Facebook: bloccati sul nascere 583 milioni di account falsi

Nel primo trimestre, agito contro 837 milioni di casi di spam e 2,5 milioni di incitamento all'odio. Il social network: abbiamo ancora lavoro da fare
Facebook

Per la prima volta, Facebook ha fornito i numeri associati alle sue iniziative volte a combattere contro contenuti controversi. Nel suo primo Community Standards Enforcement Report, il social network ha detto di avere "compiuto azioni" nel primo trimestre del 2018 su 583 milioni di account falsi, chiusi nel giro di qualche minuto dalla loro apertura; di questi, il 98,5% è stato scoperto prima della segnalazione da parte degli utenti.

L'azienda guidata da Mark Zuckerberg ha spiegato in un post sul blog aziendale che la cifra "si aggiunge ai milioni di tentativi di [apertura] di account falsi che preveniamo ogni giorno". Nonostante ciò, "stimiamo che circa il 3-4% degli account attivi su Facebook nel periodo sia ancora falso".

Il numero di casi di spam che hanno spinto il gruppo ad agire tra gennaio e marzo sono stato 837 milioni, quasi interamente individuati senza l'aiuto degli iscritti alla piattaforma. I casi rientranti nella categoria "nudità e sesso" sono stati 21 milioni, quelli relativi alla violenza esplicita sono stati 3,4 milioni e quelli di incitamento all'odio hanno raggiunto i 2,5 milioni (+56% sugli ultimi tre mesi del 2017). In quest'ultimo caso, solo il 38% dei contenuti è stato scovato da Facebook ricorrendo alla sola intelligenza artificiale. Questo dimostra come sia più difficile individuare contenuti di incitamento all'odio prima ancora della loro segnalazione da parte degli iscritti rispetto ad altri tipi di contenuti come la pedopornografia, la propaganda terrorista o lo spam.

Nel post, il vicepresidente della gestione prodotti di Facebook, Guy Rosen, ha citato le dichiarazioni recenti del Ceo per dire che "abbiamo ancora molto lavoro da fare per prevenire gli abusi. In parte ciò è dovuto al fatto che tecnologie come l'intelligenza artificiale, per quanto promettenti, saranno ancora per anni lontane dall'essere efficaci per gran parte di contenuti cattivi". Il top manager ha sottolineato che "una maggiore trasparenza tende a portare a una maggiore responsabilità" e pubblicando dati come quelli nel suo Community Standards Enforcement Report "ci spingerà anche a migliorare più rapidamente".

Rosen ha precisato che si tratta degli stessi dati usati internamente al gruppo per misurare i suoi progressi: "Ora potete giudicare voi stessi i nostri progressi".

I dati forniti oggi da Facebook seguono la prima pubblicazione, avvenuta il 24 aprile scorso, delle linee guida interne per i moderatori di contenuti e l'introduzione di un processo con cui gli utenti insoddisfatti della rimozione di un determinato contenuto possono in pratica fare ricorso. Il tutto segue lo scoppio dello scandalo, a metà marzo, associato a Cambridge Analytica, la ormai defunta società londinese accusata di avere "impropriamente condiviso" i dati di 87 milioni di utenti del social network senza il loro permesso.

Al Nasdaq, il titolo Facebook cede l'1,5% a 183,89 dollari, lontano dai 152 dollari toccati a fine marzo. Nel 2018 ha aggiunto il 4,26% e negli ultimi 12 mesi il 22,5%.

Altri Servizi

Fed: le banche Usa superano il primo round di stress test

35 istituti di credito subirebbero perdite per 578 miliardi di dollari nello scenario più avverso in cui l'azionario crollerebbe del 65%, il tasso di disoccupazione balzerebbe al 10% e i prezzi delle case scenderebbero del 30%

Le 35 principali banche americane a cui fa capo l'80% degli asset di tutti gli istituti di credito attivi in Usa hanno superato il primo round degli stress test che la Federal Reserve conduce ogni anno.

Camera Usa, mancano i voti per approvare la legge sull'immigrazione. Pelosi: "È un compromesso con il diavolo"

Lo ha detto la deputata repubblicana McMorris Rodgers: "Ma stiamo lavorando per riuscirci"
iStock

La proposta di legge 'moderata' del partito repubblicano alla Camera è un accordo "con il diavolo". Lo ha detto la leader della minoranza democratica, Nancy Pelosi, che ha accusato gli avversari politici di promuovere la crudeltà nei confronti dei bambini al confine.

Wall Street, pesano ancora le tensioni commerciali

Il Dow Jones chiude l'ottava seduta in perdita
iStock

Wsj, Trump a Macron al G7: "Tutti i terroristi sono a Parigi"

Il giornale newyorchese svela alcuni dietro le quinte del vertice canadese in cui il presidente americano avrebbe criticato l’operato dei suoi colleghi su diversi temi
©AP

"Caro Emmanuel, dovresti conoscere bene l’argomento (terrorismo ndr) dal momento che tutti i terroristi sono a Parigi". Donald Trump si sarebbe rivolto con queste parole, parlando della sfida dell’occidente al terrorismo, al suo omologo francese, Macron, durante il G7 canadese tenutosi a La Malbaie l’8 e il 9 giugno scorsi. A ricostruire il dietro le quinte è un articolo del Wall Street Journal che cita fonti diplomatiche europee.

New Jersey, sparatoria dopo una lite: 1 morto e 20 feriti

L'episodio è avvenuto al Festival di Trenton. La polizia ha ucciso uno dei due assalitori mentre l’altro è stato arrestato
©AP

Ennesima sparatoria negli Stati Uniti. Questa volta è accaduto a Trenton, in New Jersey, durante l’Art all Night festival, una manifestazione culturale locale, iniziata ieri e in procinto di finire oggi, in cui ci sono mostre d’arte e concerti.

Wall Street, permangono i timori sui rapporti commerciali tra gli Usa e la Cina

Il Dow Jones ha chiuso in negativo le ultime quattro sedute
iStock

Russiagate, Trump contro le indagini: "Il periodo più buio e pericoloso nella storia americana"

Il presidente ancora contro l'ex direttore dell'Fbi, dopo il rapporto dell'ispettore generale del dipartimento di Giustizia sul caso Clinton

Il rapporto dell'ispettore generale del dipartimento di Giustizia statunitense sul 'caso e-mail' di Hillary Clinton "distrugge totalmente" l'ex direttore dell'Fbi, James Comey. A ribadirlo, su Twitter, è stato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, secondo cui questo periodo sarà ricordato come "il più buio e pericoloso nella storia americana!".

Usa: fare shopping online costerà di più. Ecco perché

La Corte Suprema dà ragione al South Dakota: gli Stati possono richiedere ai gruppi retail che non hanno una presenza fisica sul loro territorio di riscuotere e pagare la cosiddetta Sales Tax

Intel: il Ceo Krzanich lascia, ha avuto relazione consensuale con dipendente

Era a.d. dal maggio 2013 e ha trasformato il gruppo in cui entrò nel 1982. Si cerca un successore. Atteso un secondo trimestre record