Eataly vince a New York e punta su Chicago, Washington o Los Angeles

Intervista a Nicola Farinetti, che ha portato l’azienda del padre nella Grande Mela

Eataly, controllato dalla famiglia Farinetti, ha vinto a New York incassando un clamoroso successo e ora punta su altre, importanti iniziative. “Di sicuro l’avventura americana non finisce qui”, dice Nicola Farinetti, figlio del fondatore. E spiega: “Ci piacerebbe aprire altri due centri negli Stati Uniti, tra Chicago, Washington e Los Angeles. Non solo. Anche San Paolo, in Brasile, e il Canada sono sotto osservazione”. Iniziative di sviluppo che, in quest’ultimo caso, sono all’ordine del giorno con potenziali partner.

Punto di partenza l’affermazione ottenuta da Eataly a New York, megafono dell’umanità. Nicola Farinetti, responsabile della catena gastronomica italiana Eataly nella grande mela, definisce così la città dove ha deciso di portare l’azienda di famiglia nell’agosto 2010. “Volevamo farci conoscere nel mondo e New York era la città più adatta”, spiega Nicola ad America24, “perché ciò che accade qui lo vengono a sapere tutti”.

La strategia ha funzionato. Eataly, fondata da Oscar Farinetti nel 2007 a Torino dopo avere venduto il gruppo UniEuro, ha raggiunto presto gli obiettivi stabiliti per giustificare l’investimento iniziale per il punto vendita newyorkese di oltre 25 milioni di dollari. Il centro sulla Fifth Avenue, frutto della collaborazione tra la famiglia Farinetti, lo chef Mario Batali e Lidia e Joseph Bastianich, ha fatturato nel primo anno più di 65 milioni di dollari, ben oltre la soglia di 40 milioni necessaria per arrivare al pareggio di bilancio.

Il motivo di tanto successo? La curiosità degli americani. “Mi sono innamorato di questo popolo”, dice Nicola; “sono molto curiosi in cucina e non così poco preparati come vogliono far credere. Sono sempre più sensibili anche all’ambiente e apprezzano gli sforzi di Eataly, che utilizza materia prima locale per ridurre l’inquinamento provocato dal trasporto”. All’interno del punto vendita sulla Fifth Avenue, dove lavorano 250 dipendenti, oltre 20 negozi al dettaglio disposti su 5 mila metri quadrati vendono frutta e verdura proveniente dalla zona di New York.

“Il pane, per esempio, lo facciamo con farina proveniente dalla zona di Upstate New York, dove abbiamo trovato un mulino minuscolo che macina a pietra naturale”, spiega Nicola. “Quest’anno abbiamo speso oltre 25 mila dollari per sostenere l’agricoltura del cereale locale. Praticamente abbiamo pagato in anticipo, offrendo la possibilità a piccoli produttori di realizzare le nostre richieste lavorando in modo tradizionale”. E queste scelte hanno pagato conquistando i newyorkesi, che frequentano sempre più numerosi il negozio sulla Fifth Avenue.

Altri Servizi

In Nevada sono già rimasti senza marijuana legale

La cannabis è in vendita dal primo luglio a scopo ricreativo, ma la domanda supera la produzione
AP

L’aumento della domanda di cannabis in Nevada, diventata legale nello stato a novembre grazie al referendum ma in vendita solo dal primo luglio, ha svuotato gli scaffali dei dispensari e costretto i politici locali ad agire d’urgenza. Il governatore repubblicano dello stato, Brian Sandoval, ha attivato misure d’emergenza la scorsa settimana per aumentare la quantità di prodotto nello stato. Tra mercoledì e giovedì, i legislatori hanno annunciato che avrebbero concesso nuove licenze per la distribuzione della cannabis.

Black Lives Matter compie 4 anni e cambia volto con Trump

Dall'hashtag alle proteste di strada. Il movimento denuncia le violenze verso gli afroamericani
Ap

Quattro anni fa nasceva Black Lives Matter, movimento di protesta con lo scopo di accrescere la consapevolezza sulle discriminazioni razziali nei confronti della minoranza afroamericana negli Stati Uniti. “Il movimento iniziò come un desiderio politico degli afroamericani” si legge sul sito dell’organizzazione. “Negli anni a venire siamo riusciti a combattere insieme, e immaginare e creare un mondo libero dalle discriminazioni razziali, dove ogni afroamericano ha il potere economico, sociale e politico di crescere in salute”.

Trumpcare, i repubblicani a un voto da un altro fallimento

Il nuovo testo per riformare la sanità, presentato dai senatori, potrebbe essere bocciato prima della discussione in Aula. Il presidente e i leader del partito spingono per l'approvazione
Ap

I repubblicani statunitensi sono a un passo, anzi a un voto, dall'ennesimo fallimento sulla riforma sanitaria che dovrebbe sostituire l'Obamacare. Un altro 'no' di un senatore del Grand Old Party impedirebbe al nuovo testo presentato ieri di arrivare alla discussione in Aula.

Russiagate: fu Obama a far entrare l'avvocata russa negli Usa

La donna incontrò Donald Trump Jr., che voleva informazioni compromettenti su Clinton

Fu l'amministrazione Obama a garantire l'accesso negli Stati Uniti, senza visto, all'avvocata russa Natalia Veselnitskaya, che nel giugno del 2016 incontrò a New York il figlio dell'attuale presidente, Donald Trump Jr., che si aspettava di ricevere notizie compromettenti su Hillary Clinton. A rivelarlo è The Hill, secondo cui la segretaria alla Giustizia, Loretta Lynch, permise all'avvocata di entrare negli Stati Uniti "in circostanze straordinarie" dopo che la sua richiesta per un visto era stata bocciata.

Un italiano alla guida di Tiffany, Alessandro Bogliolo nuovo Ceo

Ex numero uno di Diesel, 52 anni e una lunga esperienza nel settore del lusso (ha lavorato 16 anni per Bulgari, con vari incarichi, compreso quello di direttore operativo), entrerà anche nel consiglio di amministrazione.

Cambio al vertice di Tiffany & Co, dopo l'uscita di Frederic Cumenal. Il colosso americano dei gioielli di lusso ha scelto l'italiano Alessandro Bogliolo, ex numero uno di Diesel, come nuovo amministratore delegato, incarico che rivestirà dal prossimo 2 ottobre. Come si legge in una nota, Bogliolo, 52 anni e una lunga esperienza nel settore del lusso (ha lavorato 16 anni per Bulgari, con vari incarichi, compreso quello di direttore operativo), entrerà anche nel consiglio di amministrazione.

Wall Street guarda alle trimestrali Usa

Attesi i risultati di JpMorgan, Citigroup e Wells Fargo
AP

Si infittisce la trama del Russiagate: lobbista russo all'incontro tra Donald Jr e legale Mosca

Rinat Akhmetshin è un cittadino russo naturalizzato statunitense che all'epoca stava facendo lobbying contro il Magnitsky Act, le sanzioni imposte dagli Usa alla Russia per combattere le violazioni dei diritti umani nel Paese.
AP

Un lobbista russo-americano, veterano dell'esercito sovietico, avrebbe partecipato all'incontro del giugno 2016 tra Donald Trump Jr., figlio maggiore del presidente degli Stati Uniti, e l'avvocatessa Natalia Veselnitskaya, organizzato da quest'ultima con la promessa di fornire a Trump Jr. materiale compromettente su Hillary Clinton.

Rinat Akhmetshin, questo il suo nome, è un cittadino russo naturalizzato statunitense che all'epoca stava facendo lobbying contro il Magnitsky Act, le sanzioni imposte dagli Usa alla Russia per combattere le violazioni dei diritti umani nel Paese.
Sentito dal Washington Post, Akhmetshin ha dichiarato di aver partecipato all'incontro insieme a diverse altre persone.

OpenGov, startup collegata a Kushner, ha contatti con Casa Bianca

Il mese scorso, durante un meeting con alcune delle più importanti aziende tecnologiche degli Stati Uniti, l'amministratore delegato Zachary Bookman si è seduto al tavolo accanto a giganti del settore come Apple, Amazon e Microsoft.
AP

La startup OpenGov, legata alla famiglia Kushner, ha avuto accesso a una riunione alla Casa Bianca. Il mese scorso, durante un meeting con alcune delle più importanti aziende tecnologiche degli Stati Uniti, il suo amministratore delegato Zachary Bookman si è seduto al tavolo accanto a giganti del settore come Apple, Amazon e Microsoft.

JPMorgan batte le stime nel secondo trimestre, bene investment e commercial banking

Soddisfazione da parte dell'amministratore delegato Jamie Dimon: "Abbiamo continuato a registrare risultati molto solidi, in un contesto economico globale stabile o in miglioramento".
AP

Secondo trimestre sopra le stime per JPMorgan Chase, prima delle grandi banche americane a pubblicare i conti, anticipando di un'ora circa Citigroup e Wells Fargo. A fare da traino le attività di commercial e investment banking.

I quotidiani americani chiedono al Congresso protezione contro Google e Facebook

La News Media Alliance (NMA) - che rappresenta più di 2.000 quotidiani - vuole chiedere a Capitol Hill di fermare il duopolio nella pubblicità digitale dei due colossi. Controllano il 60% del mercato americano

La News Media Alliance (NMA) - una associazione che rappresenta più di 2.000 quotidiani negli Stati Uniti, tra cui il New York Times e il Washington Post - sta chiedendo al Congresso una concessione alla legge antitrust per poter proteggere i giornali americani da Google e Facebook. Lo scrive il quotidiano online Axios. Il gruppo sostiene che le leggi che impediscono ai media di lavorare insieme per contrattare accordi pubblicitari migliori con le piattaforme internet favoriscano i due colossi, che continuano a controllare il mercato della pubblicità digitale e l'economia dell'informazione.