Comprare casa in America? Occhio ai costi

Il prezzo delle case e della vita, da New York a Brownsville

La debolezza del dollaro degli ultimi anni e la bolla immobiliare hanno reso il mercato americano del mattone molto appetibile per gli investitori europei. Per chi ci sta pensando, prima di tutto occorre scegliere la città dove andare a vivere. E non è un'operazione semplice, visto che i centri abitati più noti sono, solitamente, i più costosi.

I fattori da considerare per calcolare il costo della vita in una città sono parecchi: dal costo delle case, a quello dei generi alimentari e della benzina. La città più cara, secondo la classifica pubblicata quest'anno dal magazine finanziaro Kiplinger, è New York. L'analisi si basa sugli stipendi e sul costo di generi alimentari, trasporti, case, cure mediche e altri beni di prima necessità. Il prezzo medio di un appartamento nella Big Apple è di 1,14 milioni di dollari, ma varia molto in base ai quartieri. Un piccolo monolocale in una zona modesta di Manhattan, per esempio, supera facilmente il mezzo milione di dollari. Ma basta spostarsi a Brooklyn, borough a est di Manhattan, per vedere i costi quasi dimezzati.

Un'altra meta molto gettonata, sull'altra costa degli Stati Uniti, è San Francisco. Nella città dei fiori, il prezzo medio di un appartamento è di 808.000 dollari. Un prezzo vagamente giustificabile da un reddito medio per famiglia relativamente alto, pari a 74.876 dollari all'anno, che supera di 10.000 dollari la media di New York. Anche Washington e Boston sono tra le dieci più sconvenienti, rispettivamente al sesto e all'ottavo posto. Al nono e al decimo, infine, si piazzano le grandi città della California meridionale: Los Angeles e San Diego, dove il prezzo medio di un'abitazione è di quasi 600.000 dollari.

Se siete disposti a rinunciare alla vita notturna di New York, alla vitalità di San Francisco e al mare di San Diego, potete risparmiare e permettervi una casa più grande in città meno gettonate. Le più economiche sono in Texas o in altri stati dell'America centrale. In cima alla lista c'è Brownsville, in Texas, dove una casa costa in media 209.000 dollari e i beni di prima necessità sono molto accessibili. Il secondo posto è occupato da Pueblo, in Colorado, seguito da Ft. Hood, in Texas, e Fort Smith, in Arkansas.

Altri Servizi

Papa Francesco alle compagnie petrolifere: "Il mondo deve convertirsi all'energia pulita"

Incontro in Vaticano con i manager di alcuni colossi del settore, tra cui la statunitense Exxon, spesso criticata dagli ambientalisti. Il pontefice: "Rispettate l'accordo di Parigi"

Il mondo deve convertirsi all'energia pulita. È l'appello lanciato da papa Francesco in Vaticano, alla fine di una conferenza di due giorni a cui hanno partecipato i manager dei principali gruppi petroliferi. "La civiltà richiede energia, ma l'uso di energia non deve distruggere la civiltà", è stato il suo messaggio, sottolineando la necessità di rispettare l'ambiente e le condizioni di vita delle persone.

Trump conclude il G-7: "Voglio un commercio senza dazi, senza barriere, senza sussidi"

Il presidente Usa ha parlato di summit di "enorme successo", ribadendo che gli altri "hanno approfittato di noi per decenni, ma quei giorni sono finiti". Poi ribadisce: "Meglio tornare al G-8, con la Russia". "Ora vado in missione di pace" da Kim
Ap

"Abbiamo concluso un G-7 davvero di enorme successo" e le discussioni sul commercio sono state "estremamente produttive". Queste le parole del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, a conclusione del (suo) summit del G-7 in Canada, che lascia in anticipo per la sua "missione di pace" a Singapore, dove il 12 giugno incontrerà il leader nordcoreano Kim Jong Un: "un'occasione irripetibile, credo che andrà molto bene". "Le nazioni del G-7 sono unite da valori e convinzioni condivisi, siamo uniti nel grande sforzo di creare un mondo più giusto, pacifico e prospero".

Morto suicida lo chef superstar Anthony Bourdain

Era a Strasburgo, in Francia, per la prossima puntata del suo programma tv; aveva 61 anni

Anthony Bourdain, chef statunitense conosciuto in tutto il mondo anche per i suoi libri e i programmi televisivi che lo hanno visto protagonista, è morto oggi; aveva 61 anni. Secondo la Cnn, si sarebbe suicidato.

In vista del G7, Trump attacca i partner commerciali. May lo bacchetta

Tornata da Pechino, la delegazione americana attende dritte dal presidente Usa. Su twitter lui scrive: "non possiamo che VINCERE!" La leader britannica: dazi sull'acciaio Ue "ingiustificati" e "deludenti"
May alla Casa Bianca nel gennaio 2017 AP

Dalla Casa Bianca sono arrivati i primi commenti successivi al terzo round di negoziati commerciali che si sono svolti a Pechino nel fine settimana e che sono finiti senza un'intesa. Essi confermano quanto aveva riferito ieri l'agenzia di stampa cinese Xinhua, secondo cui ci stati "progressi concreti" in aree riguardanti i settori agricolo ed energetico ma dettagli non erano stati forniti.

Il Texas guida il fronte contro il Daca, che non sarà difeso in tribunale dal dipartimento di Giustizia

Prosegue la complessa battaglia sul programma in favore degli immigrati irregolari arrivati negli Stati Uniti da bambini
Immigration and Customs Enforcement

Il dipartimento di Giustizia statunitense non difenderà il Deferred Action for Childhood Arrivals (Daca) in tribunale, dopo che il Texas e altri sei Stati ne hanno sfidato la costituzionalità con una causa depositata lo scorso mese. Secondo il dipartimento, il programma Daca è illegale e rappresenta un aggiramento delle leggi sull'immigrazione.

Argentina: accordo con Fmi per aiuti da 50 miliardi di dollari

Piano in tre anni. Buenos Aires vuole accere alla prima tranche e trattare il resto del prestito come precauzione. In cambio, riduzione più rapida del deficit, autonomia banca centrale e target "realistici" inflazione

Il Fondo monetario internazionale è pronto a concedere all'Argentina fino a 50 miliardi di dollari di aiuti in tre anni. Un accordo tra l'istituzione di Washington e la nazione sudamericana è stato annunciato nella notte. Esso è giunto più rapidamente delle attese, che erano per un'intesa in arrivo entro sei settimane dall'8 maggio scorso, la data in cui il presidente argentino Mauricio Macri comunicò di avere chiesto sostegno al Fondo.

Wall Street teme tensioni commerciali al G-7

Oggi e domani il summit in Canada
iStock

No alla torta nuziale per due uomini, la Corte Suprema Usa dà ragione a un pasticciere

Il caso era atteso, perché si scontravano la libertà religiosa e i diritti per gli omosessuali. La decisione si basa sull'ostilità nei confronti della religione da parte di una commissione del Colorado: altri casi potrebbero essere giudicati diversamente

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha dato ragione a Jack Phillips, un pasticciere del Colorado che si è rifiutato di preparare una torta per un matrimonio tra due uomini nel 2012, giustificando la sua decisione con la sua fede cristiana. La decisione era molto attesa, perché riferita a un caso in cui si scontravano la libertà religiosa e i diritti per gli omosessuali. Bisogna però sottolineare che la decisione lascia aperta la possibilità che altri casi simili siano giudicati in modo diverso, visto che la Corte Suprema, che ha riaffermato l'importanza di proteggere i diritti degli omosessuali, ha punito l'aperta ostilità nei confronti della religione di chi si era espresso precedentemente sul caso.

Ocse ottimista sugli Usa nel breve termine, poi rischi "notevoli"

Gurria: la crescita è destinata a continuare per i prossimi due anni. Preoccupazioni da politiche commerciali

L'economia americana sta vivendo una delle espansioni più lunghe della storia (è giunta al nono anno) ma "le ferite" lasciate dalla crisi del 2008 così come le sfide poste dalla globalizzazione e dall'automazione "restano visibili" negli Stati Uniti. E' quanto emerge da un nuovo rapporto dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse).

La Cina tende la mano agli Usa, il Messico annuncia dazi

Pechino pronta ad aumentare gli acquisti di prodotti agricoli ed energetici americani a patto che Trump non imponga tariffe. La nazione dell'America centrale reagisce ai dazi fatti scattare da Washington su acciaio e alluminio
AP

Mentre la Cina ha teso la mano agli Usa, il Messico ha preso contromisure contro la prima economia al mondo.