Come Trump, il Pentagono minaccia la Corea del Nord. Tillerson tranquillizza

Il generale Mattis promette la fine del regime se agirà. Il segretario americano di Stato esclude una "minaccia imminente" per l'isola di Guam, un territorio Usa nel Pacifico, e un'opzione militare. Conta su "influenza" Russia e Cina.

Mentre il presidente Donald Trump si vanta di un arsenale nucleare "mai così potente" e il segretario di Stato Rex Tillerson tranquillizza dicendo di "dormire tranquilli", nel duello verbale sull'asse Usa-Corea del Nord si è inserito anche il segretario alla Difesa. Con la Cina che ha chiesto uno stop alle provocazioni.

Pentagono: Pyongyang eviti azioni che la annienterebbero
Jim Mattis ha ribadito "l'impegno inamovibile" di Washington a difendere sé stessa e gli alleati da un attacco di Pyongyang, che ha minacciato di lanciare un missile sull'isola Guam. Il leader nordcoreano Kim Jong-un "dovrebbe prestare attenzione alla voce unita dell'Onu", che sabato scorso ha imposto nuove sanzioni contro il regime, e ai governi nel mondo che sono d'accordo sul fatto che la Corea del Nord "rappresenta una minaccia alla sicurezza e alla stabilità globali". Per questo, ha continuato Mattis, la nazione "deve decidere di smettere di isolare sé stessa e rinunciare a ottenere armi nucleari". E dovrebbe smettere anche di prendere in considerazione azioni "che porterebbero alla fine del suo regime e alla distruzione del suo popolo". Mentre il dipartimento di Stato "sta facendo ogni sforzo per risolvere" la situazione per vie "diplomatiche", Mattis ha voluto precisare che "gli eserciti combinati degli alleati ora possiedono i mezzi offensivi e difensivi più robusti sulla Terra". Per questo Pyongyang perderebbe "ogni corsa all'armamento o un conflitto a cui darebbe inizio".

Dipartimento di Stato: nessuna minaccia imminente
Intanto il segretario americano di Stato, Rex Tillerson, aveva tranquillizzato dopo gli scambi di minacce tra Usa e Corea del Nord. "Credo che gli americani dovrebbero dormire tranquilli durante la notte e non dovrebbero essere preoccupati da questa particolare retorica degli ultimi giorni", ha detto. Alla stampa che gli ha chiesto se per Washington un'opzione militare stesse diventando sempre più concreta, lui ha risposto: "Nulla che ho visto e nulla di cui sono a conoscenza indica che la situazione sia cambiata notevolmente nelle ultime 24 ore".

Dopo avere difeso il linguaggio duro di Trump contro la Corea del Nord, per gli storici senza precedenti nell'era moderna, Tillerson ha detto di non credere che a Guam ci sia una "minaccia imminente" di attacco da parte di Pyongyang: il giorno precedente il regime di Kim jong-un aveva fatto sapere di valutare un lancio missilistico sulla piccola isola nel Pacifico occidentale diventata territorio americano nel 1898. E questo dopo l'avvertimento pronunciato dal presidente Usa (in modo totalmente improvvisato): la Corea del Nord smetta di minacciare gli Usa altrimenti Washington risponderà con "il fuoco e la furia".

Parlando a bordo dell'aereo diretto dalla Malesia a Guam - una tappa pianificata prima degli ultimi sviluppi geopolitici - il segretario americano di Stato ha precisato che "la capacità missilistica della Corea del Nord punta in varie direzioni, quindi Guam non è l'unico posto minacciato".

Tillerson ha anche echeggiato quanto detto ore prima da Trump, secondo cui l'arsenale nucleare Usa non è mai stato così potente, per dire che gli Stati Uniti "possono difendesi senza alcun dubbio e difenderanno sé stessi e gli alleati". Proprio per questo, secondo l'ex Ceo di Exxon Mobil, era "importante" che il leader Usa inviasse un messaggio chiaro.

Il ruolo di Cina e Russia
A chi gli ha chiesto se ci sia una minaccia di lungo termine contro la regione asiatica in generale e contro Guam in particolare, Tillerson ha risposto: "Spero di no. Siamo fiduciosi che questa campagna di pressing a cui si è unito ora tutto il mondo e il coinvolgimento di Cina e Russia - due dei vicini più stretti della Corea del Nord - possano iniziare a persuadere il regime a...pensare che deve farsi coinvolgere in un dialogo su un futuro diverso".

Secondo Tillerson - che ha detto di non avere parlato con i colleghi cinese e russo nell'ultimo giorno e mezzo - Mosca e Pechino "hanno canali di comunicazione aperti molto buoni per essere in grado di parlare con il regime nordcoreano". La speranza di Washington è che convincano Pyongyang a fermare i suoi programmi e a rispettare le risoluzioni Onu. Insomma, gli Usa contano su Russia e Cina affinché usino la loro "influenza per portare la Corea del Nord al dialogo, con le giuste aspettative" sul contenuto di quel dialogo.

Ecco perché "le nostre linee telefoniche restano aperte alla Cina e alla Russia così come ai nostri alleati", ha aggiunto Tillerson, che esclude serva una nuova strategia perché "quella in atto sta funzionando". A questo proposito ha citato un sostegno internazionale diffuso affinché la Corea del Nord non sia una minaccia alla stabilità nella Regione. Per lui "il pressing sta diventando evidente. Credo che sia per questo che la retorica in arrivo da Pyongyang sta iniziando a essere più minacciose e più rumorosa". E' tuttavia ancora "presto" per dire se il regime nordcoreano "è stato messo in un angolo" e sia così costretto a negoziare, cosa che solo due giorni prima aveva detto non avrebbe fatto "in nessuna circostanza".

Rex Tillerson, segretario di Stato
Altri Servizi

Wall Street in cerca di direzione nel finale di ottava

Attenzione alle trimestrali di Foot Locker e A&F, sul fronte macroeconomico notizie dal fronte immobiliare e manifatturiero.
AP

Ottimismo a Wall Street, giornata di trimestrali

Tutti i principali indici hanno registrato record
AP

HP Enterprise: Meg Whitman non sarà più Ceo, verso le presidenziali 2020?

Nel 2016 sostenne la candidatura di Clinton nonostante sia storicamente una repubblicana. Per ora, esclude categoricamente una discesa in campo

Hewlett Packard Enterprise (HPE) si prepara a cambiare Ceo. Il gruppo che offre servizi IT ha annunciato che Meg Whitman lascerà l'incarico dal febbraio 2018. La donna arrivata nel settembre 2011 al vertice della vecchia HP - che sotto la sua guida si è scorporata in due nel novembre del 2015, la nuova HP (produce pc e stampanti) e appunto HPE - cederà il ruolo all'attuale presidente dell'azienda, il cinquantenne Antonio Neri; da 23 anni nella galassia HP, avrà un salario base di un milione di dollari a cui potrà aggiungere bonus addizionali fino a 1,5 milioni. Whitman resterà nel consiglio di amministrazione del gruppo.

Hillary Clinton: "Trump è ossessionato da me"

L’ex candidata democratica ha parlato da Little Rock, in Arkansas, dove ha festeggiato il 25esimo anniversario della vittoria presidenziale del marito Bill
Ap

A poco più di un anno dalle elezioni americane che hanno segnato il trionfo di Donald Trump, lo scontro tra lui e Hillary Clinton sembra non essersi ancora placato. L’ultima frecciata arriva dall’ex candidata democratica secondo cui il presidente americano è ossessionato da lei. L’ex segretario di Stato ha parlato durante un forum a Little Rock, in Arkansas, dove è andata a celebrare il 25esimo anniversario della vittoria presidenziale del marito e i 13 anni di vita del centro a lui intitolato.

Trump e Putin cercano intesa sulla Siria, ma le difficoltà sono molte

L'intesa, ancora alle fasi iniziali, traballa già dopo uno scontro alle Nazioni Unite. Questo getta acqua sul fuoco dell'ottimismo e solleva dubbi in vista delle riunioni internazionali sulla spinosa questione.
AP

Il presidente americano Donald Trump e il suo omologo russo Vladimir Putin sono al lavoro su un accordo sulla Siria, ma la strada appare in salita. L'intesa, ancora alle fasi iniziali, traballa già dopo uno scontro alle Nazioni Unite. Come spiega l'Afp in un'analisi, questo getta acqua sul fuoco dell'ottimismo e solleva dubbi in vista delle riunioni internazionali sulla spinosa questione.

Hacker contro Uber: rubati dati di 57 milioni di utenti

Per Bloomberg il gruppo avrebbe pagato riscatto da 100.000 dollari per far cancellare i dati ai pirati

Uber è stato colpito da un attacco hacker, in cui sono stati rubati i dati di 57 milioni di utenti in tutto il mondo e di 600.000 autisti. Lo ha comunicato Dara Khosrowshahi, amministratore delegato della società di servizi auto: l'attacco risale alla fine del 2016 e comprende i nomi, le email e i numeri di telefono degli utenti, ma anche le patenti degli autisti.

Gli Usa celebrano il Giorno del ringraziamento, mangiando tacchino

Ecco perché ogni presidente di turno, da Lincoln a Trump, ha graziato un esemplare dell'animale.
Official White House Photo / Andrea Hanks

Nel giorno del ringraziamento gli americani (animalisti esclusi) mangiano il tacchino.

Trump pagherà di tasca propria spese legali Russiagate. Studia modo per aiutare staff Casa Bianca

Tecnicamente non c'è una legge che vieta al presidente di fare doni al proprio staff, ma nel caso specifico c'è il dubbio che il contributo del presidente finirebbe per influenzare la testimonianza delle persone che lo hanno ricevuto.
AP

Donald Trump pagherà di tasca propria i conti legali collegati all'indagine sul Russiagate, senza usare i fondi della sua campagna elettorale e senza chiedere l'intervento della Republican National Committee. Il presidente americano sta anche studiando un piano per usare fondi personali per aiutare il personale della Casa Bianca, attuale e passato, a coprire le spese legali.

Oscar di Montigny all'America di Trump: sappia dare risposte

L'autore de "Il tempo dei nuovi eroi" vuole fare rete, anche a New York, per ottenere un nuovo possibile mondo, "più buono, più sano, più genuino"
Oscar di Montigny

Dice di non avere inventato nulla di nuovo, ma promuovendo in giro per il mondo il concetto di "giustezza" Oscar di Montigny vuole dare il suo "umile contributo" per alzare il livello di consapevolezza su certi temi. E vuole ispirare affinché gli "eroi" che altro non siamo riscoprano la loro dimensione più intima, ancorata a una innata bontà, per promuovere un'economia basata sul capitale creativo culturale, su trasparenza, gratitudine e responsabilità. E soprattutto sull'amore, che lui definisce "l'atto economico per eccellenza".

HP perde quota dopo i conti ma le vendite di PC vanno bene

Deludono gli utili annuali, calati a 2,5 miliardi di dollari. Il gruppo ha alzato le stime per l'esercizio 2018

HP ha chiuso il suo quarto trimestre fiscale con utili in linea alle stime degli analisti e ricavi migliori delle attese. Il titolo del produttore di pc e stampanti ha tuttavia perso vistosamente quota ieri nel dopo mercato, quasi il 6% sulla scia di utili annuali calati.