Europa e Medio Oriente, il primo viaggio di Trump da presidente

Otto giorni tra Arabia Saudita, Israele e Cisgiordania, Vaticano, Belgio e Italia. I summit di Nato e G7 chiuderanno l'impegnativo tour

I suoi cinque predecessori avevano scelto, come primo viaggio all'estero, un breve passaggio in un Paese vicino, come il Canada o il Messico. Anche su questo, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha dimostrato di voler essere diverso, preferendo un fitto programma in otto giorni, tra Europa e Medio Oriente, durante i quali toccherà argomenti  di primaria importanza per Washington. 

Oggi, il presidente settantenne, il più anziano a insediarsi alla Casa Bianca, partirà per un viaggio tra Arabia Saudita, Israele e Cisgiordania, Vaticano, Belgio e Italia, con incontri bilaterali e summit di Nato e G7, che testerà la resistenza di un'amministrazione già messa alla prova dalle turbolenze create dai presunti legami tra alcuni membri della campagna elettorale del presidente e il Cremlino. "Non c'è mai stato un presidente al primo viaggio internazionale così toccato dagli scandali" ha commentato Larry Sabato, a capo del Center for Politics dell'Università della Virginia, parlando con la Cnbc. "È già un presidente visto con scetticismo da buona parte del mondo".

Testerà, anche, la resistenza fisica del presidente e le sue capacità diplomatiche. "Quello che rende questo viaggio così difficile è che quasi ogni secondo del presidente, ogni passo che farà è oggetto di preparativi molto accurati" ha spiegato Ned Price, portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale durante la presidenza di Barack Obama, all'Afp.

Trump scenderà dall'Air Force One in Arabia Saudita, domani, dopo un lungo viaggio notturno. La culla dell'Islam, sede delle città sante di Mecca e Medina, ospiterà un uomo più volte accusato di islamofobia, anche per il suo divieto d'ingresso negli Stati Uniti per i cittadini di sei Paesi musulmani, per ora bloccato in tribunale. In campagna elettorale, aveva anche dichiarato che le autorità saudite sarebbero state complici degli attentati dell'11 Settembre. Ora, però, Trump condivide con Riad l'opinione che l'Iran, sciita, rappresenti una minaccia per il Medio Oriente e vuole che l'alleato si metta alla guida di un fronte sunnita che stabilizzi la regione e sconfigga l'Isis, anche con l'istituzione di una 'Nato araba', che dovrebbe essere annunciata proprio durante la visita. I sauditi, dopo aver perso fiducia negli Stati Uniti sotto Obama, reo di aver trovato un accordo con l'Iran sul suo programma nucleare, vedono in Trump l'uomo che potrebbe consentire loro di rafforzarsi nella regione e di fare affari miliardari. A proposito di affari, la visita di Trump potrebbe essere l'occasione per annunciare uno dei più ampi accordi della storia per la vendita di armi tra Washington e Riad, del valore di circa 110 miliardi di dollari in dieci anni, che rappresenterebbe il rinnovato impegno degli Stati Uniti per la sicurezza del golfo Persico.

"L'Arabia Saudita è il custode dei due luoghi più sacri per l'Islam ed è lì che cominceremo a costruire una nuova cooperazione con i nostri alleati musulmani per combattere l'estremismo, il terrorismo e la violenza" ha commentato Trump, annunciando all'inizio del mese il suo viaggio. "Non vogliamo ordinare agli altri come vivere, ma costruire una coalizione di amici e partner che condividono l'obiettivo di combattere il terrorismo e di portare sicurezza, opportunità e stabilità in Medio Oriente" ha aggiunto.

Lasciata l'Arabia Saudita, Trump raggiungerà Israele, dove incontrerà il primo ministro Benjamin Netanyahu. Al centro dei colloqui, ci sarà sicuramente la questione della fonte israeliana 'bruciata' dal presidente, secondo i resoconti della stampa statunitense sulle informazioni top secret che il presidente ha condiviso con il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, e l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergey Kislyak. Sarà l'occasione anche per parlare ancora del riconoscimento di Gerusalemme come capitale d'Israele e dello spostamento dell'ambasciata da Tel Aviv, promessi da Trump in campagna elettorale; durante questo viaggio, però, non è atteso l'annuncio, perché il riconoscimento di Gerusalemme capitale creerebbe non pochi problemi alla possibilità di riaprire i negoziati di pace tra israeliani e palestinesi, come auspicato dalla nuova amministrazione statunitense. Trump, favorevole alla soluzione a due Stati, incontrerà il leader palestinese Abu Mazen a Betlemme, in Cisgiordania.

Il tour 'spirituale' si concluderà in Vaticano, dove incontrerà papa Francesco, il 24 maggio. Il rapporto 'a distanza' tra i due non è stato finora dei migliori. Al contrario di Trump, che ha firmato due ordini esecutivi - bloccati in tribunale - per fermare l'arrivo negli Stati Uniti dei rifugiati e dei cittadini di alcuni Paesi islamici e si oppone all'accordo di Parigi sul clima, papa Francesco è un grande sostenitore delle politiche di accoglienza degli immigrati ed è a favore della difesa dell'ambiente. Il Papa ha anche visitato il confine tra Stati Uniti e Messico durante le primarie dello scorso anno: un gesto in qualche modo 'di sfida' nei confronti di Trump, che prometteva (e promette) di completare la costruzione del muro tra i due Paesi.

"Una persona che pensa solo a fare muri e non ponti, non è cristiana" aveva detto Jorge Maria Bergoglio, lo scorso anno. Trump, sentitosi tirato in causa, aveva risposto che è "vergognoso" che un leader religioso come il pontefice metta in discussione la fede di un'altra persona, aggiungendo: "Se il Vaticano fosse attaccato dall'Isis, posso assicurarvi che il Papa non potrebbe che pregare per avere Donald Trump come presidente". Poi, aveva ricalibrato le parole: "Il Papa è un uomo fantastico, non mi piace scontrarmi con lui [...] nutro un grande rispetto, ha una forte personalità. Sta facendo un buon lavoro. Penso che gli siano state date informazioni sbagliate. Certo non è stata una bella cosa da dire perché noi dobbiamo avere una frontiera. Al momento non ne abbiamo una. Dobbiamo costruire un muro e lo faremo. Abbiamo bisogno di sicurezza. È quello che chiedono i cittadini". A Roma, Trump incontrerà anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Il viaggio di Trump proseguirà a Bruxelles, dove il 25 parteciperà al vertice della Nato, l'alleanza da lui più volte criticata, soprattutto per l'insufficiente apporto finanziario degli altri Paesi, e definita "obsoleta". "Il presidente - si legge in una nota della Casa Bianca - riaffermerà il nostro forte impegno nella Nato e discuterà i temi cruciali per l'alleanza, soprattutto la condivisione delle responsabilità e il ruolo della Nato nella lotta contro il terrorismo". Alla Nato, non mancano certo le preoccupazioni sull'arrivo di Trump e su quello che potrebbe affermare: "Ci prepariamo all'impatto" ha commentato un funzionario dell'Alleanza atlantica a Foreign Policy. Un funzionario dell'amministrazione statunitense ha dichiarato, secondo quanto riportato da France 24, che Trump potrebbe considerare l'ipotesi di lasciare la Nato, se gli altri Stati membri non rispetteranno l'impegno ad aumentare il loro contributo annuale all'Alleanza. Infine, Trump tornerà in Italia per il summit del G7 a Taormina, in programma il 26 e 27 maggio. Secondo altre fonti della Casa Bianca, citate dai media statunitensi, Trump potrebbe proporre non solo di riammettere la Russia, tornando al formato del G8, ma anche di aggiungere la Cina. Del G7 fanno parte Stati Uniti, Italia, Francia, Regno Unito, Germania, Canada e Giappone.

Il consigliere per la Sicurezza nazionale, il generale H. R. McMaster, ha detto nei giorni scorsi che questo viaggio permetterà a Trump di dimostrare che "la politica dell'America First è pienamente compatibile con la leadership americana nel mondo", compresa "la volontà di usare la forza militare quando necessario, come dimostrato in Siria dopo gli attacchi di Assad con le armi chimiche". La spiegazione di McMaster è che questo presidente "si fa carico del ruolo di leader mondiale quando serve a rafforzare la sicurezza degli americani".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Altri Servizi

G7: Mustier (Unicredit) a incontro centrato su cybersicurezza finanziaria

Dialogo tra settore pubblico e privato per capire le sfide e definire le soluzioni. Non è emerso un senso di urgenza nonostante i casi in Usa contro Equifax, Sec e Deloitte

Washington - Jean Pierre Mustier, Ceo di Unicredit, ha partecipato nel pomeriggio americano del 12 ottobre a una riunione del G7 che si è occupata anche di cybersicurezza nel settore finanziario. L'amministratore delegato è stato uno dei rappresentanti del settore privato, uno per nazione, che sono stati invitati a partecipare all'incontro organizzato a Washington a margine dei lavori autunnali del Fondo monetario internazionale.

A New York si celebra l'eredità italiana ma Cristoforo Colombo divide

Alcune associazioni italoamericane hanno boicottato l'evento del sindaco Bill de Blasio: non ha difeso le statue dell'esploratore dal destino incerto. Il suo ufficio: la statua non si tocca. L'ambasciatore Varricchio difende il personaggio storico

A New York City sono entrate nel vivo le celebrazioni legate all'eredità italiana nella città. Non senza divisioni. Sono molte le persone e le organizzazioni di italoamericani che ieri sera hanno boicottato l'evento organizzato alla Gracie Mansion, la villa sull'East River in cui vive il sindaco di turno, e che ogni anno segna l'inizio delle feste che dal 1970 culminano il secondo lunedì di ottobre con la parata che coincide con il Columbus Day. E' proprio l'esploratore Cristoforo Colombo la causa di quelle divisioni. Il sindaco di origini italiane Bill de Blasio non ha mai apertamente difeso le statue del personaggio storico, diventato controverso nell'America di Donald Trump. Per gli italoamericani è simbolo delle loro origini, per alcuni addirittura un eroe. Per altri il genovese è visto come un conquistatore che ha iniziato a schiavizzare e uccidere i nativi del Nordamerica.

Trump, primo passo verso l'abrogazione dell'Obamacare: ora meno regole per le polizze assicurative

Il presidente ha firmato un ordine esecutivo, con cui apre la strada a un ritorno a vecchie regole. Ora dopo, annunciato lo stop ai sussidi che hanno permesso alle persone a basso reddito di avere una copertura
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha firmato un ordine esecutivo riguardante la sanità, "per promuovere la scelta e la competizione nell'assistenza sanitaria", con cui riduce gli standard imposti dall'Obamacare alle piccole imprese. Ore dopo la Casa Bianca ha annunciato che il governo non fornirà più sussidi alle compagnie assicurative che hanno permesso a persone a basso reddito di ottenere una copertura medica grazie alla riforma sanitaria di Barack Obama approvata dal Congresso nel 2010.

Gli Usa lasciano l'Unesco: non piace la politica "a favore della Palestina"

Washington lamenta un sentimento anti-israeliano dell'agenzia delle Nazioni Unite, a cui aveva già tagliato i fondi nel 2011

Gli Stati Uniti lasceranno l'Unesco alla fine del 2018, dopo aver ripetutamente criticato le risoluzioni dell'agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di educazione, scienza e cultura, che Washington considera contro Israele. Gli Stati Uniti avevano smesso di finanziare l'Unesco dopo la sua decisione di includere la Palestina come membro nel 2011, pur decidendo di mantenere il proprio ufficio nel quartier generale di Parigi per cercare di continuare ad avere un peso politico sulle decisioni.

Las Vegas: il killer sparò a una guardia prima di iniziare la strage

Le forze dell'ordine cambiano la tempistica della notte della tragedia. Escluso un secondo omicida
AP

Stephen Paddock, l'autore della peggiore sparatoria nella storia moderna Usa, ha sparato a una guardia sei minuti prima di aprire il fuoco sulla folla riunitasi il primo ottobre scorso a Las Vegas per un concerto. La guardia stava reagendo a un allarme scattato e che segnalava che una porta era rimasta aperta sullo stesso piano dell'albergo dove si trovava la stanza di Paddock. Lo ha spiegato in conferenza stampa lo sceriffo Joseph Lombardo. E' lui ad avere fornito una nuova tempistica di quella serata tragica nella quale si esclude ancora il coinvolgimento di un secondo killer così come un legame con organizzazioni terroristiche internazionali.

La battaglia per difendere Colombo è appena iniziata a New York

Il comitato "Giù le mani da Colombo" vuole proteggere statue e festa
David Guralnick/Detroit News via AP

Nessuno tocchi Cristoforo Colombo: è il grido di battaglia lanciato dall'Italy America Chamber of Commerce (Iacc) di New York, la più antica camera di commercio al mondo, insieme a Guido George Lombardi, presidente del Premio Eccellenza Italiana e amico di Donald Trump. Nel giorno dell'anniversario dello sbarco dell'esploratore genovese a San Salvador (avvenuto il 12 ottobre 1492), è stata organizzata la prima conferenza stampa di "Giù le mani da Colombo", il comitato nato in difesa di una figura controversa ma che storicamente è stata simbolo degli italiani.

Tesoro propone regole meno severe per mercati, possibile stimolo a crescita

E' quanto emerge dal rapporto pubblicato dal dipartimento al Tesoro, nel quale sono contenute le raccomandazioni richiesta dall'ordine esecutivo firmato dal presidente Donald Trump lo scorso febbraio.
AP

L'amministrazione Trump punta rendere meno severa la regolamentazione finanziaria, ammorbidendo i requisiti patrimoniali e di governance aziendale previsti dalla Dodd-Frank Act, la riforma della finanza varata dall'allora presidente Barack Obama nel 2010 in risposta alla crisi finanziaria. E' quanto emerge dal rapporto pubblicato dal dipartimento al Tesoro, nel quale sono contenute le raccomandazioni richiesta dall'ordine esecutivo firmato dal presidente Donald Trump lo scorso febbraio.

Regling (Esm) difende gli sforzi dell'Italia sugli Npl: da primavera -15%

Nel nostro Paese, situazione debitoria gestibile. Europa meglio posizionata per una crisi. Sistema bancario "più sicuro e meglio capitalizzato"
AP

Washington - Dopo Carlo Cottarelli, anche Klaus Regling, direttore del Meccanismo europeo di stabilità, riconosce i passi avanti fatti dall'Italia nel ridurre lo stock di non performing loan (Npl) nel suo sistema bancario. E si dice convinto che il nostro Paese possa gestire il suo debito anche se questo "dipende da chi c'è in carica". Parlando di Europa, condivide il pressing del Fondo monetario internazionale affinché si riduca il livello "alto" di crediti deteriorati ma difende i passi avanti fatti su questo e altri fronti e che hanno reso il sistema bancario e la Regione "più forti" e meglio posizionati per affrontare una crisi.

JPMorgan batte stime su utile e fatturato, ma giro d'affari da trading delude

Nei tre mesi a settembre, la banca newyorkese, maggiore negli Stati Uniti per asset, ha riportato profitti netti per 6,732 miliardi di dollari, 1,76 dollari per azione, in rialzo del 7%. Il giro d'affari gestito è aumentato del 3% a 26,2 miliardi.
AP

JPMorgan Chase, primo tra i colossi bancari americani a pubblicare i conti del terzo trimestre, ha battuto le previsioni degli analisti su utile e fatturato. A fare da traino è stato il miglioramento del credito, che ha bilanciato i risultati deboli delle attività di trading.