Scandalo Cambridge Analytica, Facebook denunciato in Usa

La procura di DC ha fatto causa ore dopo un'inchiesta del Nyt, secondo cui oltre 150 aziende hanno avuto accesso a informazioni degli utenti

Doppio imbarazzo per Facebook nel giro di 24 ore. Il social network è stato denunciato dalla procura del District of Columbia per avere "fallito" nel proteggere milioni di utenti le cui informazioni sono state sfruttate da Cambridge Analytica, che continua a perseguitare il gruppo anche se la società londinese di dati è ormai defunta. Inoltre, Facebook ammesso di avere permesso a grandi gruppi tech di accedere alle informazioni dei suoi utenti ma ha negato di averlo fatto senza il consenso di questi ultimi. 

La denuncia legata a Cambridge Analytica
Il procuratore generale del District of Columbia ha fatto causa contro il social network accusandolo di avere "fallito nel proteggere i dati dei suoi iscritti, consentendo abusi come quelli che hanno esposto quasi la metà dei dati di tutti i residenti di DC alla manipolazione a scopi politici durante le elezioni del 2016". La procura di DC punta a ottenere un'ingiunzione per garantire che il gruppo adotti protocolli e misure di sicurezza pensate per monitorare i dati degli utenti e facilitare il controllo da parte loro delle impostazioni sulla privacy. La procura stessa intende anche ottenere risarcimenti e punire Facebook con pene non specificate.

Lo scorso marzo il colosso tech fu travolto dallo scandalo legato a Cambridge Analytica, 'rea' di avere condiviso "impropriamente" i dati di 87 milioni di utenti della piattaforma. Nella causa legale, il procuratore Karl A. Racine sostiene che la supervisione "morbida" di Facebook e le impostazioni "fuorvianti" legate alla privacy hanno permesso, tra le altre cose, alle app di parti terze di usare la piattaforma per raccogliere informazioni personali di milioni di utenti senza il loro permesso. Non solo. La tesi è che poi quelle informazioni siano state vendute a quella che viene definita una "società di consulenza politica".

Stando al procuratore, "Facebook ha fallito nel proteggere la privacy dei suoi utenti e li ha fuorviati in merito a chi aveva accesso ai loro dati e come erano usati". Secondo Racine, "Facebook ha messo gli utenti a rischio di manipolazione permettendo ad aziende come Cambridge Analytica e ad app terze di collezionare dati personali senza il permesso degli utenti". Tra i vari modi con cui il gruppo di Menlo Park (California) ha "leso i consumatori" c'è il fatto che sapesse delle violazioni compiute Cambridge Analytica "da oltre due anni".

L'inchiesta del New York Times
L'azienda di Menlo Park (California) ha dovuto fornire spiegazioni in un blog post successivamente a un'inchiesta del New York Times, secondo cui per anni Facebook ha dato a società come Netflix, Spotify e Royal Bank of Canada la possibilità di leggere i messaggi privati degli iscritti alla piattaforma. Stando al Nyt, inoltre, per il motore di ricerca Bing (Microsoft) era possibile vedere i nomi di virtualmente tutti gli amici degli iscritti a Facebook senza il loro consenso. Citando centinaia di documenti interni a Facebook generati nel 2017 e interviste con oltre 50 ex dipendenti, il giornale sostiene anche che Facebook abbia permesso ad Amazon di ottenere i nomi degli utenti e i loro contatti attraverso i rispettivi amici. Non solo. Fino alla scorsa estate Yahoo poteva leggere il flusso di post degli amici di un iscritto.

Il Nyt crede che degli accordi di condivisione dei dati abbiano beneficiato oltre 150 aziende (soprattutto tech ma anche retailer online, siti per l'intrattenimento, gruppi auto e media). In cambio Facebook ha potuto conquistare più utenti e dunque generare più ricavi pubblicitari. Il più vecchio degli accordi, sostiene il Nyt, risale al 2010 ma essi erano ancora attivi nel 2017 e alcuni anche nel 2018.

Facebook si è difeso sostenendo che l'accesso alle informazioni degli utenti era pensato per permettere due cose: "Accedere agli account o alle funzioni di Facebook attraverso dispositivi e piattaforme di altre aziende come Apple, Amazon, Blackberry e Yahoo" e "avere esperienze più social - come vedere le raccomandazioni dei loro amici su Facebook - su altre app e siti popolari come Netflix, The New York Times, Pandora e Spotify". Facebook ha aggiunto: "Per essere chiari, nessuna di queste partnership o funzioni ha dato alle aziende l'accesso a informazioni senza il permesso della gente e non hanno violato il nostro patteggiamento del 2012 con la Federal Trade Commission" americana, che impedisce al social network di condividere dati degli utenti senza il loro permesso esplicito.

Spotify e Netflix hanno spiegato al Nyt di non essere stati a conoscenza dei poteri che il social network aveva dato loro. Royal Bank of Canada ha invece messo in discussione il fatto che avesse tali poteri. Alla Cnbc, un portavoce del sito di video in streaming ha precisato che nel 2014 lanciò una funzione, poi chiusa l'anno successivo, per permettere agli abbonati di consigliare film e serie tv ai loro amici su Facebook attraverso Messenger o Netflix. "Non abbiamo mai avuto accesso ai messaggi su Facebook", ha aggiunto il portavoce, "e non abbiamo mai chiesto di avere la capacità di poterlo fare". Un rappresentante di Microsoft ha detto all'emittente che "nel corso del nostro coinvolgimento con Facebook, abbiamo rispettato tutte le preferenze degli utenti".

Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP
Ibm

Per International Business Machines (Ibm), il recupero dei ricavi trimestrali sembra un miraggio dopo la breve ripresa finita lo scorso giugno e durata nove mesi consecutivi (i primi successivi a cinque anni di declini). L'azienda ha tuttavia saputo superare le stime degli investitori, concentrati sul fatto che le vendite siano salite nell'intero esercizio per la prima volta in vari anni.

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

La Corte Suprema Usa respinge Trump: resta la tutela per i Dreamers (per ora)

Il massimo tribunale ha deciso di non pronunciarsi sulla fine del programma Daca, cercata dal presidente anche per avere un'arma in più nei negoziati con i democratici su immigrazione e muro
Ap

La Corte Suprema statunitense ha respinto la richiesta dell'amministrazione Trump di valutare subito e pronunciarsi sulla fine del programma Daca, che protegge dal rimpatrio 700.000 immigrati irregolari arrivati da bambini. Questo significa che il programma voluto dall'allora presidente Barack Obama, contro cui si batte Donald Trump, resta per ora in vigore, in attesa che lo scontro arrivi a conclusione nei tribunali inferiori; inoltre, nel caso in cui il massimo tribunale dovesse accettare un nuovo tentativo da parte del governo, il caso non verrebbe discusso prima di ottobre e una decisione non sarebbe presa prima del 2020. La volontà del massimo tribunale statunitense di non valutare il caso toglierà una potente arma di negoziazione al presidente, che si era detto sicuro di una vittoria davanti alla Corte Suprema, nelle trattative con i democratici sull'immigrazione.

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

Larry Kudlow, il consigliere economico della Casa Bianca, ha negato indiscrezioni di stampa secondo cui gli Stati Uniti hanno cancellato un incontro con la Cina pensato per spianare la strada al prossimo round di negoziati di alto livello previsto a Washington tra i negoziatori delle due nazioni il 30 e il 31 gennaio prossimo.

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati

Un investitore miliardario - conosciuto negli Stati Uniti per essere l'equivalente di Boston del cosiddetto Oracolo di Omaha, ossia Warren Buffett - ha messo in guardia gli investitori "compiaciuti" che stanno ignorando i rischi esistenti prendendone di nuovi. Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), ha lanciato il suo avvertimento nella lettera annuale da 22 pagine scritta agli investitori e di cui il New York Times ha ottenuto una copia.

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.

Gli Usa celebrano Martin Luther King (e Pence lo paragona a Trump)

Oggi è il giorno festivo dedicato al leader della lotta per i diritti civili, premio Nobel per la Pace, ucciso nel 1968

Nel 1965, le marce da Selma a Montgomery, in Alabama, furono un momento fondamentale della rivolta per i diritti civili negli Stati Uniti; diritti per cui, secondo associazioni e comunità afroamericane, è ancora necessario combattere. Per questo, ancora oggi è fondamentale celebrare Martin Luther King, il leader della lotta per l'uguaglianza razziale, premiato nel 1964, a soli 35 anni, con il Nobel per la Pace, e ucciso il 4 aprile 1968 a Memphis con un colpo di fucile alla testa.

L'attivismo di Elliott mette il turbo a eBay

Il fondo di Paul Singer chiede scorpori di attività per potenziare il valore del sito di aste online
iStock

EBay ha preso il volo a Wall Street, dove il titolo sale dell'8% a 33,5 dollari. A mettere il turbo al titolo del gruppo di aste online è l'attivismo di due investitori che puntano a scorporarne alcune attività per sprigionarne il valore.