Esportare 'videogames radicali' dall'Italia a Pittsburgh

La storia di Paolo Pedercini, 33 anni, che con "Molleindustria" fa attivismo politico usando interfacce apparentemente mainstream. E ora insegna in Pennsylvania
Il sito di Molleindustria

Circa 10 anni fa, quando viveva ancora in Italia, aveva raggiunto una certa popolarità con un sito di “videogames radicali” dal nome Molleindustria, che aveva ricevuto l’attenzione da parte della stampa di tutta Europa. Ora Paolo Pedercini, classe 1981, vive a Pittsburgh, Pennsylvania, e America24 cercherà di capire che cosa lo ha spinto qui e cosa vi ha trovato.

I giochi di Paolo hanno una chiave sociale, nel senso che utilizzano l’interfaccia e la narrazione tradizionali di questo medium per fare, a tutti gli effetti, attivismo politico. Programmati rigorosamente in linguaggio Flash, scaricabili gratuitamente, Paolo ne inventava di media uno ogni due o tre mesi. Per farvi alcuni esempi: in un gioco dedicato al mondo di McDonald’s l'utente è chiamato a impersonare il responsabile produzione del noto fast food, mandando le vacche al macello e coltivando ogm; in un altro (creato nel 2004) si possono comporre discorsi di Papa Giovanni Paolo II mischiando parole a casaccio; in un altro ancora seguire passo passo tutte le fasi della produzione di uno smartphone, dallo sfruttamento degli operai di una miniera di silicio al caporeparto della Foxconn in Cina. Paolo definisce il suo “un progetto di riappropriazione dei videogiochi”, “un richiamo per la radicalizzazione della cultura popolare” e Mollindustria una “casa sviluppatrice indipendente”.

L’idea che molti hanno di Pittsburgh è quella di un deserto post-industriale con ciminiere fatiscenti e capannoni arrugginiti. Invece la città – 300.000 abitanti, 2,4 milioni con l’area metropolitana – è vivace, piena di verde e circondata da piacevoli colline boscose, con case di legno appuntite che viste da lontano ricordano quelle di un presepe un po’ frettoloso. A ottobre la temperatura è stranamente mite. Paolo insegna Experimental Game Design e Media Production alla Carnagie Mellon University, una delle più importanti scuole d’arte e di tecnologia degli Stati Uniti. Paolo mette a frutto le conoscenze acquisite in anni di lavoro "underground" per un settore, quello della programmazione, in continua evoluzione. Continua a programmare nel tempo libero, talvolta per clienti importanti, ma ama godersi la sua autonomia e si definisce "radicale" così come dieci anni fa.

Paolo vive a Pittsburgh da cinque anni e neanche per un momento, dice, ha sognato di tornare in Italia. “Col mondo accademico del mio Paese non ho pressoché nessun contatto”, mi racconta. “Credo di aver capito che una posizione come la mia in Italia non esiste. Dovrei praticamente ricominciare da zero”. Parla per cognizione di causa: ha studiato graphic design a Brescia e poi all’Accademia di Brera.

Carnagie Mellon University, Pittsburgh


LA VITA NELLA "IRON CITY"

Ad un certo punto Paolo capisce che è il momento di dare un contenitore alle sue teorie su politica e videogiochi. Molleindustria nasce nel 2003 con l’intento, si legge nella homepage, di produrre “rimedi omeopatici all’idiozia del divertimento mainstream sotto forma di videogiochi online gratuiti e dalla durata breve”. Viene notato da appassionati "nerd" e giornalisti specializzati. Viene contattato persino dagli organizzatori di una conferenza sul marketing che pensano che il suo gioco di McDonald's sia stato commissionato proprio dalla multinazionale americani. Viene invitato. Lui chiama con se un membro del gruppo attivista degli "Yes Men", specializzati in scherzi ai danni delle grandi corporation. Partecipano e convincono tutti che il videogioco ha convertito i top manager McDonald's nientemeno che alla lotta armata. Questo è il background di Paolo.

La scelta di attraversare l’oceano è del 2007. Qualcuno gli indica dei master negli Stati Uniti. “Avevo visto che ne esistono diversi, non propriamente pubblicizzati in Italia, che costano relativamente poco o sono coperti da varie borse di studio”. Paolo sceglie un master di ingegneria elettronica alla Troy University dello Stato di New York. Dopo due anni un amico gli fa sapere di un posto disponibile come visiting professor in una importante università di Pittsburgh. Sembra una posizione che gli calzerebbe a pennello. Fa application. Viene assunto.

Paolo insegna due o tre giorni a settimana. Viene spesso invitato a conferenze in giro per il mondo. Riesce a farcela a fine mese? “Sì, non posso lamentarmi. Ovviamente anche quando sono a casa o non lavoro c’è comunque un grande lavoro di preparazione e di studio da fare - qui non è consentito il parcheggiarsi all’università né ai professori né gli agli studenti: bisogna imparare e disimparare in continuazione - ma non posso dire che i ritmi siano particolarmente stressanti”. Lui e la sua ragazza americana, che fa la graphic designer, vivono a Bellefield, uno dei quartieri più alla moda della città, dove tuttavia i costi non sono proibitivi per una giovane coppia in carriera. Pagano poco più di 1.000 dollari per un appartamento in una elegante villa in stile vittoriano, circondata dal prato, con salotto e una cucina spaziosa. Hanno anche pensato di comprare casa, un giorno. "Con 80.000 dollari puoi trovare anche una villetta di due piani", mi dicono. Un sogno per la maggior parte di quelli della sua generazione.

Paolo di fronte la sua università


Altri Servizi

Wall Street, restano le tensioni commerciali Usa-Cina

Dati: in programma la fiducia dei consumatori dell'Università del Michigan
AP

Stormy Daniels rinuncia all'ultima causa contro l'ex legale di Trump

La pornostar aveva accusato Micheal Cohen di collusione con il legale che la rappresentava all’epoca dell’accordo da 130mila dollari per il silenzio sui rapporti con il tycooon
Ap

La pornostar Stormy Daniels ha raggiunto un accordo con l'ex legale di Donald Trump, Michael Cohen, ritirando l'ultima delle tre cause avviate dal suo ex legale Michael Avenatti, nell'ambito della presunta relazione avuta nel 2006 con l'attuale presidente degli Stati Uniti. Lo riporta la Cnn che cita i documenti del tribunale.

Tesla: il ritorno all'utile? Per analisti, è come scalare il Kilimangiaro

Wedbush, a dicembre tra il più ottimista, taglia l'obiettivo di prezzo sotto la media di Wall Street. Il titolo sotto i 200 dollari, prima volta da oltre due anni. Situazione da "codice rosso"
AP

Il ritorno all'utile di Tesla nella seconda parte dell'anno è come una "scalata del Kilimangiaro". Lo pensa uno degli analisti di Wall Street originariamente tra i più ottimisti sulle sorti del produttore di auto elettriche e ora riscopertosi decisamente pessimista. Dan Ives, di Wedbush, ha tagliato per la quarta volta l'obiettivo di prezzo portandolo al di sotto della media pari a circa 300 dollari. L'esperto ha ridotto a 230 da 275 dollari il target price, che solo un mese fa era a 365 dollari con raccomandazione ridotta a neutrale. A dicembre Ives aveva avviato la copertura del titolo con giudizio "outperform" e obiettivo di prezzo a 440 dollari.

Operazioni sospette di Trump e Kushner, Deutsche Bank ignorò l'allerta antiriciclaggio

Il New York Times: i vertici della banca ignorarono le segnalazioni dei dipendenti nel 2016-2017
AP

Alcuni dipendenti di Deutsche Bank, esperti di antiriciclaggio, avvertirono i vertici della banca di numerose transazioni sospette, nel 2016 e 2017, che coinvolgevano delle entità controllate dal presidente Donald Trump e dal genero Jared Kushner, raccomandandone la segnalazione alle autorità federali. I vertici della banca, però, scelsero di non segnalare nulla. A raccontarlo è il New York Times.

Bezos vince la battaglia per il dominio ".amazon", America Latina sconfitta

Lo scontro era iniziato nel 2012. La decisione è stata presa dall'Icann, visto che la società di Seattle e i governi non hanno trovato un accordo
AP

La società Amazon ha ottenuto provvisoriamente il diritto di usare il dominio internet ".amazon", dopo una battaglia che va avanti da diversi anni contro otto governi latinoamericani che fanno parte di un'organizzazione per la tutela del bacino amazzonico. L'Internet Corporation for Assigned Names and Numbers (Icann), l'ente preposto a supervisionare i protocolli e gli indirizzi sul web, si è schierato a favore della società di Jeff Bezos, l'uomo più ricco del mondo, contro l'Amazon Cooperation Treaty Organisation (Acto), una coalizione di governi latinoamericani che reclamavano il diritto di usare il dominio ".amazon" in virtù della foresta amazzonica che si estende sui loro territori. La decisione dell'Icann, di cui parla il Financial Times, è ora sottoposta a un mese di commenti pubblici.

Lyft è stato accusato di avere fuorviato gli investitori con il suo prospetto informativo legato all'Ipo, avvenuta lo scorso 29 marzo. Rispetto al prezzo di collocamento pari a 72 dollari, il titolo ha perso quasi il 26% a 53,45 dollari vedendo la sua capitalizzazione scendere a 15,4 da 20 miliardi.

Venezuela, Usa al lavoro per tenere fuori Russia e Cuba

Ue e Gruppo di Lima, intanto, lavorano a un negoziato tra Maduro e l'opposizione
AP

Gli Stati Uniti stanno studiando delle soluzioni per limitare le ingerenze di Russia e Cuba nell'attuale crisi in Venezuela. "È un obiettivo principale del dipartimento di Stato, quello di tenere russi e cubani fuori dal Venezuela" ha detto un funzionario del dipartimento al Miami Herald.

L’Italia dell’High Tech protagonista alla Collision Conference a Toronto

Matteo Picariello, direttore Ice Canada: portiamo 19 aziende, prima presenza in assoluto

Da oggi al 23 maggio l’Italia dell’High Tech è protagonista con 19 aziende a uno degli eventi di innovazione e tecnologia più importanti al mondo e che per la prima volta nella sua storia fa tappa in Canada. Al Enercare Centre di Toronto il nostro Paese si mette in mostra alla edizione 2019 di Collision, spin off del Web Summit di Lisbona e versione nordamericana della principale conferenza mondiale dedicata ad innovazione e tecnologia, web, ICT ed elettronica, che si svolge, a cadenza annuale, in varie città nordamericane. Las Vegas e New Orleans hanno ospitato le ultime cinque edizioni. A Collision 2019 sono attesi oltre 25.000 partecipanti da 120 paesi. Sono circa 6 mila le aziende presenti fra cui Ibm, Intel, Amazon, General Electric, Facebook, Verizon, Salesforce, Coca Cola e Allianz. L'iniziativa tricolore si colloca nell'ambito del Progetto Speciale Alta Tecnologia, Piano Straordinario Made in Italy 2017.

Wall Street, si guarda sempre ai rapporti Usa-Cina

Nuove tensioni, dopo l'ordine esecutivo di Trump contro Huawei
AP

Wall Street, si guarda ai rapporti Usa-Cina

Google ha deciso di vietare a Huawei l'aggiornamento di Android
AP