Ex olimpionica Usa di ginnastica contro la federazione: "Ha cercato di coprire gli abusi del medico della nazionale"

McKayla Maroney ha denunciato due mesi fa le violenze del dottore, aderendo al movimento #MeToo. Lo scorso anno, ha firmato un accordo di non divulgazione nell'ambito di un risarcimento per le cure psicologiche

La federazione statunitense di ginnastica avrebbe cercato di impedire all'ex campionessa olimpica di ginnastica artistica, McKayla Maroney, di accusare pubblicamente di abusi sessuali l'ex medico della nazionale, Larry Nassar. Lo riportano diversi media statunitensi, tra cui la Nbc, che citano una causa intentata dall'ex sportiva in un tribunale della California, in cui si accusa la federazione di aver cercato di mettere a tacere tutte le vittime e di impedire le indagini delle forze dell'ordine.

La federazione, infatti, avrebbe fatto firmare a Maroney un accordo di non divulgazione come parte di un risarcimento per pagare la sua terapia psicologica. L'avvocato di Maroney, John Manly, ha definito l'accordo di non divulgazione "ipocrita, immorale e in questo caso illegale". L'accordo sarebbe stato firmato pochi mesi prima delle prime accuse pubbliche contro Nassar, che finora si è dichiarato colpevole di abusi sessuali su dieci ragazze e di possesso di materiale pedopornografico, per cui è stato condannato a 60 anni di prigione.

Due mesi fa, Maroney aveva aderito alla campagna sui social network #MeToo, rilanciata dopo lo scandalo sessuale che ha travolto il produttore cinematografico Harvey Weinstein, denunciando di aver subito abusi sessuali da Nassar. Gli abusi sarebbero iniziati quando aveva 13 anni, durante un ritiro della nazionale, e sarebbero andati avanti per diversi anni, fino al termine della carriera. Su Twitter, Maroney - che oggi ha 22 anni - ha scritto che Nassar, accusato di molestie e abusi da almeno 140 ragazze e donne, avrebbe abusato di lei, mascherando le violenze con presunti trattamenti medici. Dopo la sua denuncia pubblica, la federazione l'aveva pubblicamente elogiata per il suo "coraggio".

Dopo Maroney, anche altre due campionesse olimpiche, Aly Raisman e Gabby Douglas, hanno accusato pubblicamente l'ex medico della nazionale; le tre facevano parte delle cosiddette 'Fierce Five', la squadra che ha vinto l'oro ai Giochi di Londra, nel 2012. Nassar è stato il medico della nazionale statunitense di ginnastica artistica per quasi 20 anni.

La federazione lo ha licenziato dopo aver ricevuto una denuncia nell'estate del 2015, aspettando però cinque settimane prima di avvertire l'Fbi. L'intera vicenda è divenuta di dominio pubblico nel dicembre dello scorso anno, grazie a due ex ginnaste e all'inchiesta dell'Indianapolis Star, che mise sotto accusa l'intero sistema, a partire dalla federazione statunitense: mancanza di controlli e cultura del segreto hanno permesso ai predatori sessuali di abusare per anni di centinaia di atlete, di palestra in palestra.

Altri Servizi

In Usa è scattato lo shutdown: cosa è e cosa comporta

Per la prima volta dall'ottobre 2013, il governo federale subisce una paralisi parziale. La Casa Bianca accusa i democratici

Per la prima volta dall'ottobre 2013, quando il presidente era Barack Obama, il governo federale degli Stati Uniti  è protagonista di una paralisi parziale. Per trovare una soluzione c'era tempo fino alla mezzanotte del 19 gennaio 2018 di Washington, le sei del mattino di sabato 20 gennaio in Italia. Come successo oltre quattro anni fa, il cosiddetto "shutdown" ha visto repubblicani e democratici scontrarsi sulla legislazione che andava approvata per continuare a finanziare le attività del governo.

Wall Street ignora il rischio shutdown

Ieri chiusure in calo, ma Dow Jones oltre 26.000 punti
AP

Continua l'esodo in Twitter: il direttore operativo lascia, diventa Ceo di SoFi

Anthony Noto - direttore operativo dal novembre 2016 ma nel gruppo dal 2014 - guiderà società specializzata nei prestiti online il cuo a.d. fu travolto da accuse di molestie

Continua l'esodo in Twitter. Il direttore operativo del sito di microblogging ha dato le sue dimissioni per accettare l'incarico - effettivo dal primo marzo - di amministratore delegato di Social Finance, azienda specializzata nei prestiti online il cui Ceo lo scorso anno fu costretto ad andarse per via di accuse di molestie. Si tratta di Anthony Noto, entrato in Twitter nel luglio 2014 come direttore finanziario e dal novembre 2016 a capo di attività che comprendono la generazione delle vendite dell'azienda.

Fine dello shutdown, democratici contro Schumer: "Battaglia persa in partenza"

Critiche al leader della minoranza in Senato per la gestione dello scontro con i repubblicani, che non ha portato alcun risultato
AP

Se non era chiaro a chi convenisse lo shutdown, nell'anno delle elezioni di metà mandato negli Stati Uniti, sembra invece evidente, ora, il vero sconfitto: Charles Schumer, il leader democratico in Senato. Molti suoi colleghi criticano la gestione dello scontro con i repubblicani: prima ha fatto chiudere le attività del governo per tre giorni, poi ha ceduto di fronte a minime concessioni del leader della maggioranza, Mitch McConnell, dando il via libera al finanziamento delle attività federali fino all'8 febbraio.

Donald Trump continua la sua battaglia commerciale contro la Cina. Questa volta l'amministrazione del presidente Usa ha posto nuovi dazi per proteggere la produzione americana di pannelli solari e di lavatrici: inizia così un 2018 di azioni dure, soprattutto contro la Cina e contro il suo potere di penetrazione nei mercati internazionali.

La politica estera di Trump nel primo anno di presidenza

I pochi cambiamenti che il presidente ha fatto in politica estera sono fortemente improntati sulla sua agenda di America First. Ma ci sono anche tante promesse non rispettate e minacce via Twitter con non porteranno mai a nulla di concreto
AP

Donald Trump si è presentato alle elezioni del 2016 promettendo di cancellare la politica estera di Barack Obama, ridando agli Stati Uniti un ruolo di primaria importanza nel mondo. Dopo un anno di presidenza, Trump non ha portato a termine molte delle sue promesse e in molti casi ha mantenuto le scelte fatte dal suo predecessore, nonostante le abbia fortemente criticate su Twitter o in occasioni pubbliche. Tra gli annunci non portati a termine ci sono l'uscita dalla NATO e dal NAFTA, il muro lungo il confine con il Messico e i rapporti con la Russia, che Trump aveva promesso di aumentare e migliorare rispetto a Obama.

Per gli Usa, il primo pericolo sono Russia e Cina. Terrorismo in secondo piano

Presentata la nuova strategia di difesa nazionale dal capo del Pentagono, James Mattis. Dal documento è stato cancellato il pericolo portato dal cambiamento climatico
U.S. Department of Defense

Non è più il terrorismo, ma la minaccia portata da Russia e Cina il maggior pericolo per la sicurezza degli Stati Uniti. A sentenziarlo è la nuova strategia di difesa nazionale (Nds) presentata dal Pentagono.

La settimana negli Stati Uniti: shutdown, Davos e gli Oscar

Lo shutdown continua, sempre che lunedì il Senato non trovi un accordo. Trump dovrebbe andare a Davos, in Svizzera, dove parlerà venerdì. Martedì invece ci sono le nomination degli Oscar
AP

Donald Trump ha appena superato il primo anno di presidenza degli Stati Uniti e i regali che ha ricevuto sono poco edificanti: da una parte il Paese è entrato nel secondo giorno di shutdown, la paralisi delle attività del governo per mancanza di fondi, dall'altra milioni di donne (e uomini) hanno manifestato contro la sua presidenza, nel corso di un fine settimana di marce. È stato soprattutto lo shutdown a rovinanrgli la festa, visto che ha rimandato il party che sabato avrebbe dovuto tenere a Mar-a-Lago, dove i biglietti, si dice, partissero da 100.000 dollari a coppia.

Amazon apre il negozio senza casse

Da domani a Seattle apre Amazon Go, permette di entrare nel negozio, prendere ciò che vogliamo e uscire senza pagare. Lo fanno in automatico una app del colosso e centinaia di telecamere

Con un anno di ritardo lunedì a Seattle apre Amazon Go, il primo negozio in cui è possibile entrare, prendere i prodotti che vogliamo e uscire senza dover passare da una cassa o dover passare sotto uno scanner il codice a barre del nostro articolo.