Come Trump, il Pentagono minaccia la Corea del Nord. Tillerson tranquillizza

Il generale Mattis promette la fine del regime se agirà. Il segretario americano di Stato esclude una "minaccia imminente" per l'isola di Guam, un territorio Usa nel Pacifico, e un'opzione militare. Conta su "influenza" Russia e Cina.

Mentre il presidente Donald Trump si vanta di un arsenale nucleare "mai così potente" e il segretario di Stato Rex Tillerson tranquillizza dicendo di "dormire tranquilli", nel duello verbale sull'asse Usa-Corea del Nord si è inserito anche il segretario alla Difesa. Con la Cina che ha chiesto uno stop alle provocazioni.

Pentagono: Pyongyang eviti azioni che la annienterebbero
Jim Mattis ha ribadito "l'impegno inamovibile" di Washington a difendere sé stessa e gli alleati da un attacco di Pyongyang, che ha minacciato di lanciare un missile sull'isola Guam. Il leader nordcoreano Kim Jong-un "dovrebbe prestare attenzione alla voce unita dell'Onu", che sabato scorso ha imposto nuove sanzioni contro il regime, e ai governi nel mondo che sono d'accordo sul fatto che la Corea del Nord "rappresenta una minaccia alla sicurezza e alla stabilità globali". Per questo, ha continuato Mattis, la nazione "deve decidere di smettere di isolare sé stessa e rinunciare a ottenere armi nucleari". E dovrebbe smettere anche di prendere in considerazione azioni "che porterebbero alla fine del suo regime e alla distruzione del suo popolo". Mentre il dipartimento di Stato "sta facendo ogni sforzo per risolvere" la situazione per vie "diplomatiche", Mattis ha voluto precisare che "gli eserciti combinati degli alleati ora possiedono i mezzi offensivi e difensivi più robusti sulla Terra". Per questo Pyongyang perderebbe "ogni corsa all'armamento o un conflitto a cui darebbe inizio".

Dipartimento di Stato: nessuna minaccia imminente
Intanto il segretario americano di Stato, Rex Tillerson, aveva tranquillizzato dopo gli scambi di minacce tra Usa e Corea del Nord. "Credo che gli americani dovrebbero dormire tranquilli durante la notte e non dovrebbero essere preoccupati da questa particolare retorica degli ultimi giorni", ha detto. Alla stampa che gli ha chiesto se per Washington un'opzione militare stesse diventando sempre più concreta, lui ha risposto: "Nulla che ho visto e nulla di cui sono a conoscenza indica che la situazione sia cambiata notevolmente nelle ultime 24 ore".

Dopo avere difeso il linguaggio duro di Trump contro la Corea del Nord, per gli storici senza precedenti nell'era moderna, Tillerson ha detto di non credere che a Guam ci sia una "minaccia imminente" di attacco da parte di Pyongyang: il giorno precedente il regime di Kim jong-un aveva fatto sapere di valutare un lancio missilistico sulla piccola isola nel Pacifico occidentale diventata territorio americano nel 1898. E questo dopo l'avvertimento pronunciato dal presidente Usa (in modo totalmente improvvisato): la Corea del Nord smetta di minacciare gli Usa altrimenti Washington risponderà con "il fuoco e la furia".

Parlando a bordo dell'aereo diretto dalla Malesia a Guam - una tappa pianificata prima degli ultimi sviluppi geopolitici - il segretario americano di Stato ha precisato che "la capacità missilistica della Corea del Nord punta in varie direzioni, quindi Guam non è l'unico posto minacciato".

Tillerson ha anche echeggiato quanto detto ore prima da Trump, secondo cui l'arsenale nucleare Usa non è mai stato così potente, per dire che gli Stati Uniti "possono difendesi senza alcun dubbio e difenderanno sé stessi e gli alleati". Proprio per questo, secondo l'ex Ceo di Exxon Mobil, era "importante" che il leader Usa inviasse un messaggio chiaro.

Il ruolo di Cina e Russia
A chi gli ha chiesto se ci sia una minaccia di lungo termine contro la regione asiatica in generale e contro Guam in particolare, Tillerson ha risposto: "Spero di no. Siamo fiduciosi che questa campagna di pressing a cui si è unito ora tutto il mondo e il coinvolgimento di Cina e Russia - due dei vicini più stretti della Corea del Nord - possano iniziare a persuadere il regime a...pensare che deve farsi coinvolgere in un dialogo su un futuro diverso".

Secondo Tillerson - che ha detto di non avere parlato con i colleghi cinese e russo nell'ultimo giorno e mezzo - Mosca e Pechino "hanno canali di comunicazione aperti molto buoni per essere in grado di parlare con il regime nordcoreano". La speranza di Washington è che convincano Pyongyang a fermare i suoi programmi e a rispettare le risoluzioni Onu. Insomma, gli Usa contano su Russia e Cina affinché usino la loro "influenza per portare la Corea del Nord al dialogo, con le giuste aspettative" sul contenuto di quel dialogo.

Ecco perché "le nostre linee telefoniche restano aperte alla Cina e alla Russia così come ai nostri alleati", ha aggiunto Tillerson, che esclude serva una nuova strategia perché "quella in atto sta funzionando". A questo proposito ha citato un sostegno internazionale diffuso affinché la Corea del Nord non sia una minaccia alla stabilità nella Regione. Per lui "il pressing sta diventando evidente. Credo che sia per questo che la retorica in arrivo da Pyongyang sta iniziando a essere più minacciose e più rumorosa". E' tuttavia ancora "presto" per dire se il regime nordcoreano "è stato messo in un angolo" e sia così costretto a negoziare, cosa che solo due giorni prima aveva detto non avrebbe fatto "in nessuna circostanza".

Rex Tillerson, segretario di Stato
Altri Servizi

Irma rallenta e vira verso Tampa, ma Miami in pericolo. Il governatore Scott: rischio potenzialmente mortale

Complessivamente, secondo gli esperti, Irma potrebbe lasciarsi alle spalle danni per oltre 200 miliardi di dollari, di cui 135 miliardi solo in Florida. Circa 9 milioni di persone potrebbero restare senza energia elettrica. Coprifuoco a Miami.
Ap

Irma, ora uragano di categoria 3, ma secondo le previsioni riguadagnerà forza nelle prossime ore (continua a oscillare tra la categoria 4 e 5, la più alta e pericolosa), viaggia verso la Florida e, dopo avere colpito Cuba, si prepara ad arrivare sulle isole Florida Keys nella mattina di domenica, con venti che soffiano a 200 chilometri all'ora, per poi muoversi verso Miami, che potrebbe essere investita solo marginalmente se l'occhio del ciclone si spostasse ulteriormente verso ovest.

HP Enterprise: trimestre migliore delle stime ma taglia l'outlook

Il gruppo ha completato lo scorporo di certi asset. Il Ceo Whitman: i conti sono un "segnale incoraggiante dei progressi che stiamo facendo" ma "c'è ancora lavoro da fare"

Hewlett Packard Enterprise ha festeggiato ieri nel dopo-mercato una trimestrale migliore delle stime, anche grazie allo scorporo di alcuni suoi asset. Il gruppo che offre servizi IT ha tuttavia tagliato l'outlook.

Equifax: oltre la metà degli americani colpita dal mega attacco hacker

Sono 143 milioni. Lo Stato di New York avvia un'inchiesta sull'intrusione dei pirati informatici nell'agenzia di controllo dei crediti. Verso audizione in commissione parlamentare. Titolo soffre seduta peggiore da 18 anni
Shutterstock

Un mega attacco hacker ha colpito Equifax, una delle più grandi agenzie di controllo dei crediti. I dati di 143 milioni di clienti Usa potrebbero essere stati compromessi. Il 55% degli americani dai 18 anni in poi rischia di avere subito danni alle informazioni di tipo finanziario che lo riguarda.

Think tank Usa: interferenze politiche russe in 27 Paesi, tra cui l'Italia

Dal 2004, con attacchi informatici e campagne di disinformazione. Colpiti anche Regno Unito, Francia, Germania e Spagna. L'obiettivo è minare la credibilità della democrazia
Ap

La Russia si è intromessa dal 2004 negli affari di almeno 27 Paesi europei e nordamericani, tra cui Stati Uniti e Italia (nel 2016), con interferenze che spaziano dagli attacchi informatici alle campagne di disinformazione. A sostenerlo è il rapporto dell'Alliance for Securing Democracy, un progetto transatlantico del think tank statunitense German Marshall Fund, che si occupa di contrastare gli sforzi della Russia e di altri Paesi per danneggiare le istituzioni democratiche.

Ray Dalio punta sulla Cina: Bridgewater studia creazione maxi fondo

Bridgewater già gestisce miliardi di dollari investiti fuori dal Paese della Muraglia da istituzioni cinesi e dal Governo di Pechino.

Bridgewater Associates punta a creare un maxi fondo di investimento in Cina, cosa che darebbe al fondatore Ray Dalio un margine di manovra nel Paese asiatico che molte altre società occidentali del settore finanziario non hanno.

I resort di Trump sulla rotta dell'uragano Irma

Mar-a-Lago, la "Casa Bianca d'inverno", dovrebbe resistere ai forti venti grazie anche all'uso di pietra italiana nella sua costruzione. Altri tre club a rischio in Florida. Se subirà danni, il presidente potrà accedere a fondi federali

Mentre continua la fuga in Florida in vista dell'arrivo dell'uragano Irma, la "Casa Bianca d'inverno" di Donald Trump ha chiuso i battenti. Il resort Mar-a-Lago, amato dal presidente americano per trascorrevi molti fine settimana al posto di stare al freddo di Washington, si trova in un'area dove a partire da ieri alle 23 italiane l'evacuazione era obbligatoria. Grazie anche alle pietre importate da Genova (Italia) per la costruzione delle pareti esterne, degli archi e di alcuni interni, l'immibile dovrebbe resistere ai forti venti della tempesta ma non sono tuttavia esclusi pesanti danni causati da probabili allagamenti.

Florida, curatore della casa-museo di Hemingway si rifiuta di lasciare le Key West

Si trova sulle isole a sud di Miami dove l'uragano Irma dovrebbe arrivare entro domenica. la casa fu residenza dello scrittore dal 1931 al 1939

Jacqui Sands, il curatore della casa di Ernest Hemingway alle Key West, si rifiuta di abbandonare l'area, nonostante le isole a sud di Miami saranno tra quelle maggiormente colpite dal passaggio dell'uragano Irma. Sands, 72 anni, ha detto che la casa è un luogo sicuro, "si trova nella zona più sicura delle Key West e per questo motivo non la lascerò". Si tratta della casa, oggi museo, dove lo scrittore visse insieme alla moglie Pauline tra il 1931 e il 1939, prima di trasferirsi a Cuba.

I nazionalisti bianchi d'America amano Bashar al Assad

Ha la stessa visione di società "in salute" e "omogenea" che hanno i nazisti negli Stati Uniti
iStock

Nel corso della manifestazione della destra nazionalista e suprematista di Charlottesville, in Virginia, un video di YouTube mostra una delle persone presenti alla dimostrazione con una maglietta con la scritta "Bashar’s Barrel Delivery Co.", in riferimento all'uso di gas da parte del regime siriano di Bashar al Assad contro i suoi oppositori. Nel corso della manifestazione sono stati pronunciati altri slogan in favore di Assad. Il quotidiano online The Intercept racconta come glie stremisti di destra americani siano sostenitori del regime di Damasco.

Uragano Irma, il governatore della Florida: "Il tempo per scappare sta per finire"

Ripetuti appelli delle autorità a lasciare le zone a rischio. La Fema: "In Florida mai vista una tempesta così". Sarà il quinto uragano a colpire la Florida con venti oltre 241 km/h
Ap

Irma, José, Katia. Tre uragani contemporaneamente nell'oceano Atlantico spaventano (e distruggono) l'America centrale e settentrionale, durante una stagione che, già dopo il passaggio di Harvey, potrebbe essere ricordata come la peggiore, almeno, degli ultimi dieci anni.

Fed: Dudley fa il tifo per la rielezione di Yellen

Per il presidente della sede newyorchese della banca centrale Usa, è "troppo presto" per sapere quando i tassi verranno alzati. L'inizio della riduzione del bilancio dell'istituto ci sarà "relativamente presto"
AP

William Dudley, presidente della Federal Reserve di New York, vuole che Janet Yellen svolga un secondo mandato alla guida della banca centrale americana; il primo scadrà il prossimo febbraio. "Ha fatto un ottimo lavoro", ha detto alla Cnbc colui che siede nel Federal Open Market Committee, il braccio di politica monetaria dell'istituto centrale con sede a Washington, che il 19 e 20 settembre prossimi si riunirà e probabilmente annuncierà l'inizio della riduzione del suo bilancio. Dudley si aspetta una mossa in questo senso "relativamente presto" mentre "è troppo presto" per dire quando ci sarà un altro rialzo dei tassi.