sito di ultra destra
AP

E quattro. Tante sono le figure di alto profilo che nell'ultimo mese hanno lasciato la Casa Bianca. E si arriva a 13 se si prende in considerazione la presidenza intera di Donald Trump. Dopo il portavoce Sean Spicer, il capo di gabinetto Reince Priebus e il direttore alla comunicazione Anthony Scaramucci, l'ultima ad avere finito in modo brusco la sua carriera nell'amministrazione Trump è Steve Bannon: oggi è l'ultimo giorno al civico 1600 di Pennsylvania Avenue dello stratega di ultra destra a cui era associata la deriva economica nazionalista e la linea dura in tema di immigrazione e sicurezza nazionale del 45esimo Commander in chief.

Steve Bannon rischia di essere cacciato dalla Casa Bianca

Dopo la condanna della base suprematista da parte di Trump, in molti all'interno del governo sperano che il presidente metta alla porta uno dei suoi più fidati consiglieri. Lo farà?
AP

La morte e la distruzione causata dai migliaia di estremisti bianchi che hanno manifestato sabato 12 agosto a Charlottesville, in Virginia, rappresentano una prova fondamentale per Donald Turmp e per la sua presidenza. Il miliardario ha aspettato 48 ore prima di condannare le violenze e il razzismo e il suprmastismo in modo univico.

Corea del Nord ritira minaccia contro Guam, Seul avverte gli Usa

Pyongyang tenta di calmare le tensioni con Washington, che controlla l'isola nel Pacifico. La Corea del Sud avverte: nessuna azione militare senza il nostro consenso

Dopo un duello di parole acceso tra il regime di Kim Jong Un e il presidente americano Donald Trump e all'indomani di nuove sanzioni imposte dalla Cina, la Corea del Nord sembra avere ritirato la sua minaccia contro Guam ossia l'isola nel Pacifico occidentale che è un territorio Usa con circa 7.000 soldati.