Ecco la startup di New York che porta nel cloud il guardaroba a noleggio

Con 89 dollari al mese, Rent the Runway permette di scegliere quattro capi. Lanciato il primo spot con cui preannuncia la fine delle cabine armadio
Rent the runway

Già considerata una sorta di airbnb delle passerelle, una startup americana punta a rivoluzionare il mondo della moda. Rent the Runway, questo il suo nome, ha ampliato la sua offerta: tra i capi di abbigliamento che mette a disposizione a noleggio non ci sono più solo quelli dedicati a cerimonie ma anche alla vita di tutti i giorni. E infatti, con la sua prima campagna pubblicitaria appena lanciata, domanda a varie donne cosa faranno con le loro cabine armadio una volta che inizieranno a usare il servizio del gruppo. "A Rent the Runway non pensiamo che [la cabina armadio] esisterà in futuro", ha spiegato a Cnbc Jenn Hyman, Ceo nonché una delle cofondatrici.

L'azienda - che ha tra i suoi partner oltre 500 marchi come Kate Spade, Oscar de la Renta e Rebecca Minkoff - offre l'abbonamento "RTR Update", con cui per 89 dollari al mese si possono scegliere quattro capi tra oltre 200 marchi; la spedizione, la restituzione, la pulizia e l'assicurazione del prodotto noleggiato sono inclusi nel prezzo. Il costo del servizio esistente "RTR Unlimited" - che offre più di 500 brand - passa a 159 da 139 dollari ma chi è già iscritto godrà del prezzo originario "a vita".

"Abbiamo notato un comportamento davvero insolito tra i consumatori quando abbiamo lanciato RTR Unlimited nel 2016", ha spiegato il Ceo di Rent the Runway. "Ciò conferma che il futuro sarà senza cabine armadio". Siglando sempre più accordi con più marchi, il gruppo conta di triplicare le iscrizioni entro il 2018; rispetto allo scorso anno sono cresciute del 125%. Con i suoi negozi fisici - presenti a New York, Chicago, San Francisco, Washington DC e Woodland Hills - il gruppo punta a presentarsi come un'estensione delle cabine armario dei suoi clienti.

Con lo spot da 30 secondi, ha spiegato il Ceo, Rent the Runway vuole dire che "in un mondo in cui la cabina armadio è nel cloud e in cui si ha un accesso costante ad abbonamenti al fashion, la cabina armadio fisica diventerà un relitto del passato come i CD, le linee telefoniche fisse e i DVD".

La startup fondata nel 2009, lo scorso anno è diventata redditizia, conta 1.200 dipendenti e vanta otto milioni di membri. Dalla sua nascita, l'azienda ha raccolto 190 milioni di venture capital. Un segno che ci sono investitori che credono nel futuro dell'abbigliamento a noleggio.

Altri Servizi

Le letture di Obama: c'è anche 'La nuova geografia del lavoro' di Moretti

Post su Facebook, l'ex presidente condivide la sua lista, "un tantino più pesante di quella per l'estate"

L'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha condiviso le sue letture su un post di Facebook, dicendo che "c'è così tanta buona scrittura, e arte, e una varietà di pensieri di questi tempi". "Spesso mi chiedono cosa leggo, guardo e ascolto, così ho pensato che potrei condividere una breve lista, di tanto in tanto [...] Questa è una lista di quello che ho letto recentemente. Ammetto che è una lista un tantino più pesante di quella per l'estate".

Wall Street, pesano ancora le tensioni commerciali

Il Dow Jones verso l'ottava seduta in perdita. Oggi il dato sui sussidi di disoccupazione
iStock

Wsj, Trump a Macron al G7: "Tutti i terroristi sono a Parigi"

Il giornale newyorchese svela alcuni dietro le quinte del vertice canadese in cui il presidente americano avrebbe criticato l’operato dei suoi colleghi su diversi temi
©AP

"Caro Emmanuel, dovresti conoscere bene l’argomento (terrorismo ndr) dal momento che tutti i terroristi sono a Parigi". Donald Trump si sarebbe rivolto con queste parole, parlando della sfida dell’occidente al terrorismo, al suo omologo francese, Macron, durante il G7 canadese tenutosi a La Malbaie l’8 e il 9 giugno scorsi. A ricostruire il dietro le quinte è un articolo del Wall Street Journal che cita fonti diplomatiche europee.

Migranti, Trump cambia idea ma migliaia di famiglie resteranno separate

Dopo un forte pressing, il presidente Usa ha firmato un ordine per tenere uniti i bambini ai loro genitori

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha firmato un ordine esecutivo per non dividere più i bambini dai genitori, con cui sono entrati irregolarmente nel Paese. "Firmerò qualcosa a questo proposito" aveva anticipato nella mattinata Usa ai giornalisti presenti alla Casa Bianca confermando le indiscrezioni. Nel pomeriggio, al fianco del vicepresidente Mike Pence e del segretario per la Sicurezza nazionale Kirstjen Nielsen ha messo la sua firma sul documento "per tenere unite le famiglie" al confine tra Usa e Messico. Il leader americano ha tuttavia ribadito "tolleranza zero" nel perseguire gli adulti che mettono illegalmente piede su suolo Usa.

Fox e Comcast pronte a dichiarare guerra per aggiudicarsi Sky

Il governo britannico apre 15 giorni di consultazioni pubbliche sul tentativo di takeover della pay tv da parte di Murdoch. Dopo il 4 luglio atteso l'ok formale
iStock

Il governo britannico ha rimosso uno degli ultimi ostacoli che, una volta eliminati, permetteranno a 21st Century Fox di prendere parte a una guerra contro Comcast per aggiudicarsi il controllo di Sky. Si tratta di una partita che chiama in causa anche Disney, pronto a difendersi da Comcast su un altro campo da gioco: quello per ottenere asset che 21st Century Fox ha già promesso a Disney ma che anche Comcast vuole (per questo mercoled" scorso la controllante di NBCUniversal ha lanciato un'offerta da 65 miliardi di dollari in contanti contro quella in azioni da 52,4 miliardi del gruppo a cui fa capo Topolino e che lo scorso dicembre era stata accettata da Rupert Murdoch).

La guerra tra Walt Disney e Comcast per aggiudicarsi gli asset che 21st Century Fox vuole cedere è ufficialmente iniziata. Il colosso dell'intrattenimento guidato da Bob Iger ha alzato a 71,3 miliardi di dollari o 38 dollari ad azione la sua offerta per asset che comprendono la britannica Sky, Star India, studi cinematografici e televisivi, reti via cavo dedicate all'intrattenimento e la quota nel servizio di video in streaming Hulu.

Ge: dopo oltre un secolo cacciato dal Dow, al suo posto entra Walgreens

Il cambio di guardia tra i due titoli sarà effettivo dal 26 giugno
Walgreens

A partire dal 26 giugno prossimo, General Electric lascerà il Dow Jones Industrial Average e al suo posto arriverà Walgreens Boots Alliance. Lo ha annunciatoamercati Usa chiusi S&P Dow Jones Indices, società che gestisce vari indici. Ge era parte dell'indice delle 30 blue chip dal suo lancio nel 1896 e ne è stato parte in modo continuativo dal 1907.

New Jersey, sparatoria dopo una lite: 1 morto e 20 feriti

L'episodio è avvenuto al Festival di Trenton. La polizia ha ucciso uno dei due assalitori mentre l’altro è stato arrestato
©AP

Ennesima sparatoria negli Stati Uniti. Questa volta è accaduto a Trenton, in New Jersey, durante l’Art all Night festival, una manifestazione culturale locale, iniziata ieri e in procinto di finire oggi, in cui ci sono mostre d’arte e concerti.

Volkswagen e Ford studiano alleanza strategica sui veicoli commerciali

Escluso un merger. Le due aziende vogliono diventare più competitive

Volkswagen e Ford Motor stanno esplorando una "alleanza strategica" pensata per "rafforzare la competitività delle due aziende e per meglio servire i propri clienti" mentre le vetture nel mondo diventano tecnologicamente sempre più avanzate cambiando le aspettative dei consumatori.