Tribune fa saltare le nozze da 3,9 miliardi di dollari con Sinclair

Vuole risarcimento da 1 miliardo di dollari. Sinclair - che possiede più di 170 stazioni tv in Usa - accusato di avere violato i termini dell'accordo temporeggiando con i regolatori

Nel giorno in cui ha annunciato il ritorno all'utile nel secondo trimestre e ricavi superiori alle stime, Tribune Media ha messo fine all'accordo - siglato nell'aprile 2016 - in base al quale l'operatore di emittenti tv sarebbe stato comprato dal rivale Sinclair Broadcast Group per 3,9 miliardi di dollari. Questo significa potenzialmente che Tribune Media è di nuovo una preda a cui potrebbero essere interessati 21st Century Fox e Nexstar Media Group. 

Tribune ha lanciato una causa legale contro Sinclair accusandolo di non avere fatto sforzi sufficienti per ottenere il via libera dei regolatori al merger. Per questo chiede un risarcimento danni da 1 miliardo di dollari. Sinclair si è detto "profondamente dispiaciuto" ma ha spiegato di volere "difendersi con forza" sul piano legale sostenendo di non avere violato i termini dell'accordo.

 Il mese scorso il presidente della Federal Communications Commission, Ajit Pai, spiegò di avere forti dubbi sui documenti presentati da Sinclair come parte dell'analisi dell'autorità delle comunicazioni. Nella causa legale, Tribune sostiene che Sinclair abbia violato i termini dell'accordo ricorrendo a "negoziati inutilmente protratti e aggressivi" con i regolatori in merito al bisogno di cedere alcune stazioni tv per ottenere l'approvazione all'acquisizione. 

"Il nostro merger non può essere completato in un arco temporale accettabile, se non mai", ha detto in una nota il Ceo di Tribune, Peter Kern. "Questa incertezza e questi ritardi sarebbero negativi per la nostra azienda e i nostri soci. Di conseguenza, abbiamo esercitato il nostro diritto di mettere fine all'accordo di fusione e, attraverso la causa legale, rendere Sinclair responsabile dell'accaduto".

Le autorità americane avevano sollevato dubbi sul merger per timore che troppe emittenti televisive locali finissero sotto lo stesso tetto. Sinclair possiede più di 170 stazioni tv in mercati relativamente piccoli mentre Tribune ha 42 stazioni nei mercati più grandi.

Il nocciolo duro presso l'equivalente americano dell'AgCom italiana era la struttura con cui Sinclair aveva proposto uno spin-off di stazioni tv. Secondo la Fcc, nonostante lo scorporo il gruppo avrebbe continuato a controllare quelle emittenti "in violazione della legge". All'azienda furono date varie opportunità per presentare altre soluzioni ma nessuna ha superato il vaglio dei regolatori. A fronte di una presunta mancanza di buona volontà da parte di Sinclair, il presidente della Fcc ha così deciso di passare la palla a un giudice amministrativo, di solito una sentenza di morte per un merger.

Un'altra vittima dell'accordo saltato è 21st Century Fox, che aveva raggiunto un'intesa per acquisire da Sinclair sette delle emittenti di Tribune per 910 milioni di dollari. Anche questa operazione è saltata.

Quanto ai conti di Tribune, nel secondo trimestre gli utili sono stati di 84,4 milioni di dollari, o 96 centesimi per azione, contro una perdita di 30,4 milioni, o 35 centesimi per azione, dello stesso periodo del 2017. Al netto di voci straordinarie, i profitti hanno raggiunto i 99 centesimi per titolo, sopra le previsioni degli analisti per 59 centesimi. I ricavi sono aumentati a 489,4 milioni da 469,5 milioni, oltre il consenso per 483,1 milioni.

Il titolo Tribune nel pre-mercato al Nyse sale dell'1% dopo avere guadagno lo 0,99% ieri a 33,64 dollari. Da inizio anno ha perso quasi il 21% e negli ultimi 12 mesi il 18%. Sinclair scivola del 3% nel pre-mercato dopo il +4,2% a 27,10 dollari di ieri. Da gennaio ha perso il 28,4% e nell'ultimo anno il 14,65%.

Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP
Ibm

Per International Business Machines (Ibm), il recupero dei ricavi trimestrali sembra un miraggio dopo la breve ripresa finita lo scorso giugno e durata nove mesi consecutivi (i primi successivi a cinque anni di declini). L'azienda ha tuttavia saputo superare le stime degli investitori, concentrati sul fatto che le vendite siano salite nell'intero esercizio per la prima volta in vari anni.

Trump riconosce Guaido come leader del Venezuela, sfida a Maduro

"Tutte le opzioni sono sul tavolo" se il regime reagirà con violenze. "Ha i giorni contati". Meglio una "exit pacifica" per consentire nuove elezioni
AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha ufficialmente riconosciuto come nuovo presidente ad interim del Venezuela l'attuale presidente dell'Assemblea nazionale e leader dell'opposizione nel Paese, Juan Guaido. E ha lanciato un messaggio al regime di Nicolas Maduro: se reagirà con violenza "tutte le opzioni sono sul tavolo". I suoi giorni sono comunque "contati".

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

La Corte Suprema Usa respinge Trump: resta la tutela per i Dreamers (per ora)

Il massimo tribunale ha deciso di non pronunciarsi sulla fine del programma Daca, cercata dal presidente anche per avere un'arma in più nei negoziati con i democratici su immigrazione e muro
Ap

La Corte Suprema statunitense ha respinto la richiesta dell'amministrazione Trump di valutare subito e pronunciarsi sulla fine del programma Daca, che protegge dal rimpatrio 700.000 immigrati irregolari arrivati da bambini. Questo significa che il programma voluto dall'allora presidente Barack Obama, contro cui si batte Donald Trump, resta per ora in vigore, in attesa che lo scontro arrivi a conclusione nei tribunali inferiori; inoltre, nel caso in cui il massimo tribunale dovesse accettare un nuovo tentativo da parte del governo, il caso non verrebbe discusso prima di ottobre e una decisione non sarebbe presa prima del 2020. La volontà del massimo tribunale statunitense di non valutare il caso toglierà una potente arma di negoziazione al presidente, che si era detto sicuro di una vittoria davanti alla Corte Suprema, nelle trattative con i democratici sull'immigrazione.

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

Larry Kudlow, il consigliere economico della Casa Bianca, ha negato indiscrezioni di stampa secondo cui gli Stati Uniti hanno cancellato un incontro con la Cina pensato per spianare la strada al prossimo round di negoziati di alto livello previsto a Washington tra i negoziatori delle due nazioni il 30 e il 31 gennaio prossimo.

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati

Un investitore miliardario - conosciuto negli Stati Uniti per essere l'equivalente di Boston del cosiddetto Oracolo di Omaha, ossia Warren Buffett - ha messo in guardia gli investitori "compiaciuti" che stanno ignorando i rischi esistenti prendendone di nuovi. Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), ha lanciato il suo avvertimento nella lettera annuale da 22 pagine scritta agli investitori e di cui il New York Times ha ottenuto una copia.

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.