Emergenza nazionale al muro? I Dem pronti a fare causa contro Trump

Per il momento, il presidente non intende invocarla ma l'opposizione affila le armi
Ap

Per il momento Donald Trump non intende testare i limiti della sua autorità presidenziale invocando una "emergenza nazionale" al confine tra Stati Uniti e Messico, cosa che gli consentirebbe di costruire un muro senza dovere ottenere dal Congresso i fondi necessari. Forse sa che non tutta l'America crede che là ci sia una crisi senza precedenti, come dice lui, con una "invasione" di migranti illegali. O, più probabilmente, si sta rendendo conto che una tale mossa finirebbe per essere sfidata sui banchi di tribunale; anche se lui è convinto di avere "al 100%" il potere di costruire il muro in quel modo, ha ammesso che "sarei denunciato...e probabilmente perderemmo". Non a caso l'opposizione democratica, che non vuole il muro, sta affilando le armi per lanciare una causa legale in cui Trump dichiarasse quella emergenza.

Nel giorno in cui la paralisi parziale del governo federale ha conquistato un poco invidiabile record di durata per la sua amministrazione, il Commander in chief ha continuato a dare la colpa ai democratici: "Dovrebbero tornare a Washington e lavorare per mettere fine allo shutdown e allo stesso tempo terminare la crisi umanitaria orribile al confine meridionale. Sono alla Casa ad aspettarvi". Stando a Trump, la doppia questione strettamente legata - quella del muro e quella dello shutdown - può essere risolta in "15 minuti". Peccato che i tentativi di negoziati siano finiti dopo discussioni concitate, con pugni battuti sulla scrivania presidenziale e tweet in cui Trump diceva che parlare era "una perdita di tempo".

La strategia del presidente è ripetere che sono i democratici i responsabili dello stallo politico che ha lasciato oltre 800mila dipendenti federali senza stipendio (verranno pagati a posteriori, come successo in altri shutdown). E che criminali, gang, trafficanti di droghe ed esseri umani possono essere fermati solo con un muro.

I democratici puntano a convincere l'opionione pubblica che un muro è immorale, inutile e costoso. E che non serve invocare una emergenza nazionale, tanto più che farlo significherebbe sottrarre miliardi di dollari di aiuti ad aeree messe in ginocchio dai disastri naturali. Persino tra i repubblicani, c'è chi crede che una tale mossa creerebbe un brutto precedente, dando di fatto al presidente il potere di ritenere una emergenza quello che vuole.

La logica dei Dem in campo legale è la seguente: se il governo Trump mette le mani su fondi che il Congresso ha destinato ad altri progetti, la Camera (in mano ai democratici) potrebbe fare causa sostenendo che i suoi poteri costituzionali sono stati violati. A quel punto l'opposizione sosterrebbe due tesi. La prima è che lo scontro sul muro è tutto politico e non una emergenza nazionale come contemplato nella legge del 1976 chiamata National Emergiencies Act (usata da allora 58 volte). La seconda è che quella legge non fornisce in sé alcun potere, previsto invece in centinaia di altre leggi federali. Qui si concentrerà probabilmente un qualsiasi braccio di ferro legale.

Anche centinaia di persone e organizzazioni potrebbero a loro volta fare causa sostenendo che la sottrazione di fondi a loro destinati provoca danno. Si pensi a progetti contro allagamenti e incendi o per la riscotruzione di infrastrutture danneggiate da disastri naturali.

Per misurare quanto conteso sarebbe uno scontro legale bisogna capire quali passi Trump compierebbe dopo avere invocato l'emergenza nazionale. Farlo e basta sarebbe per lui una vittoria simbolica utile a gonfiare gli animi della sua base elettorale. Farlo per poi dirottare miliardi di dollari al muro, darebbe all'opposizione motivo di agire. Facendo causa.

Altri Servizi

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Fca: richiama in Usa quasi 900mila vetture, non rispettano standard su emissioni

Epa soddisfatta dell'azione volontaria del gruppo. La mossa segue test condotti dall'azienda e dall'Agenzia per la protezione ambientale. Fca: veicoli sicuri, nessuna multa
FCA

Fiat Chrysler Automobiles ha deciso di richiamare quasi 900mila vetture negli Stati Uniti, per l'esattezza 862.520. La mossa segue test sulle emissioni condotti dall'Agenzia per la protezione ambientale americana (l'Epa) e dall'azienda stessa come richiesto dalla legge. A dare l'annuncio è stata l'Epa, che "dà il benvenuto all'azione di Fiat Chrysler di richiamare volontariemente i suoi veicoli che non rispettano gli standard sulle emissioni Usa".

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la sua campagna presidenziale

La senatrice è la sesta donna in campo per le primarie democratiche
Ap

La senatrice Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la propria candidatura alle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi del prossimo anno, con un video intitolato "Il coraggioso vince", che parte da un verso dell'inno nazionale (Di' dunque, sventola ancora la nostra bandiera adorna di stelle sulla terra dei liberi e la patria dei coraggiosi?) per affermare che il coraggio degli americani può aiutare il Paese a raggiungere risultati come il sistema sanitario universale, il congedo parentale per tutti e una nuova riforma per l'ambiente. "Abbiamo bisogno di un leader che faccia delle scelte notevoli e coraggiose. Qualcuno che non sia spaventato dal progresso. Ecco perché mi candido alla presidenza".

Wall Street, speranze su accordo Usa-Cina

Atteso il dato sulla fiducia dei consumatori di marzo
AP

Boeing: "piena fiducia" nel 737 Max ma vari Paesi ne impediscono l'uso

Regno Unito, Francia e Germania tra le nazioni che puntano su sicurezza. Romney primo senatore Gop a chiedere lo stop all'uso del jet. L'aviazione civile Usa dalla parte del gruppo. Passeggeri preoccupati. Trump: aerei troppo complessi.

Messo sotto pressione dalle autorità dell'aviazione civile nel mondo, Boeing ha diffuso un comunicato difendendo la sicurezza dei suoi jet 737 Max, nei quali ha "piena fiducia".

Federcalcio Usa sorpresa dalla causa per discriminazione intentata dalle giocatrici della nazionale

Carlos Cordeiro ha detto che le atlete non si erano mai lamentate del contratto collettivo. Le campionesse del mondo chiedono di essere pagate (e trattate) come gli uomini
Ap

Il presidente della Federcalcio statunitense, Carlos Cordeiro, ha manifestato la propria sorpresa, e quella dell'organizzazione che presiede, nel prendere atto della causa intentata dalle calciatrici della nazionale per discriminazione di genere. Cordeiro ha detto che non aveva mai sentito lamentele sull'accordo collettivo contrattato e firmato tra le due parti due anni fa.

Lyft lancia il road show per la sua Ipo da 2 miliardi di dollari

Sarà la prima del settore dei trasporti on-demand a quotarsi a Wall Street, ma sarà presto seguita da Uber

Parte lunedì il road show di Lyft per la sua Ipo, durante la quale cercherà di raccogliere fino a due miliardi di dollari, per arrivare a una valutazione di oltre 20 miliardi di dollari. Lyft dovrà cercare di convincere gli investitori a preferire la sua Ipo a quella di Uber, che dovrebbe lanciarla il prossimo mese.

Tesla: Musk difende suoi tweet e attacca Sec, "ha oltrepassato il limite"

Secondo l'autorità di borsa Usa, il Ceo del produttore di auto elettriche ha violato il patteggiamento siglato a settembre
AP

Elon Musk, il Ceo di Tesla, è tornato ad attaccare l'autorità di borsa americana sostenendo che "ha oltrepassato ogni limite in modo senza precedenti".