Elon Musk pensa a un delisting di Tesla. Arabia Saudita scommette sul gruppo

I tre motivi per cui il Ceo vorrebbe che il gruppo non sia più quotato. Il Ceo ha violato regolamentazioni finanziarie con i suoi tweet?
AP

Ennesima boutade o no? E' quello che si sono domandati per ore gli investitori dopo un tweet in cui Elon Musk, il Ceo e fondatore di Tesla, ha scritto che "sta valutando" se effettuare un delisting del produttore di auto elettriche acquistando le azioni in circolazione a 420 dollari, un'offerta che valuterebbe il gruppo 82 miliardi di dollari (debito incluso). E' bastato questo cinguettio a mettere il turbo al titolo, già sostenuto da indiscrezioni raccolte dal Financial Times secondo cui il fondo sovrano saudita ha comprato una quota del 3-5% che vale 1,7-2,9 miliardi di dollari. 

Non è stato subito chiaro se il tweet, scritto dall'account personale dell'irriverente top manager, fosse reale o frutto di un'intrusione illecita (che però sarebbe già stata smentita dall'azienda). Non è stato nemmeno chiaro se il 47enne Musk stesse facendo sul serio o se la sua fosse l'ennesima provocazione come quella del primo aprile scorso, quando scrisse su Twitter che il gruppo era finito in bancarotta. Certo è che la capitalizzazione del gruppo è schizzata a 62 miliardi di dollari grazie a un messaggio di pochi caratteri concluso con "Finanziamenti garantiti". 

Solo mezz'ora prima della fine degli scambi a Wall Street si è capito che "una decisione finale non è stata ancora presa" ma quella del delisting resta un'opzione concreta. Musk ha scritto ai dipendenti che secondo lui quella "è la strada migliore" da percorrere e ha precisato che Tesla resterebbe slegata da SpaceX, l'azienda aerospaziale di proprietà di Musk. Oltre ai piani futuri del gruppo, va capito se il Ceo ha violato le regolamentazioni finanziarie con quella serie di tweet.

A chi su Twitter aveva chiesto a Musk se, una volta compiuto l'ipotetico delisting di Tesla, lui "manterrebbe il controllo dell'azienda", il Ceo aveva risposto che "al momento" non ha una quota tale da avere il maggiore potere di voto "e non mi aspetterei che nessun socio lo abbia se diventiamo un'azienda privata". Musk aveva comunque precisato che non intende vendere le sue quote.

In un'altra risposta a chi chiedeva delucidazioni, Musk aveva detto: "La mia speranza è che tutti gli investitori restino con Tesla anche se diventiamo privati. Verrebbe creato un fondo speciale permettendo a chiunque [sia già socio] di rimanere in Tesla".

In un altro tweet Musk aveva poi aggiunto che "i soci potrebbero vendere a 420 o tenere i loro titoli" nel caso in cui l'azienda non sia più quotata e che lui non si aspetta cambiamenti al vertice di Tesla, indicando che intende rimanerne amministratore delegato.

Alla luce del linguaggio usato dal Ceo, erano iniziati a venire meno i dubbi che il suo non sia altro che uno scherzo. Sul social media c'è chi aveva fatto notare che il numero 420 e sue variazioni è associato alla cultura della cannabis: il 20 aprile, scritto in Usa 4/20, è il giorno celebrato dagli amanti della marijuana. In attesa di conferme, il titolo Tesla è stato sospeso dagli scambi alle 20.08 italiane quando guadagnava il 7,39% a 367,25 dollari. Alle 21.45 ha ripreso le contrattazioni, finite con un +11% a 379,57 dollari.

Sono tre i motivi per cui Musk vorrebbe che la sua Tesla fosse un'azienda privata. Il Ceo non sarebbe più costretto a rispondere alle domande degli analisti, le esigenze di finanziamento dell'azienda non sarebbero più una questione di cui discutere pubblicamente, gli short seller sarebbero puniti se il delisting si verificasse davvero a 420 dollari. Lo stesso Musk lo ha spiegato nel memo ai dipendenti: "Sto cercando di raggiungere un risultato in cui Tesla può operare al meglio, libera il più possibile da distrazioni e da un modo di pensare orientato al breve termine e in cui ci sono cambiamenti minimi per gli investitori e i dipendenti".

Gli analisti hanno spesso mostrato dubbi sulle esigenze finanziarie dell'azienda ma nell'ultima call a commento dei conti migliori delle stime - quella in cui ha fatto un mea culpa con gli analisti - Musk aveva detto che Tesla non aveva bisogno di un'iniziezione di capitali e che dal trimestre in corso il gruppo sarebbe diventato redditizio. Forse Musk ora può stare tranquillo dopo il presunto investimento del Public Investment Fund (PIF) saudita in Tesla.

Stando all'FT, il PIF supervisionato dal principe Mohammed bin Salman, ha rastrellato una quota del 3-5% nel produttore di auto elettriche. E lo ha fatto nell'anno in corso, probabilmente dopo il tour americano dell'erede al trono a Riad. Essendo inferiore al 5%, la partecipazione nel gruppo di Elon Musk non deve essere necessariamente comunicata. Quella quota fa del fondo saudita uno degli otto più grandi soci di Tesla. PIF ha già scommesso su Uber, di cui ha comprato una quota nel giugno del 2016 da 3,5 miliardi di dollari. Il fondo ha investito 45 miliardi nel Vision Fund della giapponese SoftBank e ha promesso 20 miliardi in un fondo infrastrutturale gestito da Blackstone.

Nel frattempo, altre indiscrezioni di stampa sostengono che Tesla ha iniziato a reclutare personale per la sua fabbrica a Shanghai - la prima fuori dagli Usa - un mese dopo avere siglato accordi con le autorità locali per il progetto da 2 miliardi di dollari. Senza commentare direttamente sul caso, la Casa Bianca aveva commentato dicendo che vorrebbe vedere le aziende Usa investire nella loro nazione.

Altri Servizi

Wall Street, il focus resta sulla Turchia

Giornata economica priva di altri spunti di nota
iStock


Trump condanna razzismo e invita all'unità un anno dopo Charlottesville

Al via a Washington manifestazione di suprematisti bianchi. Prevista contro-manifestazione. Nella città della Virginia dichiarato lo stato di emergenza
AP

Charlottesville. Un anno dopo. Mentre la capitale americana si prepara a ospitare una manifestazione di suprematisti bianchi - gli stessi che l'11 agosto del 2017 crearono caos e violenze mortali nella città della Virginia - Donald Trump invita una nazione forse mai così divisa "all'unità". Il 45esimo presidente americano ha fatto di nuovo ricorso al suo megafono - Twitter - per "condannare tutti i tipi di razzismo e atti di violenza". E per augurare "pace a TUTTI gli americani". Peccato che grand parte dei cittadini Usa creda che da quando Trump è stato eletto le relazioni razziali siano peggiorate.

Abituato ad attaccare i suoi più feroci critici, il Ceo di Tesla ne ha combinata un'altra delle sue. Il tutto mentre il mondo della finanza continua a interrogarsi se e come Elon Musk realizzerà il delisting del gruppo, ipotizzato martedì 7 agosto in una serie di tweet controversi su cui la Sec ha acceso un faro. Intanto il cda di Tesla si prepara a incontrare gli advisor finanziari per discutere dell'operazione.

Cooperare o morire. Facebook smentisce minaccia fatta agli editori

A darne notizia è The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch. Il social network non più interessato a inviare traffico ai gruppi media

Facebook ha smentito quando riportato da un sito australiano, secondo cui al Ceo Mark Zuckerberg "non importa" nulla degli editori e che il social network li lascerebbe morire se non cooperano con il gigante tecnologico. Stando alle indiscrezioni del The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch - il manager responsabile delle partnership nel campo dell'informazione (Campbell Brown) avrebbe messo in guardia i gruppi editoriali che non vogliono lavorare con l'azienda californiana. Lo avrebbe fatto la settimana scorsa durante un incontro a Sidney: "Vi terrò per mano mentre il vostro business muore, come si fa in un hospice". Facebook ha reagito dicendo che i commenti "sono stati decontestualizzati".

AP

Dopo essere stato pesantemente criticato per la serie di tweet controversi (e privi di dettagli) con cui il 7 agosto scorso aveva annunciato di volere delistare Tesla e renderla un gruppo in mani private, il Ceo Elon Musk ha pubblicato un blog post nel tentativo di fornire chiarimenti. Tuttavia gli investitori sono rimasti scettici sul suo piano di buyout.

L'ambasciatrice Mariangela Zappia debutta all'Onu, vede Guterres

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso il palazzo di vetro ha presentato le sue credenziali. I temi prioritari per il nostro Paese: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso le Nazioni Unite a New York, l'ambasciatrice Mariangela Zappia, ha presentato oggi le lettere credenziali al segretario generale Antonio Guterres. Durante l’incontro con Guterres, Zappia ha evidenziato la priorità assegnata dall’Italia a un multilateralismo efficace, al ruolo del Palazzo di vetro per la pace e la sicurezza internazionali e quale pilastro di un sistema internazionale fondato sul diritto e sul rispetto della persona.

News Corp: nell'anno perdita più che doppia a 1,4 miliardi di dollari

Pesano investimenti per creare una delle più grandi pay-tv d'Australia. il Wall Street Journal ha più abbonati digitali che su carta
iStock

Archiviato il suo quarto trimestre fiscale in perdita, ma soddisfando comunque gli analisti, News Corp ha chiuso l'esercizio 2018 con un buco di 1,4 miliardi di dollari, più che doppio di quello del 2017, e ricavi in rialzo dell'11% a 9,02 miliardi. Per il Ceo Robert Thomson quella dell'anno terminato il 30 giugno scorso è stata "una performance robusta in tutti i nostri business" e con "cambiamenti positivi e profondi nel nostro flusso dei ricavi, che sono stati più globali, digitali e basati sugli abbonamenti". Basti un esempio: The Times, The Sunday Times e The Wall Street Journal "hanno raggiunto nuovi massimi nella loro trasformazione digitale con abbonati digitali che ora superano quelli della versione cartacea" di questi giornali.

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo

La retorica del presidente statunitense, Donald Trump, contro i mass media 'nemici del popolo' è "molto vicina all'incitamento alla violenza", che potrebbe portare i giornalisti ad autocensurarsi o a essere attaccati. Lo ha detto l'alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, Zeid Ra'ad al-Hussein, in un'intervista esclusiva al Guardian prima della fine del suo mandato. Il diplomatico e principe giordano lascerà l'incarico questo mese, dopo aver deciso di non ripresentarsi per un secondo mandato quadriennale, in un momento in cui le grandi potenze mondiali sembrano meno impegnate a combattere gli abusi.

Trump pronto a rivedere accordi duty-free con nazioni piccole

Indonesia e Thailandia nel mirino. Dall'autunno analisi su accordi in Europa orientale, Medio Oriente e Africa

Non ci sono solo la Cina o l'Unione europea nel mirino (commerciale) degli Stati Uniti. Da quando Donald Trump è diventato presidente americano, era il gennaio 2017, Washington sta analizzando gli accordi commerciali grazie ai quali nazioni più piccole e meno sviluppate da 30 anni esportano in Usa migliaia di prodotti duty-free.

Dazi Usa per 16 miliardi di dollari su import cinese scattano il 23 agosto

Si aggiungono a quelli del 25% su 34 miliardi entrati in vigore il 6 luglio

Preannunciati il 15 luglio, i dazi americani su prodotti cinesi per 16 miliardi di dollari entreranno in vigore il 23 agosto prossimo. Le tariffe doganali si aggiungeranno a quelle del 25% scattate il 6 luglio scorso per 34 miliardi su 818 articoli Made in China.