Europa e Medio Oriente, il primo viaggio di Trump da presidente

Otto giorni tra Arabia Saudita, Israele e Cisgiordania, Vaticano, Belgio e Italia. I summit di Nato e G7 chiuderanno l'impegnativo tour

I suoi cinque predecessori avevano scelto, come primo viaggio all'estero, un breve passaggio in un Paese vicino, come il Canada o il Messico. Anche su questo, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha dimostrato di voler essere diverso, preferendo un fitto programma in otto giorni, tra Europa e Medio Oriente, durante i quali toccherà argomenti  di primaria importanza per Washington. 

Oggi, il presidente settantenne, il più anziano a insediarsi alla Casa Bianca, partirà per un viaggio tra Arabia Saudita, Israele e Cisgiordania, Vaticano, Belgio e Italia, con incontri bilaterali e summit di Nato e G7, che testerà la resistenza di un'amministrazione già messa alla prova dalle turbolenze create dai presunti legami tra alcuni membri della campagna elettorale del presidente e il Cremlino. "Non c'è mai stato un presidente al primo viaggio internazionale così toccato dagli scandali" ha commentato Larry Sabato, a capo del Center for Politics dell'Università della Virginia, parlando con la Cnbc. "È già un presidente visto con scetticismo da buona parte del mondo".

Testerà, anche, la resistenza fisica del presidente e le sue capacità diplomatiche. "Quello che rende questo viaggio così difficile è che quasi ogni secondo del presidente, ogni passo che farà è oggetto di preparativi molto accurati" ha spiegato Ned Price, portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale durante la presidenza di Barack Obama, all'Afp.

Trump scenderà dall'Air Force One in Arabia Saudita, domani, dopo un lungo viaggio notturno. La culla dell'Islam, sede delle città sante di Mecca e Medina, ospiterà un uomo più volte accusato di islamofobia, anche per il suo divieto d'ingresso negli Stati Uniti per i cittadini di sei Paesi musulmani, per ora bloccato in tribunale. In campagna elettorale, aveva anche dichiarato che le autorità saudite sarebbero state complici degli attentati dell'11 Settembre. Ora, però, Trump condivide con Riad l'opinione che l'Iran, sciita, rappresenti una minaccia per il Medio Oriente e vuole che l'alleato si metta alla guida di un fronte sunnita che stabilizzi la regione e sconfigga l'Isis, anche con l'istituzione di una 'Nato araba', che dovrebbe essere annunciata proprio durante la visita. I sauditi, dopo aver perso fiducia negli Stati Uniti sotto Obama, reo di aver trovato un accordo con l'Iran sul suo programma nucleare, vedono in Trump l'uomo che potrebbe consentire loro di rafforzarsi nella regione e di fare affari miliardari. A proposito di affari, la visita di Trump potrebbe essere l'occasione per annunciare uno dei più ampi accordi della storia per la vendita di armi tra Washington e Riad, del valore di circa 110 miliardi di dollari in dieci anni, che rappresenterebbe il rinnovato impegno degli Stati Uniti per la sicurezza del golfo Persico.

"L'Arabia Saudita è il custode dei due luoghi più sacri per l'Islam ed è lì che cominceremo a costruire una nuova cooperazione con i nostri alleati musulmani per combattere l'estremismo, il terrorismo e la violenza" ha commentato Trump, annunciando all'inizio del mese il suo viaggio. "Non vogliamo ordinare agli altri come vivere, ma costruire una coalizione di amici e partner che condividono l'obiettivo di combattere il terrorismo e di portare sicurezza, opportunità e stabilità in Medio Oriente" ha aggiunto.

Lasciata l'Arabia Saudita, Trump raggiungerà Israele, dove incontrerà il primo ministro Benjamin Netanyahu. Al centro dei colloqui, ci sarà sicuramente la questione della fonte israeliana 'bruciata' dal presidente, secondo i resoconti della stampa statunitense sulle informazioni top secret che il presidente ha condiviso con il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, e l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergey Kislyak. Sarà l'occasione anche per parlare ancora del riconoscimento di Gerusalemme come capitale d'Israele e dello spostamento dell'ambasciata da Tel Aviv, promessi da Trump in campagna elettorale; durante questo viaggio, però, non è atteso l'annuncio, perché il riconoscimento di Gerusalemme capitale creerebbe non pochi problemi alla possibilità di riaprire i negoziati di pace tra israeliani e palestinesi, come auspicato dalla nuova amministrazione statunitense. Trump, favorevole alla soluzione a due Stati, incontrerà il leader palestinese Abu Mazen a Betlemme, in Cisgiordania.

Il tour 'spirituale' si concluderà in Vaticano, dove incontrerà papa Francesco, il 24 maggio. Il rapporto 'a distanza' tra i due non è stato finora dei migliori. Al contrario di Trump, che ha firmato due ordini esecutivi - bloccati in tribunale - per fermare l'arrivo negli Stati Uniti dei rifugiati e dei cittadini di alcuni Paesi islamici e si oppone all'accordo di Parigi sul clima, papa Francesco è un grande sostenitore delle politiche di accoglienza degli immigrati ed è a favore della difesa dell'ambiente. Il Papa ha anche visitato il confine tra Stati Uniti e Messico durante le primarie dello scorso anno: un gesto in qualche modo 'di sfida' nei confronti di Trump, che prometteva (e promette) di completare la costruzione del muro tra i due Paesi.

"Una persona che pensa solo a fare muri e non ponti, non è cristiana" aveva detto Jorge Maria Bergoglio, lo scorso anno. Trump, sentitosi tirato in causa, aveva risposto che è "vergognoso" che un leader religioso come il pontefice metta in discussione la fede di un'altra persona, aggiungendo: "Se il Vaticano fosse attaccato dall'Isis, posso assicurarvi che il Papa non potrebbe che pregare per avere Donald Trump come presidente". Poi, aveva ricalibrato le parole: "Il Papa è un uomo fantastico, non mi piace scontrarmi con lui [...] nutro un grande rispetto, ha una forte personalità. Sta facendo un buon lavoro. Penso che gli siano state date informazioni sbagliate. Certo non è stata una bella cosa da dire perché noi dobbiamo avere una frontiera. Al momento non ne abbiamo una. Dobbiamo costruire un muro e lo faremo. Abbiamo bisogno di sicurezza. È quello che chiedono i cittadini". A Roma, Trump incontrerà anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Il viaggio di Trump proseguirà a Bruxelles, dove il 25 parteciperà al vertice della Nato, l'alleanza da lui più volte criticata, soprattutto per l'insufficiente apporto finanziario degli altri Paesi, e definita "obsoleta". "Il presidente - si legge in una nota della Casa Bianca - riaffermerà il nostro forte impegno nella Nato e discuterà i temi cruciali per l'alleanza, soprattutto la condivisione delle responsabilità e il ruolo della Nato nella lotta contro il terrorismo". Alla Nato, non mancano certo le preoccupazioni sull'arrivo di Trump e su quello che potrebbe affermare: "Ci prepariamo all'impatto" ha commentato un funzionario dell'Alleanza atlantica a Foreign Policy. Un funzionario dell'amministrazione statunitense ha dichiarato, secondo quanto riportato da France 24, che Trump potrebbe considerare l'ipotesi di lasciare la Nato, se gli altri Stati membri non rispetteranno l'impegno ad aumentare il loro contributo annuale all'Alleanza. Infine, Trump tornerà in Italia per il summit del G7 a Taormina, in programma il 26 e 27 maggio. Secondo altre fonti della Casa Bianca, citate dai media statunitensi, Trump potrebbe proporre non solo di riammettere la Russia, tornando al formato del G8, ma anche di aggiungere la Cina. Del G7 fanno parte Stati Uniti, Italia, Francia, Regno Unito, Germania, Canada e Giappone.

Il consigliere per la Sicurezza nazionale, il generale H. R. McMaster, ha detto nei giorni scorsi che questo viaggio permetterà a Trump di dimostrare che "la politica dell'America First è pienamente compatibile con la leadership americana nel mondo", compresa "la volontà di usare la forza militare quando necessario, come dimostrato in Siria dopo gli attacchi di Assad con le armi chimiche". La spiegazione di McMaster è che questo presidente "si fa carico del ruolo di leader mondiale quando serve a rafforzare la sicurezza degli americani".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Altri Servizi

I democratici lanciano l'agenda economica per il 2018: "A better deal"

Evocando il "New Deal" di Roosvelt e schernendo Trump, autore di "The Art of the Deal", l'opposizione punta a riconquistare il Congresso nelle elezioni di metà mandato. Con toni populisti

Evocando il "New Deal", una serie di programmi federali voluti dal 32esimo presidente americano Franklin D. Roosevelt per alimentare la ripresa economica dopo la Grande Depressione degli anni '30, i democratici alla Camera e al Senato sperano di unire il partito e di riconquistare gli elettori con una nuova agenda economica all'insegna del motto "A better deal", un affare migliore. Anche di quello rappresentato da Donald Trump, il repubblicano che a sorpresa ha vinto le elezioni presidenziali dello scorso 8 novembre e che si è sempre presentato come il migliore deal-maker sin dai tempi (era il 1987) in cui ha scritto il libro "The Art of the Deal".

La difesa di Kushner: "Nessuna collusione con la Russia. Trump ha vinto grazie a una campagna migliore"

Il genero e assistente del presidente Trump ha parlato davanti alla commissione Intelligence del Senato; poi, ha rilasciato una dichiarazione dalla Casa Bianca
AP

"Donald Trump ha portato un messaggio migliore e ha corso una campagna migliore e più intelligente, ed è per questo che ha vinto". Lo ha detto Jared Kushner, genero e assistente del presidente statunitense, Donald Trump, parlando dalla Casa Bianca dopo la sua testimonianza, a porte chiuse, davanti alla commissione Intelligence del Senato, a proposito dei contatti avuti con funzionari russi durante la campagna elettorale dello scorso anno e durante il periodo di transizione tra l'amministrazione Obama e quella attuale.

Wall Street, giornata di trimestrali

S&P 500 e Nasdaq hanno finito a livelli record
AP

Honeywell: l'aerospazio sostiene i conti, alza le guidance

La conglomerata industriale si difende dal pressing dell'investitore attivista Loeb

La conglomerata industriale Honeywell International ha chiuso il secondo trimestre del 2017 con utili per 1,4 miliardi di dollari o 1,80 dollari per azione, in rialzo del 5,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno; gli analisti si aspettavano profitti per azione di 1,78 dollari. I ricavi sono saliti dell'1% a 10,08 miliardi, anche in questo caso battendo le stime ferme a 9,88 miliardi.

Congresso americano, raggiunto accordo su nuove sanzioni alla Russia. Segnali positivi dalla Casa Bianca

Si profila uno scontro con Trump la cui volontà è invece quella di incrementare le relazioni diplomatiche con Mosca
Ap

Continua il braccio di ferro tra il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e il Congresso americano. Al termine della settimana in cui la nuova amministrazione ha festeggiato i sei mesi di carica, Capitol Hill ha raggiunto un accordo bipartisan che rischia di portare allo scontro definitivo con il tycoon newyorchese.

Simona Ferrari, dalla tv italiana ai documentari a New York: "Qui ci sono molte più opportunità"

Intervista con la regista e video editor di Milano, che ora vive a Brooklyn e lavora ad Harlem

Si potrebbe pensare che i cunicoli sotterranei di Parigi e la montagna El Capitan nel parco Yosemite in California in comune non abbiano niente. Si potrebbe, ma sarebbe un pensiero sbagliato, perché a legare questi due luoghi così diversi c’è una donna italiana di quarantun anni che vive a Brooklyn: Simona Ferrari.

Hyperloop, città e Stati Usa ignari del progetto di Musk

Il fondatore di Tesla ha annunciato un accordo verbale con il governo, ma nessuno ne sa qualcosa. Tra dubbi e speranze, il deputato Castro gli lancia una proposta su Twitter: "Vieni a costruirlo in Texas"
AP

Elon Musk ha stupito il mondo, annunciando di aver ottenuto "l'approvazione verbale del governo" per costruire una linea underground New York-Philadelphia-Baltimora-Washington D.C. da coprire con l'Hyperloop. Con il sistema di trasporto del futuro, alimentato a energia solare, il tragitto dal centro di New York al centro di Washington si farà, aveva scritto il fondatore di Tesla su Twitter, in 29 minuti. Poi, aveva aggiunto che "c'è bisogno ancora di molto lavoro per ricevere l'approvazione formale, ma sono ottimista che succederà rapidamente".

Riforma della sanità: il Senato dà l'ok all'apertura del dibattito

Passato il voto procedurale con 50 senatori repubblicani a favore e due contrari. Trump brinda: un "passo gigante per mettere fine "all'incubo dell'Obamacare"
AP

Dopo sette mesi di discussioni e incontri a porte chiuse il Senato ha deciso di procedere con le discussioni sulla bozza di legge sulla riforma sanitaria, anche se non è ancora chiaro quale documento sarà presentato. Il voto procedurale ha raggiunto la maggioranza di 50 senatori, quella necessaria per aprire il dibattito.

Sanità, giorno decisivo: si vota in Senato per aprire il dibattito

Voto procedurale in dubbio; in caso di vittoria dei repubblicani, non si sa comunque quale testo dovrebbero poi votare i senatori. Semplice abrogazione dell'Obamacare o anche una nuova riforma?
Ap

È in programma oggi, al Senato statunitense, un voto procedurale per aprire il dibattito sulla riforma sanitaria, anche se non si sa su cosa si discuterebbe, poi: solo dopo il voto, nel corso della settimana, si conoscerebbe il testo da prendere in considerazione. A spingere i repubblicani al voto è il presidente Donald Trump, che vuole consegnare un risultato ai suoi elettori, dopo anni di promesse del partito repubblicano per abrogare e sostituire ("repeal and replace") l'Obamacare. L'ora del voto non si conosce, ma il Senato non si riunirà prima di mezzogiorno (le 18 in Italia).

Danni in 110 su 111 cervelli di ex giocatori della Nfl

L'encefalopatia traumatica cronica può essere diagnosticata solo dopo la morte. Si tratta di una malattia neurodegenerativa comune tra gli atleti di alcuni sport, provocata da colpi violenti alla testa; la Nfl ha riconosciuto il problema solo nel 2016
Ap

La dottoressa Ann McKee, una neuropatologa, ha esaminato il cervello di 111 ex giocatori della Nfl, la lega professionistica di football americano, e ha riscontrato l'encefalopatia traumatica cronica (Cte), una malattia neurodegenerativa comune tra gli atleti di alcuni sport, provocata da colpi violenti ricevuti alla testa, in 110 casi; i risultati sono stati pubblicati oggi sul Journal of the American Medical Association, a cui è stato dato risalto dal New York Times (qui, una vecchia inchiesta del quotidiano).