Dopo le occasioni perse da Ballmer, Microsoft al bivio

La società non ha cavalcato la rivoluzione mobile e ora si deve reinventare. A partire dal nuovo amministratore delegato, ma non ci sono candidati ovvi.

La decisione di Microsoft di rimpiazzare l'amministratore delegato Steven Ballmer, annunciata venerdì, non segue il "protocollo" che insegnano all'università per questo genere di passaggi di consegne. Annunciato a sorpresa, a mercati aperti, senza che ci sia già un successore designato, è stato ben accolto dagli investitori, ma avrebbe potuto essere un disastro. Eppure a chi conosce il colosso informatico fondato da Bill Gates nel 1975 è chiaro che non è stata una scelta non meditata.

Il consiglio di amministrazione, spiegano fonti interne alla società, già da tempo valutava la possibilità di mettere fine ai 13 anni di gestione Ballmer. Tuttavia, la forte personalità dell'amministratore delegato, la riluttanza del Cda a sostituirlo, il flop di alcuni prodotti e i recenti problemi finanziari hanno costretto la società ad agire.

Al di là della scelta del nuovo Ceo, il problema di Microsoft è superare le condizioni che hanno provocato un calo dei profitti e reso necessario l'addio di Ballmer: le sorti di Microsoft sono al momento legate alla popolarità dei personal computer, una tecnologia in costante calo e in netto svantaggio rispetto a tablet e smartphone. Ballmer ha di recente delineato la nuova strategia della società che passa per prodotti più efficienti, ma secondo gli analisti si è trattato di un'azione troppo poco aggressiva e tardiva.

"Il grande cambiamento era il mobile, Ballmer sarà a lungo criticato per avere perso l'attimo e non avere partecipato alla rivoluzione chiaramente iniziata alla metà degli anni Novanta", ha detto JP Gownder, analista di Forrester. I numeri gli danno ragione: secondo i dati di IDC, le vendite di smartphone sono cresciute nel 2012 del 46% e quelle di tablet del 78%. Al contrario quelle di computer da tavolo e portatili sono calate in modo costante e lo stesso hanno fatto le società che puntavano tutto sui software. Come Microsoft.

Nel breve termine, comunque, la priorità è trovare un successore. "Non ci sono candidati ovvi, tutte le persone interessanti che hanno lavorato per Microsoft negli ultimi dieci anni e che sarebbero state candidati papabili se ne sono andate", ha detto Michael Cusumano, professore di ingegneria al Massachusetts Institute of Technology ed esperto di strategia nell'industria dei software. "E' anche difficile introdurre un esterno. Microsoft è nota per i suoi gruppi di potere interni, difficilmente controllabili da un esterno", ha detto.

Trovare un adeguato piano di successione è cosa delicata per tutte le aziende, ma lo è in modo particolare per Microsoft: Ballmer è un dirigente dal 1980 e amministratore delegato dal 2000, ma è anche grande amico di Bill Gates, che è ancora presidente della società. "Ballmer è uno dei fondatori, lasciare Microsoft è come morire, quindi è difficile seguire una procedura ordinata. Occorre una grande maturità da parte di tutti", ha detto Joseph Bower, professore della Harvard Business School.

Subito dopo l'annuncio sono partite le speculazioni sul nome del candidato, ma secondo gli osservatori il processo di scelta sarà lungo e non senza sorprese. E' improbabile che ritorni Steven Sinofsky, ex capo della divisione che si occupa del sistema operativo Windows: aveva lasciato l'incarico l'anno scorso sulla scia di forti disaccordi con lo stesso Ballmer e si è da poco inserito nella società di venture capital di Andreessen Horowitz. Appare invece possibile un ritorno di altri dirigenti, come Paul Maritz, amministratore delegato di VMware fino all'anno scorso, Stephen Elop, passato a Nokia, Kevin Johnson, prossimo all'addio di Juniper Networks.

Altri nomi che circolano sono quelli di Jeff Raikes, amministratore delegato della Gates Foundation, e Chris Liddell, ex direttore finanziario di Microsoft e G.M. Tra i candidati esterni è stato nominato praticamente chiunque, compresi il direttore operativo di Facebook Sheryl Sandberg, l'amministratore delegato di Netflix Reed Hastings e Scott Forstall, che ha guidato fino all'anno scorso la divisione iOS di Apple.

Altri Servizi

Muslim ban, il divieto di Trump colpirebbe soprattutto l'Iran

Il 55% dei visti relativi ai 6 Paesi colpiti dal presidente è stato concesso nel 2016 ai cittadini della Repubblica islamica. Tra i nove Paesi con più visti negati, lo scorso anno, assenti quelli scelti dal miliardario
AP

L'emissione di visti per i cittadini di Iran, Libia, Somalia, Sudan, Siria e Yemen sarebbe sospesa per 90 giorni, se il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, riuscisse a vincere la battaglia legale che riguarda il suo ordine esecutivo sul 'travel ban', giustificato con motivi di sicurezza nazionale. Il Paese più colpito sarebbe l'Iran, secondo i dati raccolti da MarketWatch.

Wall Street, il Dow Jones prova a ripartire dopo otto cali consecutivi

Serie peggiore dal 2011. Oggi atteso il dato sulla fiducia dei consumatori
AP

Facebook si dà alla musica per sfidare Spotify e YouTube

Il social network sta reclutando persone esperte nel settore per trattare con etichette musicali e mettere a punto le migliori licenze

Facebook sta sempre più puntando sulla musica per sfidare Spotify e YouTube. Il più grande social network al mondo è alla ricerca di tre top executive esperti del settore musicale per lavorare al suo quartier generale americano.

Studiare in una università americana dopo la scuola superiore

Quello che bisogna sapere per scegliere e per essere ammessi in un college negli USA. Gli ostacoli da superare e gli strumenti migliori per battere la concorrenza nelle università più prestigiose
Unsplash

Cervelli in fuga non si nasce, si diventa. E il modo più semplice per diventarlo è 'studiarlo' a scuola. Abbiamo provato a confezionare una sorta di guida per iscriversi in una università americana dopo avere ottenuto un diploma di scuola superiore in Italia. Entrare in questo mondo di football, confraternite e campus da film, e ottenere una laurea in una università americana, è in assoluto la linea più diretta per andare a un punto A (non avere chiare prospettive di lavoro in Italia dopo la laurea) a un punto B (trovare un lavoro in America).

Wall Street, il Dow Jones ha rialzato la testa dopo otto cali consecutivi

Oggi in programma il numero di compromessi sulle case esistenti per il mese di febbraio
AP

Elon Musk studia come impiantare microchip nel cervello

Il fondatore di Tesla e SpaceX presto potrebbe presentare Neuralink, un progetto per aumentare le capacità cognitive dell'umanità
AP

Prima ha cambiato il modo di fare pagamenti con PayPal. Poi ha puntato sulle auto elettriche e sul settore aerospaziale con Tesla e SpaceX. Adesso Elon Musk sa che nei prossimi anni l'intelligenza artificiale e l'interazione uomo-macchina diventeranno sempre più centrali. Per questo sta per presentare Neuralink, una società che studia il modo per impiantare microchip nel cervello, grazie ai quali, in futuro, saremo in grado di inserire dati o di scaricare pensieri dal nostro cervello. Lo scrive il Wall Street Journal che cita fonti anonime.

Salini Impregilo stringe dialogo Usa sulle note di Toscanini

Divisione americana Lane promuove tre concerti esclusivi a Washington e New York

Un tributo musicale al genio cosmopolita del maestro Arturo Toscanini per stringere un dialogo oltreoceano in un anno cruciale per i rapporti economici tra Stati Uniti e Italia: è questo il senso dei tre concerti esclusivi promossi a Washington e New York dal gruppo di costruzioni Salini Impregilo e dalla sua divisione americana Lane Construction Corporation. Nel 150esimo aniversario della nascita e a 60 anni dalla morte di Toscanini, lo spirito del leggendario direttore d’orchestra che nel secolo scorso sfidò i totalitarismi europei e trovò libertà negli Stati Uniti ha echeggiato lunedì sera tra i marmi cesellati e i mosaici policromi della Library of Congress sulle note di Verdi e Rossini interpretate magistralmente dall’Orchestra da Camera del Teatro La Scala. Stasera, sempre nella capitale americana, si replica per il grande pubblico alla Union Station alle 18 e domani, mercoledì 29 Marzo, il tour musicale, accompagnato dalla presentazione del libro “Toscanini – The Maestro: A Life in Pictures” e dalla proiezione della video biografia firmata da Harvey Sachs si conclude alla libreria Rizzoli di New York, sempre alle 18.

La California si prepara alla "guerra ambientale" contro Trump

Lo Stato ha norme all'avanguardia in difesa del clima, prese da esempio da Obama; ma il piano è stato smantellato dal nuovo presidente
AP

Il piano in difesa dell'ambiente voluto da Barack Obama era in parte ispirato alle leggi californiane, le più all'avanguardia negli Stati Uniti. Non sorprende, quindi, che la California abbia reagito all'ordine esecutivo del presidente Donald Trump annunciando una "guerra ecologica".

Ivanka Trump 'assunta' alla Casa Bianca

La "first daughter" diventa una dipendente non federale non retribuita come il marito, consigliere di Donald
AP

Dopo il flop del Note 7, Samsung torna con Galaxy S8

Presentato a New York il nuovo smartphone del gruppo sudcoreano: schermo più grande, addio al pulsante home e assistente vocale Bixby per sfidare Siri di Apple e Google Assistant