Esportare 'videogames radicali' dall'Italia a Pittsburgh

La storia di Paolo Pedercini, 33 anni, che con "Molleindustria" fa attivismo politico usando interfacce apparentemente mainstream. E ora insegna in Pennsylvania
Il sito di Molleindustria

Circa 10 anni fa, quando viveva ancora in Italia, aveva raggiunto una certa popolarità con un sito di “videogames radicali” dal nome Molleindustria, che aveva ricevuto l’attenzione da parte della stampa di tutta Europa. Ora Paolo Pedercini, classe 1981, vive a Pittsburgh, Pennsylvania, e America24 cercherà di capire che cosa lo ha spinto qui e cosa vi ha trovato.

I giochi di Paolo hanno una chiave sociale, nel senso che utilizzano l’interfaccia e la narrazione tradizionali di questo medium per fare, a tutti gli effetti, attivismo politico. Programmati rigorosamente in linguaggio Flash, scaricabili gratuitamente, Paolo ne inventava di media uno ogni due o tre mesi. Per farvi alcuni esempi: in un gioco dedicato al mondo di McDonald’s l'utente è chiamato a impersonare il responsabile produzione del noto fast food, mandando le vacche al macello e coltivando ogm; in un altro (creato nel 2004) si possono comporre discorsi di Papa Giovanni Paolo II mischiando parole a casaccio; in un altro ancora seguire passo passo tutte le fasi della produzione di uno smartphone, dallo sfruttamento degli operai di una miniera di silicio al caporeparto della Foxconn in Cina. Paolo definisce il suo “un progetto di riappropriazione dei videogiochi”, “un richiamo per la radicalizzazione della cultura popolare” e Mollindustria una “casa sviluppatrice indipendente”.

L’idea che molti hanno di Pittsburgh è quella di un deserto post-industriale con ciminiere fatiscenti e capannoni arrugginiti. Invece la città – 300.000 abitanti, 2,4 milioni con l’area metropolitana – è vivace, piena di verde e circondata da piacevoli colline boscose, con case di legno appuntite che viste da lontano ricordano quelle di un presepe un po’ frettoloso. A ottobre la temperatura è stranamente mite. Paolo insegna Experimental Game Design e Media Production alla Carnagie Mellon University, una delle più importanti scuole d’arte e di tecnologia degli Stati Uniti. Paolo mette a frutto le conoscenze acquisite in anni di lavoro "underground" per un settore, quello della programmazione, in continua evoluzione. Continua a programmare nel tempo libero, talvolta per clienti importanti, ma ama godersi la sua autonomia e si definisce "radicale" così come dieci anni fa.

Paolo vive a Pittsburgh da cinque anni e neanche per un momento, dice, ha sognato di tornare in Italia. “Col mondo accademico del mio Paese non ho pressoché nessun contatto”, mi racconta. “Credo di aver capito che una posizione come la mia in Italia non esiste. Dovrei praticamente ricominciare da zero”. Parla per cognizione di causa: ha studiato graphic design a Brescia e poi all’Accademia di Brera.

Carnagie Mellon University, Pittsburgh


LA VITA NELLA "IRON CITY"

Ad un certo punto Paolo capisce che è il momento di dare un contenitore alle sue teorie su politica e videogiochi. Molleindustria nasce nel 2003 con l’intento, si legge nella homepage, di produrre “rimedi omeopatici all’idiozia del divertimento mainstream sotto forma di videogiochi online gratuiti e dalla durata breve”. Viene notato da appassionati "nerd" e giornalisti specializzati. Viene contattato persino dagli organizzatori di una conferenza sul marketing che pensano che il suo gioco di McDonald's sia stato commissionato proprio dalla multinazionale americani. Viene invitato. Lui chiama con se un membro del gruppo attivista degli "Yes Men", specializzati in scherzi ai danni delle grandi corporation. Partecipano e convincono tutti che il videogioco ha convertito i top manager McDonald's nientemeno che alla lotta armata. Questo è il background di Paolo.

La scelta di attraversare l’oceano è del 2007. Qualcuno gli indica dei master negli Stati Uniti. “Avevo visto che ne esistono diversi, non propriamente pubblicizzati in Italia, che costano relativamente poco o sono coperti da varie borse di studio”. Paolo sceglie un master di ingegneria elettronica alla Troy University dello Stato di New York. Dopo due anni un amico gli fa sapere di un posto disponibile come visiting professor in una importante università di Pittsburgh. Sembra una posizione che gli calzerebbe a pennello. Fa application. Viene assunto.

Paolo insegna due o tre giorni a settimana. Viene spesso invitato a conferenze in giro per il mondo. Riesce a farcela a fine mese? “Sì, non posso lamentarmi. Ovviamente anche quando sono a casa o non lavoro c’è comunque un grande lavoro di preparazione e di studio da fare - qui non è consentito il parcheggiarsi all’università né ai professori né gli agli studenti: bisogna imparare e disimparare in continuazione - ma non posso dire che i ritmi siano particolarmente stressanti”. Lui e la sua ragazza americana, che fa la graphic designer, vivono a Bellefield, uno dei quartieri più alla moda della città, dove tuttavia i costi non sono proibitivi per una giovane coppia in carriera. Pagano poco più di 1.000 dollari per un appartamento in una elegante villa in stile vittoriano, circondata dal prato, con salotto e una cucina spaziosa. Hanno anche pensato di comprare casa, un giorno. "Con 80.000 dollari puoi trovare anche una villetta di due piani", mi dicono. Un sogno per la maggior parte di quelli della sua generazione.

Paolo di fronte la sua università


Altri Servizi

Christie’s vende orologio Cartier di Jackie Kennedy

Il valore dell’orologio della vedova del 35esimo presidente americano è stimato tra i 60.000 e i 120.000 dollari. C'è anche un quadro realizzato dall'ex first lady mai visto dal pubblico
Christie's

La casa d’aste Christie’s di New York ha annunciato la vendita di un orologio Cartier in oro 18 carati appartenuto a Jacqueline Kennedy Onassis. L’oggetto, che verrà presentato ai potenziali acquirenti il 21 giugno prossimo, rappresenta il fiore all’occhiello dell’annuale vendita intitolata New York Rare Watches and American Icons e organizzata da Christie’s. Il valore dell’orologio della vedova del 35esimo presidente americano è stimato tra i 60.000 e i 120.000 dollari.

Fbi, al via i colloqui per sostituire James Comey

Il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, e il suo vice, Rod Rosenstein, incontreranno quattro candidati in questa prima fase

È iniziata ufficialmente l’era post James Comey al Federal Bureau of Investigation (Fbi). Il segretario alla Giustizia americana, Jeff Sessions, e il suo vice, Rod Rosenstein, terranno oggi i primi colloqui con quattro candidati che potrebbero succedere a Comey alla direzione della polizia federale americana.

Macy's: i conti deludono, continua a soffrire debolezza settore retail

Nei punti vendita aperti da almeno un anno le vendite sono scese per il nono trimestre di fila e più delle attese degli analisti
Macy's

I grandi magazzini Macy's continuano a soffrire la debolezza che ormai da tempo caratterizza il settore retail, colpa non solo del cambiamento delle abitutidi di consumo (gli acquisti online stanno prendendo sempre più piede) ma anche di un dollaro forte che riduce il potere d'acquisto dei turisti. Il titolo è arrivato a perdere nel pre-mercato il 12% all'indomani di una seduta finita a quota 29,34 dollari.

Da Giuliani a Wainstein: i candidati per sostituire Comey all'Fbi

Trump sceglierà "nei prossimi giorni" il nuovo direttore. Su Twitter, il presidente ha difeso la sua scelta affermando che "Comey aveva perso la fiducia di tutti a Washington, repubblicani e democratici"

La decisione del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, di licenziare il direttore dell'Fbi, James Comey, pone diverse questioni, tra cui quella su chi prenderà il suo posto. Non si tratta certo di una scelta facile per la Casa Bianca, che dovrà puntare su una persona con una grossa reputazione e molto rispettata dal Congresso e dagli agenti dell'Fbi.

21st Century Fox: gli scandali sessuali non intaccano i conti

Svelati però patteggiamenti per 10 milioni di dollari nel primo trimestre del 2017. I ricavi trimestrali hanno deluso. Gruppo fiducioso di chiudere la scalata della britannica Sky entro la fine dell'anno
iStock

Gli scandali di molestie sessuali nel canale Fox News che hanno portato all'uscita prima dell'ex Ceo Rger Ailes e poi del presentatore Bill O’Reilly e del co-presidente Bill Shine non sembrano avere avuto un impatto negativo sui conti dei primi tre mesi del 2017 della controllante 21st Century Fox. Il colosso dell'intrattenimento ha però rivelato in un documento depositato presso l'autorità di borsa Usa patteggiamenti per 10 milioni di dollari raggiunti nel trimestre, che si è chiuso con vendite deludenti. Separatamente, il gruppo nato nel 2013 dallo split in due della vecchia News Corp (a quella nuova fanno capo soltanto le attività editoriali con prodotti come il Wall Street Journal) è "fiducioso" di chiudere entro la fine dell'anno la scalata al 100% della britannica Sky.

Trump silura il capo dell'Fbi: non sembra una coincidenza

Partita la ricerca al successore di James Comey, accusato di avere gestito male il caso sulle email di Clinton. Ma c'è chi fa paragoni con lo scandalo Watergate. I democratici chiedono un procuratore speciale che porti avanti indagini sulla Russia

Alla fine James Comey è stato licenziato. Da Donald Trump, che ora può nominare a suo piacimento il nuovo capo dell'Fbi. Scelto da Barack Obama nel 2013 e sopravvissuto alle polemiche sorte sul finire della campagna elettorale per la sua gestione dell'emailgate riguardante Hillary Clinton, Comey è stato silurato con effetto immediato nella serata america del 9 maggio2017. Una mossa giudicata da molti "scioccante" dal momento che si è verificata mentre la polizia federale americana guidata da Cmey sta conducendo un'inchiesta sulla presunta interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali dell'8 novembre 2016 e sui potenziali legami tra lo staff di Trump e funzionari russi. Non a caso l'opposizione democratica, che subito ha fatto paragoni allo scandalo Watergate, ha chiesto la nomina di un procuratore speciale che porti avanti le indagini sul Russiagate. Comey è il secondo e unico direttore dell'Fbi ad essere stato cacciato: lo stesso destino toccò nel 1993 a William Sessions; allora alla presidenza c'era Bill Clinton.

Casa Bianca infuriata: si è sentita raggirata da foto del Cremlino

Sorrisi smaglianti e strette di mano calorose di Trump con ministro degli Esteri e ambasciatore in Usa della Russia. Washington dice di non essere stata informata da Mosca che le immagini scattate sarebbero circolate in pubblico
AP

La Casa Bianca è su tutte le furie. Con il Cremlino, reo di avere diffuso fotografie di un incontro avvenuto ieri a porte chiuse nello Studio Ovale tra Donald Trump e due funzionari russi. L'errore di comunicazione sembra però, almeno in parte, anche Made in America. Non solo per una mancanza apparente di coordinamento con i colleghi russi ma anche perché nelle immagini incriminate si vede un Trump con sorriso smagliante e che stringe calorosamente le mani di Sergei Lavrov e Sergei Kislyak, rispettivamente il ministro degli esteri e l'ambasciatore in Usa della Russia.

Pyongyang apre agli Usa: "pronti a dialogare alle giuste condizioni"

Lo ha detto Choe Son-hui, direttore generale dell'Ufficio sui rapporti con gli Usa del ministero degli Esteri di Pyongyang

La Corea del Nord apre agli Stati Uniti definendosi pronta ad avere colloqui con l’amministrazione di Donald Trump ma solo "alle giuste condizioni". A riportarlo è l’agenzia di stampa sudcoreana, Yonhap, che ha seguito Choe Son-Hui, direttore della divisione "America del Nord" del ministero degli Esteri di Pyongyang, nel suo viaggio da Oslo a Pechino.

Michelle Obama contro Trump: "Nessuno dovrebbe giocare con la salute dei nostri bambini"

L'ex first lady si è schierata contro le nuove politiche sulla nutrizione volute dal presidente. È stata la sua prima apparizione pubblica a Washington da quando ha lasciato la Casa Bianca

Michelle Obama ha lanciato un messaggio a Donald Trump, schierandosi contro le mosse della sua amministrazione che mettono a rischio le politiche nutrizionali volute da suo marito: "non si scherza con la salute dei nostri bambini". L’ex first lady è intervenuta all'incontro annuale del "Partnership for a Healthier America Summit", a Washington, in quella che è stata la sua prima apparizione pubblica da quando lo scorso novembre ha lasciato la Casa Bianca.

Un attacco hacker mondiale ha colpito decine di paesi con un virus rubato all'Nsa

Quasi 100 nazioni tra cui Italia, Regno Unito, Russia, India e Cina, ma arrivano denunce anche dal sud America e dall'Africa
Shutterstock

Un cyber attacco mondiale di proporzioni enormi è stato messo a segno grazie ad un’arma rubata alla National Security Agency (Nsa) americana. Sono infatti oltre 45.000 gli attacchi informatici messi a segno venerdì in quasi 100 Paesi, tra cui Italia, Regno Unito, Spagna, Russia, India, Cina, Ucraina, Taiwan, Egitto ma anche sud America e altri paesi africani.