Esportare 'videogames radicali' dall'Italia a Pittsburgh

La storia di Paolo Pedercini, 33 anni, che con "Molleindustria" fa attivismo politico usando interfacce apparentemente mainstream. E ora insegna in Pennsylvania
Il sito di Molleindustria

Circa 10 anni fa, quando viveva ancora in Italia, aveva raggiunto una certa popolarità con un sito di “videogames radicali” dal nome Molleindustria, che aveva ricevuto l’attenzione da parte della stampa di tutta Europa. Ora Paolo Pedercini, classe 1981, vive a Pittsburgh, Pennsylvania, e America24 cercherà di capire che cosa lo ha spinto qui e cosa vi ha trovato.

I giochi di Paolo hanno una chiave sociale, nel senso che utilizzano l’interfaccia e la narrazione tradizionali di questo medium per fare, a tutti gli effetti, attivismo politico. Programmati rigorosamente in linguaggio Flash, scaricabili gratuitamente, Paolo ne inventava di media uno ogni due o tre mesi. Per farvi alcuni esempi: in un gioco dedicato al mondo di McDonald’s l'utente è chiamato a impersonare il responsabile produzione del noto fast food, mandando le vacche al macello e coltivando ogm; in un altro (creato nel 2004) si possono comporre discorsi di Papa Giovanni Paolo II mischiando parole a casaccio; in un altro ancora seguire passo passo tutte le fasi della produzione di uno smartphone, dallo sfruttamento degli operai di una miniera di silicio al caporeparto della Foxconn in Cina. Paolo definisce il suo “un progetto di riappropriazione dei videogiochi”, “un richiamo per la radicalizzazione della cultura popolare” e Mollindustria una “casa sviluppatrice indipendente”.

L’idea che molti hanno di Pittsburgh è quella di un deserto post-industriale con ciminiere fatiscenti e capannoni arrugginiti. Invece la città – 300.000 abitanti, 2,4 milioni con l’area metropolitana – è vivace, piena di verde e circondata da piacevoli colline boscose, con case di legno appuntite che viste da lontano ricordano quelle di un presepe un po’ frettoloso. A ottobre la temperatura è stranamente mite. Paolo insegna Experimental Game Design e Media Production alla Carnagie Mellon University, una delle più importanti scuole d’arte e di tecnologia degli Stati Uniti. Paolo mette a frutto le conoscenze acquisite in anni di lavoro "underground" per un settore, quello della programmazione, in continua evoluzione. Continua a programmare nel tempo libero, talvolta per clienti importanti, ma ama godersi la sua autonomia e si definisce "radicale" così come dieci anni fa.

Paolo vive a Pittsburgh da cinque anni e neanche per un momento, dice, ha sognato di tornare in Italia. “Col mondo accademico del mio Paese non ho pressoché nessun contatto”, mi racconta. “Credo di aver capito che una posizione come la mia in Italia non esiste. Dovrei praticamente ricominciare da zero”. Parla per cognizione di causa: ha studiato graphic design a Brescia e poi all’Accademia di Brera.

Carnagie Mellon University, Pittsburgh


LA VITA NELLA "IRON CITY"

Ad un certo punto Paolo capisce che è il momento di dare un contenitore alle sue teorie su politica e videogiochi. Molleindustria nasce nel 2003 con l’intento, si legge nella homepage, di produrre “rimedi omeopatici all’idiozia del divertimento mainstream sotto forma di videogiochi online gratuiti e dalla durata breve”. Viene notato da appassionati "nerd" e giornalisti specializzati. Viene contattato persino dagli organizzatori di una conferenza sul marketing che pensano che il suo gioco di McDonald's sia stato commissionato proprio dalla multinazionale americani. Viene invitato. Lui chiama con se un membro del gruppo attivista degli "Yes Men", specializzati in scherzi ai danni delle grandi corporation. Partecipano e convincono tutti che il videogioco ha convertito i top manager McDonald's nientemeno che alla lotta armata. Questo è il background di Paolo.

La scelta di attraversare l’oceano è del 2007. Qualcuno gli indica dei master negli Stati Uniti. “Avevo visto che ne esistono diversi, non propriamente pubblicizzati in Italia, che costano relativamente poco o sono coperti da varie borse di studio”. Paolo sceglie un master di ingegneria elettronica alla Troy University dello Stato di New York. Dopo due anni un amico gli fa sapere di un posto disponibile come visiting professor in una importante università di Pittsburgh. Sembra una posizione che gli calzerebbe a pennello. Fa application. Viene assunto.

Paolo insegna due o tre giorni a settimana. Viene spesso invitato a conferenze in giro per il mondo. Riesce a farcela a fine mese? “Sì, non posso lamentarmi. Ovviamente anche quando sono a casa o non lavoro c’è comunque un grande lavoro di preparazione e di studio da fare - qui non è consentito il parcheggiarsi all’università né ai professori né gli agli studenti: bisogna imparare e disimparare in continuazione - ma non posso dire che i ritmi siano particolarmente stressanti”. Lui e la sua ragazza americana, che fa la graphic designer, vivono a Bellefield, uno dei quartieri più alla moda della città, dove tuttavia i costi non sono proibitivi per una giovane coppia in carriera. Pagano poco più di 1.000 dollari per un appartamento in una elegante villa in stile vittoriano, circondata dal prato, con salotto e una cucina spaziosa. Hanno anche pensato di comprare casa, un giorno. "Con 80.000 dollari puoi trovare anche una villetta di due piani", mi dicono. Un sogno per la maggior parte di quelli della sua generazione.

Paolo di fronte la sua università


Altri Servizi

L'Italia invade Central Park: il 3 giugno corsa per celebrare la Festa della Repubblica

Passo di iscrizioni record per la "Italy Run By Ferrero", prima edizione dell'evento realizzato in partnership con gli organizzatori della celebre maratona di New York. Attesi circa 10mila partecipanti

L'Italia e gli Stati Uniti celebreranno a New York la Festa della Repubblica con la prima edizione della "Italy Run By Ferrero", una corsa di cinque miglia (otto chilometri) organizzata a Central Park il prossimo 3 giugno. L'iniziativa è aperta a grandi e piccoli, italiani e non; è realizzata in partnership con la New York Road Runners (Nyrr), la non profit a cui fa capo la celebre maratona annuale di New York City, e il consolato italiano a New York guidato da Francesco Genuardi, "orgoglioso di potere trasformare un sogno in realtà" organizzando una corsa che "ancora una volta segna l'amicizia tra l'Italia e la città di New York".

Cuba: cade un aereo, oltre 100 morti. Solo tre sopravvissuti

A bordo quasi solo turisti e una donna naturalizzata italiana. Negli anni '90 la compagnia aerea Cubana de Aviacion è stata coinvolta in diversi incidenti con decine di morti

Ci sono solo tre sopravvissuti nell'incidente di venerd" avvenuto a Cuba, dove un aereo con a bordo oltre 100 persone è precipitato poco dopo il decollo dall'aeroporto dell'Avana. Lo sostiene la televisione di stato cubana. L'aereo è caduto circa 20 chilometri dopo il decollo attorno alle 12.08 (ora locale) ed era diretto dalla parte est dell'isola, nella città di Holgu'n: sia i passeggeri che il personale sono stranieri, anche se non è ancora stata diffusa la nazionalità. Inoltre a bordo ci sarebbero almeno 5 bambini.

Gina Haspel è il nuovo capo della Cia, la prima donna

La sua nomina è stata molto contestata, soprattutto per il ruolo che ha avuto nelle torture di presunti terroristi dopo l'11 settembre. Fondamentale l'appoggio di alcuni democratici
Ap

Il Senato americano ha confermato la nomina di Gina Haspel alla guida della Cia, grazie al sostegno dei democratici che negli ultimi giorni in buona parte si sono schierati dalla parte della 61enne veterana dei servizi segreti americani che fino a ieri era il numero due all'interno dell'agenzia. I voti favorevoli sono stati 54, quelli contrari 45. Si tratta della prima donna alla guida della Cia.

Dopo lo scandalo di Philadelphia, Starbucks studia nuove regole per gli "ospiti che non consumano"

Nessuno potrà più essere cacciato negli 8.000 negozi americani del gruppo
Starbucks

Starbucks ha annunciato che sta studiando una serie di regole ufficiali che consentiranno a tutti gli ospiti di entrare e usare i bar, inclusi i servizi igienici, indipendentemente dal fatto che effettuino o meno un acquisto.

Spari in una scuola di Santa Fe. Dieci morti, l'autore è uno studente

Il ragazzo di 17 anni è stato arrestato. Fermato anche un possibile complice. La polizia ha trovato materiale esplosivo dentro e fuori dalla scuola. È la ventiduesima sparatoria dall'inizio dell'anno in America, più di una alla settimana

Venerdì mattina all'interno di una scuola superiore di Santa Fe, in Texas, uno studente ha iniziato a sparare uccidendo almeno dieci persone, nove studenti e un insegnate. L'autore della strage si chiama Dimitrios Pagourtzis, che ha 17 anni, è stato arrestato dalla polizia ed è ferito. Insieme a lui è stata fermata un'altra persona che potrebbe aver aiutato il 17enne a portare a termine il piano.

Le bambole Bratz volevano giocare con le Barbie ma non ci sono riuscite. Il gruppo MGA Entertainment puntava a fondersi con il rivale Mattel e mettere al vertice dell'azienda combinata Isaac Larian, l'uomo dietro alle Bratz, ma Mattel ha respinto la proposta. E' il Wall Street Journal a riferirlo dopo avere ottenuto documenti che dimostrano come Larian abbia fatto la sua proposta in una lettera datata 25 aprile. Mattel ha risposto dicendo che l'offerta non era nel migliore interesse dei suoi soci.

Musk promette corse da 1 dollaro alla velocità di 160 km/h nei tunnel Loop

L'uomo a capo di Booring Company, oltre che di Tesla e SpaceX, cerca il sostegno della comunità di Los Angeles

Mentre vuole rivoluzionare il settore auto con una vettura elettrica a marchio Tesla pensata per il mercato di massa (la Model 3) e mentre vuole portare in orbita gli esseri umani entro l'anno con la sua SpaceX, Elon Musk ha fornito ulteriori dettagli di un altro progetto - a dir poco ambizioso - legato a un'altra azienda di sua proprietà, la Boring Company. Il miliardario vuole creare tunnel sotterranei a Los Angeles per risolvere il problema del traffico nella città californiana.

Come funziona la riforma delle prigioni che Trump promette di approvare?

Migliorerà le condizioni dei detenuti, dovrebbe liberare 4.000 carcerati federali, ma per il Senato non risolve il problema, visto che non diminuisce le pene per i reati minori

Venerdì Donald Trump ha promesso di firmare una legge bipartisan sulla riforma delle prigioni che il Congresso sta ancora valutando e che che potrebbe liberare migliaia di prigionieri.

Wall Street incerta, attenzione rivolta ai colloqui sul commercio con la Cina

Prosegue il secondo round di colloqui ad alto livello tra Washington e Pechino
iStock

Oltre la Russia. Anche alcuni paesi del Golfo offrirono aiuto a Trump

Il New York Times parla di incontri tra Trump Jr. e altri membri del comitato elettorale del presidente con funzionari dei governi del Medio Oriente e una società israeliana

Tre mesi prima delle elezioni presidenziali del 2016, un piccolo gruppo si è riunito alla Trump Tower, a Manhattan, per incontrare Donald Trump Jr., il figlio maggiore del presidente. Uno di essi era uno specialista israeliano nella manipolazione dei social media. Un altro era un emissario di due ricchi principi arabi. Il terzo era un donatore repubblicano, con un passato controverso in Medio Oriente dove si è occupato di sicurezza privata.