Emissioni diesel: Giustizia Usa propone a Fca patteggiamento con multa e richiami

Secondo Bloomberg News, l'intesa sarebbe stata presentata ai legali del gruppo la settimana scorsa. Il titolo ha sofferto al Nyse, poi è rimbalzato
Chrysler

Una multa "sostanziale ma non specificata" e il richiamo di 104.000 veicoli per portarli a norma di legge. Sarebbe questa la proposta fatta dal dipartimento americano di Giustizia a Fiat Chrysler Automobiles per archiviare il caso, esploso nel gennaio 2017, sulle emissioni diesel in Usa. La multa potenziale massima, così come emerse allora, è di 4,63 miliardi di dollari, una cifra equivalente agli utili messi insieme del 2013, 2014, 2015 e dei primi nove mesi del 2016.

A scrivere del patteggiamento è stato Bloomberg News, secondo cui l'offerta delle autorità Usa è stata presentata la scorsa settimana al gruppo automobilistico italo-americano. Il colosso dell'informazione finanziaria sostiene di avere ottenuto una copia del pattegiamento proposto, che include iniziative volte a mitigare l'inquinamento causato in passato e cambiamenti interni all'azienda per evitare violazioni future delle leggi sull'ambiente.

L'indiscrezione ha fatto precipitare il titolo Fca quotato al New York Stock Exchange, dove ha perso il 7,16% a 22,30 dollari ma era arrivato fino a 20,68 dollari. Si tratta comunque della flessione maggiore dal gennaio 2017. Nel dopo-mercato l'azione è rimbalzata dello 0,4%. Il calo visto nella seduta non ha comunque intaccato la performance generale del titolo, impareggiabile rispetto a quella di General Motors e Ford. Fino ad ora nel 2018 Fca ha guadagnato il 25% e negli ultimi 12 mesi il 104,59%. Da inizio anno il titolo Gm è rimasto invariato in Borsa ma nell'ultimo anno è salito del 14,75%. Quello di Ford è scivolato del 14,25% da inizio gennaio e di quasi il 13% in un anno.

L'intesa "deve includere pene civili sostanziali" che funzionino da deterrente contro violazioni future e che riflettano "adeguatamente la serietà della condotta che ha portato a queste violazioni", hanno scritto i legali del dipartimento americano di Giustizia in una lettera datata 27 gennaio e inviata agli avvocati di Fca. L'intesa non metterebbe fine all'inchista penale in corso ma solo a quella civile.

La Giustizia Usa aveva accusato il gruppo guidato da Sergio Marchionne di avere usato un software illegale, il cosiddetto defeat device, per passare test di laboratorio sulle emissioni. Il caso chiamò in causa 104.000 tra Ram e Grand Cherokee con motori diesel prodotti tra il 2014 e il 2016.

Vale la pena ricordare che Fca ha già ricevuto dalle autorità competenti il via libera alla certificazione dei modelli 2017 dei Ram e Grand Cherokee. Questo significa che le stesse soluzioni saranno usate per i modelli 2014-2016 in questione non appena un'intesa sarà raggiunta. Ciò implica che Fca richiamerà i 104.000 veicoli presumibilmente inquinanti per metterli a norma. Quindi, la proposta fatta dalla Giustizia Usa in merito ai richiami era in realtà già nei piani. Inoltre, il linguaggio per descrivere la multa "sostanziale" è vago. Resta da vedere quanto Fca dovrà pagare. I negoziati sono appena iniziati e continueranno.

Quando il caso esplose, il top manager italo-canadese negò immediatamente che Fiat Chrysler Automobiles avesse violato le leggi americane sulle emissioni: nel gruppo, disse in una call con la stampa, "nessuno ha cercato di barare" e lui spiegò di avere la "coscienza pulita". E se c'è stato uno sbaglio, disse, è stato per una sola "incompetenza tecnica". Lo stesso Marchionne respinse con forza anche solo il paragone tra Fca e Volkswagen: chi lo fa, tuonò, "ha fumato qualcosa di illegale". Il motivo? Diversamente da VW, che fu travolta dal cosiddetto "dieselgate" nel settembre 2015 e fece un mea culpa riguardante 11 milioni di vetture nel mondo, Fca non ha barato. "Le auto di Volkswagen si comportavano in modo diverso a seconda che fossero in laboratorio o su strada", precisò Marchionne. "Le nostre si comportano allo stesso modo" nelle due condizioni di guida, dunque questo suggerirebbe che non è stato usato il controverso 'defeat device'.

Mary Nichols, a capo della California Air Resources Board (l'autorità californiana che insieme all'Agenzia per la protezione ambientale mosse le accuse contro Fca), ha detto a Bloomberg di non essere coinvolta nelle trattative. Lei ha però aggiunto: "E' interessante che Fiat Chrysler stia usando lo stesso team di legali che ha lavorato con VW".

Altri Servizi

Wall Street incerta, attenzione rivolta ai colloqui sul commercio con la Cina

Prosegue il secondo round di colloqui ad alto livello tra Washington e Pechino
iStock

Gli Usa aprono l' ambasciata a Gerusalemme, per Israele un momento storico

Mentre israeliani e statunitensi celebrano la nuova sede, nella Striscia di Gaza si muore: almeno 52 persone sono state uccise dalle forze dello Stato ebraico. Casa Bianca: colpa di Hamas
Ap

Sessantanove anni dopo che Israele l'ha dichiarata capitale e 23 anni dopo che il Congresso statunitense ha approvato una legge per riconoscerla come tale, gli Stati Uniti hanno formalmente aperto la loro ambasciata a Gerusalemme. Mentre Usa e Israele celebravano, i soldati israeliani sparavano sulle migliaia di palestinesi che hanno protestato lungo il confine tra la Striscia di Gaza e lo stato ebraico. Almeno 52 palestinesi sono stati uccisi e - stando al ministero della Salute palestinese - oltre 1.200 sono rimasti feriti. La Casa Bianca non ha condannato l'accaduto attribuendo la colpa esclusivamente ad Hamas, l'organizzazione politica che controlla Gaza e che secondo Washington "sfrutta in modo cinico la situazione".

Bassa affluenza alle elezioni in Iraq, Usa e Iran attendono i risultati

Washington e Teheran si contendono l'influenza nel Paese
iStock

Gli iracheni hanno disertato in massa le urne facendo avanzare, secondo le prime indicazioni, le liste anti-sistema nelle prime elezioni politiche dopo la vittoria delle truppe governative sull'Isis, guardate molto da vicino da Stati Uniti e Iran. Secondo la commissione elettorale, il 44,52% degli iscritti ha votato per eleggere i 329 parlamentari. Si tratta della partecipazione più bassa registrata nel Paese dall'instaurazione delle elezioni multipartitiche nel 2005, dopo la caduta di Saddam Hussein.

Wall Street ritrova forza

Il rendimento del Treasury a 10 anni resta però sopra il 3%
iStock

Ford riprende la produzione di pickup F-Series, lo stop peserà su utili Q2

Il gruppo ha confermato le guidance per l'intero esercizio

Ford sta per riprendere prima del previsto la produzione di uno dei suoi veicoli più popolari e redditizi parte della famiglia di pick-up truck F-Series. Lo stop c'era stato dopo un incendio che il 2 maggio aveva colpito un suo fornitore, Meridian Magnesium Products of America con sede in Michigan, causando una carenza di componentistica.

La Cina tende la mano a Trump

Pechino smentisce l'offerta per ridurre di 200 miliardi di dollari l'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti. Ha però eliminato dazi sul sorgo Usa

La Cina non ha offerto a Donald Trump una riduzione di 200 miliardi di dollari dell'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti ma ha comunque teso la mano agli Stati Uniti.

Oltre la Russia. Anche alcuni paesi del Golfo offrirono aiuto a Trump

Il New York Times parla di incontri tra Trump Jr. e altri membri del comitato elettorale del presidente con funzionari dei governi del Medio Oriente e una società israeliana

Tre mesi prima delle elezioni presidenziali del 2016, un piccolo gruppo si è riunito alla Trump Tower, a Manhattan, per incontrare Donald Trump Jr., il figlio maggiore del presidente. Uno di essi era uno specialista israeliano nella manipolazione dei social media. Un altro era un emissario di due ricchi principi arabi. Il terzo era un donatore repubblicano, con un passato controverso in Medio Oriente dove si è occupato di sicurezza privata.

Dopo lo scandalo di Philadelphia, Starbucks studia nuove regole per gli "ospiti che non consumano"

Nessuno potrà più essere cacciato negli 8.000 negozi americani del gruppo
Starbucks

Starbucks ha annunciato che sta studiando una serie di regole ufficiali che consentiranno a tutti gli ospiti di entrare e usare i bar, inclusi i servizi igienici, indipendentemente dal fatto che effettuino o meno un acquisto.

Wall Street, attenzione a disoccupazione e Fed

Oggi il dato sui sussidi. Il Fondo monetario internazionale tiene il suo consueto briefing bisettimanale con la stampa alle 9:30 (le 15:30 in Italia)
iStock

Ottimismo a Wall Street, si attenuano le tensioni commerciali tra Usa e Cina

Il presidente Trump disposto a lavorare insieme all'omologo Xi per salvare ZTE
iStock