Dopo nozze AT&T-Time Warner, il mercato si prepara a mega merger

Il via libera di un giudice federale americano al merger verticale da 85 miliardi di dollari tra AT&T e Time Warner spiana la strada a una serie di mega merger potenziali. Gli investitori non hanno perso tempo a scommettere su quello che potrebbe succedere, come osservato già ieri dalla performance di certi titoli nell'after-hours a Wall Street successivamente alla decisione del giudice Richard Leon. Ecco cosa sta per succedere.

Comcast sfida Disney per gli asset di 21st Century Fox
Mentre AT&T e Time Warner contano di completare la loro fusione, annunciata nell'ottobre 2016, entro il 20 giugno prossimo, Comcast già oggi dovrebbe annunciare la sua offerta in contanti per gli stessi asset che 21st Century Fox lo scorso dicembre ha deciso di cedere a Walt Disney in un accordo da 52,4 miliardi di dollari in azioni. La controllante di NBCUniversal e del canale finanziario Cnbc potrebbe mettere sul piatto di Rupert Murdoch 60 miliardi di dollari. Nella transazione sarebbero inclusi la conglomerata indiana Star e il 39% che Fox possiede nella britannica Sky, un gruppo di cui vorrebbe prendere il controllo dal dicembre 2016 e a cui è a sua volta interessata la stessa Comcast. Quest'ultima azienda ha offerto 12,5 sterline per ogni titolo Sky contro le 10,75 sterline di Fox. Una guerra tra Comcast e Disney è data per certa. Il colosso dell'intrattenimento guidato da Bob Iger potrebbe decidere di alzare la posta e magari cambiare il mix dell'offerta tra contanti e azioni.

Cbs e Viacom sotto lo stesso tetto?
Viacom e Cbs hanno trascorso mesi difficili mentre i rispettivi management valutavano un ritorno dei due gruppi sotto lo stesso tetto, un desiderio del miliardario 94enne Sumner Redstone a capo di National Amusements, la controllante dei due gruppi media. Il caso è finito in tribunale. Viacom (che controlla Mtv, Nickelodeon e lo studio cinematografico Paramount) e Cbs (emittente della trasmissione "60 Minutes") erano parte della stessa azienda dal 2000 al 2006. Una loro fusione potrebbe tornare una possibilità, altrimenti i due gruppi potrebbero studiare altre opzioni tra cui una cessione a Verizon, Charter o alle combinate Sprint/T-Mobile US.

Sprint/T-Mobile US
Alla fine di aprile e dopo anni di feroci negoziati, T-Mobile US ha raggiunto un accordo da 26 miliardi di dollari per comprare l'arcirivale Sprint. L'intesa rappresenta la terza volta negli ultimi quattro anni in cui i due operatori di telefonia mobile Usa hanno cercato di convolare a nozze. Il quarto e il terzo operatore statunitense per numero di abbonati difenderanno la bontà delle loro nozze sostenendo che AT&T ora sarà un competitor ancora più forte.

Verizon
Mentre si prepara a cambiare Ceo, cosa annunciata la settimana scorsa ed effettiva dal primo agosto, Verizon osserva cosa sta succedendo nel panorama dei media e delle tlc. Con l'addio di Lowell McAdam, al vertice dell'azienda da sette anni, e la promozione di Hans Vestberg, arrivato nel gruppo un anno fa circa e attualmente chief technology officer, gli analisti credono che il gruppo punti sulla rete in fibra. Questo significa che Verizon non è interessata a diventare un'azienda di contenuti come la rivale AT&T. Sebbene Discovery, Cbs, Viacom o queste ultime due aziene insieme possano essere potenziali target, Verizon ha segnalato di non essere interessata a una pay-TV. Il mese scorso McAdam disse che l'acquisto di un gruppo di quel tipo "non fa parte della nostra strategia". Piuttosto che seguire le orme di AT&T, l'azienda vuole puntare sulla rete 5G.

Charter Communications
L'operatore TV via cavo potrebbe decidere di puntare sui contenuti. Potrebbe anche finire per trattare con Time Warner nel caso in cui la Giustizia Usa avesse la meglio in un ricorso che potrebbe lanciare contro la decisione di ieri del giudice che ha dato l'ok alle nozze tra la controllante di Cnn e AT&T.

Liberty Media
La Liberty Media di John Malone - l'anti Murdoch che è socio di Discovery, Lionsgate and Charter - non ha mai nascosto l'idea di acquistare aziende piccole specializzate nei contenuti, fondendole magari con provider di servizi wireless o via cavo. Discovery ha già creato un impero digitale e TV con l'acquisto quest'anno di Scripps Networks Interactive per 14,6 miliardi di dollari. Per Malone ci potrebbe essere un consolidamento tra i suoi asset e magari l'acquisto di altri. C'è chi cita MGM o Sony Picture.

Settore sanità
Non è solo il comparto dei media ad essere condizionato dal via libera alla fusione tra AT&T e Time Warner. Gli investitori guardano anche a quello della sanità. La catena di farmacie CVS conta di completare entro fine anno l'acquisizione dell'assicuratore medico Aetna per 69 miliardi di dollari. Anche Cigna contra di riuscire a prendere il controllo di Express Scripts in una operazione da 67 miliardi di dollari.

Altri Servizi

Nuovo fronte di Trump contro la Cina: Usa fuori da trattato postale internazionale

Fu creato nel 1874 ed era pensato per agevolare lo sviluppo di nazioni povere concedendo commissioni basse per le spedizioni di pacchi. Per Washington, Pechino se ne è approfittata

Il presidente americano, Donald Trump, vuole aprire un nuovo fronte nella sua battaglia commerciale con la Cina. Come? Ritirando gli Stati Uniti da un trattato postale vecchio di 144 anni che ha permesso alle aziende cinesi di inviare pacchi di piccole dimensioni in Usa a un tasso decisamente scontato.

Per il terzo mese di fila la Cina riduce i Treasury in suo possesso

Ad agosto la quantità in mano a Pechino è scesa ai minimi del giugno 2017 ma il calo non è significativo. Anche il Giappone ha venduto mentre l'Arabia Saudita ha comprato

Per il terzo mese di fila, ad agosto, la Cina ha ridotto la quantità di Treasury in suo possesso portandola ai minimi del giugno 2017, quando erano a 1.147 miliardi di dollari.

Netflix: la crescita degli abbonati straccia le stime

Utili triplicati nel terzo trimestre. Ricavi cresciuti più del previsto (+34% a 4 miliardi di dollari). Aumenta la cassa bruciata. Pesano investimenti in contenuti originali
iStock

Nel terzo trimestre del 2018, Netflix è tornato a sorprendere in positivo, motivo per cui il titolo a Wall Street ieri nell'after-hours era arrivato a guadagnare fino al 13%: il gruppo di video in streaming ha registrato un aumento degli abbonati superiore alle stime, cosa che ha fatto venire meno i timori di un rallentamento che erano sorti con la trimestrale precedente. Il gruppo ha inoltre visto triplicare gli utili rispetto a un anno prima e ha registrato ricavi in aumento del 34%, più del previsto, anche se ha continuato a bruciare cassa a un passo più rapido che in passato. Il tutto mentre investe sempre di più sui contenuti, per i quali secondo gli analisti spenderà quest'anno 12 miliardi di dollari, 4 miliardi in più di quelli annunciati dall'azienda.

Google: i produttori di smartphone in Europa dovranno pagare per avere app del gruppo

La controllata di Alphabet passa a un modello di business a pagamento, conseguenza della multa Ue per abuso di posizione dominante con Android

Google cambia modello di business in Europa, dove lo scorso 18 luglio la controllata di Alphabet è stata colpita dalla Commissione europea con una multa di 4,34 miliardi di euro per abuso di posizione dominante con Android (il suo sistema operativo per dispositivi mobili).

Il rimbalzo dei ricavi di International Business Machines (Ibm) si è fermato dopo soli tre trimestri. E le vendite legate al cloud computing hanno deluso. Questo spiega perché il titolo del gruppo IT sta scivolando nel dopo mercato a Wall Street (-3,7%).

Trump contro Mattis: "È una sorta di democratico, potrebbe andarsene presto"

Il presidente americano in un’intervista alla Cbs ha parlato del rapporto con il segretario alla Difesa

Donald Trump continua a lanciare messaggi ai membri della sua amministrazione. Ultimo in ordine di tempo è il segretario alla Difesa, il generale Jim Mattis, sul quale il tycoon si è espresso durante un’intervista a "60 Minutes" sulla Cbs. "È una sorta di democratico" ha detto il tycoon che ha ammesso di non sapere se Mattis lascerà o meno il suo incarico.

Facebook riduce a 30 mln il numero di account colpiti da recente attacco hacker

I pirati informatici hanno avuto accesso a email, numeri di telefono e nomi di 15 milioni di persone. L'Fbi indaga. Bocche cucite su chi sia il responsabile dell'intrusione. Intatte le app Messenger, WhatsApp e Instagram
AP

Sono 20 milioni di meno gli account Facebook colpiti dai problemi di sicurezza scoperti il 25 settembre. Il gruppo ha tagliato a 30 milioni da 50 milioni il numero di account di cui gli hacker hanno sfruttato una vulnerabilità associata alla funzione (in inglese "view as") che consente agli utenti di vedere i loro profili come se fossero uno dei loro amici.

"Sip Trip": il viaggio a tappe in Italia con cui il sommelier di Bastianich vuole ingolosire gli Usa

Al via le registrazioni della serie YouTube di Jeff Porter, direttore beverage dell'impero della celebre chef. Dalla Lombardia alla Campania per condividere piatti e vini del nostro Paese

A lui i "superlativi" non piacciono e dunque non si spingerà mai a dire che l'Italia è il migliore produttore di vini in assoluto. Eppure l'Italia sta diventando la "seconda casa" di Jeff Porter. Ed è la "prima porta" di quella casa che il sommelier americano vuole aprire allo spettatore di "Sip Trip", una mini serie su YouTube da lui ideata e che sta per essere girata nelle regioni italiane famose per il loro vino con tappe nelle cantine migliori, dal Veneto al Piemonte passando per Lombardia, Toscana, Umbria e Campania.

Nyt: Kushner non ha pagato tasse per anni

Il genero di Donald Trump ha usufruito di pesanti sgravi fiscali nel periodo tra il 2009 e il 2016

Nel periodo tra il 2009 e il 2016 Jared Kushner, genero di Donald Trump e consigliere della Casa Bianca, non ha pagato tasse o ne ha pagate pochissime. A scriverlo è il New York Times che cita documenti finanziari riservati tra cui carte compilate, con la collaborazione dello stesso immobiliarista, da un istituto finanziario in vista della concessione di un prestito.

Il primo anno fiscale completo di Trump chiuso con deficit al top del 2012

E' salito del 17% a 779 miliardi di dollari, top del 2012. Come percentuale del Pil, il dato è cresciuto al 3,9% dal 3,5%. Timori su sostenibilità dei conti pubblici

Nel primo anno fiscale completo dell'era Trump, il deficit federale americano è salito ai massimi di sei anni fa. E' l'effetto della politica fiscale espansiva voluta dal presidente Donald Trump, fatta di tagli alle tasse e maggiori spese (anche militari).