L'era Yellen è finita, Fed pronta ad alzare i tassi a marzo

La banca centrale americana prevede strette graduali ma i trader ne temono quattro e non solo tre
AP

L'era di Janet Yellen alla Federal Reserve è finita con tassi invariati ma pronti a salire da marzo, quando al comando della banca centrale americana sarà arrivato Jerome Powell. A lui, la prima donna ad avere conquistato il vertice dell'istituzione finanziaria più importante al mondo passa dal 3 febbraio il compito di portare avanti la normalizzazione della politica monetaria iniziata nel dicembre 2015. Allora ci fu il primo aumento del costo del denaro dal giugno 2006.

L'ultima riunione della Fed con al comando Yellen non ha sorpreso sul fronte dei tassi ma lo ha fatto su quello dell'inflazione. Dopo avere chiuso il 2017 dicendo che "l'inflazione è scesa quest'anno", la Fed si aspetta che il dato salga "quest'anno e si stabilizzi nel medio termine intorno all'obiettivo [di crescita annua] del 2%". Questa affermazione - unita a quella secondo cui le pressioni inflative sui compensi "sono salite negli ultimi mesi", pur rimanendo "basse" - è bastata per mandare in tilt le varie asset class: a Wall Street, gli indici hanno annullato i guadagni virando in calo; il rendimento del Treasury a 10 anni è balzato sui massimi di seduta e il dollaro ha cambiato rotta puntando al rialzo. Il motivo di una simile reazione? Gli investitori temono che la Fed possa alzare i tassi più rapidamente del previsto nel corso del 2018 proprio per via di una ripresa dell'inflazione, alimentata magari dall'ottimismo su spese e consumi legato alla riforma fiscale approvata in Usa prima di Natale.

Alla fine della riunione dello scorso dicembre, la Fed disse di aspettarsi tre strette nell'anno in corso e due nel 2019. Bisognerà attendere il termine del meeting del 20 e 21 marzo per conoscere le nuove previsioni. Nel frattempo, le probabilità che ci siano quattro rialzi dei tassi nel 2018 sono salite al 28% dal 10% di fine 2017. Stando ai future sui Fed Funds, le chance che a marzo il costo del denaro salga sono aumentate all'86% dal 74% di sette giorni fa. D'altra parte, nel suo comunicato odierno la Fed ha promesso ancora una volta rialzi "graduali" dei tassi, che comunque non fermeranno un ulteriore miglioramento dell'economia e del mercato del lavoro già "forti".

Per saperne di più sulla rotta dei tassi, gli investitori dovranno aspettare il 21 febbraio prossimo, quando la Fed diffonderà i verbali della riunione conclusa oggi. Nel frattempo, Yellen se ne va consapevole di avere alzato i tassi cinque volte nel corso del suo mandato quadriennale, dopo che il suo predecessore Ben Bernanke li portò nel dicembre 2008 - in piena crisi - ai minimi storici pari allo 0-0,25%. Yellen ha anche avviato senza scossoni la storica riduzione del bilancio della banca centrale, gonfiato negli anni della cosiddetta Grande Recessione da tre round di programmi di acquisto di Treasury e bond ipotecari.

Ora i fari si spostano su Powell, il primo governatore della Fed in 30 anni a non avere un dottorato in economia. Parte dell'eredità di Yellen dipenderà dalla rotta dell'inflazione: se non si materializzerà, si potrà dire, perché allora ha alzato i tassi? Il posto nella storia di Yellen sarà legato anche a eventuali bolle finanziarie: anche se per Wall Street, il 2017 è stato l'anno migliore dal 2013 e l'inizio del 2018 il migliore dal 1987, di bolle non si parla. Ma la storia offre un monito: Alan Greenspan lasciò il vertice della Fed con un ottimo gradimento. Ma poi nel 2008 esplose una crisi immobiliare residenziale con ripercussioni su tutto il mondo che portarono a rivalutare il suo operato.

Per il momento, il presidente americano Donald Trump può continuare a vantarsi della ripresa dell'economia statunitense. Proprio come ha fatto anche durante il suo primo discorso sullo stato dell'Unione. Poi si vedrà. Lui e la Fed dovranno adeguarsi a spese federali in aumento per via della riforma fiscale e magari ad asset finanziari che iniziano a sembrare costosi.

Altri Servizi

Gli Usa accusano cittadina russa di volere interferire nelle elezioni

Elena Alekseevna Khusyaynova, 44 anni, accusata di essere a capo di "Project Lakhta". L'intelligence americana "preoccupata" dalle azioni di Cina, Russia e Iran
Bigstock

I procuratori federali statunitensi hanno accusato una cittadina russa di volere influenzare le elezioni di metà mandato previste in Usa il prossimo sei novembre. E' quanto emerge dai documenti relativi al rinvio a giudizio che vede protagonista Elena Alekseevna Khusyaynova, 44 anni di San Pietroburgo.

Facebook recluta politico britannico per riparare la sua immagine

Nick Clegg, 51 anni, ex vice premier, da gennaio si trasferirà nella Silicon Valley

Facebook ha affidato a Nick Clegg, ex vice primo ministro britannico, il compito di gestire il team dedicato agli affari globali e alla comunicazione.

Google: i produttori di smartphone in Europa dovranno pagare per avere app del gruppo

La controllata di Alphabet passa a un modello di business a pagamento, conseguenza della multa Ue per abuso di posizione dominante con Android

Google cambia modello di business in Europa, dove lo scorso 18 luglio la controllata di Alphabet è stata colpita dalla Commissione europea con una multa di 4,34 miliardi di euro per abuso di posizione dominante con Android (il suo sistema operativo per dispositivi mobili).

Il Canada legalizza la marijuana, sell-off per i titoli di gruppi produttori

Diventa il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a consentire la vendita di quella a uso ricreativo e non solo medico

Il Canada diventa oggi il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a legalizzare la marijuana a uso recreativo. Nonostante questo, i titoli di aziende produttrici di marijuana soffrono, in alcuni casi anche vistosamente.

Il presidente americano, Donald Trump, ha minacciato il ricorso all'esercito per chiudere il confine meridionale degli Stati Uniti se il Messico non metterà fine al flusso di migranti che attraversano quel Paese per mettere piede in America.

"Sip Trip": il viaggio a tappe in Italia con cui il sommelier di Bastianich vuole ingolosire gli Usa

Al via le registrazioni della serie YouTube di Jeff Porter, direttore beverage dell'impero della celebre chef. Dalla Lombardia alla Campania per condividere piatti e vini del nostro Paese

A lui i "superlativi" non piacciono e dunque non si spingerà mai a dire che l'Italia è il migliore produttore di vini in assoluto. Eppure l'Italia sta diventando la "seconda casa" di Jeff Porter. Ed è la "prima porta" di quella casa che il sommelier americano vuole aprire allo spettatore di "Sip Trip", una mini serie su YouTube da lui ideata e che sta per essere girata nelle regioni italiane famose per il loro vino con tappe nelle cantine migliori, dal Veneto al Piemonte passando per Lombardia, Toscana, Umbria e Campania.

Trump contro Mattis: "È una sorta di democratico, potrebbe andarsene presto"

Il presidente americano in un’intervista alla Cbs ha parlato del rapporto con il segretario alla Difesa

Donald Trump continua a lanciare messaggi ai membri della sua amministrazione. Ultimo in ordine di tempo è il segretario alla Difesa, il generale Jim Mattis, sul quale il tycoon si è espresso durante un’intervista a "60 Minutes" sulla Cbs. "È una sorta di democratico" ha detto il tycoon che ha ammesso di non sapere se Mattis lascerà o meno il suo incarico.

Nella sua battaglia contro la Federal Reserve, 'rea' secondo lui di volere stringere troppo la cinghia, Donald Trump sembra da solo. Persino Randal Quarles, il primo uomo a essere stato nominato da lui nella banca centrale Usa, ha difeso la politica monetaria fatta di rialzi graduali dei tassi. L'uomo, un repubblicano moderato, non è stato l'unico nella giornata odierna a difendere la Fed. Secondo Alan Greenspan, a capo della Fed dal 1987 e il 2006, l'istituto centrale guidato da Jerome Powell dovrebbe mettersi un "paraorecchi e non ascoltare" quello che dice il 45esimo presidente americano. Per Gary Cohn, ex presidente di Goldman Sachs ed ex consigliere economico di Trump, l'inquilino della Casa Bianca "non dovrebbe fare commenti su alcuna agenzia indipendente" tanto più che la Fed, secondo lui, "sta facendo il suo lavoro".

Starbucks porta la milanese Princi a New York

Terzo negozio in Usa per la panetteria-caffetteria di alta gamma in cui investì nel 2016. Il gruppo americano cede parte delle sue attività europee allo storico partner messicano Alsea. Chiude il support centre ad Amsterdam
Starbucks

Starbucks ha fatto un doppio annuncio: quello dell'inaugurazione del terzo negozio in Usa della panetteria-caffetteria milanese Princi, in cui l'azienda ha investito nel 2016; e quello che intende dare in licenza le sue attività in Francia, Belgio, Olanda e Lussemburgo allo storico partner messicano Alsea.