Edward Snowden lancia app per proteggere laptop dalle spie

Si chiama Haven, è open source ed è disponibile per smartphone Android

Conversazioni su app di messaggistica. Email. File contenenti password. Opere inedite. Pagine web automaticamente collegate a determinati account. Si tratta di informazioni sensibili che vivono nei laptop. Per proteggerle, Edward Snowden ha contribuito a creare una app che in pratica spia sulle eventuali spie intenzionate a mettere le mani su quei computer quando chi li possiede non è nei paraggi.  Si chiama Haven.

La 'talpa' della National Security Agency che nel 2013 fece esplodere il cosidetto "datagate" portando alla luce i programmi di sorveglianza sui cittadini americani e non realizzati dall'intelligence Usa, ha aiutato nello sviluppo del software attraverso un progetto della Freedom of the Press Foundation (che presiede). A collaborare è stato anche Guardian Project, un collettivo globale di sviluppatori di app per la sicurezza.

La prima versione beta della app open source e funzionante con sistema operativo Android è stata lanciata. E' disponibile su Play Store e F-Droid, un app store open source per Android. Haven può essere installata su uno smartphone di scorta che può comunicare con quello della persona interessata a proteggere il proprio laptop mentre, diciamo, è lasciato in una stanza d'albergo. Haven utilizza i vari sensori presenti in uno smartphone - dal microfono al rilevatori di luce e movimenti fino alle videocamere - per monitorare cambiamenti in una stanza; esso registra qualsiasi cosa che nota e - se impostato - può inviare in tempo reale notifiche crittate (via Signal, una app per comunicazioni sicure) di quanto registrato. Haven funziona anche con sms, che però possono essere intercettati.

In pratica, Haven è una soluzione esterna a un problema che i produttori di computer hanno cercato di gestire - senza successo - con soluzioni interne ai dispositivi. 

Visto il suo passato, Snowden ha forse sviluppato questa app pensando a giornalisti, attivisti e dissidenti. Lui, che vive in Russia dal 2013 e che non usa un telefono cellulare (ma che ha trascorso gli ultimi anni a smontarli), ha buone ragioni per essere paranoico. Basti pensare alla scena del film "Citizenfour" in cui, mentre si trovava in una stanza d'albergo, copriva la tastiera del suo pc mentre digitava una password per paura di essere monitorato. Senza pretendere che il resto del mondo sposi il suo stile di vita, Snowden vuole comunque aiutare il più ampio numero di persone possibile.

Haven potrebbe essere usata anche da vittime di violenza domestica preoccupate che i partner monitorino i loro dispositivi, da persone che condividono un appartamento con qualcuno di cui non si fidano ciecamente, da adolescenti che non vogliono che i genitori mettano il naso tra i loro file.

Una spia esperta può capire che Haven è in uso e dunque far saltare la connessione wifi o il traffico dati dello smartphone su cui la app è stata installata; così facendo viene fermato l'invio delle notifiche. La stessa spia potrebbe accedere al dispositivo e cancellare i dati registrati, motivo per cui serve una password forte. Una spia capace potrebbe essere in grado di disattivare Haven e manomettere un laptop senza essere scoperta. Insomma, se siete il prossimo Snowden, sappiate che Haven va ancora perfezionato. Esiste infatti il rischio di falsi allarmi  (come un'allarme di un'auto che viene registrato e notificato). Ma per chi lo ha usato, è comunque meglio che lasciare il vostro laptop esposto ad attacchi fisici.

Altri Servizi

Senato Usa conferma nomina Powell, sarà il nuovo governatore Fed

Prenderà il posto di Janet Yellen dal 3 febbraio
AP

E' ufficiale: Jerome Powell sarà il 16esimo governatore della Federal Reserve. Il già membro del board della banca centrale Usa dal 2012 prenderà il posto di Janet Yellen dal 3 febbraio, quando il mandato triennale di lei scadrà.

Patron

La tequila Patron finisce sotto lo stesso tetto della vodka Grey Goose e dello scotch Dewar in un'operazione da 5,1 miliardi di dollari. Lo ha annunciato Bacardi, che prenderà il controllo del 100% di Patron Spirits International e del suo marchio PATRÓN, considerato tra i più venduti per la tequila di alta gamma.

News Corp: Murdoch a Facebook e Google, pagate gli editori per garantire qualità

Secondo il proprietario del Wall Street Journal, le soluzioni proposte dai due gruppi sono inadeguate dal punto di vista commerciale, sociale e giornalistico
AP

Cresce la frustrazione tra il mondo dell'editoria e quello dei social media. Mentre Facebook e Google hanno rivisto le loro strategie per rispondere alle critiche di chi li ha accusati di avere contribuito alla circolazione delle fake news, il magnate dei media Rupert Murdoch ha mandato loro un messaggio chiaro: paghino per i contenuti che i loro utenti pubblicano e condividono online.

Netanyahu, May e aziende europee: l'agenda di Trump a Davos

Il presidente americano mercoledì parte per il World Economic Forum. Sarà il primo presidente Usa da Bill Clinton a fare visita al forum. Parlerà di America First ma anche di investimenti negli Stati Uniti con alcune aziende europee
AP

Oggi Donald Trump partirà per Davos, in Svizzera, dove parteciperà al World Economic Forum. Sarà il primo presidente americano a visitare il forum dal 2000 quando ci fu l'intervento di Bill Clinton. La sua agenda è molto fitta e inizierà gioved": incontrerà il premier britannico Theresa May con la quale discuterà di lotta all'Isis, denuclearizzazione della Corea del Nord e dell'accordo sul nucleare con l'Iran. Lo stesso giorno Trump incontrerà il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, per discutere di sicurezza in Medio Oriente e di lotta all'espansione dell'Iran.

Fmi a San Marino: il settore bancario deve essere rafforzato

La Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino va ristrutturata, deve cambiare modello di business e ridurre costi operativi

Ristabilire la tenuta del settore bancario e mantenere la stabilità finanziaria restano le principali priorità per San Marino. Lo sostiene il Fondo monetario internazionale, il cui staff ha concluso la sua missione nel Paese. Facendo notare che la rotta del debito pubblico dipenderà dal costo fiscale finale della riparazione del sistema bancario, l'istituto di Washington consiglia riforme strutturali, inclusa la riduzione della burocrazia, per aiutare una riorganizzazione dell'economia. Anche perché, sostiene l'Fmi, "l'agenda delle riforme è faticosa e richiede un forte impegno da parte di tutti".

Facebook rafforza i team dedicati a intelligenza artificiale e realtà virtuale

Ha reclutato uno degli scienziati dietro al lancio di Watson (Ibm) e uno dei pionieri della VR
Facebook

Facebook continua a scommettere sull'intelligenza artificiale (AI) e sulla realtà virtuale (VR). Il social network ha infatti reclutato uno degli scienziati dietro al lancio di Watson (Ibm) e uno dei pionieri della realtà virtuale.

Tesla: compensi del Ceo Musk legati a target ambiziosi

Il gruppo punta a una capitalizzazione di 650 miliardi di dollari
AP

Tesla ha rivisto il modo in cui calcola i compensi complessivi da elargire al suo amministratore delegato; essi saranno legati a target aziendali particolamente ambiziosi, come il raggiungimento di una capitalizzazione da 650 miliardi di dollari (un miraggio visto che attualmente il valore di mercato del produttore di auto elettriche è di 59,3 miliardi di dollari).

Amazon apre il negozio senza casse

Da domani a Seattle apre Amazon Go, permette di entrare nel negozio, prendere ciò che vogliamo e uscire senza pagare. Lo fanno in automatico una app del colosso e centinaia di telecamere

Con un anno di ritardo lunedì a Seattle apre Amazon Go, il primo negozio in cui è possibile entrare, prendere i prodotti che vogliamo e uscire senza dover passare da una cassa o dover passare sotto uno scanner il codice a barre del nostro articolo.

Donald Trump continua la sua battaglia commerciale contro la Cina. Questa volta l'amministrazione del presidente Usa ha posto nuovi dazi per proteggere la produzione americana di pannelli solari e di lavatrici: inizia così un 2018 di azioni dure, soprattutto contro la Cina e contro il suo potere di penetrazione nei mercati internazionali.