Dopo nozze AT&T-Time Warner, il mercato si prepara a mega merger

Il via libera di un giudice federale americano al merger verticale da 85 miliardi di dollari tra AT&T e Time Warner spiana la strada a una serie di mega merger potenziali. Gli investitori non hanno perso tempo a scommettere su quello che potrebbe succedere, come osservato già ieri dalla performance di certi titoli nell'after-hours a Wall Street successivamente alla decisione del giudice Richard Leon. Ecco cosa sta per succedere.

Comcast sfida Disney per gli asset di 21st Century Fox
Mentre AT&T e Time Warner contano di completare la loro fusione, annunciata nell'ottobre 2016, entro il 20 giugno prossimo, Comcast già oggi dovrebbe annunciare la sua offerta in contanti per gli stessi asset che 21st Century Fox lo scorso dicembre ha deciso di cedere a Walt Disney in un accordo da 52,4 miliardi di dollari in azioni. La controllante di NBCUniversal e del canale finanziario Cnbc potrebbe mettere sul piatto di Rupert Murdoch 60 miliardi di dollari. Nella transazione sarebbero inclusi la conglomerata indiana Star e il 39% che Fox possiede nella britannica Sky, un gruppo di cui vorrebbe prendere il controllo dal dicembre 2016 e a cui è a sua volta interessata la stessa Comcast. Quest'ultima azienda ha offerto 12,5 sterline per ogni titolo Sky contro le 10,75 sterline di Fox. Una guerra tra Comcast e Disney è data per certa. Il colosso dell'intrattenimento guidato da Bob Iger potrebbe decidere di alzare la posta e magari cambiare il mix dell'offerta tra contanti e azioni.

Cbs e Viacom sotto lo stesso tetto?
Viacom e Cbs hanno trascorso mesi difficili mentre i rispettivi management valutavano un ritorno dei due gruppi sotto lo stesso tetto, un desiderio del miliardario 94enne Sumner Redstone a capo di National Amusements, la controllante dei due gruppi media. Il caso è finito in tribunale. Viacom (che controlla Mtv, Nickelodeon e lo studio cinematografico Paramount) e Cbs (emittente della trasmissione "60 Minutes") erano parte della stessa azienda dal 2000 al 2006. Una loro fusione potrebbe tornare una possibilità, altrimenti i due gruppi potrebbero studiare altre opzioni tra cui una cessione a Verizon, Charter o alle combinate Sprint/T-Mobile US.

Sprint/T-Mobile US
Alla fine di aprile e dopo anni di feroci negoziati, T-Mobile US ha raggiunto un accordo da 26 miliardi di dollari per comprare l'arcirivale Sprint. L'intesa rappresenta la terza volta negli ultimi quattro anni in cui i due operatori di telefonia mobile Usa hanno cercato di convolare a nozze. Il quarto e il terzo operatore statunitense per numero di abbonati difenderanno la bontà delle loro nozze sostenendo che AT&T ora sarà un competitor ancora più forte.

Verizon
Mentre si prepara a cambiare Ceo, cosa annunciata la settimana scorsa ed effettiva dal primo agosto, Verizon osserva cosa sta succedendo nel panorama dei media e delle tlc. Con l'addio di Lowell McAdam, al vertice dell'azienda da sette anni, e la promozione di Hans Vestberg, arrivato nel gruppo un anno fa circa e attualmente chief technology officer, gli analisti credono che il gruppo punti sulla rete in fibra. Questo significa che Verizon non è interessata a diventare un'azienda di contenuti come la rivale AT&T. Sebbene Discovery, Cbs, Viacom o queste ultime due aziene insieme possano essere potenziali target, Verizon ha segnalato di non essere interessata a una pay-TV. Il mese scorso McAdam disse che l'acquisto di un gruppo di quel tipo "non fa parte della nostra strategia". Piuttosto che seguire le orme di AT&T, l'azienda vuole puntare sulla rete 5G.

Charter Communications
L'operatore TV via cavo potrebbe decidere di puntare sui contenuti. Potrebbe anche finire per trattare con Time Warner nel caso in cui la Giustizia Usa avesse la meglio in un ricorso che potrebbe lanciare contro la decisione di ieri del giudice che ha dato l'ok alle nozze tra la controllante di Cnn e AT&T.

Liberty Media
La Liberty Media di John Malone - l'anti Murdoch che è socio di Discovery, Lionsgate and Charter - non ha mai nascosto l'idea di acquistare aziende piccole specializzate nei contenuti, fondendole magari con provider di servizi wireless o via cavo. Discovery ha già creato un impero digitale e TV con l'acquisto quest'anno di Scripps Networks Interactive per 14,6 miliardi di dollari. Per Malone ci potrebbe essere un consolidamento tra i suoi asset e magari l'acquisto di altri. C'è chi cita MGM o Sony Picture.

Settore sanità
Non è solo il comparto dei media ad essere condizionato dal via libera alla fusione tra AT&T e Time Warner. Gli investitori guardano anche a quello della sanità. La catena di farmacie CVS conta di completare entro fine anno l'acquisizione dell'assicuratore medico Aetna per 69 miliardi di dollari. Anche Cigna contra di riuscire a prendere il controllo di Express Scripts in una operazione da 67 miliardi di dollari.

Altri Servizi

Facebook ha un team di esperti per fare 'saltare' il social network

L'obiettivo è scoprire le falle della piattaforma prima che a scovarle siano soggetti con cattive intenzioni
AP

Scoprire le vulnerabilità di Facebook prima che a farlo siano soggetti mal intenzionati. E' questo l'obiettivo di una nuova task force arruolata da Facebook. Essa è composta da ex funzionari dell'intelligence, ricercatori e media buyer. A darne notizia è BuzzFeed News, secondo cui il social network si riferisce a questa squadra di esperti con l'espressione "Investigative Operations Team".

Incidente fatale con vettura autonoma di Uber: conducente era "distratto"

Per la polizia di Tempe (Arizona) la persona al volante avrebbe potuto evitare l'accaduto. Forse stava guardando video sul servizio Hulu
Uber

La persona al volante di una vettura a guida autonoma di Uber che lo scorso 18 marzo a Tempe, Arizona, travolse e uccise un pedone avrebbe potuto evitare l'incidente se non fosse stata "distratta". E' quanto emerso dalle indagini della polizia locale.

La 'tolleranza zero' di Trump è già alla fine

La strategia dell'attuale amministrazione si sta scontrando con problemi logistici, legali e sociali. L'ordine esecutivo firmato dal presidente provocherà il ritorno alla politica del 'rilascio immediato'
iStock

Il presidente Donald Trump potrà pure non ammetterlo, ma la sua strategia della 'tolleranza zero' con i migranti irregolari è di fatto conclusa. I massimi funzionari del dipartimento della Sicurezza nazionale hanno riconosciuto la realtà dei fatti in un incontro avvenuto giovedì pomeriggio, secondo un ex funzionario a conoscenza del vertice che ne ha parlato con Politico.

Wall Street, il Dow Jones interrompe i ribassi dell'ultima settimana

Prima giornata in rialzo dopo otto di fila in calo
iStock

Commercio: per la Cina, gli Usa sono "paranoici"

Dentro la Casa Bianca c'è chi lavora per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio
AP

Attenta a non apparire affatto debole, la Cina continua a usare una retorica dura nei confronti delle politica commerciale degli Stati Uniti. Tuttavia, secondo varie indiscrezioni di stampa, sia Pechino sia Washington stanno lavorando da dietro le quinte per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio prossimo, la data in cui tutte e due le nazioni faranno scattare nuovi dazi l'una contro l'altra.

Netflix, il capo della comunicazione dice "negro": costretto alle dimissioni

Il Ce Hastings: "Inaccettabile, non in linea con i valori della nostra società". Friedland ricopriva il ruolo da 6 anni
AP

Jonathan Friedland non è più il responsabile della comunicazione di Netflix. In una lettera inviata a tutti i dipendenti, l'amministratore delegato, Reed Hastings, ha spiegato che la separazione è stata decisa dopo alcune dichiarazioni inaccettabili di Friedland al suo staff.

Usa-Russia, vertice sull'energia a Washington

L'amministrazione Trump ha chiesto (e ottenuto) un aumento della produzione di petrolio degli altri Paesi, visto il rialzo del prezzo della benzina
AP

I due maggiori produttori di petrolio e gas al mondo si siederanno allo stesso tavolo, la prossima settimana. Il segretario statunitense dell'Energia, Rick Perry, ospiterà a Washington l'omologo russo, in una fase in cui i rapporti tra le due potenze sono costantemente sotto i riflettori.

Le letture di Obama: c'è anche 'La nuova geografia del lavoro' di Moretti

Post su Facebook, l'ex presidente condivide la sua lista, "un tantino più pesante di quella per l'estate"

L'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha condiviso le sue letture su un post di Facebook, dicendo che "c'è così tanta buona scrittura, e arte, e una varietà di pensieri di questi tempi". "Spesso mi chiedono cosa leggo, guardo e ascolto, così ho pensato che potrei condividere una breve lista, di tanto in tanto [...] Questa è una lista di quello che ho letto recentemente. Ammetto che è una lista un tantino più pesante di quella per l'estate".

Trump ai repubblicani: "Aspettiamo le elezioni per approvare la legge sull'immigrazione"

Il presidente ha attaccato ancora i democratici. Nancy Pelosi ha detto che la proposta di legge dei repubblicani "è un compromesso con il diavolo"
iStock

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha ripreso questa mattina gli attacchi su Twitter contro i democratici sull'immigrazione, dopo il rinvio alla prossima settimana della votazione su una proposta di legge repubblicana, per cui al momento mancano i voti necessari all'approvazione.

Volkswagen e Ford studiano alleanza strategica sui veicoli commerciali

Escluso un merger. Le due aziende vogliono diventare più competitive

Volkswagen e Ford Motor stanno esplorando una "alleanza strategica" pensata per "rafforzare la competitività delle due aziende e per meglio servire i propri clienti" mentre le vetture nel mondo diventano tecnologicamente sempre più avanzate cambiando le aspettative dei consumatori.