Esportare 'videogames radicali' dall'Italia a Pittsburgh

La storia di Paolo Pedercini, 33 anni, che con "Molleindustria" fa attivismo politico usando interfacce apparentemente mainstream. E ora insegna in Pennsylvania
Il sito di Molleindustria

Circa 10 anni fa, quando viveva ancora in Italia, aveva raggiunto una certa popolarità con un sito di “videogames radicali” dal nome Molleindustria, che aveva ricevuto l’attenzione da parte della stampa di tutta Europa. Ora Paolo Pedercini, classe 1981, vive a Pittsburgh, Pennsylvania, e America24 cercherà di capire che cosa lo ha spinto qui e cosa vi ha trovato.

I giochi di Paolo hanno una chiave sociale, nel senso che utilizzano l’interfaccia e la narrazione tradizionali di questo medium per fare, a tutti gli effetti, attivismo politico. Programmati rigorosamente in linguaggio Flash, scaricabili gratuitamente, Paolo ne inventava di media uno ogni due o tre mesi. Per farvi alcuni esempi: in un gioco dedicato al mondo di McDonald’s l'utente è chiamato a impersonare il responsabile produzione del noto fast food, mandando le vacche al macello e coltivando ogm; in un altro (creato nel 2004) si possono comporre discorsi di Papa Giovanni Paolo II mischiando parole a casaccio; in un altro ancora seguire passo passo tutte le fasi della produzione di uno smartphone, dallo sfruttamento degli operai di una miniera di silicio al caporeparto della Foxconn in Cina. Paolo definisce il suo “un progetto di riappropriazione dei videogiochi”, “un richiamo per la radicalizzazione della cultura popolare” e Mollindustria una “casa sviluppatrice indipendente”.

L’idea che molti hanno di Pittsburgh è quella di un deserto post-industriale con ciminiere fatiscenti e capannoni arrugginiti. Invece la città – 300.000 abitanti, 2,4 milioni con l’area metropolitana – è vivace, piena di verde e circondata da piacevoli colline boscose, con case di legno appuntite che viste da lontano ricordano quelle di un presepe un po’ frettoloso. A ottobre la temperatura è stranamente mite. Paolo insegna Experimental Game Design e Media Production alla Carnagie Mellon University, una delle più importanti scuole d’arte e di tecnologia degli Stati Uniti. Paolo mette a frutto le conoscenze acquisite in anni di lavoro "underground" per un settore, quello della programmazione, in continua evoluzione. Continua a programmare nel tempo libero, talvolta per clienti importanti, ma ama godersi la sua autonomia e si definisce "radicale" così come dieci anni fa.

Paolo vive a Pittsburgh da cinque anni e neanche per un momento, dice, ha sognato di tornare in Italia. “Col mondo accademico del mio Paese non ho pressoché nessun contatto”, mi racconta. “Credo di aver capito che una posizione come la mia in Italia non esiste. Dovrei praticamente ricominciare da zero”. Parla per cognizione di causa: ha studiato graphic design a Brescia e poi all’Accademia di Brera.

Carnagie Mellon University, Pittsburgh


LA VITA NELLA "IRON CITY"

Ad un certo punto Paolo capisce che è il momento di dare un contenitore alle sue teorie su politica e videogiochi. Molleindustria nasce nel 2003 con l’intento, si legge nella homepage, di produrre “rimedi omeopatici all’idiozia del divertimento mainstream sotto forma di videogiochi online gratuiti e dalla durata breve”. Viene notato da appassionati "nerd" e giornalisti specializzati. Viene contattato persino dagli organizzatori di una conferenza sul marketing che pensano che il suo gioco di McDonald's sia stato commissionato proprio dalla multinazionale americani. Viene invitato. Lui chiama con se un membro del gruppo attivista degli "Yes Men", specializzati in scherzi ai danni delle grandi corporation. Partecipano e convincono tutti che il videogioco ha convertito i top manager McDonald's nientemeno che alla lotta armata. Questo è il background di Paolo.

La scelta di attraversare l’oceano è del 2007. Qualcuno gli indica dei master negli Stati Uniti. “Avevo visto che ne esistono diversi, non propriamente pubblicizzati in Italia, che costano relativamente poco o sono coperti da varie borse di studio”. Paolo sceglie un master di ingegneria elettronica alla Troy University dello Stato di New York. Dopo due anni un amico gli fa sapere di un posto disponibile come visiting professor in una importante università di Pittsburgh. Sembra una posizione che gli calzerebbe a pennello. Fa application. Viene assunto.

Paolo insegna due o tre giorni a settimana. Viene spesso invitato a conferenze in giro per il mondo. Riesce a farcela a fine mese? “Sì, non posso lamentarmi. Ovviamente anche quando sono a casa o non lavoro c’è comunque un grande lavoro di preparazione e di studio da fare - qui non è consentito il parcheggiarsi all’università né ai professori né gli agli studenti: bisogna imparare e disimparare in continuazione - ma non posso dire che i ritmi siano particolarmente stressanti”. Lui e la sua ragazza americana, che fa la graphic designer, vivono a Bellefield, uno dei quartieri più alla moda della città, dove tuttavia i costi non sono proibitivi per una giovane coppia in carriera. Pagano poco più di 1.000 dollari per un appartamento in una elegante villa in stile vittoriano, circondata dal prato, con salotto e una cucina spaziosa. Hanno anche pensato di comprare casa, un giorno. "Con 80.000 dollari puoi trovare anche una villetta di due piani", mi dicono. Un sogno per la maggior parte di quelli della sua generazione.

Paolo di fronte la sua università


Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP
Ibm

Per International Business Machines (Ibm), il recupero dei ricavi trimestrali sembra un miraggio dopo la breve ripresa finita lo scorso giugno e durata nove mesi consecutivi (i primi successivi a cinque anni di declini). L'azienda ha tuttavia saputo superare le stime degli investitori, concentrati sul fatto che le vendite siano salite nell'intero esercizio per la prima volta in vari anni.

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

La Corte Suprema Usa respinge Trump: resta la tutela per i Dreamers (per ora)

Il massimo tribunale ha deciso di non pronunciarsi sulla fine del programma Daca, cercata dal presidente anche per avere un'arma in più nei negoziati con i democratici su immigrazione e muro
Ap

La Corte Suprema statunitense ha respinto la richiesta dell'amministrazione Trump di valutare subito e pronunciarsi sulla fine del programma Daca, che protegge dal rimpatrio 700.000 immigrati irregolari arrivati da bambini. Questo significa che il programma voluto dall'allora presidente Barack Obama, contro cui si batte Donald Trump, resta per ora in vigore, in attesa che lo scontro arrivi a conclusione nei tribunali inferiori; inoltre, nel caso in cui il massimo tribunale dovesse accettare un nuovo tentativo da parte del governo, il caso non verrebbe discusso prima di ottobre e una decisione non sarebbe presa prima del 2020. La volontà del massimo tribunale statunitense di non valutare il caso toglierà una potente arma di negoziazione al presidente, che si era detto sicuro di una vittoria davanti alla Corte Suprema, nelle trattative con i democratici sull'immigrazione.

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

Larry Kudlow, il consigliere economico della Casa Bianca, ha negato indiscrezioni di stampa secondo cui gli Stati Uniti hanno cancellato un incontro con la Cina pensato per spianare la strada al prossimo round di negoziati di alto livello previsto a Washington tra i negoziatori delle due nazioni il 30 e il 31 gennaio prossimo.

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati

Un investitore miliardario - conosciuto negli Stati Uniti per essere l'equivalente di Boston del cosiddetto Oracolo di Omaha, ossia Warren Buffett - ha messo in guardia gli investitori "compiaciuti" che stanno ignorando i rischi esistenti prendendone di nuovi. Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), ha lanciato il suo avvertimento nella lettera annuale da 22 pagine scritta agli investitori e di cui il New York Times ha ottenuto una copia.

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.

Gli Usa celebrano Martin Luther King (e Pence lo paragona a Trump)

Oggi è il giorno festivo dedicato al leader della lotta per i diritti civili, premio Nobel per la Pace, ucciso nel 1968

Nel 1965, le marce da Selma a Montgomery, in Alabama, furono un momento fondamentale della rivolta per i diritti civili negli Stati Uniti; diritti per cui, secondo associazioni e comunità afroamericane, è ancora necessario combattere. Per questo, ancora oggi è fondamentale celebrare Martin Luther King, il leader della lotta per l'uguaglianza razziale, premiato nel 1964, a soli 35 anni, con il Nobel per la Pace, e ucciso il 4 aprile 1968 a Memphis con un colpo di fucile alla testa.

L'attivismo di Elliott mette il turbo a eBay

Il fondo di Paul Singer chiede scorpori di attività per potenziare il valore del sito di aste online
iStock

EBay ha preso il volo a Wall Street, dove il titolo sale dell'8% a 33,5 dollari. A mettere il turbo al titolo del gruppo di aste online è l'attivismo di due investitori che puntano a scorporarne alcune attività per sprigionarne il valore.