Elezioni in Alabama: vince il candidato democratico, sconfitta per Trump

Doug Jones ha avuto la meglio su Roy Moore, che aveva il sostegno del presidente Usa nonostante sia stato accusato di molestie sessuali. Al Senato la maggioranza del Gop si assottiglia

In uno Stato fortemente repubblicano, l'Alabama, un candidato democratico ha vinto le elezioni speciali pensate per eleggere il senatore che andrà a sostituire al Congresso Usa il posto lasciato vuoto da Jeff Sessions, diventato segretario alla Giustizia. E' la prima volta dal 1992 che un democratico è stato eletto al Senato dallo Stato del Sud.

Doug Jones, un ex procuratore, ha avuto la meglio sul candidato repubblicano Roy Moore; accusato di abusi e di molestie sessuali su minorenni quando era trentenne, Moore si era rifiutato di ritirarsi dalla campagna elettorale ma aveva comunque potuto contare sull'endorsement del presidente americano Donald Trump. Per il partito repubblicano, si tratta di una pesante sconfitta, non solo morale ma anche pratica. Con l'arrivo di Jones, al Senato la maggioranza del Gop si assottiglia (51 seggi contro i 49 dei dem da 52 a 48). Questo significa che per il partito del presidente sarà ancora più difficile fare avanzare la sua agenda. E che per il partito democratico, per ora una minoranza al Congresso, aumentano le chance di riconquistare il Senato nelle elezioni di metà mandato del novembre 2018.

In un tweet, Trump si è congratulato con Jones per una "vittoria duramente combattuta". Consapevole che nell'ambito delle elezioni presidenziali del novembre 2016 vinse in Alabama con il 62% dei voti, il 45esimo presidente americano ha aggiunto che gli abitanti dello Stato sono "fantastici" e che i repubblicani avranno un'altra occasione per rifarsi. L'elettorato però sembra avere preso le distanze da lui, in parte proprio per il suo endorsement a Moore. Nonostante quest'ultimo abbia seguito i consigli dell'ex stratega di ultra destra Stephen Bannon - negare ogni accusa di abuso sessuale come fatto da Trump - ha perso.

"Alla fine, questa sfida si è concentrata sulla dignità e il rispetto. Sullo stato di diritto. Sulla cortesia e sulla decenza", ha detto Jones festeggianfo in un hotel a Birmingham.

Dal canto suo Moore, restio ad alzare bandiera bianca, ha dato la colpa della sua sconfitta "in parte a questa campagna in cui siamo stati descritti in modo sfavorevole".

L'affluenza alle urne degli elettori afroamericani sembra sia stata più alta rispetto ai livelli registrati nel 2012 e nel 2008, quando Obama ebbe la meglio. Nel primo caso gli afroamericani rappresentavano il 28% dell'elettorato e il 29% nel secondo. Questa volta, sono stati tre su 10 e si sono schierati con Jones. Al contrario c'è stata una percentuale inferiore degli elettori evangelici: 4 su 10 contro il 47% registrato alle elezioni presidenziali vinte da Obama. Moore si è tuttavia aggiudicato la fiducia di elettori bianchi con laurea (57% contro 41%) anche se il gruppo ha preferito il candidato democratico in misura maggiore rispetto ad elezioni passate.

Jones, 63 anni e meglio conosciuto per avere perseguito legalmente due membri del Ku Klux Klan responsabili di un'esplosione in una chiesa battista nel 1963 a Birmingham in cui quattro ragazze afroamericane morirono, si trasferirà a Capitol Hill probabilmente nell'anno nuovo. L'Alabama ha infatti detto che certificherà i voti al più presto tra il 27 e il 29 dicembre prossimi. Al Gop conviene definire e approvare sia alla Camera sia al Senato il testo definitivo della riforma fiscale entro il 2017 altrimenti la legislazione rischia di incontrare nuovi ostacoli. E chissà che le accuse di molestie sessuali che hanno fermato l'ascesa politica di Moore - che si è presentato alle urne a cavallo - travolgano concretamente anche Trump.

Altri Servizi

Non c'è accordo sui fondi, Stati Uniti in shutdown: bloccate le attività federali

Il Senato non ha approvato la legge di rifinanziamento provvisorio per quattro settimane. Trump attacca: "I democratici vogliono svilire il grande successo dei tagli alle tasse". Possibile riduzione del Pil di 6,5 miliardi alla settimana

Gli Stati Uniti sono in shutdown. Il Senato non ha trovato un accordo per approvare il finanziamento provvisorio del governo federale, necessario entro la fine del 19 gennaio. La prima conseguenza è che migliaia di lavoratori federali saranno in congedo non retribuito e che circa 1,3 milioni di militari resteranno senza stipendio finché non si troverà una soluzione a questo stallo. Secondo un rapporto di S&P Global Ratings, lo shutdown potrebbe far scendere il Pil degli Stati Uniti dello 0,2% ogni settimana, ovvero 6,5 miliardi di dollari.

In Usa è scattato lo shutdown: cosa è e cosa comporta

Per la prima volta dall'ottobre 2013, il governo federale subisce una paralisi parziale. La Casa Bianca accusa i democratici

Per la prima volta dall'ottobre 2013, quando il presidente era Barack Obama, il governo federale degli Stati Uniti  è protagonista di una paralisi parziale. Per trovare una soluzione c'era tempo fino alla mezzanotte del 19 gennaio 2018 di Washington, le sei del mattino di sabato 20 gennaio in Italia. Come successo oltre quattro anni fa, il cosiddetto "shutdown" ha visto repubblicani e democratici scontrarsi sulla legislazione che andava approvata per continuare a finanziare le attività del governo.

S&P promuove la Grecia, prima volta in due anni

Il rating passa a B da B-, comunque cinque gradini sotto l'investment grade. L'outlook resta positivo
iStock

Per la prima volta in due anni, S&P Global Ratings ha migliorato il suo giudizio sulla tenuta creditizia della Grecia, portato a "B" da "B-" (comunque cinque gradini al di sotto dell'investment grade). L'outlook è rimasto "positivo", cosa che implica un'altra possibile promozione.

Svolta storica al Los Angeles Times, arrivano i sindacati

Sono gli stessi che rappresentano già NY Times, Washington Post e Wsj. Il proprietario Tronc: aperto a discussioni produttive. Al via formazione di un comitato per trattare aumenti salariali
L'edizione del 5 novembre 2008 del giornale AP

Per la prima volta nei suoi 136 anni di storia, al "Los Angeles Times" entrano i sindacati. Il quotidiano controllato dal gruppo editoriale Tronc fa cos" storia e si prepara a vivere tensioni crescenti non solo con la proprietà del giornale ma anche con il suo management. I due fronti si sono già scontrati su licenziamenti, cambi di vertice e priorità di un gruppo che punta sul giornalismo digitale.

Un avvocato di Trump: "Il presidente è molto impaziente di parlare con Mueller"

Il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni potrebbe presto ascoltare il capo di Stato

Un avvocato di Donald Trump ha detto che il presidente degli Stati Uniti è "molto impaziente" di sedersi a parlare con il procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni.

JP Morgan: per il Ceo Dimon, compensi 2017 per 29,5 milioni di dollari

Sono saliti del 5,4% sul 2016 ma restano sotto il record da 30 milioni del 2007. Salario di base fermo a 1,5 milioni; a lui azioni vincolate per 23 milioni di dollari
Wikimedia Commons

Nel 2017 il Ceo di JP Morgan Chase ha portato a casa compensi per 29,5 milioni di dollari, il 5,4% in più sul 2016 ma meno del record da 30 milioni del 2007 ossia l'anno precedente allo scoppio della peggiore crisi finanziaria dagli anni '30 del secolo scorso.

Wall Street ignora il rischio shutdown

Ieri chiusure in calo, ma Dow Jones oltre 26.000 punti
AP

Shutdown vicino, Trump: "Colpa dei democratici, vogliono gli immigrati irregolari"

Oggi serve l'ok del Senato alla proposta di legge per una copertura di spesa mensile, ma l'accordo è lontano
AP

Il Washington Post tiene il conto alla rovescia in testa all'homepage del proprio sito: mancano ormai poche ore allo shutdown, ovvero la paralisi della pubblica amministrazione statunitense, che potrà essere evitata solo con un accordo tra democratici e repubblicani.

Ibm: ultimo trimestre del 2017 chiuso con ricavi in rialzo, prima volta da inizio 2012

Traino del cloud e degli "imperativi strategici". Il periodo è finito in perdita. Hanno pesato oneri da 5,5 miliardi di dollari legati alla riforma fiscale Usa.
Ibm

L'opera di trasformazione di International Business Machines (Ibm), iniziata cinque anni fa, sta forse cominciando a dare i suoi frutti. Il gruppo informatico ha chiuso il periodo ottobre-dicembre del 2017 con ricavi in rialzo annuo per la prima volta dopo 22 trimestri di fila in calo. Il Ceo Ginni Rometty può finalmente tirare un sospiro di sollievo anche se il mercato resta scettico del fatto che il business legato a cloud computing, intelligenza artificiale e sicurezza bastino per rendere sostenibile quella crescita.

Usa vogliono l'estradizione di due italiani, sono accusati di traffico illecito di oppiacei

Si chiamano Luca Sartini, 58 anni, e Luigi Palma, 51. Entrambi sono di Roma. Arrestati nella capitale italiana