L'esodo dalla Casa Bianca di Trump

Dopo un numero di addii record nel primo anno di presidenza, l'ultimo ad andarsene è Ryan Zinke, ministro degli Interni

Continua l'esodo dalla Casa Bianca di Donald Trump. A passo record. Negli ultimi 40 anni mai così tante persone hanno lasciato, più o meno forzatamente, il loro incarico nel primo anno in carica di un presidente. E gli addii non sono ancora finiti mentre Trump sta per iniziare il suo terzo anno in carica.

L'ultimo ad andarsene è Ryan Zinke, segretario agli Interni che Trump ha prontamente ringraziato per il suo lavoro dicendo che il suo successore sarà nominato la settimana prossima. Il Commander in chief fa intanto fatica a trovare qualcuno disposto a sedersi sulla poltrona forse più scomoda, quella del capo di gabinetto lasciata da John Kelly.

Il giro di poltrone è significativo perché anormale. Va detto tuttavia che i vari avvicendamenti erano attesi dopo le elezioni di metà mandato dello scorso 6 novembre, quando la minoranza democratica è riuscita a riprendersi il controllo della Camera mentre i repubblicani hanno rafforzato la loro maggioranza al Senato. 

Come detto, l'ultimo ad uscire dall'amministrazione Trump è Zinke. Dal primo marzo del 2017, l'ex Navy Seal scelto da Trump guidava il dipartimento degli Interni, da non confondere con il ministero dell'Interno italiano. Il primo si occupa di proteggere e gestire le risorse naturali della nazione (inclusi parchi e foreste) e di supervisionare le attività di esplorazione su suolo pubblico; il secondo, di sicurezza, immigrazione e asilo. Ex deputato repubblicano del Montana che si oppose alla vendita di terreni federali agli Stati americani è stato travolto da una decina di inchieste per presunte attività  tutt'altro che etiche. A lui era stato dato il compito di portare avanti l'agenda sbandierata da Trump in campagna elettorale a favore delle perforazioni e della produzione di carbone.

Alla vigilia dell'annuncio dell'addio di Zinke, Trump aveva annunciato che Mick Mulvaney, direttore dell'Ufficio per la gestione e il bilancio della Casa Bianca, è stato nominato Capo di gabinetto ad interim al posto di Kelly (che ricopriva quel ruolo dal 31 luglio 2017 e che ha annunciato le sue dimissioni l'8 dicembre 2018). L'ex governatore del New Jersey, Chris Christie, si era rifiutato ore prima di assumere il difficile incarico ricoperto per primo da Reince Priebus (dal 20 gennaio 2017 al 23 luglio successivo, quando poi è stato di fatto costretto ad andarsene).

Ad oggi sono 32 le persone che hanno lasciato l'amministrazione Trump. Il primo è stato Michael Flynn, il primo consigliere per la Sicurezza nazionale arruolato il 20 gennaio 2017 e obbligato a dare le dimissioni il 13 febbraio 2017 per avere mentito al vicepresidente Mike Pence sulla natura delle sue conversazioni con colui che ai tempi della campagna elettorale del 2016 era ambasciatore russo in Usa. Altre tre persone sono seguite in quel ruolo, l'ultima (ancora in carica) è John Bolton, che ha preso il posto di H.R. McMaster, costretto ad andarsene dopo 11 mesi il 22 marzo del 2017.

Tra gli addii più recenti c'è quello di Jeff Session, diventato segretario alla Giustizia il 9 febbraio 2017 e silurato da Trump il 7 novembre 2018, il giorno successivo alle Midterms. Tra i licenziamenti più clamorosi c'è stato quello di Rex Tillerson, l'ex Ceo del colosso petrolifero Exxon Mobil che il 20 gennaio 2017 divenne segretario di Stato salvo essere mandato a casa il 13 marzo 2018 con un tweet del presidente Usa.

Nell'ambito della comunicazione, il primo portavoce Sean Spicer rassegnò le dimissioni il 21 luglio 2017 e da allora è stato sostituito da Sarah Sanders. Spicer era stato anche due volte direttore della comunicazione della Casa Bianca mentre era portavoce, una volta ad interim dopo le dimissioni di Michael Dubke. In quel ruolo Anthony Scaramucci è durato solo una settimana e Hope Hicks oltre sei mesi. 

Trump ha cambiato anche consigliere economico: l'ex presidente di Goldman Sachs, Gary Cohn, se ne andò il 2 aprile 2018 perché contrario al protezionismo tanto amato dal presidente Usa. A lui è succeduto Larry Kudlow.

 

Altri Servizi

Wall Street, occhi sulla decisione della Fed

Oggi, il Fomc dovrebbe lasciare i tassi invariati, ma è sempre più possibile un taglio a luglio
AP

Zuckerberg presenta Libra: "Usare denaro sarà facile come condividere foto"

 La criptovaluta disponibile dalla prima metà del 2020

"Con Libra, usare denaro sarà facile come condividere foto". Questo il messaggio con cui il Ceo Mark Zuckerberg ha presentato la criptovaluta di Facebook, che sarà disponibile dalla prima metà del 2020 e con cui spera di rivoluzionare il mondo dei pagamenti. "La missione di Libra è creare una semplice infrastruttura finanziaria globale per miliardi di persone in tutto il mondo. Aspiriamo a rendere facile per tutti inviare e ricevere denaro proprio come si usano le nostre app per condividere istantaneamente messaggi e foto" ha scritto Zuckerberg, in un post sul suo profilo Facebook.

La Fed non taglierà i tassi a giugno. Ecco perché

Probabilmente, ci sarà più di una riduzione dei tassi nel 2019. Ma il summit del G20, la volontà di resistere alle pressioni e la riluttanza nel rendere un errore il rialzo di dicembre spingono il Fomc ad attendere
AP

Tutti sono ormai convinti che la Fed, prima o poi, taglierà i tassi nel corso dell'anno: il mercato crede che potrebbero esserci fino a tre tagli nel 2019 e spinge per una riduzione al più presto. La Banca centrale, però, avrebbe intenzione di lasciare invariati i tassi ala prossima riunione del Federal Open Market Committee, il braccio monetario della Banca centrale, in programma il 18 e 19 giugno.

Alla Casa Bianca (da Pence) arriva Salvini, il leader europeo più simile a Trump

Due giorni a Washington per il ministro dell'Interno, che incontrerà il vicepresidente e Mike Pompeo, il segretario di Stato. Non è da escludere un breve incontro con il presidente Trump, secondo Bloomberg
AP

Se c'è qualcuno, in Europa occidentale, che politicamente somigli al presidente statunitense Donald Trump, questi è Matteo Salvini, scrive il Washington Post. Nei suoi comizi parla contro le frontiere aperte, di mettere "prima gli italiani"; fa un uso frenetico dei social media, su cui parla della minaccia portata dagli immigrati, e presenta il suo taglio alle tasse come una cura "alla Trump" contro la stagnazione.

Attese a Washington oltre 300 aziende per dire no ai dazi di Trump contro la Cina

Parteciperanno ad audizioni sui dazi del 25% proposti da Trump su 300 miliardi di dollari. Ross: presidente pronto ad adottarli

Centinaia di aziende sono arrivate a Washington per dire no ai dazi del 25% ventilati da Donald Trump su 300 miliardi di dollari di importazioni cinesi. Insieme, la Corporate America sosterrà che le tariffe doganali proposte dal presidente Usa fanno male al business. Esse potrebbero essere adottate dopo il G20 di fine mese in Giappone; Trump ha infatti più volte minacciato la loro entrata in vigore se il presidete cinese Xi Jinping non lo incontrerà al summit di Osaka in calendario dal 28 al 29 giugno.

Il sindacato non entra nello stabilimento Volkswagen in Tennessee

I lavoratori della fabbrica di Chattanooga hanno votato contro lo Uaw
Ap

Lo United Auto Workers (Uaw) ha subito un'altra pesante sconfitta nello stabilimento Volkswagen di Chattanooga, in Tennessee, dove i lavoratori hanno respinto per la seconda volta gli sforzi del sindacato statunitense per entrare nella fabbrica e organizzare i colletti blu.

Omicidio Khashoggi, indagine Onu: Arabia Saudita colpevole, indagare sul principe MbS

"Un'esecuzione deliberata e premeditata". Da capire il ruolo di Mohammed bin Salman nell'uccisione del giornalista dissidente
Ap

"Il signor Khashoggi è stato vittima di un'esecuzione deliberata e premeditata, di un omicidio extragiudiziale per cui lo Stato dell'Arabia Saudita è responsabile sotto le leggi internazionali sui diritti umani". È quanto emerge dal rapporto di Agnes Callamard, incaricata dalle Nazioni Unite di indagare sull'omicidio del giornalista, avvenuto nel consolato saudita di Istanbul, in Turchia, lo scorso ottobre.

In tribunale, Facebook dà la colpa agli utenti: "Avete distrutto voi la vostra privacy"

Pubblicamente, Zuckerberg dà molta importanza alla difesa della privacy degli iscritti, ma in tribunale si difende affermando che sul social network la riservatezza non esiste
AP

Nell'aprile 2018, il Ceo di Facebook, Mark Zuckerberg, si sedette davanti ai membri delle due Camere statunitensi, a cui disse che la sua società rispettava la privacy dei circa due miliardi di utenti. Zuckerberg menzionò la privacy più di due decine di volte, come quando disse alle commissioni di Giustizia e del Commercio del Senato che "abbiamo una responsabilità più ampia sulla protezione della privacy delle persone, che va oltre" le regole stabilite dall'autorità per la difesa della riservatezza. Davanti alla commissione Energia e Commercio della Camera, dichiarò: "Crediamo che tutti, nel mondo, abbiano diritto al controllo della privacy". Un anno dopo, Zuckerberg ha affermato in alcune interviste di voler ricostruire la sua società intorno alla difesa della riservatezza.

Wall Street attende le decisioni della Fed

Oggi inizia la riunione del Fomc, il braccio monetario della Banca centrale
AP

Wall Street attende le decisioni della Fed

Gli analisti credono che, per ora, i tassi resteranno invariati
AP