Emissioni diesel Usa: Fca pagherà 800 milioni di dollari

Raggiunto un patteggiamento che però non pregiudica eventuali responsabilità penali del gruppo. Clienti "molto soddisfatti": verranno rimborsati, i loro veicoli portati a norma di legge con garanzie più lunghe

E' ufficiale: Fiat Chrysler Automobiles ha siglato un patteggiamento di natura civile con le autorità federali e statali americane e con i clienti per archiviare un caso, esploso nel gennaio 2017, sulla "presunta" violazione di leggi sulle emissioni diesel in Usa attraverso l'uso di un software nei motori di 100mila veicoli tra Ram e Grand Cherokee prodotti tra il 2014 e il 2016 e dotati di motori diesel a 3 litri. L'intesa tuttavia non risolve eventuali responsabilità penali dell'azienda, su cui il dipartimento americano della Giustizia continua a indagare. Il costo complessivo degli accordi è stimato in 800 milioni di dollari, cifra in linea con all’accantonamento effettuato a tale scopo dalla società nel terzo trimestre del 2018 e pari a 815 milioni di dollari. Anche il fornitore tedesco Bosch ha raggiunto un accordo in base al quale verserà 27,5 milioni ai consumatori e 103,7 milioni agli Stati Usa.

Fca canta vittoria essendo rimasta fedele alla tesi da sempre sostenuta: "non ha adottato qualsivoglia disegno deliberatamente diretto ad installare impianti di manipolazione per aggirare i test sulle emissioni". Fca ha fatto anche notare che gli accordi raggiunti "non contengono alcun accertamento o ammissione in merito a qualsivoglia pretesa violazione delle norme sulle emissioni".

La Giustizia Usa, che aveva aperto una causa legale il 23 marzo del 2017 per conto dell'Agenzia per la protezione ambientale americana (Epa), resta convinta che Fca abbia violato la legge. Ma che non lo abbia fatto intenzionalmente come la tedesca Volkswagen, travolta dal cosiddetto "dieselgate" nel settembre 2015 e che fece un mea culpa riguardante 11 milioni di vetture nel mondo su cui aveva montato un software per barare nei test di laboratorio. Nel gennaio 2017 VW siglò in Usa un patteggiamento di 4,3 miliardi per uno scandalo costato 25 miliardi. La diversità dei due casi spiega anche perché la pena inflitta sia decisamente contenuta rispetto alla multa potenziale massima da 4,63 miliardi di dollari, ammontare che emerse con lo scoppio del caso.

Della cifra totale, 400 milioni di dollari circa sono in pene di stampo civile e altri 400 milioni tra risarcimenti e danni ambientali. Le sanzioni civili includono 305 milioni di dollari da pagare all'Agenzia per la protezione ambientale americana (l'Epa), al dipartimento della Giustizia Usa e alla California Air Resources Board, autorità californiana; 13,5 milioni di dollari andranno alla procura della California per pretese relative alla tutela dei consumatori e costi legati ai danni ambientali; 72,5 milioni di dollari andranno alle procure di altri stati e 6 milioni di dollari all'agenzia federale Customs and Border Protection. Inoltre, Fca verserà 19 milioni di dollari allo Stato della California per iniziative di riduzione delle emissioni, al contempo finanziando l’upgrade di 200.000 catalizzatori ad alta efficienza nel settore after-market.

Fca: speriamo nella fiducia in noi dei clienti
“Siamo consapevoli dell’incertezza che questa vicenda ha creato per i nostri clienti, e siamo fiduciosi che questa soluzione preservi la fiducia che ripongono in noi”. E' questo il commento al patteggiamento di Fca, fatto attraverso Mark Chernoby, a capo della sicurezza e della compliance regolatoria del gruppo per il Nord America: “Abbiamo implementato procedure di validazione nuove e rigorose e aggiornato i nostri programmi di formazione al fine di garantire la osservanza continua del sempre più complesso contesto normativo". Secondo lui, “tali provvedimenti sono in linea con la nostra mission di offrire ai clienti tecnologie avanzate che diano valore ai nostri clienti e migliorino la performance ambientale dei nostri prodotti”. I clienti interessati saranno informati dalla società quando potranno programmare gli appuntamenti per l’intervento. Fca Usa (la divisione statunitense del gruppo italo-americano) sta organizzando la logistica necessaria a identificare i proprietari dei veicoli e provvedere agli interventi e pagamenti previsti.

La Giustizia: leggi violate, usato software illegale
Il dipartimento americano della Giustizia "è impegnato alla piena attuazione delle leggi che proteggono l'ambiente nella nostra nazione", ha detto Jesse Panuccio, un alto funzionario del dipartimento stesso. In una nota Panuccio ha aggiunto: il gruppo "ha violato quelle leggi e questo caso dimostra le pene ingenti che le aziende rischiano se commettono violazioni cos" gravi".

Andrew Wheeler, numero uno ad interim dell'Agenzia per la protezione ambientale (Epa), parte dell'intesa, ha aggiunto: "Fiat Chrysler ha fuorviato i consumatori e il governo federale installando defeat device sui veicoli in questione che hanno messo a repentaglio protezioni importanti che garantiscono aria pulita". Secondo Wheeler, "il patteggiamento odierno invia un segnale forte e chiaro ai produttori e ai consumatori: che l'Epa farà rispettare con forza le leggi della nazione pensate per proteggere l'ambiente e la salute pubblica".

I clienti che lanciarono class action: "Molto soddisfatti"
"Molto soddisfatti". Cos" si definiscono i proprietari di Ram 1500 e Jeep Grand Cherokee con motori diesel a 3 litri che hanno siglato con Fiat Chrysler Automobiles un accordo da 280 milioni di dollari sul caso delle emissioni diesel. Altri 27,5 milioni vengono pagati dalla tedesca Bosch. L'accordo - che il 23 gennaio prossimo deve essere approvato in forma preliminare da un giudice - rientra nell'ambito del pattegiamento per complessivi 800 milioni di dollari. A descrivere il punto di vista di coloro che avevano lanciato una class action, ora archiviata, contro Fca è stata Elizabeth Cabraser dello studio legale californiano Lieff Cabraser Heimann & Bernstein. "Siamo molto contenti di quello che abbia ottenuto nell'intesa perché i clienti vengono completamente rimborsati", ha spiegato l'esperta in una call in riferimento a uno degli elementi dell'accordo relativo alla class action ossia il pagamento medio di 2.800 dollari per ogni cliente in possesso dei requisiti e interessato dalla campagna di richiamo. Inoltre la garazia dei veicoli interessati viene estesa e le vetture riparate con un cambiamento del software che controlla le emissioni.

"Il caso legale va avanti da quasi due anni. Senza un accordo, continueremmo a discutere". Secondo lei è bene che il caso sia stato chiuso "con certezze piuttosto che continuare con incertezze, rischi e costi legali. Per questo, per noi si tratta della soluzione migliore". In merito al fatto che Fca si sia detta "consapevole dell’incertezza che questa vicenda ha creato per i nostri clienti" e "fiduciosa che questa soluzione preservi la fiducia che [i clienti stessi] ripongono in noi", Cabraser ha fatto capire che l'azienda può contare su quella fiducia. "Le auto in questione non sono malfunzionanti. Chi le possiede ne è contento e vuole continuare a usarle ma nel rispetto delle leggi ambientali e con garanzie appropriate. E' una vittoria per tutti: per i consumatori che rappresento, per l'ambiente in cui viviamo qui in Usa, per i regolatori e per Fca, che risolve (in modo costoso) un problema che ha creato da sola". Cabraser ha precisato che "ci sono forti incentivi" affinché i clienti in questione consegnino le auto affinché vengano portate a norma di legge cos" come "ci sono forte motivazioni" affinché il gruppo rispetti l'accordo. Se non lo facesse, ha detto lei, "rischierebbe di pagare ulteriori multe significative pari a 6mila dollari per ogni veicolo che viola ancora la legge". Come minimo, ha concluso, l'azienda è chiamata a modificare l'85% delle vetture con i requisiti necessari.

Altri Servizi

Mueller: nessuna collusione con la Russia. Trump esulta

Prove insufficienti per dimostrare il contrario ma il procuratore speciale non esclude che il presidente abbia ostacolato il corso della giustizia. E' il segretario alla Giustizia a determinare che non ha commesso alcun crimine

Tra la campagna di Donald Trump e la Russia non c'è stata collusione. E' questa la conclusione a cui è giunto Robert Mueller, il procuratore speciale che venerdì 22 marzo aveva concluso dopo 22 mesi la sua inchiesta sul cosiddetto Russiagate. Se lui non si è sentito di escludere che Trump abbia ostacolato il corso della giustizia, è stato il segretario della Giustizia ad avere deciso che su questo il 45esimo presidente non si è macchiato di alcun crimine. E così la Casa Bianca ha subito festeggiato sostenendo che il leader Usa è stato "totalmente" assolto. 

Wall Street corre con i tech guidati da Apple

Incertezze sui negoziati Usa-Cina. Si digeriscono i segnali misti giunti dalla Fed
iStock

Fca: Elkann aperto a un merger (FT)

Il produttore italo-americano di auto avrebbe avuto contatti non solo con la francese Peugeot ma anche con gruppi cinesi e coreani
Fca

Il presidente di Fiat Chrysler Automobiles, John Elkann, sarebbe disposto a riaprire il capitolo dei merger. L'erede della famiglia Agnelli, azionista principale del produttore italo-americano di auto, vorrebbe diluire la partecipazione di Exor, la cassaforte di famiglia, in Fca se il gruppo unirà le forze con un'azienda rivale. E' il Financial Times a scriverlo, due giorni dopo indiscrezioni del Wall Street Journal secondo cui all'inizio del 2019 il francese PSA Group, che controlla il marchio Peugeot, aveva contatto Fca per un merger che avrebbe creato un gruppo da 45 miliardi di di dollari; stando al Wsj, proprio gli Agnelli sarebbero stati contrari.

Shutterstock

A febbraio, il deficit di bilancio negli Stati Uniti ha raggiunto un record superando quello di sette anni fa. E' il risultato di un aumento delle spese federali e di un calo delle entrate garantite dalle tasse versate da persone e aziende. Ciò riflette la politica fiscale espansiva voluta dall'amministrazione Trump, che prima del Natale 2017 approvò la maggiore riforma fiscale (con taglio delle aliquote) dagli anni '80.

Apple punta sui servizi con video, notizie e carta di credito

Oprah Winfrey, Steven Spielberg, J.J. Abrams e Jennifer Aniston tra le personalità reclutate per produrre contenuti orginali

Quasi tre mesi dopo avere annunciato un raro taglio delle stime sui ricavi, colpa della debolezza del suo iPhone, Apple punta sui servizi. Dal Steve Jobs Theatre a Cupertino, in California, il Ceo Tim Cook ha lanciato un nuovo servizio di notizie, un nuovo sistema di pagamento con carta di credito, un servizio di abbonamento per videogiochi, una app per l'Apple TV e TV+, il tanto atteso servizio di video in streaming su abbonamento. Con contenuti originali, il colosso tech sfida Netflix, Amazon ma anche Walt Disney.

Levi Strauss torna in borsa e fa il botto

Per un giorno il Nyse fa uno strappo alla regola e consente l'uso dei jeans ai trader che popolano il floor del Nyse

Ritorno in borsa con il botto per Levi Strauss. Il titolo del produttore di jeans -  già quotato nel 1971 e poi delistato nel 1984 - ha iniziato gli scambi a 22,22 dollari, in rialzo del 30,7% sul prezzo di collocamento fissato il giorno precedente a 17 dollari. Già quello era stato un segnale della forte domanda degli investitori, visto che la forchetta precedentemente indicata era pari a 14-16 dollari. La sua prima giornata di scambi è finita in aumento di quasi il 32% a 22,41 dollari.

Russiagate: il rapporto di Mueller resta (almeno per ora) top secret

Trump stranamente silenzioso. I suoi supporter pronti a festeggiare l'assenza di nuove incriminazioni. I Dem premono per la pubblicazione del documento
Da sinistra, Robert Mueller e Adam Schiff AP

Non prima di domenica. Il contenuto del rapporto consegnato venerdì 22 marzo da Robert Mueller al segretario alla Giustizia resterà top secret almeno per un altro giorno.

Enron: dopo la truffa, l'ex Ceo lascia il carcere e ci riprova

Secondo fonti del Wall Street Journal, Jeffrey Skilling sta discutendo con ex colleghi una nuova impresa nel settore energetico
AP

Dopo oltre 12 anni di carcere, l'uomo al centro di uno dei più grandi scandali della storia aziendale americana intende tornare a mettere piede nel settore in cui è diventato simbolo di una bancarotta fraudolenta: quello energetico. L'ex Ceo di Enron, Jeffrey Skilling, ha lasciato la prigione dopo essere stato incriminato nel 2006 per frode, cospirazione e insider trading. E' sotto la sua guida che Enron è fallita nel giro di pochi mesi nel 2001 a causa di pratiche contabili tutt'altro che lecite che hanno messo fine alla società di revisione Arthur Andersen.