Scandalo Cambridge Analytica, Facebook denunciato in Usa

La procura di DC ha fatto causa ore dopo un'inchiesta del Nyt, secondo cui oltre 150 aziende hanno avuto accesso a informazioni degli utenti

Doppio imbarazzo per Facebook nel giro di 24 ore. Il social network è stato denunciato dalla procura del District of Columbia per avere "fallito" nel proteggere milioni di utenti le cui informazioni sono state sfruttate da Cambridge Analytica, che continua a perseguitare il gruppo anche se la società londinese di dati è ormai defunta. Inoltre, Facebook ammesso di avere permesso a grandi gruppi tech di accedere alle informazioni dei suoi utenti ma ha negato di averlo fatto senza il consenso di questi ultimi. 

La denuncia legata a Cambridge Analytica
Il procuratore generale del District of Columbia ha fatto causa contro il social network accusandolo di avere "fallito nel proteggere i dati dei suoi iscritti, consentendo abusi come quelli che hanno esposto quasi la metà dei dati di tutti i residenti di DC alla manipolazione a scopi politici durante le elezioni del 2016". La procura di DC punta a ottenere un'ingiunzione per garantire che il gruppo adotti protocolli e misure di sicurezza pensate per monitorare i dati degli utenti e facilitare il controllo da parte loro delle impostazioni sulla privacy. La procura stessa intende anche ottenere risarcimenti e punire Facebook con pene non specificate.

Lo scorso marzo il colosso tech fu travolto dallo scandalo legato a Cambridge Analytica, 'rea' di avere condiviso "impropriamente" i dati di 87 milioni di utenti della piattaforma. Nella causa legale, il procuratore Karl A. Racine sostiene che la supervisione "morbida" di Facebook e le impostazioni "fuorvianti" legate alla privacy hanno permesso, tra le altre cose, alle app di parti terze di usare la piattaforma per raccogliere informazioni personali di milioni di utenti senza il loro permesso. Non solo. La tesi è che poi quelle informazioni siano state vendute a quella che viene definita una "società di consulenza politica".

Stando al procuratore, "Facebook ha fallito nel proteggere la privacy dei suoi utenti e li ha fuorviati in merito a chi aveva accesso ai loro dati e come erano usati". Secondo Racine, "Facebook ha messo gli utenti a rischio di manipolazione permettendo ad aziende come Cambridge Analytica e ad app terze di collezionare dati personali senza il permesso degli utenti". Tra i vari modi con cui il gruppo di Menlo Park (California) ha "leso i consumatori" c'è il fatto che sapesse delle violazioni compiute Cambridge Analytica "da oltre due anni".

L'inchiesta del New York Times
L'azienda di Menlo Park (California) ha dovuto fornire spiegazioni in un blog post successivamente a un'inchiesta del New York Times, secondo cui per anni Facebook ha dato a società come Netflix, Spotify e Royal Bank of Canada la possibilità di leggere i messaggi privati degli iscritti alla piattaforma. Stando al Nyt, inoltre, per il motore di ricerca Bing (Microsoft) era possibile vedere i nomi di virtualmente tutti gli amici degli iscritti a Facebook senza il loro consenso. Citando centinaia di documenti interni a Facebook generati nel 2017 e interviste con oltre 50 ex dipendenti, il giornale sostiene anche che Facebook abbia permesso ad Amazon di ottenere i nomi degli utenti e i loro contatti attraverso i rispettivi amici. Non solo. Fino alla scorsa estate Yahoo poteva leggere il flusso di post degli amici di un iscritto.

Il Nyt crede che degli accordi di condivisione dei dati abbiano beneficiato oltre 150 aziende (soprattutto tech ma anche retailer online, siti per l'intrattenimento, gruppi auto e media). In cambio Facebook ha potuto conquistare più utenti e dunque generare più ricavi pubblicitari. Il più vecchio degli accordi, sostiene il Nyt, risale al 2010 ma essi erano ancora attivi nel 2017 e alcuni anche nel 2018.

Facebook si è difeso sostenendo che l'accesso alle informazioni degli utenti era pensato per permettere due cose: "Accedere agli account o alle funzioni di Facebook attraverso dispositivi e piattaforme di altre aziende come Apple, Amazon, Blackberry e Yahoo" e "avere esperienze più social - come vedere le raccomandazioni dei loro amici su Facebook - su altre app e siti popolari come Netflix, The New York Times, Pandora e Spotify". Facebook ha aggiunto: "Per essere chiari, nessuna di queste partnership o funzioni ha dato alle aziende l'accesso a informazioni senza il permesso della gente e non hanno violato il nostro patteggiamento del 2012 con la Federal Trade Commission" americana, che impedisce al social network di condividere dati degli utenti senza il loro permesso esplicito.

Spotify e Netflix hanno spiegato al Nyt di non essere stati a conoscenza dei poteri che il social network aveva dato loro. Royal Bank of Canada ha invece messo in discussione il fatto che avesse tali poteri. Alla Cnbc, un portavoce del sito di video in streaming ha precisato che nel 2014 lanciò una funzione, poi chiusa l'anno successivo, per permettere agli abbonati di consigliare film e serie tv ai loro amici su Facebook attraverso Messenger o Netflix. "Non abbiamo mai avuto accesso ai messaggi su Facebook", ha aggiunto il portavoce, "e non abbiamo mai chiesto di avere la capacità di poterlo fare". Un rappresentante di Microsoft ha detto all'emittente che "nel corso del nostro coinvolgimento con Facebook, abbiamo rispettato tutte le preferenze degli utenti".

Altri Servizi

Wall Street, si guarda ai rapporti Usa-Cina

Google ha deciso di vietare a Huawei l'aggiornamento di Android
AP

Tesla: il ritorno all'utile? Per analisti, è come scalare il Kilimangiaro

Wedbush, a dicembre tra il più ottimista, taglia l'obiettivo di prezzo sotto la media di Wall Street. Il titolo sotto i 200 dollari, prima volta da oltre due anni. Situazione da "codice rosso"
AP

Il ritorno all'utile di Tesla nella seconda parte dell'anno è come una "scalata del Kilimangiaro". Lo pensa uno degli analisti di Wall Street originariamente tra i più ottimisti sulle sorti del produttore di auto elettriche e ora riscopertosi decisamente pessimista. Dan Ives, di Wedbush, ha tagliato per la quarta volta l'obiettivo di prezzo portandolo al di sotto della media pari a circa 300 dollari. L'esperto ha ridotto a 230 da 275 dollari il target price, che solo un mese fa era a 365 dollari con raccomandazione ridotta a neutrale. A dicembre Ives aveva avviato la copertura del titolo con giudizio "outperform" e obiettivo di prezzo a 440 dollari.

Wall Street rimbalza, Trump vuole l'aiuto della Fed nella guerra commerciale con la Cina

Il presidente Usa: con taglio tassi, per Pechino sarebbe "game over". George (Fed Kansas City): con riduzione costo del denaro, rischio bolle. Avanti con negoziati aspettando il G20 di fine giugno
AP

La seduta a Wall Street è finita in netto rialzo, anche se non sufficiente per recuperare il tonfo del giorno precedente.

Boeing, completato l'aggiornamento del software: i 737 max sono pronti a volare

La ho annunciato la società in una nota in cui ha dichiarato di aver effettuato test su 207 voli, per oltre 360 ore
Ap

Il colosso americano Boeing ha annunciato di aver completato l’aggiornamento dei software per gli aerei 737 Max, sottolineando di averlo testato su 207 voli, per un totale di oltre 360 ore. Si tratta di un’importante novità che potrebbe riportare "in quota" i velivoli di Boeing bloccati a terra dopo l'incidente avvenuto vicino ad Addis Abeba, in Etiopia, il 10 marzo scorso nel quale hanno perso la vita 157 persone. Da quel giorno infatti sia le compagnie aeree che le agenzie per la sicurezza del volo hanno deciso, preventivamente, di bloccare a terra tutti i velivoli della compagnia americana.

Lyft è stato accusato di avere fuorviato gli investitori con il suo prospetto informativo legato all'Ipo, avvenuta lo scorso 29 marzo. Rispetto al prezzo di collocamento pari a 72 dollari, il titolo ha perso quasi il 26% a 53,45 dollari vedendo la sua capitalizzazione scendere a 15,4 da 20 miliardi.

Marco Glaviano: il fotografo delle top model con la passione per il jazz

Fino al 15 giugno 2019, le sue opere esposte alla Space Gallery St Barth/Soho a New York. Il suo lavoro più bello? Ritratti di jazzisti in un libro ancora da pubblicare
Space Gallery St Barth/Soho

"Il mio lavoro più bello è questo". Marco Glaviano non indica una ventenne Paulina Porizkova, nuda, nascosta da grandi foglie verdi e umide. Non indica lo sguardo profondo di Claudia Schiffer o un bacio mandato dalle labbra di una giovanissima Cindy Crawford con gli occhi chiusi e un ciuffo ribelle di capelli sul viso. Sta per inaugurare la sua nuova mostra a New York. Ma non è alle opere esposte fino al 15 giugno prossimo alla Space Gallery St Barth/Soho a cui il famoso fotografo fa riferimento, ma a un libro mai pubblicato, sul quale ha iniziato a lavorare nel 1965. "Ne ho pubblicati 15 ma questo non ancora". Il contenuto? Ritratti di jazzisti. "La mia grande passione".

Usa2020, Obama lancia un fondo per finanziare la nomination democratica

L’ex presidente sosterrà i candidati del partito dell’asinello attraverso il "Democratic Unity Fund"

Barack Obama scende - indirettamente - in campo per Usa2020. L’ex presidente americano ha infatti annunciato un'iniziativa a sostegno dei candidati democratici per la corsa alla Casa Bianca. Si tratta del "Democratic Unity Fund", ovvero il "fondo unitario democratico" che sosterrà quella che sarà la nomination del partito dell'Asinello alle prossime presidenziali.

L’Italia dell’High Tech protagonista alla Collision Conference a Toronto

Matteo Picariello, direttore Ice Canada: portiamo 19 aziende, prima presenza in assoluto

Da oggi al 23 maggio l’Italia dell’High Tech è protagonista con 19 aziende a uno degli eventi di innovazione e tecnologia più importanti al mondo e che per la prima volta nella sua storia fa tappa in Canada. Al Enercare Centre di Toronto il nostro Paese si mette in mostra alla edizione 2019 di Collision, spin off del Web Summit di Lisbona e versione nordamericana della principale conferenza mondiale dedicata ad innovazione e tecnologia, web, ICT ed elettronica, che si svolge, a cadenza annuale, in varie città nordamericane. Las Vegas e New Orleans hanno ospitato le ultime cinque edizioni. A Collision 2019 sono attesi oltre 25.000 partecipanti da 120 paesi. Sono circa 6 mila le aziende presenti fra cui Ibm, Intel, Amazon, General Electric, Facebook, Verizon, Salesforce, Coca Cola e Allianz. L'iniziativa tricolore si colloca nell'ambito del Progetto Speciale Alta Tecnologia, Piano Straordinario Made in Italy 2017.

Trump pro vita, ma contro le leggi in Alabama e Missouri

Il presidente su Twitter: "Sono fortemente pro vita, con tre eccezioni: stupro, incesto e per proteggere la vita della madre. La stessa posizione di Ronald Reagan". L'offensiva dei repubblicani punta alla Corte Suprema e a cancellare il diritto all'aborto
ap

Il presidente statunitense, Donald Trump, si è dichiarato "pro vita", in una serie di tweet pubblicati nella notte tra sabato e domenica, ma si è espresso contro le nuove leggi che vietano l'aborto in Alabama - dove è già stata promulgata - e Missouri - che sarà presto firmata dal governatore - che impediscono l'interruzione di gravidanza anche in caso di stupro e incesto. "Sono fortemente pro vita, con tre eccezioni: stupro, incesto e per proteggere la vita della madre. La stessa posizione di Ronald Reagan" ha scritto Trump.

Bezos vince la battaglia per il dominio ".amazon", America Latina sconfitta

Lo scontro era iniziato nel 2012. La decisione è stata presa dall'Icann, visto che la società di Seattle e i governi non hanno trovato un accordo
AP

La società Amazon ha ottenuto provvisoriamente il diritto di usare il dominio internet ".amazon", dopo una battaglia che va avanti da diversi anni contro otto governi latinoamericani che fanno parte di un'organizzazione per la tutela del bacino amazzonico. L'Internet Corporation for Assigned Names and Numbers (Icann), l'ente preposto a supervisionare i protocolli e gli indirizzi sul web, si è schierato a favore della società di Jeff Bezos, l'uomo più ricco del mondo, contro l'Amazon Cooperation Treaty Organisation (Acto), una coalizione di governi latinoamericani che reclamavano il diritto di usare il dominio ".amazon" in virtù della foresta amazzonica che si estende sui loro territori. La decisione dell'Icann, di cui parla il Financial Times, è ora sottoposta a un mese di commenti pubblici.