Emissioni diesel Usa: Fca pagherà oltre 700 milioni di dollari

L'accordo con la Giustizia americana dovrebbe essere confermato oggi

Fiat Chrysler Automobiles pagherà oltre 650 milioni di dollari per archiviare un caso, esploso nel gennaio 2017, sulle emissioni diesel in Usa. E lo farà senza dirsi colpevole. Lo ha riferito una fonte all'Associated Press. Per Reuters la cifra sarà superiore ai 700 milioni. Il gruppo fu accusato di avere violato le leggi sulle emissioni Usa con circa 104.000 tra Ram e Grand Cherokee dotati di motori diesel prodotti tra il 2014 e il 2016.

Se le indiscrezioni fossero vere, il produttore di auto italo-americano verserebbe una cifra decisamente più contenuta della multa potenziale massima da 4,63 miliardi di dollari, ammontare che emerse con lo scoppio del caso (una cifra, quella, equivalente agli utili di gruppo messi insieme del 2013, 2014, 2015 e dei primi nove mesi del 2016). L'annuncio del patteggiamento dovrebbe arrivare oggi.

Stando alla stessa fonte di AP, all'azienda verrà chiesto di versare 311 milioni di dollari al governo federale e alla California. Altri 280 milioni andranno ai proprietari di auto sotto forma di rimborso. Aggiuntivi 72 milioni saranno pagati per archiviare il caso in altri Stati. Lo scorso ottobre Fca aveva accantonato 713 milioni di euro, 815 milioni di dollari, per coprire eventuali spese legate alla vicenda.

Quando il caso esplose, l'allora Ceo Sergio Marchionne (deceduto lo scorso luglio) aveva negato che Fca avesse violato le leggi americane sulle emissioni: nel gruppo, disse in una call con la stampa, "nessuno ha cercato di barare" e lui spiegò di avere la "coscienza pulita". E se c'è stato uno sbaglio, disse, è stato per una sola "incompetenza tecnica". Lo stesso Marchionne respinse con forza anche solo il paragone tra Fca e Volkswagen: chi lo fa, tuonò, "ha fumato qualcosa di illegale". Il motivo? Fca non ha barato diversamente da VW, che fu travolta dal cosiddetto "dieselgate" nel settembre 2015 e fece un mea culpa riguardante 11 milioni di vetture nel mondo su cui aveva montato un software per barare nei test di laboratorio. "Le auto di Volkswagen si comportavano in modo diverso a seconda che fossero in laboratorio o su strada", precisò Marchionne. "Le nostre si comportano allo stesso modo" nelle due condizioni di guida, dunque questo suggerirebbe che non è stato usato il controverso 'defeat device'.

Altri Servizi

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.

Shutdown: Pelosi blocca il discorso sullo stato dell'unione, Trump pensa a evento "alternativo"

Continua il duello tra la leader della maggioranza democratica al Congresso e il presidente americano
Ap

Il duello a colpi di lettere tra la speaker democratica alla Camera Usa e il presidente americano non sembra terminare. Nancy Pelosi ha nuovamente scritto a Donald Trump spiegando che non autorizzerà il discorso sullo stato dell'unione che lo stesso Trump vuole tenere il prossimo 29 gennaio.

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

Trump riconosce Guaido come leader del Venezuela, sfida a Maduro

"Tutte le opzioni sono sul tavolo" se il regime reagirà con violenze. "Ha i giorni contati". Meglio una "exit pacifica" per consentire nuove elezioni. Caracas taglia le relazioni diplomatiche con Washington
AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha ufficialmente riconosciuto come nuovo presidente ad interim del Venezuela l'attuale presidente dell'Assemblea nazionale e leader dell'opposizione nel Paese, Juan Guaido. E ha lanciato un messaggio al regime di Nicolas Maduro: se reagirà con violenza "tutte le opzioni sono sul tavolo". I suoi giorni sono comunque "contati". Lui ha reagito tagliando le relazioni diplomatiche con Washington, che ha 72 ore di tempo per riportare a casa il suo personale nella nazione.

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati

La Corte Suprema Usa respinge Trump: resta la tutela per i Dreamers (per ora)

Il massimo tribunale ha deciso di non pronunciarsi sulla fine del programma Daca, cercata dal presidente anche per avere un'arma in più nei negoziati con i democratici su immigrazione e muro
Ap