Europa e Medio Oriente, il primo viaggio di Trump da presidente

Otto giorni tra Arabia Saudita, Israele e Cisgiordania, Vaticano, Belgio e Italia. I summit di Nato e G7 chiuderanno l'impegnativo tour

I suoi cinque predecessori avevano scelto, come primo viaggio all'estero, un breve passaggio in un Paese vicino, come il Canada o il Messico. Anche su questo, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha dimostrato di voler essere diverso, preferendo un fitto programma in otto giorni, tra Europa e Medio Oriente, durante i quali toccherà argomenti  di primaria importanza per Washington. 

Oggi, il presidente settantenne, il più anziano a insediarsi alla Casa Bianca, partirà per un viaggio tra Arabia Saudita, Israele e Cisgiordania, Vaticano, Belgio e Italia, con incontri bilaterali e summit di Nato e G7, che testerà la resistenza di un'amministrazione già messa alla prova dalle turbolenze create dai presunti legami tra alcuni membri della campagna elettorale del presidente e il Cremlino. "Non c'è mai stato un presidente al primo viaggio internazionale così toccato dagli scandali" ha commentato Larry Sabato, a capo del Center for Politics dell'Università della Virginia, parlando con la Cnbc. "È già un presidente visto con scetticismo da buona parte del mondo".

Testerà, anche, la resistenza fisica del presidente e le sue capacità diplomatiche. "Quello che rende questo viaggio così difficile è che quasi ogni secondo del presidente, ogni passo che farà è oggetto di preparativi molto accurati" ha spiegato Ned Price, portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale durante la presidenza di Barack Obama, all'Afp.

Trump scenderà dall'Air Force One in Arabia Saudita, domani, dopo un lungo viaggio notturno. La culla dell'Islam, sede delle città sante di Mecca e Medina, ospiterà un uomo più volte accusato di islamofobia, anche per il suo divieto d'ingresso negli Stati Uniti per i cittadini di sei Paesi musulmani, per ora bloccato in tribunale. In campagna elettorale, aveva anche dichiarato che le autorità saudite sarebbero state complici degli attentati dell'11 Settembre. Ora, però, Trump condivide con Riad l'opinione che l'Iran, sciita, rappresenti una minaccia per il Medio Oriente e vuole che l'alleato si metta alla guida di un fronte sunnita che stabilizzi la regione e sconfigga l'Isis, anche con l'istituzione di una 'Nato araba', che dovrebbe essere annunciata proprio durante la visita. I sauditi, dopo aver perso fiducia negli Stati Uniti sotto Obama, reo di aver trovato un accordo con l'Iran sul suo programma nucleare, vedono in Trump l'uomo che potrebbe consentire loro di rafforzarsi nella regione e di fare affari miliardari. A proposito di affari, la visita di Trump potrebbe essere l'occasione per annunciare uno dei più ampi accordi della storia per la vendita di armi tra Washington e Riad, del valore di circa 110 miliardi di dollari in dieci anni, che rappresenterebbe il rinnovato impegno degli Stati Uniti per la sicurezza del golfo Persico.

"L'Arabia Saudita è il custode dei due luoghi più sacri per l'Islam ed è lì che cominceremo a costruire una nuova cooperazione con i nostri alleati musulmani per combattere l'estremismo, il terrorismo e la violenza" ha commentato Trump, annunciando all'inizio del mese il suo viaggio. "Non vogliamo ordinare agli altri come vivere, ma costruire una coalizione di amici e partner che condividono l'obiettivo di combattere il terrorismo e di portare sicurezza, opportunità e stabilità in Medio Oriente" ha aggiunto.

Lasciata l'Arabia Saudita, Trump raggiungerà Israele, dove incontrerà il primo ministro Benjamin Netanyahu. Al centro dei colloqui, ci sarà sicuramente la questione della fonte israeliana 'bruciata' dal presidente, secondo i resoconti della stampa statunitense sulle informazioni top secret che il presidente ha condiviso con il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, e l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergey Kislyak. Sarà l'occasione anche per parlare ancora del riconoscimento di Gerusalemme come capitale d'Israele e dello spostamento dell'ambasciata da Tel Aviv, promessi da Trump in campagna elettorale; durante questo viaggio, però, non è atteso l'annuncio, perché il riconoscimento di Gerusalemme capitale creerebbe non pochi problemi alla possibilità di riaprire i negoziati di pace tra israeliani e palestinesi, come auspicato dalla nuova amministrazione statunitense. Trump, favorevole alla soluzione a due Stati, incontrerà il leader palestinese Abu Mazen a Betlemme, in Cisgiordania.

Il tour 'spirituale' si concluderà in Vaticano, dove incontrerà papa Francesco, il 24 maggio. Il rapporto 'a distanza' tra i due non è stato finora dei migliori. Al contrario di Trump, che ha firmato due ordini esecutivi - bloccati in tribunale - per fermare l'arrivo negli Stati Uniti dei rifugiati e dei cittadini di alcuni Paesi islamici e si oppone all'accordo di Parigi sul clima, papa Francesco è un grande sostenitore delle politiche di accoglienza degli immigrati ed è a favore della difesa dell'ambiente. Il Papa ha anche visitato il confine tra Stati Uniti e Messico durante le primarie dello scorso anno: un gesto in qualche modo 'di sfida' nei confronti di Trump, che prometteva (e promette) di completare la costruzione del muro tra i due Paesi.

"Una persona che pensa solo a fare muri e non ponti, non è cristiana" aveva detto Jorge Maria Bergoglio, lo scorso anno. Trump, sentitosi tirato in causa, aveva risposto che è "vergognoso" che un leader religioso come il pontefice metta in discussione la fede di un'altra persona, aggiungendo: "Se il Vaticano fosse attaccato dall'Isis, posso assicurarvi che il Papa non potrebbe che pregare per avere Donald Trump come presidente". Poi, aveva ricalibrato le parole: "Il Papa è un uomo fantastico, non mi piace scontrarmi con lui [...] nutro un grande rispetto, ha una forte personalità. Sta facendo un buon lavoro. Penso che gli siano state date informazioni sbagliate. Certo non è stata una bella cosa da dire perché noi dobbiamo avere una frontiera. Al momento non ne abbiamo una. Dobbiamo costruire un muro e lo faremo. Abbiamo bisogno di sicurezza. È quello che chiedono i cittadini". A Roma, Trump incontrerà anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Il viaggio di Trump proseguirà a Bruxelles, dove il 25 parteciperà al vertice della Nato, l'alleanza da lui più volte criticata, soprattutto per l'insufficiente apporto finanziario degli altri Paesi, e definita "obsoleta". "Il presidente - si legge in una nota della Casa Bianca - riaffermerà il nostro forte impegno nella Nato e discuterà i temi cruciali per l'alleanza, soprattutto la condivisione delle responsabilità e il ruolo della Nato nella lotta contro il terrorismo". Alla Nato, non mancano certo le preoccupazioni sull'arrivo di Trump e su quello che potrebbe affermare: "Ci prepariamo all'impatto" ha commentato un funzionario dell'Alleanza atlantica a Foreign Policy. Un funzionario dell'amministrazione statunitense ha dichiarato, secondo quanto riportato da France 24, che Trump potrebbe considerare l'ipotesi di lasciare la Nato, se gli altri Stati membri non rispetteranno l'impegno ad aumentare il loro contributo annuale all'Alleanza. Infine, Trump tornerà in Italia per il summit del G7 a Taormina, in programma il 26 e 27 maggio. Secondo altre fonti della Casa Bianca, citate dai media statunitensi, Trump potrebbe proporre non solo di riammettere la Russia, tornando al formato del G8, ma anche di aggiungere la Cina. Del G7 fanno parte Stati Uniti, Italia, Francia, Regno Unito, Germania, Canada e Giappone.

Il consigliere per la Sicurezza nazionale, il generale H. R. McMaster, ha detto nei giorni scorsi che questo viaggio permetterà a Trump di dimostrare che "la politica dell'America First è pienamente compatibile con la leadership americana nel mondo", compresa "la volontà di usare la forza militare quando necessario, come dimostrato in Siria dopo gli attacchi di Assad con le armi chimiche". La spiegazione di McMaster è che questo presidente "si fa carico del ruolo di leader mondiale quando serve a rafforzare la sicurezza degli americani".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Altri Servizi

Fca punta a soluzione "giusta" del caso emissioni in Usa

Secondo Bloomberg, la Giustizia americana potrebbe fare causa al gruppo questa settimana se i negoziati non portassero a una soluzione. L'azienda: "Sarebbe controproducente". Un'analista: sarebbe uno sviluppo inatteso
AP

Una causa legale ancora non è stata depositata dal governo Usa e, salvo sorprese, non ci sono indicazioni che lo sarà a breve nei confronti di Fiat Chrysler Automobiles. C'è chi interpreta così, ridimensionandole, le indiscrezioni di Bloomberg che ieri hanno provocato un calo del 3,7% del titolo Fca nel dopo mercato a Wall Street, ampliando la flessione registrata nel corso della seduta (-3,11% a 10,59 dollari) in una giornata per altro in cui la Commissione europea aveva annunciato l'apertura di una procedura di infrazione contro l'Italia per il mancato adempimento degli obblighi derivanti dalla normativa Ue in materia di omologazione dei veicoli. Secondo Bloomberg, il dipartimento di Giustizia Usa già questa settimana potrebbe fare causa al gruppo guidato da Sergio Marchionne se - e solo se - dovessero fallire i negoziati da tempo in corso sulla violazione presunta delle leggi americane sulle emissioni. Fca punta a una soluzione "giusta" del caso.

Riparare l’iPhone da sé? Apple è contraria

Il gruppo sta lottando contro una proposta di legge che obbligherebbe i produttori di dispositivi elettronici a rilasciare informazioni utili per la riparazione

Apple non vuole che i suoi consumatori possano essere liberi di aggiustare autonomamente i propri iPhone. Il gruppo tecnologico, così come aziende del calibro di J&J, Toyota e Verizon, stanno unendo le forze in attività di lobby per ostacolare una proposta di legge che le forzerebbe a rendere disponibili le informazioni utili per riparare dispositivi elettronici per conto proprio o con l’aiuto di parti terze.

Apple: dall’iPhone al glucometro senza ago?

Il Ceo Cook visto testare un dispositivo connesso all’Apple Watch. Il target di riferimento: non solo diabetici ma chi vuole essere in salute
iStock

Apple sta forse pensando a mettere piede nel settore della sanità. Il produttore dell’iPhone sembra stia lavorando allo sviluppo di un apparecchio in grado di monitorare i livelli di zucchero nel sangue. L’amministratore delegato Tim Cook è stato avvistato nel quartiere generale del gruppo a Cupertino, California, mentre testava il prototipo di un dispositivo connesso all’Apple Watch e in grado di tenere traccia delle variazioni della glicemia nel sangue a seconda di fattori quali cibo ed esercizio fisico.

Fca deposita richiesta di certificazione emissioni diesel in Usa

Mossa frutto di "collaborazione" tra Epa e Carb, autorità che a gennaio avevano accusato il gruppo di una possibile violazione delle leggi. Il gruppo conta di risolvere così le loro preoccupazioni e di aggiornare software di 104.000 auto finite nel mirino
Fca Us

Fiat Chrysler Automobiles ha fatto un passo concreto verso quella che spera sia una soluzione per archiviare le accuse di violazione delle leggi sulle emissioni avanzate all'inizio dell'anno dall'Agenzia per la protezione ambientale (Epa) e la California Air Resources Board (Carb) americane e riguardanti circa 104.000. Se ci riuscisse, eviterebbe anche una causa da parte del dipartimento di Giustizia, ipotesi che nei due giorni scorsi aveva pesato sul titolo.

Trump parla ai Paesi musulmani: uniamoci contro l'estremismo islamico

Il presidente americano dall'Arabia saudita pronuncia un discorso di speranza e di collaborazione tra gli Stati Uniti e il mondo islamico. Ma chiede maggiore azione per combattere l'estremismo e attacca l'Iran
AP

Donald Trump parla con grande lentezza, scandisce ogni singola parola. E inizia il suo discorso in Arabia Saudita ringraziando il padre di re Salman, Aziz, visto che grazie a lui è iniziato il rapporto di alleanza tra Washington e Riyadh. "Il nostro scopo è quello di creare una coalizione di nazioni che condividono l'obiettivo di fermare l'estremismo e di offrire ai nostri figli un futuro di speranza che faccia onore a Dio ... Ogni volta che un terrorista uccide una persona innocente e invoca il falso nome di Dio, dovrebbe essere un insulto a ogni persona di fede ", ha detto il presidente americano, parlando ai leader dei Paesi a maggioranza musulmana. 

Trump dall'Arabia saudita parla ai musulmani: uniamoci contro il terrorismo

Oggi terrà un discorso sulla religione e sullo sradicamento dello Stato islamico. Ma soprattutto cercherà di dare una nuova immagine a 1,6 miliardi di musulmani, dopo gli attacchi e i commenti razzisti dei mesi scorsi

Il presidente americano Donald Trump nelle prossime ore cercherà di mettere gli Stati Uniti e lui stesso in una nuova posizione con gli 1,6 miliardi di musulmani in tutto il mondo che hanno dovuto ascoltare nel corso della campagna elettorale e poi durante la presidenza i commenti islamofobici del presidente. Ma l'obiettivo principale del discorso di oggi dall'Arabia saudita di Trump sarà quello di spingere il mondo musulmano a combattere l'ideologia radicale islamista di gruppi terroristici come l'ISIS, che Trump ha promesso di distruggere. "Il nostro scopo è quello di creare una coalizione di nazioni che condividono l'obiettivo di fermare l'estremismo e di offrire ai nostri figli un futuro di speranza che faccia onore a Dio ... Ogni volta che un terrorista uccide una persona innocente e invoca il falso nome di Dio, dovrebbe essere un insulto a ogni persona di fede ", dirà Trump, secondo estratti del suo discorso diffusi dalla Casa Bianca.

Cisco annuncia altri 1.100 esuberi

Il gruppo ha chiuso un trimestre migliore del previsto ma l'outlook sui ricavi ha deluso. Tonfo dell'8% del titolo nel dopo mercato

Cisco Systems ha chiuso il suo terzo trimestre fiscale con utili e ricavi superiori alle stime degli analisti fornendo però un outlook deludente. Inoltre, il gruppo che fornisce soluzioni di rete ha detto che eliminerà altri 1.100 posti di lavoro, che vanno ad aggiungersi ai 5.500 posti già annunciati in un piano di ristrutturazione lo scorso agosto.

Russiagate: i repubblicani si allontanano da Trump

Nonostante non lo facciano ancora in modo esplicito si vedono i primi segnali di tensione. Al centro del malessere il tentativo del presidente di influenzare l'inchiesta sulla Russia

I repubblicani hanno preso ancor più le distanze dal presidente Donald Trump, a causa delle prove sempre più schiaccianti che potrebbe aver cercato di interferire nell'indagine federale sui rapporti tra l'intelligence russa e la sua campagna elettorale nelle elezioni del 2016.

Trump, Opec e Fed: la settimana economica in arrivo

I principali appuntamenti di questa settimana
AP

Nella settimana in arrivo gli investitori guarderanno con la massima attenzione tre eventi: il viaggio del presidente americano in Medio Oriente e in Europa, le minute della Fed di mercoledì e infine l'incontro di giovedì a Vienna tra i Paesi Opec.

I poteri di Mueller, procuratore speciale (ma non indipendente)

Figura più debole del vecchio 'special prosecutor', visto che dipende dal dipartimento di Giustizia. Avrà comunque ampi poteri

La decisione del dipartimento di Giustizia statunitense di affidare all'ex direttore dell'Fbi, Robert Mueller, l'incarico di indagare sui possibili legami tra lo staff del presidente Donald Trump e la Russia è senza dubbio una vittoria per i democratici, un nuovo (grosso) problema per la Casa Bianca e un chiaro segnale che lo scandalo che ha rallentato l'amministrazione non farà altro che ampliarsi nelle prossime settimane. Non è solo la decisione di incaricare un procuratore speciale a preoccupare la Casa Bianca, ma è anche l'uomo scelto per assumere l'incarico: Mueller ha guidato l'Fbi dal 2001 al 2013, è una figura considerata al di sopra delle parti ed è, anche, un grande amico di James Comey, il direttore del Federal Bureau licenziato la scorsa settimana da Trump.