L'esodo dalla Casa Bianca di Trump

Dopo un numero di addii record nel primo anno di presidenza, l'ultimo ad andarsene è Ryan Zinke, ministro degli Interni

Continua l'esodo dalla Casa Bianca di Donald Trump. A passo record. Negli ultimi 40 anni mai così tante persone hanno lasciato, più o meno forzatamente, il loro incarico nel primo anno in carica di un presidente. E gli addii non sono ancora finiti mentre Trump sta per iniziare il suo terzo anno in carica.

L'ultimo ad andarsene è Ryan Zinke, segretario agli Interni che Trump ha prontamente ringraziato per il suo lavoro dicendo che il suo successore sarà nominato la settimana prossima. Il Commander in chief fa intanto fatica a trovare qualcuno disposto a sedersi sulla poltrona forse più scomoda, quella del capo di gabinetto lasciata da John Kelly.

Il giro di poltrone è significativo perché anormale. Va detto tuttavia che i vari avvicendamenti erano attesi dopo le elezioni di metà mandato dello scorso 6 novembre, quando la minoranza democratica è riuscita a riprendersi il controllo della Camera mentre i repubblicani hanno rafforzato la loro maggioranza al Senato. 

Come detto, l'ultimo ad uscire dall'amministrazione Trump è Zinke. Dal primo marzo del 2017, l'ex Navy Seal scelto da Trump guidava il dipartimento degli Interni, da non confondere con il ministero dell'Interno italiano. Il primo si occupa di proteggere e gestire le risorse naturali della nazione (inclusi parchi e foreste) e di supervisionare le attività di esplorazione su suolo pubblico; il secondo, di sicurezza, immigrazione e asilo. Ex deputato repubblicano del Montana che si oppose alla vendita di terreni federali agli Stati americani è stato travolto da una decina di inchieste per presunte attività  tutt'altro che etiche. A lui era stato dato il compito di portare avanti l'agenda sbandierata da Trump in campagna elettorale a favore delle perforazioni e della produzione di carbone.

Alla vigilia dell'annuncio dell'addio di Zinke, Trump aveva annunciato che Mick Mulvaney, direttore dell'Ufficio per la gestione e il bilancio della Casa Bianca, è stato nominato Capo di gabinetto ad interim al posto di Kelly (che ricopriva quel ruolo dal 31 luglio 2017 e che ha annunciato le sue dimissioni l'8 dicembre 2018). L'ex governatore del New Jersey, Chris Christie, si era rifiutato ore prima di assumere il difficile incarico ricoperto per primo da Reince Priebus (dal 20 gennaio 2017 al 23 luglio successivo, quando poi è stato di fatto costretto ad andarsene).

Ad oggi sono 32 le persone che hanno lasciato l'amministrazione Trump. Il primo è stato Michael Flynn, il primo consigliere per la Sicurezza nazionale arruolato il 20 gennaio 2017 e obbligato a dare le dimissioni il 13 febbraio 2017 per avere mentito al vicepresidente Mike Pence sulla natura delle sue conversazioni con colui che ai tempi della campagna elettorale del 2016 era ambasciatore russo in Usa. Altre tre persone sono seguite in quel ruolo, l'ultima (ancora in carica) è John Bolton, che ha preso il posto di H.R. McMaster, costretto ad andarsene dopo 11 mesi il 22 marzo del 2017.

Tra gli addii più recenti c'è quello di Jeff Session, diventato segretario alla Giustizia il 9 febbraio 2017 e silurato da Trump il 7 novembre 2018, il giorno successivo alle Midterms. Tra i licenziamenti più clamorosi c'è stato quello di Rex Tillerson, l'ex Ceo del colosso petrolifero Exxon Mobil che il 20 gennaio 2017 divenne segretario di Stato salvo essere mandato a casa il 13 marzo 2018 con un tweet del presidente Usa.

Nell'ambito della comunicazione, il primo portavoce Sean Spicer rassegnò le dimissioni il 21 luglio 2017 e da allora è stato sostituito da Sarah Sanders. Spicer era stato anche due volte direttore della comunicazione della Casa Bianca mentre era portavoce, una volta ad interim dopo le dimissioni di Michael Dubke. In quel ruolo Anthony Scaramucci è durato solo una settimana e Hope Hicks oltre sei mesi. 

Trump ha cambiato anche consigliere economico: l'ex presidente di Goldman Sachs, Gary Cohn, se ne andò il 2 aprile 2018 perché contrario al protezionismo tanto amato dal presidente Usa. A lui è succeduto Larry Kudlow.

 

Altri Servizi

Fca: richiama in Usa quasi 900mila vetture, non rispettano standard su emissioni

Epa soddisfatta dell'azione volontaria del gruppo. La mossa segue test condotti dall'azienda e dall'Agenzia per la protezione ambientale. Fca: veicoli sicuri, nessuna multa
FCA

Fiat Chrysler Automobiles ha deciso di richiamare quasi 900mila vetture negli Stati Uniti, per l'esattezza 862.520. La mossa segue test sulle emissioni condotti dall'Agenzia per la protezione ambientale americana (l'Epa) e dall'azienda stessa come richiesto dalla legge. A dare l'annuncio è stata l'Epa, che "dà il benvenuto all'azione di Fiat Chrysler di richiamare volontariemente i suoi veicoli che non rispettano gli standard sulle emissioni Usa".

Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la sua campagna presidenziale

La senatrice è la sesta donna in campo per le primarie democratiche
Ap

La senatrice Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la propria candidatura alle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi del prossimo anno, con un video intitolato "Il coraggioso vince", che parte da un verso dell'inno nazionale (Di' dunque, sventola ancora la nostra bandiera adorna di stelle sulla terra dei liberi e la patria dei coraggiosi?) per affermare che il coraggio degli americani può aiutare il Paese a raggiungere risultati come il sistema sanitario universale, il congedo parentale per tutti e una nuova riforma per l'ambiente. "Abbiamo bisogno di un leader che faccia delle scelte notevoli e coraggiose. Qualcuno che non sia spaventato dal progresso. Ecco perché mi candido alla presidenza".

Wall Street, speranze su accordo Usa-Cina

Atteso il dato sulla fiducia dei consumatori di marzo
AP

Trump propone budget da 4.700 mld di dollari, Congresso pronto a bocciarlo

Chiede 8,6 miliardi aggiuntivi per il muro. A ottobre rischio shutdown

Il presidente americano, Donald Trump, ha presentato una proposta di budget per l'anno fiscale 2020 che vale 4.700 miliardi di dollari ma che rischia già in partenza di creare tensioni al Congresso, che deve approvare la manovra (la prima, firmata Trump, con una Camera controllata dall'opposizione democratica).

Boeing: "piena fiducia" nel 737 Max ma vari Paesi ne impediscono l'uso

Regno Unito, Francia e Germania tra le nazioni che puntano su sicurezza. Romney primo senatore Gop a chiedere lo stop all'uso del jet. L'aviazione civile Usa dalla parte del gruppo. Passeggeri preoccupati. Trump: aerei troppo complessi.

Messo sotto pressione dalle autorità dell'aviazione civile nel mondo, Boeing ha diffuso un comunicato difendendo la sicurezza dei suoi jet 737 Max, nei quali ha "piena fiducia".

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Federcalcio Usa sorpresa dalla causa per discriminazione intentata dalle giocatrici della nazionale

Carlos Cordeiro ha detto che le atlete non si erano mai lamentate del contratto collettivo. Le campionesse del mondo chiedono di essere pagate (e trattate) come gli uomini
Ap

Il presidente della Federcalcio statunitense, Carlos Cordeiro, ha manifestato la propria sorpresa, e quella dell'organizzazione che presiede, nel prendere atto della causa intentata dalle calciatrici della nazionale per discriminazione di genere. Cordeiro ha detto che non aveva mai sentito lamentele sull'accordo collettivo contrattato e firmato tra le due parti due anni fa.

Lyft lancia il road show per la sua Ipo da 2 miliardi di dollari

Sarà la prima del settore dei trasporti on-demand a quotarsi a Wall Street, ma sarà presto seguita da Uber

Parte lunedì il road show di Lyft per la sua Ipo, durante la quale cercherà di raccogliere fino a due miliardi di dollari, per arrivare a una valutazione di oltre 20 miliardi di dollari. Lyft dovrà cercare di convincere gli investitori a preferire la sua Ipo a quella di Uber, che dovrebbe lanciarla il prossimo mese.