Facebook annuncia sforzi per aumentare trasparenza sulle inserzioni pubblicitarie

Facebook

Travolto dalle polemiche per avere ospitato sulla sua piattaforma oltre 3.000 inserzioni pubblicitarie legate alla Russia, viste da 10 milioni di persone e pensate per interferire nelle elezioni presidenziali Usa, Facebook ha annunciato ulteriori sforzi per migliorare la trasparenza. Dopo quelli per lottare contro le fake news, arrivano quelli che chiamano in causa per esempio gli inserzionisti di messaggi politici, forzati a verificare la loro identità. 

In un post, il più grande social network al mondo ha annunciato che dal mese prossimo gli utenti saranno in grado di cliccare su "View Ads" all'interno di una pagina per visualizzare messaggi pubblicitari. Il test inizierà in Canada ed entro l'estate prossima arriverà anche in Usa, in tempo per le elezioni di medio termine in calendario nel novembre 2018.

"Fare test in un mercato ci permette di imparare i modi diversi con cui una popolazione intera usa lo strumento in scala, permettendoci di imparare e mettere in pratica" quanto appreso. Il gruppo ha spiegato che "iniziare in Canada è una scelta naturale visto che questo sforzo si allinea con il nostro lavoro per l'integrità delle elezioni già in corso là".

Facebook ha aggiunto che durante il test iniziale, soltanto le pubblicità attive saranno visualizzabili. Tuttavia, man mano che il test si espande in Usa, l'azienda intende iniziare un archivio di inserzioni legate alle elezioni federali in modo da arrivare a mostrare sia quelle attuali sia quelle vecchie.

Quanto all'identità degli inserzionisti, nel suo post Facebook ha precisato che si inizierà con elezioni federali in Usa e da l" si arriverà anche a quelle in altri Paesi e giurisdizioni. Come parte dell'iter di fornitura di documenti, l'inserzionista di messaggi politici sarà chiamato a fornire per esempio il luogo in cui si trova. Inoltre, la pubblicità dovrà contenere una disclosure, un avvertimento con la dicitura "Paid for by". Quando si clicca su questa espressione, l'utente potrà vedere dettagli su chi c'è dietro la pubblicità stessa. Per lottare contro gli inserzionisti che "proattivamente non svelano chi sono", Facebook ha detto che sta sviluppando strumenti di machine learning per scovarli e chiedere loro di verificare la loro identità.

Intanto rappresentanti di Facebook si preparano a testimoniare mercoledì 1 novembre alla commissione Intelligence del Senato nell'ambito dell'inchiesta sull'interferenza di Mosca nelle elezioni vinte da Donald Trump. C'è un sostegno bipartisan a una legislazione allo studio al Congresso pensata per prendere di mira Facebook, Google e Twitter. John McCain è stato il primo repubblicano a dare il suo appoggio a un disegno di legge che amplierebbe le regole riguardanti inserzioni politiche online e non solo quelle su carta stampata o tv.

Altri Servizi

Wall Street attende i verbali del Fomc

Il Federal Open Market Committee della Federal Reserve pubblica alle 14 (le 20 in Italia) i verbali della riunione degli scorsi 31 ottobre e 1 novembre
AP

HP Enterprise: Meg Whitman non sarà più Ceo, verso le presidenziali 2020?

Nel 2016 sostenne la candidatura di Clinton nonostante sia storicamente una repubblicana. Per ora, esclude categoricamente una discesa in campo

Hewlett Packard Enterprise (HPE) si prepara a cambiare Ceo. Il gruppo che offre servizi IT ha annunciato che Meg Whitman lascerà l'incarico dal febbraio 2018. La donna arrivata nel settembre 2011 al vertice della vecchia HP - che sotto la sua guida si è scorporata in due nel novembre del 2015, la nuova HP (produce pc e stampanti) e appunto HPE - cederà il ruolo all'attuale presidente dell'azienda, il cinquantenne Antonio Neri; da 23 anni nella galassia HP, avrà un salario base di un milione di dollari a cui potrà aggiungere bonus addizionali fino a 1,5 milioni. Whitman resterà nel consiglio di amministrazione del gruppo.

Oscar di Montigny all'America di Trump: sappia dare risposte

L'autore de "Il tempo dei nuovi eroi" vuole fare rete, anche a New York, per ottenere un nuovo possibile mondo, "più buono, più sano, più genuino"
Oscar di Montigny

Dice di non avere inventato nulla di nuovo, ma promuovendo in giro per il mondo il concetto di "giustezza" Oscar di Montigny vuole dare il suo "umile contributo" per alzare il livello di consapevolezza su certi temi. E vuole ispirare affinché gli "eroi" che altro non siamo riscoprano la loro dimensione più intima, ancorata a una innata bontà, per promuovere un'economia basata sul capitale creativo culturale, su trasparenza, gratitudine e responsabilità. E soprattutto sull'amore, che lui definisce "l'atto economico per eccellenza".

Disney: la mente creativa di Pixar si prende sei mesi, commessi "passi falsi"

John Lasseter chiede scusa. Donne costrette a voltare la faccia e a ricorrere a stratagemmi per evitare baci e palpeggiamenti
AP

Le molestie sessuali sembrano essere sempre di più una caratteristica dell'ambieti di lavoro in Usa. Da Hollywood a Capitol Hill passando per la Silicon Valley, un altro uomo è stato travolto dalle polemiche dovuto al suo comportamento inappropriato nei confronti delle donne.

Apple: fornitore Foxconn sfrutta studenti in fabbrica cinese (FT)

Lavorano fino a 11 ore al giorno, oltre il limite previsto dalla legge per i stagisti

Messo sotto pressione dai ritardi nella produzione, per assemblare l'iPhone X in una sua fabbrica in Cina il fornitore taiwanese di Apple (Foxconn) ha arruolato studenti facendo fare loro gli straordinari; si tratta di una mossa illecita in base alle leggi cinesi. Lo scrive il Finacial Times, che ha parlato con sei di quei studenti, parte di un gruppo di 3.000 inviati nello stabilimento dalla loro scuola, la Zhengzhou Urban Rail Transit School.

Hillary Clinton: "Trump è ossessionato da me"

L’ex candidata democratica ha parlato da Little Rock, in Arkansas, dove ha festeggiato il 25esimo anniversario della vittoria presidenziale del marito Bill
Ap

A poco più di un anno dalle elezioni americane che hanno segnato il trionfo di Donald Trump, lo scontro tra lui e Hillary Clinton sembra non essersi ancora placato. L’ultima frecciata arriva dall’ex candidata democratica secondo cui il presidente americano è ossessionato da lei. L’ex segretario di Stato ha parlato durante un forum a Little Rock, in Arkansas, dove è andata a celebrare il 25esimo anniversario della vittoria presidenziale del marito e i 13 anni di vita del centro a lui intitolato.

Hacker contro Uber: rubati dati di 57 milioni di utenti

Per Bloomberg il gruppo avrebbe pagato riscatto da 100.000 dollari per far cancellare i dati ai pirati

Uber è stato colpito da un attacco hacker, in cui sono stati rubati i dati di 57 milioni di utenti in tutto il mondo e di 600.000 autisti. Lo ha comunicato Dara Khosrowshahi, amministratore delegato della società di servizi auto: l'attacco risale alla fine del 2016 e comprende i nomi, le email e i numeri di telefono degli utenti, ma anche le patenti degli autisti.

HP perde quota dopo i conti ma le vendite di PC vanno bene

Deludono gli utili annuali, calati a 2,5 miliardi di dollari. Il gruppo ha alzato le stime per l'esercizio 2018

HP ha chiuso il suo quarto trimestre fiscale con utili in linea alle stime degli analisti e ricavi migliori delle attese. Il titolo del produttore di pc e stampanti ha tuttavia perso vistosamente quota ieri nel dopo mercato, quasi il 6% sulla scia di utili annuali calati.

Molestie sessuali, una conduttrice Usa accusa il senatore democratico Al Franken

Leeann Tweeden: "Mi ha baciata e palpeggiata" nel 2006. L'ex comico e sceneggiatore: "Le chiedo scusa"

Dopo quelle a Roy Moore, candidato repubblicano al Senato, arrivano le prime accuse di molestie sessuali nei confronti di un senatore in carica, il democratico Al Franken. Ad accusarlo è Leeann Tweeden, modella, commentatrice sportiva e conduttrice radiofonica.

Trump e Putin cercano intesa sulla Siria, ma le difficoltà sono molte

L'intesa, ancora alle fasi iniziali, traballa già dopo uno scontro alle Nazioni Unite. Questo getta acqua sul fuoco dell'ottimismo e solleva dubbi in vista delle riunioni internazionali sulla spinosa questione.
AP

Il presidente americano Donald Trump e il suo omologo russo Vladimir Putin sono al lavoro su un accordo sulla Siria, ma la strada appare in salita. L'intesa, ancora alle fasi iniziali, traballa già dopo uno scontro alle Nazioni Unite. Come spiega l'Afp in un'analisi, questo getta acqua sul fuoco dell'ottimismo e solleva dubbi in vista delle riunioni internazionali sulla spinosa questione.