Dopo le occasioni perse da Ballmer, Microsoft al bivio

La società non ha cavalcato la rivoluzione mobile e ora si deve reinventare. A partire dal nuovo amministratore delegato, ma non ci sono candidati ovvi.

La decisione di Microsoft di rimpiazzare l'amministratore delegato Steven Ballmer, annunciata venerdì, non segue il "protocollo" che insegnano all'università per questo genere di passaggi di consegne. Annunciato a sorpresa, a mercati aperti, senza che ci sia già un successore designato, è stato ben accolto dagli investitori, ma avrebbe potuto essere un disastro. Eppure a chi conosce il colosso informatico fondato da Bill Gates nel 1975 è chiaro che non è stata una scelta non meditata.

Il consiglio di amministrazione, spiegano fonti interne alla società, già da tempo valutava la possibilità di mettere fine ai 13 anni di gestione Ballmer. Tuttavia, la forte personalità dell'amministratore delegato, la riluttanza del Cda a sostituirlo, il flop di alcuni prodotti e i recenti problemi finanziari hanno costretto la società ad agire.

Al di là della scelta del nuovo Ceo, il problema di Microsoft è superare le condizioni che hanno provocato un calo dei profitti e reso necessario l'addio di Ballmer: le sorti di Microsoft sono al momento legate alla popolarità dei personal computer, una tecnologia in costante calo e in netto svantaggio rispetto a tablet e smartphone. Ballmer ha di recente delineato la nuova strategia della società che passa per prodotti più efficienti, ma secondo gli analisti si è trattato di un'azione troppo poco aggressiva e tardiva.

"Il grande cambiamento era il mobile, Ballmer sarà a lungo criticato per avere perso l'attimo e non avere partecipato alla rivoluzione chiaramente iniziata alla metà degli anni Novanta", ha detto JP Gownder, analista di Forrester. I numeri gli danno ragione: secondo i dati di IDC, le vendite di smartphone sono cresciute nel 2012 del 46% e quelle di tablet del 78%. Al contrario quelle di computer da tavolo e portatili sono calate in modo costante e lo stesso hanno fatto le società che puntavano tutto sui software. Come Microsoft.

Nel breve termine, comunque, la priorità è trovare un successore. "Non ci sono candidati ovvi, tutte le persone interessanti che hanno lavorato per Microsoft negli ultimi dieci anni e che sarebbero state candidati papabili se ne sono andate", ha detto Michael Cusumano, professore di ingegneria al Massachusetts Institute of Technology ed esperto di strategia nell'industria dei software. "E' anche difficile introdurre un esterno. Microsoft è nota per i suoi gruppi di potere interni, difficilmente controllabili da un esterno", ha detto.

Trovare un adeguato piano di successione è cosa delicata per tutte le aziende, ma lo è in modo particolare per Microsoft: Ballmer è un dirigente dal 1980 e amministratore delegato dal 2000, ma è anche grande amico di Bill Gates, che è ancora presidente della società. "Ballmer è uno dei fondatori, lasciare Microsoft è come morire, quindi è difficile seguire una procedura ordinata. Occorre una grande maturità da parte di tutti", ha detto Joseph Bower, professore della Harvard Business School.

Subito dopo l'annuncio sono partite le speculazioni sul nome del candidato, ma secondo gli osservatori il processo di scelta sarà lungo e non senza sorprese. E' improbabile che ritorni Steven Sinofsky, ex capo della divisione che si occupa del sistema operativo Windows: aveva lasciato l'incarico l'anno scorso sulla scia di forti disaccordi con lo stesso Ballmer e si è da poco inserito nella società di venture capital di Andreessen Horowitz. Appare invece possibile un ritorno di altri dirigenti, come Paul Maritz, amministratore delegato di VMware fino all'anno scorso, Stephen Elop, passato a Nokia, Kevin Johnson, prossimo all'addio di Juniper Networks.

Altri nomi che circolano sono quelli di Jeff Raikes, amministratore delegato della Gates Foundation, e Chris Liddell, ex direttore finanziario di Microsoft e G.M. Tra i candidati esterni è stato nominato praticamente chiunque, compresi il direttore operativo di Facebook Sheryl Sandberg, l'amministratore delegato di Netflix Reed Hastings e Scott Forstall, che ha guidato fino all'anno scorso la divisione iOS di Apple.

Altri Servizi

Fmi pronto a migliorare le stime di crescita mondiale

Discorso del d.g. Lagarde. Bene Europa e Giappone. Cina e India restano forti. La ripresa non è però finita. Serve adottare ora le riforme e investire nell'istruzione. Perché il prossimo Mark Zuckerberg non deve venire da Harvard
America24

Il Fondo monetario internazionale si prepara a rivedere al rialzo le stime di crescita mondiale quando, martedì 10 ottobre, pubblicherà il suo nuovo World Economic Outlook. "A luglio, l'Fmi ha stimato una crescita globale del 3,5% nel 2017 e del 3,6% nel 2018. La settimana prossima pubblicheremo le stime aggiornate in vista degli Annual Meeting" che si svolgeranno a Washington dal 13 al 15 ottobre prossimi. Esse "saranno probabilmente ancora più ottimiste". Lo ha detto Christine Lagarde, il direttore generale del Fondo, in un discorso pronunciato alla Harvard University.

Trump celebra Cristoforo Colombo. Ma senza gli accorgimenti di Obama

Lunedì 9 ottobre gli Usa ricordano l'esploratore genovese che nel 1492 arrivò nelle Americhe. Il presidente brinda alla sua "impresa coraggiosa"; il predecessore ne ricordò anche le conseguenze per i nativi. A NY la 72esima parata (con polemiche)
Columbus Citizens Foundation

Come aveva fatto il suo predecessore, anche Donald Trump ha invitato i suoi connazionali a celebrare Cristoforo Colombo proclamando il 9 ottobre del 2017 la giornata dedicata all'esploratore italiano. La commemorazione dello "storico viaggio" del nativo di Genova, che si verifica negli Stati Uniti ogni secondo lunedì del mese di ottobre, fu decisa nel 1934 dal Congresso americano; seguendo la tradizione, il presidente di turno ogni anno proclama "Columbus Day" il giorno in cui cade.

Google sfida Apple e Amazon con nuovi smartphone e casse intelligenti

Arrivano anche le prime cuffie wireless del gruppo e la fotocamera Clips che preoccupa GoPro
Pixel 2 XL Google

Google affila le armi contro la concorrenza, a cominciare da Apple e Amazon. Il gruppo parte di Alphabet ha presentato vari prodotti tra cui due nuovi smartphone chiamati Pixel 2 e Pixel 2 XL, due nuovi speaker per la casa (uno dalle dimensioni piccole, Google Home Mini, e un'altro di alta gamma, Google Home Max), un nuovo Chromebook chiamato Pixelbook, un nuovo visore per la realtà virtuale e le sue prime cuffie wireless battezzate Google Pixel Buds. Come se non bastasse, l'azienda di Mountain View (California) ha sorpreso il pubblico riunito per l'occasione a San Francisco lanciando Google Clips, una nuova macchina fotografica che sembra preoccupare GoPro: il titolo del produttore di dispositivi usati dagli amanti di sport estremi per scattare immagini e registrare video ha accelerato subito al ribasso con gli investitori che chiaramente temono la concorrenza del nuovo arrivato.

Chi tradì Anna Frank? Forse lo dirà l'intelligenza artificiale

Un team guidato da un ex agente Fbi prova a risolvere il caso

Chi tradì la famiglia di Anna Frank? A dare risposta a "uno dei maggiori casi irrisolti del ventesimo secolo" potrebbe essere l'intelligenza artificiale. Un ex agente dell'Fbi e una società di produzione olandese hanno messo insieme un team di venti persone (ricercatori, analisti informatici e storici) che, con l'aiuto di tecnologie di ultima generazione, proveranno a risolvere il mistero.

Italia: Moody's lascia invariato il rating, il settore bancario si stabilizza

E' pari a Baa2. Mantenuto l'outlook negativo. Incertezza dalle prossime elezioni. Rischi al ribasso dell'economia restano "elevati"

Moody's ha lasciato invariato il suo giudizio sull'Italia (pari a Baa2) citando la stabilizzazione del settore bancario della nazione e una crescita dell'economia più forte. Resta però l'incertezza in vista delle prossime elezioni motivo per cui l'outlook è rimasto negativo.

La Compilation: cosa aspettarsi e non dal commercialista

Informazioni utili per redigere il documento, un vero e proprio biglietto da visita per un’azienda straniera interessata a investire negli Usa

Nel precedente articolo abbiamo messo in luce i motivi che rendono la Compilation un Attest Service fondamentale per un’azienda straniera interessata ad investire negli Usa.

Gli interni di lusso italiani in mostra a Miami

Seconda edizione di Italian Luxury Interiors. Più che triplicate le richieste di partecipazione. Il nostro è il primo Paese europeo fornitore di prodotti d’arredo negli Usa, che sono il quarto mercato estero per il settore
ICE Agenzia

A Fort Lauderdale (Florida) è iniziata la seconda edizione della Italian Luxury Interiors. L’iniziativa - promossa da ICE Agenzia in collaborazione con Confartigianato, Cna ed Universal Marketing (agente esclusivo dell’evento) - è dedicata alle migliori proposte dell’artigianato italiano per i settori dell’oggettistica da regalo, complemento d’arredo, illuminazione e tessile.

A New York si celebra l'eredità italiana ma Cristoforo Colombo divide

Alcune associazioni italoamericane hanno boicottato l'evento del sindaco Bill de Blasio: non ha difeso le statue dell'esploratore dal destino incerto. Il suo ufficio: la statua non si tocca. L'ambasciatore Varricchio difende il personaggio storico

A New York City sono entrate nel vivo le celebrazioni legate all'eredità italiana nella città. Non senza divisioni. Sono molte le persone e le organizzazioni di italoamericani che ieri sera hanno boicottato l'evento organizzato alla Gracie Mansion, la villa sull'East River in cui vive il sindaco di turno, e che ogni anno segna l'inizio delle feste che dal 1970 culminano il secondo lunedì di ottobre con la parata che coincide con il Columbus Day. E' proprio l'esploratore Cristoforo Colombo la causa di quelle divisioni. Il sindaco di origini italiane Bill de Blasio non ha mai apertamente difeso le statue del personaggio storico, diventato controverso nell'America di Donald Trump. Per gli italoamericani è simbolo delle loro origini, per alcuni addirittura un eroe. Per altri il genovese è visto come un conquistatore che ha iniziato a schiavizzare e uccidere i nativi del Nordamerica.

Monsanto vira in utile nel IV trimestre, progressi verso nozze con Bayer

Il merito va alla diffusione delle ultime tecnologie legate ai semi di soia e al cotone così come all'adozione dei nuovi ibridi di mais nel mondo. Punta a risparmi annui di 500 milioni di dollari

Nei tre mesi chiusi in 31 agosto scorso, Monsanto ha messo a segno utili per 20 milioni di dollari contro una perdita di 191 milioni di dollari dello stesso periodo del 2016. In quello che per il colosso dell'agrochimica rappresenta il quarto trimestre fiscale, gli utili per azione sono stati di 5 centesimi contro la perdita di 44 centestimi di un anno prima. Al netto di voci straordinarie, il dato è stato di 20 centesimi contro i 7 centesimi del periodo giugno-agosto dello scorso anno, decisamente meglio delle stime degli analisti che si aspettavano un rosso di 41 centesimi per azione.

Media Usa: Ivanka e Donald Trump Jr. furono vicini a essere incriminati per frode

Lo riporta un'indagine di Pro Publica, New Yorker e Wnyc. Decisivo l'intervento dell'avvocato personale del 45esimo presidente
AP

Anni fa, Donald Trump Jr. e sua sorella Ivanka sarebbero stati a un passo dall'incriminazione per frode, per aver ingannato i potenziali acquirenti delle loro proprietà, che non riuscivano a vendere. Ad affermarlo è un reportage investigativo frutto della collaborazione tra Pro Publica, The New Yorker e Wnyc.