Ecco l'auto più venduta d'America

E' la Cozy Coupe della Little Tikes
Da 30 anni è l'orgoglio di ogni bambino e oggi i piccoli guidatori hanno un motivo in più per andare fieri della loro macchinina a pedali: la Cozy Coupe, prodotta dall'azienda di giocattoli Little Tikes, è stata l'auto in assoluto più venduta negli Stati Uniti - includendo sia quelle per bambini che quelle per adulti - nel 2008. Del piccolo veicolo rosso e giallo sono state vendute 457 mila unità, contro le 436.617 della Toyota Camry e le 372.789 della Honda Accord.

La Cozy Coupe, una sorta di incrocio tra un Maggiolino Volkswagen e la macchina dei Flitnstones, era stata ideata da Jim Mariol, un ex designer della Chrysler . Immessa sul mercato nel 1979, fu una delle prime auto giocattolo prodotte negli Stati Uniti, e da allora è sempre stata una delle macchine più vendute al mondo.
Altri Servizi
iStock

Nuovo grattacapo per Facebook, da metà marzo alle prese con lo scandalo legato a Cambridge Analytica ossia la società di dati londinese che secondo il social network ha "impropriamente condiviso" le informazioni di 87 milioni di suoi utenti (di cui un massimo di 2,7 milioni sono europei).

Pressing dei democratici (e di Kelly) su Trump: siluri Pruitt

In 64 deputati hanno scritto una lettera. Anche secondo il capo di gabinetto della Casa Bianca, il capo dell'Agenzia per la protezione ambientale dovrebbe dimettersi

Aumenta la pressione sul presidente americano affinché cacci il controverso numero uno dell'Agenzia per la protezione ambientale americana, l'Epa. In una lettera, 64 deputati democratici hanno chiesto a Donald Trump di togliere l'incarico affidato a Scott Pruitt. La missiva va ad aggiungersi a quanto detto dal capo di gabinetto della Casa Bianca al leader Usa la settimana scorsa: secondo il Wall Street Journal, John Kelly ha spiegato che Pruitt dovrebbe dimettersi.

GM pubblicherà le immatricolazioni ogni trimestre anziché ogni mese

Il gruppo auto mette fine a una tradizione iniziata a metà degli anni '90. I competitor faranno altrettanto?

General Motors ha deciso che pubblicherà i dati sulle sue immatricolazioni su base trimestrale e non più mensile. Le vendite di marzo in Usa, in arrivo oggi, saranno le ultime mensili. Ora ci si chiede se anche gli altri produttori di auto faranno così. All'inizio degli anni '90 i gruppi annunciavano le immatricolazioni ogni 10 giorni mentre l'ex Chrysler li pubblicava mensilmente. Entro la metà degli anni '90 tutte le aziende passarono a una cadenza mensile.

Facebook verificherà l'identità di chi vuole fare pubblicità politiche sul social

Zuckerberg annuncia nuove misure all'insegna della trasparenza per prevenire interferenze in stile russo. Conto alla rovesca per la testimonianza del Ceo al Congresso Usa

Facebook spinge sempre di più sulla trasparenza. Dopo un 2017 in cui fu travolto dalle polemiche per avere ospitato pubblicità russe pensate per interferire nelle elezioni presidenziali americane del novembre 2016, vinte da Donald Trump, il social network ha annunciato una serie di misure che chiamano in causa gli inserzionisti.

Sell-off a Wall Street con venti di guerra commerciale tra Usa e Cina

Per Mnuchin, è una possibilità. Casa Bianca: Trump può "assolutamente" vincere lo scontro con Pechino, che ha un'arma da 1.200 miliardi di dollari: i Treasury in portafoglio
AP

L'amministrazione Trump non vuole una guerra commerciale con la Cina, che però resta una "possibilità". E' bastata questa ammissione del segretario americano al Tesoro, Steven Mnuchin, a mandare in tilt Wall Street. Gli investitori sono tornati a temere ritorsioni reciproche tra Washington e Pechino. E questo, nonostante la Casa Bianca abbia continuato a difendere la retorica dura del suo inquilino, giudicato "il migliore negoziatore" di tutti i tempi, a cui la nazione asiatica ha risposto con altrettanta severità dicendosi pronta a combattere "fino in fondo".

Wall Street: sell-off con minacce commerciali di Trump alla Cina

Jerome Powell, governatore della Federal Reserve: le tariffe fanno alzare i prezzi ma presto per dire se cambieranno l'outlook
iStock

La missione segreta di Facebook: ottenere dagli ospedali dati sui pazienti

Sarebbero stati incrociati da quelli a disposizione del social network per capire chi ha bisogno di trattamenti speciali. Progetto sospeso dopo lo scandalo Cambridge Analytica

Trump vuole sostituire Sessions con Pruitt

Nonostante lo scandalo 'etico' che sta colpendo il capo dell'agenzia per la protezione dell'ambiente, il presidente Usa lo protegge, pensando di dargli la guida del dipartimento della Giustizia

Dimon a Trump: il piano in 5 punti per gestire la Cina insieme a Ue e Giappone

Nella sua lettera ai soci, il Ceo di Jpm al presidente Usa: "Non possiamo isolarci". Preservare il sistema globale ma legittime alcune lamentele nei confronti della seconda economia al mondo
Wikimedia Commons