L'era Yellen è finita, Fed pronta ad alzare i tassi a marzo

La banca centrale americana prevede strette graduali ma i trader ne temono quattro e non solo tre
AP

L'era di Janet Yellen alla Federal Reserve è finita con tassi invariati ma pronti a salire da marzo, quando al comando della banca centrale americana sarà arrivato Jerome Powell. A lui, la prima donna ad avere conquistato il vertice dell'istituzione finanziaria più importante al mondo passa dal 3 febbraio il compito di portare avanti la normalizzazione della politica monetaria iniziata nel dicembre 2015. Allora ci fu il primo aumento del costo del denaro dal giugno 2006.

L'ultima riunione della Fed con al comando Yellen non ha sorpreso sul fronte dei tassi ma lo ha fatto su quello dell'inflazione. Dopo avere chiuso il 2017 dicendo che "l'inflazione è scesa quest'anno", la Fed si aspetta che il dato salga "quest'anno e si stabilizzi nel medio termine intorno all'obiettivo [di crescita annua] del 2%". Questa affermazione - unita a quella secondo cui le pressioni inflative sui compensi "sono salite negli ultimi mesi", pur rimanendo "basse" - è bastata per mandare in tilt le varie asset class: a Wall Street, gli indici hanno annullato i guadagni virando in calo; il rendimento del Treasury a 10 anni è balzato sui massimi di seduta e il dollaro ha cambiato rotta puntando al rialzo. Il motivo di una simile reazione? Gli investitori temono che la Fed possa alzare i tassi più rapidamente del previsto nel corso del 2018 proprio per via di una ripresa dell'inflazione, alimentata magari dall'ottimismo su spese e consumi legato alla riforma fiscale approvata in Usa prima di Natale.

Alla fine della riunione dello scorso dicembre, la Fed disse di aspettarsi tre strette nell'anno in corso e due nel 2019. Bisognerà attendere il termine del meeting del 20 e 21 marzo per conoscere le nuove previsioni. Nel frattempo, le probabilità che ci siano quattro rialzi dei tassi nel 2018 sono salite al 28% dal 10% di fine 2017. Stando ai future sui Fed Funds, le chance che a marzo il costo del denaro salga sono aumentate all'86% dal 74% di sette giorni fa. D'altra parte, nel suo comunicato odierno la Fed ha promesso ancora una volta rialzi "graduali" dei tassi, che comunque non fermeranno un ulteriore miglioramento dell'economia e del mercato del lavoro già "forti".

Per saperne di più sulla rotta dei tassi, gli investitori dovranno aspettare il 21 febbraio prossimo, quando la Fed diffonderà i verbali della riunione conclusa oggi. Nel frattempo, Yellen se ne va consapevole di avere alzato i tassi cinque volte nel corso del suo mandato quadriennale, dopo che il suo predecessore Ben Bernanke li portò nel dicembre 2008 - in piena crisi - ai minimi storici pari allo 0-0,25%. Yellen ha anche avviato senza scossoni la storica riduzione del bilancio della banca centrale, gonfiato negli anni della cosiddetta Grande Recessione da tre round di programmi di acquisto di Treasury e bond ipotecari.

Ora i fari si spostano su Powell, il primo governatore della Fed in 30 anni a non avere un dottorato in economia. Parte dell'eredità di Yellen dipenderà dalla rotta dell'inflazione: se non si materializzerà, si potrà dire, perché allora ha alzato i tassi? Il posto nella storia di Yellen sarà legato anche a eventuali bolle finanziarie: anche se per Wall Street, il 2017 è stato l'anno migliore dal 2013 e l'inizio del 2018 il migliore dal 1987, di bolle non si parla. Ma la storia offre un monito: Alan Greenspan lasciò il vertice della Fed con un ottimo gradimento. Ma poi nel 2008 esplose una crisi immobiliare residenziale con ripercussioni su tutto il mondo che portarono a rivalutare il suo operato.

Per il momento, il presidente americano Donald Trump può continuare a vantarsi della ripresa dell'economia statunitense. Proprio come ha fatto anche durante il suo primo discorso sullo stato dell'Unione. Poi si vedrà. Lui e la Fed dovranno adeguarsi a spese federali in aumento per via della riforma fiscale e magari ad asset finanziari che iniziano a sembrare costosi.

Altri Servizi

Immigrazione, scontro tra California e amministrazione Trump

Le autorità locali non collaborano nella lotta contro gli irregolari, Washington lancia un'operazione nell'area di Los Angeles: 212 immigrati arrestati
Immigration and Customs Enforcement

Immobiliare, esperti e costruttori avvisano: "Crisi in arrivo"

Si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili. Le famiglie con un reddito medio-basso spendono proporzionalmente di più per l'affitto

McMaster contro Iran, Siria e Russia alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco

Il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense chiede di "agire contro Teheran". Assad "usa ancora armi chimiche" contro la popolazione, mentre le prove sulle interferenze di Mosca nelle elezioni presidenziali sono "incontrovertibili"
Ap

Google non ha violato le leggi sul lavoro licenziando l'ingegnere sessista

Il National Labor Relations Board ha dato torto a James Damore, che ora punta tutto su una class action contro il colosso tech: "Discrimina gli uomini bianchi e conservatori come me"
iStock

Mueller: la Russia ha condotto una guerra informatica contro gli Usa

Lo scopo: favorire Trump e Sanders con migliaia di troll, pubblicità e interferenze nella campagna elettorale. Facebook e Twitter chiudono in rosso a Wall Street
AP

Strage in Florida, l'Fbi: "Avvertiti sul killer, ma non abbiamo agito"

Il Federal Bureau aveva ricevuto una segnalazione da una persona vicina a Cruz sul suo "desiderio di uccidere"

Il dip.Commercio a Trump: imponiamo dazi e quote su alluminio e acciaio

La Casa Bianca ha tempo fino ad aprile per prendere una decisione

Uber fa concessioni per riottenere la licenza a Londra

La City rappresenta il mercato europeo più grande per il gruppo
BigStock

Black Panther come Star Wars, stime da record per incassi

Uscito oggi negli Stati Uniti (il 14 febbraio in Italia), potrebbe diventare un altro dei grandi successi di Walt Disney. Il titolo del film è stato il più twittato del 2018, ha superato tutte le prevendite sulle piattaforme americane Imax e Amc.
AP