Emissioni diesel Usa: Fca pagherà 800 milioni di dollari

Raggiunto un patteggiamento che però non pregiudica eventuali responsabilità penali del gruppo. Clienti "molto soddisfatti": verranno rimborsati, i loro veicoli portati a norma di legge con garanzie più lunghe

E' ufficiale: Fiat Chrysler Automobiles ha siglato un patteggiamento di natura civile con le autorità federali e statali americane e con i clienti per archiviare un caso, esploso nel gennaio 2017, sulla "presunta" violazione di leggi sulle emissioni diesel in Usa attraverso l'uso di un software nei motori di 100mila veicoli tra Ram e Grand Cherokee prodotti tra il 2014 e il 2016 e dotati di motori diesel a 3 litri. L'intesa tuttavia non risolve eventuali responsabilità penali dell'azienda, su cui il dipartimento americano della Giustizia continua a indagare. Il costo complessivo degli accordi è stimato in 800 milioni di dollari, cifra in linea con all’accantonamento effettuato a tale scopo dalla società nel terzo trimestre del 2018 e pari a 815 milioni di dollari. Anche il fornitore tedesco Bosch ha raggiunto un accordo in base al quale verserà 27,5 milioni ai consumatori e 103,7 milioni agli Stati Usa.

Fca canta vittoria essendo rimasta fedele alla tesi da sempre sostenuta: "non ha adottato qualsivoglia disegno deliberatamente diretto ad installare impianti di manipolazione per aggirare i test sulle emissioni". Fca ha fatto anche notare che gli accordi raggiunti "non contengono alcun accertamento o ammissione in merito a qualsivoglia pretesa violazione delle norme sulle emissioni".

La Giustizia Usa, che aveva aperto una causa legale il 23 marzo del 2017 per conto dell'Agenzia per la protezione ambientale americana (Epa), resta convinta che Fca abbia violato la legge. Ma che non lo abbia fatto intenzionalmente come la tedesca Volkswagen, travolta dal cosiddetto "dieselgate" nel settembre 2015 e che fece un mea culpa riguardante 11 milioni di vetture nel mondo su cui aveva montato un software per barare nei test di laboratorio. Nel gennaio 2017 VW siglò in Usa un patteggiamento di 4,3 miliardi per uno scandalo costato 25 miliardi. La diversità dei due casi spiega anche perché la pena inflitta sia decisamente contenuta rispetto alla multa potenziale massima da 4,63 miliardi di dollari, ammontare che emerse con lo scoppio del caso.

Della cifra totale, 400 milioni di dollari circa sono in pene di stampo civile e altri 400 milioni tra risarcimenti e danni ambientali. Le sanzioni civili includono 305 milioni di dollari da pagare all'Agenzia per la protezione ambientale americana (l'Epa), al dipartimento della Giustizia Usa e alla California Air Resources Board, autorità californiana; 13,5 milioni di dollari andranno alla procura della California per pretese relative alla tutela dei consumatori e costi legati ai danni ambientali; 72,5 milioni di dollari andranno alle procure di altri stati e 6 milioni di dollari all'agenzia federale Customs and Border Protection. Inoltre, Fca verserà 19 milioni di dollari allo Stato della California per iniziative di riduzione delle emissioni, al contempo finanziando l’upgrade di 200.000 catalizzatori ad alta efficienza nel settore after-market.

Fca: speriamo nella fiducia in noi dei clienti
“Siamo consapevoli dell’incertezza che questa vicenda ha creato per i nostri clienti, e siamo fiduciosi che questa soluzione preservi la fiducia che ripongono in noi”. E' questo il commento al patteggiamento di Fca, fatto attraverso Mark Chernoby, a capo della sicurezza e della compliance regolatoria del gruppo per il Nord America: “Abbiamo implementato procedure di validazione nuove e rigorose e aggiornato i nostri programmi di formazione al fine di garantire la osservanza continua del sempre più complesso contesto normativo". Secondo lui, “tali provvedimenti sono in linea con la nostra mission di offrire ai clienti tecnologie avanzate che diano valore ai nostri clienti e migliorino la performance ambientale dei nostri prodotti”. I clienti interessati saranno informati dalla società quando potranno programmare gli appuntamenti per l’intervento. Fca Usa (la divisione statunitense del gruppo italo-americano) sta organizzando la logistica necessaria a identificare i proprietari dei veicoli e provvedere agli interventi e pagamenti previsti.

La Giustizia: leggi violate, usato software illegale
Il dipartimento americano della Giustizia "è impegnato alla piena attuazione delle leggi che proteggono l'ambiente nella nostra nazione", ha detto Jesse Panuccio, un alto funzionario del dipartimento stesso. In una nota Panuccio ha aggiunto: il gruppo "ha violato quelle leggi e questo caso dimostra le pene ingenti che le aziende rischiano se commettono violazioni cos" gravi".

Andrew Wheeler, numero uno ad interim dell'Agenzia per la protezione ambientale (Epa), parte dell'intesa, ha aggiunto: "Fiat Chrysler ha fuorviato i consumatori e il governo federale installando defeat device sui veicoli in questione che hanno messo a repentaglio protezioni importanti che garantiscono aria pulita". Secondo Wheeler, "il patteggiamento odierno invia un segnale forte e chiaro ai produttori e ai consumatori: che l'Epa farà rispettare con forza le leggi della nazione pensate per proteggere l'ambiente e la salute pubblica".

I clienti che lanciarono class action: "Molto soddisfatti"
"Molto soddisfatti". Cos" si definiscono i proprietari di Ram 1500 e Jeep Grand Cherokee con motori diesel a 3 litri che hanno siglato con Fiat Chrysler Automobiles un accordo da 280 milioni di dollari sul caso delle emissioni diesel. Altri 27,5 milioni vengono pagati dalla tedesca Bosch. L'accordo - che il 23 gennaio prossimo deve essere approvato in forma preliminare da un giudice - rientra nell'ambito del pattegiamento per complessivi 800 milioni di dollari. A descrivere il punto di vista di coloro che avevano lanciato una class action, ora archiviata, contro Fca è stata Elizabeth Cabraser dello studio legale californiano Lieff Cabraser Heimann & Bernstein. "Siamo molto contenti di quello che abbia ottenuto nell'intesa perché i clienti vengono completamente rimborsati", ha spiegato l'esperta in una call in riferimento a uno degli elementi dell'accordo relativo alla class action ossia il pagamento medio di 2.800 dollari per ogni cliente in possesso dei requisiti e interessato dalla campagna di richiamo. Inoltre la garazia dei veicoli interessati viene estesa e le vetture riparate con un cambiamento del software che controlla le emissioni.

"Il caso legale va avanti da quasi due anni. Senza un accordo, continueremmo a discutere". Secondo lei è bene che il caso sia stato chiuso "con certezze piuttosto che continuare con incertezze, rischi e costi legali. Per questo, per noi si tratta della soluzione migliore". In merito al fatto che Fca si sia detta "consapevole dell’incertezza che questa vicenda ha creato per i nostri clienti" e "fiduciosa che questa soluzione preservi la fiducia che [i clienti stessi] ripongono in noi", Cabraser ha fatto capire che l'azienda può contare su quella fiducia. "Le auto in questione non sono malfunzionanti. Chi le possiede ne è contento e vuole continuare a usarle ma nel rispetto delle leggi ambientali e con garanzie appropriate. E' una vittoria per tutti: per i consumatori che rappresento, per l'ambiente in cui viviamo qui in Usa, per i regolatori e per Fca, che risolve (in modo costoso) un problema che ha creato da sola". Cabraser ha precisato che "ci sono forti incentivi" affinché i clienti in questione consegnino le auto affinché vengano portate a norma di legge cos" come "ci sono forte motivazioni" affinché il gruppo rispetti l'accordo. Se non lo facesse, ha detto lei, "rischierebbe di pagare ulteriori multe significative pari a 6mila dollari per ogni veicolo che viola ancora la legge". Come minimo, ha concluso, l'azienda è chiamata a modificare l'85% delle vetture con i requisiti necessari.

Altri Servizi

Zuckerberg presenta Libra: "Usare denaro sarà facile come condividere foto"

 La criptovaluta disponibile dalla prima metà del 2020

"Con Libra, usare denaro sarà facile come condividere foto". Questo il messaggio con cui il Ceo Mark Zuckerberg ha presentato la criptovaluta di Facebook, che sarà disponibile dalla prima metà del 2020 e con cui spera di rivoluzionare il mondo dei pagamenti. "La missione di Libra è creare una semplice infrastruttura finanziaria globale per miliardi di persone in tutto il mondo. Aspiriamo a rendere facile per tutti inviare e ricevere denaro proprio come si usano le nostre app per condividere istantaneamente messaggi e foto" ha scritto Zuckerberg, in un post sul suo profilo Facebook.

Alla Casa Bianca (da Pence) arriva Salvini, il leader europeo più simile a Trump

Due giorni a Washington per il ministro dell'Interno, che incontrerà il vicepresidente e Mike Pompeo, il segretario di Stato. Non è da escludere un breve incontro con il presidente Trump, secondo Bloomberg
AP

Se c'è qualcuno, in Europa occidentale, che politicamente somigli al presidente statunitense Donald Trump, questi è Matteo Salvini, scrive il Washington Post. Nei suoi comizi parla contro le frontiere aperte, di mettere "prima gli italiani"; fa un uso frenetico dei social media, su cui parla della minaccia portata dagli immigrati, e presenta il suo taglio alle tasse come una cura "alla Trump" contro la stagnazione.

Attese a Washington oltre 300 aziende per dire no ai dazi di Trump contro la Cina

Parteciperanno ad audizioni sui dazi del 25% proposti da Trump su 300 miliardi di dollari. Ross: presidente pronto ad adottarli

Centinaia di aziende sono arrivate a Washington per dire no ai dazi del 25% ventilati da Donald Trump su 300 miliardi di dollari di importazioni cinesi. Insieme, la Corporate America sosterrà che le tariffe doganali proposte dal presidente Usa fanno male al business. Esse potrebbero essere adottate dopo il G20 di fine mese in Giappone; Trump ha infatti più volte minacciato la loro entrata in vigore se il presidete cinese Xi Jinping non lo incontrerà al summit di Osaka in calendario dal 28 al 29 giugno.

La Fed non taglierà i tassi a giugno. Ecco perché

Probabilmente, ci sarà più di una riduzione dei tassi nel 2019. Ma il summit del G20, la volontà di resistere alle pressioni e la riluttanza nel rendere un errore il rialzo di dicembre spingono il Fomc ad attendere
AP

Tutti sono ormai convinti che la Fed, prima o poi, taglierà i tassi nel corso dell'anno: il mercato crede che potrebbero esserci fino a tre tagli nel 2019 e spinge per una riduzione al più presto. La Banca centrale, però, avrebbe intenzione di lasciare invariati i tassi ala prossima riunione del Federal Open Market Committee, il braccio monetario della Banca centrale, in programma il 18 e 19 giugno.

Il sindacato non entra nello stabilimento Volkswagen in Tennessee

I lavoratori della fabbrica di Chattanooga hanno votato contro lo Uaw
Ap

Lo United Auto Workers (Uaw) ha subito un'altra pesante sconfitta nello stabilimento Volkswagen di Chattanooga, in Tennessee, dove i lavoratori hanno respinto per la seconda volta gli sforzi del sindacato statunitense per entrare nella fabbrica e organizzare i colletti blu.

In tribunale, Facebook dà la colpa agli utenti: "Avete distrutto voi la vostra privacy"

Pubblicamente, Zuckerberg dà molta importanza alla difesa della privacy degli iscritti, ma in tribunale si difende affermando che sul social network la riservatezza non esiste
AP

Nell'aprile 2018, il Ceo di Facebook, Mark Zuckerberg, si sedette davanti ai membri delle due Camere statunitensi, a cui disse che la sua società rispettava la privacy dei circa due miliardi di utenti. Zuckerberg menzionò la privacy più di due decine di volte, come quando disse alle commissioni di Giustizia e del Commercio del Senato che "abbiamo una responsabilità più ampia sulla protezione della privacy delle persone, che va oltre" le regole stabilite dall'autorità per la difesa della riservatezza. Davanti alla commissione Energia e Commercio della Camera, dichiarò: "Crediamo che tutti, nel mondo, abbiano diritto al controllo della privacy". Un anno dopo, Zuckerberg ha affermato in alcune interviste di voler ricostruire la sua società intorno alla difesa della riservatezza.

Mattel non vuole le nozze tra Barbie e Bratz

Il produttore di giocattoli ha responto per la terza volta dal 2015 la proposta di MGA Entertainment

Il matrimonio tra Barbie e Bratz non s'ha da fare. Almeno secondo Mattel, che ha respinto per l'ennesima volta le avance di MGA Entertainment. E il titolo corre al Nasdaq dell'8,8% a 11,76 dollari.

Trump disposto a ricevere informazioni su rivali da governi stranieri

"Non c'è nulla di sbagliato nell'ascoltare", ha detto il presidente a Abc. Democratici contro: per Pelosi, dà "semaforo verde" ai russi per interferire di nuovo nelle elezioni. Per lui non si tratterebbe di interferenza ma di "ricerche sull'opposizione"
Ap

Il presidente americano, Donald Trump, accetterebbe informazioni compromettenti su un candidato rivale alle presidenziali del 2020 anche se a fornirle fossero potenze straniere. Lo ha detto lui stesso in una intervista al canale Abc. "Credo che uno vorrebbe ascoltare. Non c'è nulla di male nell'ascoltare", ha dichiarato il leader statunitense. "Se qualcuno chiama da un Paese, la Norvegia, [dicendo] 'Abbiamo informazioni sul tuo avversario', oh, credo che vorrei ascoltare", ha aggiunto l'inquilino della Casa Bianca aprendo uno scenario simile a quello finito al centro dell'inchiesta sul cosiddetto Russiagate condotta da Robert Mueller e pensata per determinare se c'è stata collusione tra la campagna Trump e la Russia, specialmente nel diffondere email discutibili hackerate dal Democratic National Committee, l'organo che governa il partito democratico, e da persone che lavoravano per la candidata democratica Hillary Clinton. Mueller ha concluso che non ci sono state prove sufficienti per determinare che Trump o i suoi collaboratori abbiano colluso con Moscama ha anche sostenuto che Mosca ha interferito ampiamente nelle elezioni.

KKR lancia Opa su Axel Springer, valutato 6,8 miliardi di euro

La vedova del fondatore del gruppo proprietario del sito Business Insider e del giornale Bild favorevole. Si punta al delisting

Il fondo americano di private equity KKR ha lanciato un'offerta per comprare i titoli in circolazione del gruppo media tedesco Axel Springer, proprietario del sito Business Insider e del giornale Bild. KKR ha messo sul piatto 63 euro ad azione, cosa che valuta il gruppo 6,8 miliardi di euro. Si tratta di un premio del 40% sui 45,10 euro a cui il titolo Axel aveva chiuso la seduta il 29 maggio scorso, prima che iniziassero a circolare voci si una possibile transazione.

Sotheby's venduta al fondatore di Altice per 3,7 mld di dollari

Il magnate delle tlc Patrick Drahi compra la casa d'aste attraverso la sua BidFair Usa. La transazione risulterà nel delisting del gruppo dopo 31 anni trascorsi come azienda quotata al New York Stock Exchange

Sotheby's ha annunciato di avere trovato un accordo per essere acquisita da BidFair Usa, società di proprietà del collezionista d'arte e magnate delle tlc Patrick Drahi (che controlla e ha fondato Altice).