Europa e Medio Oriente, il primo viaggio di Trump da presidente

Otto giorni tra Arabia Saudita, Israele e Cisgiordania, Vaticano, Belgio e Italia. I summit di Nato e G7 chiuderanno l'impegnativo tour

I suoi cinque predecessori avevano scelto, come primo viaggio all'estero, un breve passaggio in un Paese vicino, come il Canada o il Messico. Anche su questo, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha dimostrato di voler essere diverso, preferendo un fitto programma in otto giorni, tra Europa e Medio Oriente, durante i quali toccherà argomenti  di primaria importanza per Washington. 

Oggi, il presidente settantenne, il più anziano a insediarsi alla Casa Bianca, partirà per un viaggio tra Arabia Saudita, Israele e Cisgiordania, Vaticano, Belgio e Italia, con incontri bilaterali e summit di Nato e G7, che testerà la resistenza di un'amministrazione già messa alla prova dalle turbolenze create dai presunti legami tra alcuni membri della campagna elettorale del presidente e il Cremlino. "Non c'è mai stato un presidente al primo viaggio internazionale così toccato dagli scandali" ha commentato Larry Sabato, a capo del Center for Politics dell'Università della Virginia, parlando con la Cnbc. "È già un presidente visto con scetticismo da buona parte del mondo".

Testerà, anche, la resistenza fisica del presidente e le sue capacità diplomatiche. "Quello che rende questo viaggio così difficile è che quasi ogni secondo del presidente, ogni passo che farà è oggetto di preparativi molto accurati" ha spiegato Ned Price, portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale durante la presidenza di Barack Obama, all'Afp.

Trump scenderà dall'Air Force One in Arabia Saudita, domani, dopo un lungo viaggio notturno. La culla dell'Islam, sede delle città sante di Mecca e Medina, ospiterà un uomo più volte accusato di islamofobia, anche per il suo divieto d'ingresso negli Stati Uniti per i cittadini di sei Paesi musulmani, per ora bloccato in tribunale. In campagna elettorale, aveva anche dichiarato che le autorità saudite sarebbero state complici degli attentati dell'11 Settembre. Ora, però, Trump condivide con Riad l'opinione che l'Iran, sciita, rappresenti una minaccia per il Medio Oriente e vuole che l'alleato si metta alla guida di un fronte sunnita che stabilizzi la regione e sconfigga l'Isis, anche con l'istituzione di una 'Nato araba', che dovrebbe essere annunciata proprio durante la visita. I sauditi, dopo aver perso fiducia negli Stati Uniti sotto Obama, reo di aver trovato un accordo con l'Iran sul suo programma nucleare, vedono in Trump l'uomo che potrebbe consentire loro di rafforzarsi nella regione e di fare affari miliardari. A proposito di affari, la visita di Trump potrebbe essere l'occasione per annunciare uno dei più ampi accordi della storia per la vendita di armi tra Washington e Riad, del valore di circa 110 miliardi di dollari in dieci anni, che rappresenterebbe il rinnovato impegno degli Stati Uniti per la sicurezza del golfo Persico.

"L'Arabia Saudita è il custode dei due luoghi più sacri per l'Islam ed è lì che cominceremo a costruire una nuova cooperazione con i nostri alleati musulmani per combattere l'estremismo, il terrorismo e la violenza" ha commentato Trump, annunciando all'inizio del mese il suo viaggio. "Non vogliamo ordinare agli altri come vivere, ma costruire una coalizione di amici e partner che condividono l'obiettivo di combattere il terrorismo e di portare sicurezza, opportunità e stabilità in Medio Oriente" ha aggiunto.

Lasciata l'Arabia Saudita, Trump raggiungerà Israele, dove incontrerà il primo ministro Benjamin Netanyahu. Al centro dei colloqui, ci sarà sicuramente la questione della fonte israeliana 'bruciata' dal presidente, secondo i resoconti della stampa statunitense sulle informazioni top secret che il presidente ha condiviso con il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, e l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergey Kislyak. Sarà l'occasione anche per parlare ancora del riconoscimento di Gerusalemme come capitale d'Israele e dello spostamento dell'ambasciata da Tel Aviv, promessi da Trump in campagna elettorale; durante questo viaggio, però, non è atteso l'annuncio, perché il riconoscimento di Gerusalemme capitale creerebbe non pochi problemi alla possibilità di riaprire i negoziati di pace tra israeliani e palestinesi, come auspicato dalla nuova amministrazione statunitense. Trump, favorevole alla soluzione a due Stati, incontrerà il leader palestinese Abu Mazen a Betlemme, in Cisgiordania.

Il tour 'spirituale' si concluderà in Vaticano, dove incontrerà papa Francesco, il 24 maggio. Il rapporto 'a distanza' tra i due non è stato finora dei migliori. Al contrario di Trump, che ha firmato due ordini esecutivi - bloccati in tribunale - per fermare l'arrivo negli Stati Uniti dei rifugiati e dei cittadini di alcuni Paesi islamici e si oppone all'accordo di Parigi sul clima, papa Francesco è un grande sostenitore delle politiche di accoglienza degli immigrati ed è a favore della difesa dell'ambiente. Il Papa ha anche visitato il confine tra Stati Uniti e Messico durante le primarie dello scorso anno: un gesto in qualche modo 'di sfida' nei confronti di Trump, che prometteva (e promette) di completare la costruzione del muro tra i due Paesi.

"Una persona che pensa solo a fare muri e non ponti, non è cristiana" aveva detto Jorge Maria Bergoglio, lo scorso anno. Trump, sentitosi tirato in causa, aveva risposto che è "vergognoso" che un leader religioso come il pontefice metta in discussione la fede di un'altra persona, aggiungendo: "Se il Vaticano fosse attaccato dall'Isis, posso assicurarvi che il Papa non potrebbe che pregare per avere Donald Trump come presidente". Poi, aveva ricalibrato le parole: "Il Papa è un uomo fantastico, non mi piace scontrarmi con lui [...] nutro un grande rispetto, ha una forte personalità. Sta facendo un buon lavoro. Penso che gli siano state date informazioni sbagliate. Certo non è stata una bella cosa da dire perché noi dobbiamo avere una frontiera. Al momento non ne abbiamo una. Dobbiamo costruire un muro e lo faremo. Abbiamo bisogno di sicurezza. È quello che chiedono i cittadini". A Roma, Trump incontrerà anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Il viaggio di Trump proseguirà a Bruxelles, dove il 25 parteciperà al vertice della Nato, l'alleanza da lui più volte criticata, soprattutto per l'insufficiente apporto finanziario degli altri Paesi, e definita "obsoleta". "Il presidente - si legge in una nota della Casa Bianca - riaffermerà il nostro forte impegno nella Nato e discuterà i temi cruciali per l'alleanza, soprattutto la condivisione delle responsabilità e il ruolo della Nato nella lotta contro il terrorismo". Alla Nato, non mancano certo le preoccupazioni sull'arrivo di Trump e su quello che potrebbe affermare: "Ci prepariamo all'impatto" ha commentato un funzionario dell'Alleanza atlantica a Foreign Policy. Un funzionario dell'amministrazione statunitense ha dichiarato, secondo quanto riportato da France 24, che Trump potrebbe considerare l'ipotesi di lasciare la Nato, se gli altri Stati membri non rispetteranno l'impegno ad aumentare il loro contributo annuale all'Alleanza. Infine, Trump tornerà in Italia per il summit del G7 a Taormina, in programma il 26 e 27 maggio. Secondo altre fonti della Casa Bianca, citate dai media statunitensi, Trump potrebbe proporre non solo di riammettere la Russia, tornando al formato del G8, ma anche di aggiungere la Cina. Del G7 fanno parte Stati Uniti, Italia, Francia, Regno Unito, Germania, Canada e Giappone.

Il consigliere per la Sicurezza nazionale, il generale H. R. McMaster, ha detto nei giorni scorsi che questo viaggio permetterà a Trump di dimostrare che "la politica dell'America First è pienamente compatibile con la leadership americana nel mondo", compresa "la volontà di usare la forza militare quando necessario, come dimostrato in Siria dopo gli attacchi di Assad con le armi chimiche". La spiegazione di McMaster è che questo presidente "si fa carico del ruolo di leader mondiale quando serve a rafforzare la sicurezza degli americani".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Altri Servizi

Wall Street, pesano i contrasti sulla riforma fiscale

Venerdì, chiusa la prima settimana in rosso degli ultimi due mesi
AP

Vetro di Murano e cinture nere: Peter Marino per Venini

Presentata la collezione esclusiva dello storico marchio di vetreria

 Esistono due elementi che possano sembrare più lontani tra loro del vetro di Murano e delle cinture di pelle? Forse no, eppure da questo momento coesistono idealmente, in armonia, in una collezione di vasi creata dall'architetto newyorkese Peter Marino per Venini, storica azienda leader nel settore della vetreria. Presentata al Museum of Arts and Design di Columbus Circle, "Black Belt" è una collezione in edizione limitata che comprende 349 pezzi unici, nati dall'unione tra la sapienza dei vetrai veneziani e la creatività di questo architetto celebre - oltreché per il suo look fatto di pelle nera, cinture e cappello da poliziotto - per aver collaborato con i più grandi brand di moda, disegnando le boutique di stilisti come Calvin Klein, Giorgio Armani, Fendi, Dior, Chanel e Louis Vuitton.

Pace in Medio Oriente, Trump spera nei sauditi

Jared Kushner sta cercando di coinvolgere il principe Mohamed bin Salman; le tensioni con l'Iran potrebbero far saltare tutto, o spingere i sauditi a chiudere il fronte palestinese per concentrarsi su Teheran

Il presidente Donald Trump lo ha definito "l'accordo definitivo" ed è quello a cui sta lavorando da mesi, insieme al piccolo gruppo di consiglieri creato per raggiungere l'obiettivo fallito da tutti: la pace tra israeliani e palestinesi.

Russiagate, Papadopoulos avrebbe mentito per proteggere Trump

Lo rivela una fonte di Abc News. Intanto, ha un nome la "nipote di Putin" (che non lo è) citata dall'ex consigliere in alcune e-email

George Papadopoulos, l'ex consigliere di Donald Trump che si è dichiarato colpevole di aver mentito all'Fbi, avrebbe detto di non aver raccontato la verità sui suoi contatti russi per proteggere l'attuale presidente degli Stati Uniti. A sostenerlo è una fonte di Abc News, che ha dichiarato che Papadopoulos non voleva contraddire la Casa Bianca sui presunti rapporti tra lo staff di Trump ed esponenti del governo russo.

Russiagate, gli ex capi dell'intelligence Usa contro Trump

Il comportamento del presidente "è vergognoso" ha detto Brennan, ex numero uno della Cia. Per Clapper, ex direttore dell'intelligence nazionale, "è sconcertante"
AP

I due maggiori ex capi dell'intelligence statunitense hanno aspramente criticato il presidente Donald Trump, reo di essersi fatto "prendere in giro" dal presidente russo Vladimir Putin sul ruolo del Cremlino nelle interferenze nelle scorse elezioni presidenziali. "Non affrontare direttamente la questione e non dicendo a Putin che noi sappiamo che è responsabile di tutto ciò, significa dare a Putin la possibilità di passarla liscia" ha commentato l'ex direttore della Cia, John Brennan, alla Cnn. "Credo dimostri a Putin che Trump possa essere preso in giro dai leader stranieri che cercano di approfittare delle sue insicurezze, cosa molto, molto preoccupante dal punto di vista della sicurezza nazionale".

Trump crede a Putin, o forse no. "Kim mi chiama vecchio? Io non gli direi mai che è basso e grasso"

Il presidente statunitense ha lasciato il Vietnam ed è arrivato nelle Filippine. Sulle interferenze russe nelle elezioni ha prima detto di credere all'omologo russo, poi di stare con le agenzie d'intelligence Usa, che accusano il Cremlino di ingerenze
AP

Donald Trump crede a Vladimir Putin, o forse no. Il presidente degli Stati Uniti, questa mattina, ha detto di essere "con" le agenzie d'intelligence statunitensi, che hanno affermato che la Russia ha interferito nelle elezioni presidenziali dello scorso anno; interferenze che il presidente russo, Vladimir Putin, ha più volte smentito, anche durante i colloqui con Trump.

Flynn, la Turchia e il piano per consegnare Gulen a Erdogan (legalmente o illegalmente)

Il procuratore speciale Mueller indaga sull'eventuale ruolo dell'ex consigliere di Trump. Il suo avvocato smentisce, l'ambasciata turca a Washington definisce le insinuazioni "ridicole"

L'ambasciata turca a Washington ha definito "ridicole" le insinuazioni secondo le quali la Turchia avrebbe offerto diversi milioni di dollari all'ex consigliere di Trump, Michael Flynn, in cambio della consegna di Fethullah Gulen, il predicatore accusato da Ankara di aver ordito il fallito colpo di Stato dell'estate 2016, che risiede da molti anni in Pennsylvania, da dove guida il movimento conosciuto come Hizmet.

Walt Disney: i conti deludono, annuncia nuova trilogia di Guerre Stellari

Ricavi sotto le stime. Pesa un forte calo della divisione cinematografica; si salva quella dei parchi e dei resort nonostante l'effetto negativo sulle attività in Florida dato dall'uragano Irma. No comment su trattative con 21st Century Fox
AP

Oltre a pubblicare una trimestrale con utili e ricavi deludenti, a mercati Usa ormai chiusi Walt Disney ha dovuto fare i conti con indiscrezioni secondo cui il suo canale sportivo Espn si prepara a un altro round di licenziamenti; stando a Sports Illustrated l'ultima tornata prevedrebbe l'uscita di oltre 100 persone entro il Giorno del Ringraziamento che quest'anno sarà il 23 novembre. Come fatto 24 ore prima da 21st Century Fox, anche Walt Disney non ha voluto commentare voci secondo cui il gruppo avrebbe negoziato l'acquisto di asset del colosso di Rupert Murdoch: "Ho una cattiva notizia: non accettiamo domande su questo argomento", ha detto il Ceo Robert A. Iger durante la call con gli analisti. Il top manager ha però annunciato una nuova trilogia di "Guerre Stellari"; per scriverla e dirigerla ha reclutato Rian Johnson, il regista di "Guerra Stellari: gli ultimi Jedi" in uscita a dicembre. Il gruppo ha detto che verranno introdotti nuovi personaggi "da angoli della galassia che la tradizione di Guerre Stellari non ha mai esplorato".

Scontro sugli immigrati, segretario alla Sicurezza interna Usa si dimetterà

Lo scrive il Washington Post; Duke avrebbe ricevuto pressioni per espellere migliaia di cittadini honduregni, ma lei ha deciso di rimandare la decisione di sei mesi
AP

Elaine Duke, che guida ad interim il dipartimento della Sicurezza interna degli Stati Uniti, sarebbe pronta a dimettersi dopo aver ricevuto, lunedì, le pressioni di John Kelly, capo di gabinetto del presidente Donald Trump, per espellere migliaia di immigrati honduregni. Lo rivela il Washington Post, citando fonti dell'amministrazione.

Trump: Putin è sincero, nessuna interferenza nelle elezioni americane

Sull'Air Force One, il presidente Usa ha parlato con i reporter in viaggio con lui in Asia. La Cia non cambia posizione: Putin è colpevole. E poi tra i due spunta un accordo per la pace in Siria.
AP