Emissioni diesel: Giustizia Usa propone a Fca patteggiamento con multa e richiami

Secondo Bloomberg News, l'intesa sarebbe stata presentata ai legali del gruppo la settimana scorsa. Il titolo ha sofferto al Nyse, poi è rimbalzato
Chrysler

Una multa "sostanziale ma non specificata" e il richiamo di 104.000 veicoli per portarli a norma di legge. Sarebbe questa la proposta fatta dal dipartimento americano di Giustizia a Fiat Chrysler Automobiles per archiviare il caso, esploso nel gennaio 2017, sulle emissioni diesel in Usa. La multa potenziale massima, così come emerse allora, è di 4,63 miliardi di dollari, una cifra equivalente agli utili messi insieme del 2013, 2014, 2015 e dei primi nove mesi del 2016.

A scrivere del patteggiamento è stato Bloomberg News, secondo cui l'offerta delle autorità Usa è stata presentata la scorsa settimana al gruppo automobilistico italo-americano. Il colosso dell'informazione finanziaria sostiene di avere ottenuto una copia del pattegiamento proposto, che include iniziative volte a mitigare l'inquinamento causato in passato e cambiamenti interni all'azienda per evitare violazioni future delle leggi sull'ambiente.

L'indiscrezione ha fatto precipitare il titolo Fca quotato al New York Stock Exchange, dove ha perso il 7,16% a 22,30 dollari ma era arrivato fino a 20,68 dollari. Si tratta comunque della flessione maggiore dal gennaio 2017. Nel dopo-mercato l'azione è rimbalzata dello 0,4%. Il calo visto nella seduta non ha comunque intaccato la performance generale del titolo, impareggiabile rispetto a quella di General Motors e Ford. Fino ad ora nel 2018 Fca ha guadagnato il 25% e negli ultimi 12 mesi il 104,59%. Da inizio anno il titolo Gm è rimasto invariato in Borsa ma nell'ultimo anno è salito del 14,75%. Quello di Ford è scivolato del 14,25% da inizio gennaio e di quasi il 13% in un anno.

L'intesa "deve includere pene civili sostanziali" che funzionino da deterrente contro violazioni future e che riflettano "adeguatamente la serietà della condotta che ha portato a queste violazioni", hanno scritto i legali del dipartimento americano di Giustizia in una lettera datata 27 gennaio e inviata agli avvocati di Fca. L'intesa non metterebbe fine all'inchista penale in corso ma solo a quella civile.

La Giustizia Usa aveva accusato il gruppo guidato da Sergio Marchionne di avere usato un software illegale, il cosiddetto defeat device, per passare test di laboratorio sulle emissioni. Il caso chiamò in causa 104.000 tra Ram e Grand Cherokee con motori diesel prodotti tra il 2014 e il 2016.

Vale la pena ricordare che Fca ha già ricevuto dalle autorità competenti il via libera alla certificazione dei modelli 2017 dei Ram e Grand Cherokee. Questo significa che le stesse soluzioni saranno usate per i modelli 2014-2016 in questione non appena un'intesa sarà raggiunta. Ciò implica che Fca richiamerà i 104.000 veicoli presumibilmente inquinanti per metterli a norma. Quindi, la proposta fatta dalla Giustizia Usa in merito ai richiami era in realtà già nei piani. Inoltre, il linguaggio per descrivere la multa "sostanziale" è vago. Resta da vedere quanto Fca dovrà pagare. I negoziati sono appena iniziati e continueranno.

Quando il caso esplose, il top manager italo-canadese negò immediatamente che Fiat Chrysler Automobiles avesse violato le leggi americane sulle emissioni: nel gruppo, disse in una call con la stampa, "nessuno ha cercato di barare" e lui spiegò di avere la "coscienza pulita". E se c'è stato uno sbaglio, disse, è stato per una sola "incompetenza tecnica". Lo stesso Marchionne respinse con forza anche solo il paragone tra Fca e Volkswagen: chi lo fa, tuonò, "ha fumato qualcosa di illegale". Il motivo? Diversamente da VW, che fu travolta dal cosiddetto "dieselgate" nel settembre 2015 e fece un mea culpa riguardante 11 milioni di vetture nel mondo, Fca non ha barato. "Le auto di Volkswagen si comportavano in modo diverso a seconda che fossero in laboratorio o su strada", precisò Marchionne. "Le nostre si comportano allo stesso modo" nelle due condizioni di guida, dunque questo suggerirebbe che non è stato usato il controverso 'defeat device'.

Mary Nichols, a capo della California Air Resources Board (l'autorità californiana che insieme all'Agenzia per la protezione ambientale mosse le accuse contro Fca), ha detto a Bloomberg di non essere coinvolta nelle trattative. Lei ha però aggiunto: "E' interessante che Fiat Chrysler stia usando lo stesso team di legali che ha lavorato con VW".

Altri Servizi

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo

La retorica del presidente statunitense, Donald Trump, contro i mass media 'nemici del popolo' è "molto vicina all'incitamento alla violenza", che potrebbe portare i giornalisti ad autocensurarsi o a essere attaccati. Lo ha detto l'alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, Zeid Ra'ad al-Hussein, in un'intervista esclusiva al Guardian prima della fine del suo mandato. Il diplomatico e principe giordano lascerà l'incarico questo mese, dopo aver deciso di non ripresentarsi per un secondo mandato quadriennale, in un momento in cui le grandi potenze mondiali sembrano meno impegnate a combattere gli abusi.

Il duello Erdogan-Trump

La crisi turca preoccupa gli investitori. Obbligatorio un rialzo dei tassi di almeno il 10% per fermare la caduta libera della lira. Il presidente turco minaccia quello Usa: cercheremo nuovi amici. Alleanza Nato a rischio
AP

Quanto sarà disposto Recep Tayyip Erdogan a sopportare la "guerra economica" che secondo lui è stata lanciata dagli Stati Uniti contro la sua Turchia? Quanto la crisi finanziaria di Ankara si allargherà nei mercati emergenti e nel Mediterraneo? Quando e quali misure estreme verranno adottate per calmare la situazione? Sono questi gli interrogativi che rimbalzano da una sala operativa all'altra dopo un venerdì 10 agosto in cui la lira turca a un certo punto era arrivata a cedere il 20% contro il dollaro. Un biglietto verde alla fine della giornata comprava 6,43 lire, il 41% in meno da inizio anno.

L'ambasciatrice Mariangela Zappia debutta all'Onu, vede Guterres

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso il palazzo di vetro ha presentato le sue credenziali. I temi prioritari per il nostro Paese: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso le Nazioni Unite a New York, l'ambasciatrice Mariangela Zappia, ha presentato oggi le lettere credenziali al segretario generale Antonio Guterres. Durante l’incontro con Guterres, Zappia ha evidenziato la priorità assegnata dall’Italia a un multilateralismo efficace, al ruolo del Palazzo di vetro per la pace e la sicurezza internazionali e quale pilastro di un sistema internazionale fondato sul diritto e sul rispetto della persona.

Coca-Cola sfida PepsiCo investendo in start-up appoggiata da Kobe Bryant

Si chiama BodyArmor e produce bevande sportive che sfidano Gatorade e Powerade

Coca-Cola ha deciso di comprare una quota in BodyArmor, una start-up di bevande sportive tra i cui sostenitori figurano la stella americana del basket Kobe Bryant e altri atleti. Così facendo il colosso delle bibite punta a sfidare (e magari vincere contro) Gatorade, la bevanda per sportivi di proprietà di PepsiCo che domina il mercato di riferimento.

I gruppi di private equity si danno ai prestiti

A fine 2017 avevano concesso oltre 500 milioni di dollari ad aziende di medie dimensioni, contro i 300 milioni del 2012

Noti per essere proprietari di aziende, i gruppi di private equity stanno sempre più diventando anche i loro principali creditori. Sono disposti a concedere prestiti laddove le banche non lo farebbero un po' per via di regolazioni più stringenti e un po' per evitare i passi falsi passati.

AP

Dopo essere stato pesantemente criticato per la serie di tweet controversi (e privi di dettagli) con cui il 7 agosto scorso aveva annunciato di volere delistare Tesla e renderla un gruppo in mani private, il Ceo Elon Musk ha pubblicato un blog post nel tentativo di fornire chiarimenti. Tuttavia gli investitori sono rimasti scettici sul suo piano di buyout.

Tesla: cda forma comitato speciale per valutare il delisting sognato da Musk

Nelle mani di tre persone la decisione sul buyout

Cooperare o morire. Facebook smentisce minaccia fatta agli editori

A darne notizia è The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch. Il social network non più interessato a inviare traffico ai gruppi media