Facebook: bloccati sul nascere 583 milioni di account falsi

Nel primo trimestre, agito contro 837 milioni di casi di spam e 2,5 milioni di incitamento all'odio. Il social network: abbiamo ancora lavoro da fare
Facebook

Per la prima volta, Facebook ha fornito i numeri associati alle sue iniziative volte a combattere contro contenuti controversi. Nel suo primo Community Standards Enforcement Report, il social network ha detto di avere "compiuto azioni" nel primo trimestre del 2018 su 583 milioni di account falsi, chiusi nel giro di qualche minuto dalla loro apertura; di questi, il 98,5% è stato scoperto prima della segnalazione da parte degli utenti.

L'azienda guidata da Mark Zuckerberg ha spiegato in un post sul blog aziendale che la cifra "si aggiunge ai milioni di tentativi di [apertura] di account falsi che preveniamo ogni giorno". Nonostante ciò, "stimiamo che circa il 3-4% degli account attivi su Facebook nel periodo sia ancora falso".

Il numero di casi di spam che hanno spinto il gruppo ad agire tra gennaio e marzo sono stato 837 milioni, quasi interamente individuati senza l'aiuto degli iscritti alla piattaforma. I casi rientranti nella categoria "nudità e sesso" sono stati 21 milioni, quelli relativi alla violenza esplicita sono stati 3,4 milioni e quelli di incitamento all'odio hanno raggiunto i 2,5 milioni (+56% sugli ultimi tre mesi del 2017). In quest'ultimo caso, solo il 38% dei contenuti è stato scovato da Facebook ricorrendo alla sola intelligenza artificiale. Questo dimostra come sia più difficile individuare contenuti di incitamento all'odio prima ancora della loro segnalazione da parte degli iscritti rispetto ad altri tipi di contenuti come la pedopornografia, la propaganda terrorista o lo spam.

Nel post, il vicepresidente della gestione prodotti di Facebook, Guy Rosen, ha citato le dichiarazioni recenti del Ceo per dire che "abbiamo ancora molto lavoro da fare per prevenire gli abusi. In parte ciò è dovuto al fatto che tecnologie come l'intelligenza artificiale, per quanto promettenti, saranno ancora per anni lontane dall'essere efficaci per gran parte di contenuti cattivi". Il top manager ha sottolineato che "una maggiore trasparenza tende a portare a una maggiore responsabilità" e pubblicando dati come quelli nel suo Community Standards Enforcement Report "ci spingerà anche a migliorare più rapidamente".

Rosen ha precisato che si tratta degli stessi dati usati internamente al gruppo per misurare i suoi progressi: "Ora potete giudicare voi stessi i nostri progressi".

I dati forniti oggi da Facebook seguono la prima pubblicazione, avvenuta il 24 aprile scorso, delle linee guida interne per i moderatori di contenuti e l'introduzione di un processo con cui gli utenti insoddisfatti della rimozione di un determinato contenuto possono in pratica fare ricorso. Il tutto segue lo scoppio dello scandalo, a metà marzo, associato a Cambridge Analytica, la ormai defunta società londinese accusata di avere "impropriamente condiviso" i dati di 87 milioni di utenti del social network senza il loro permesso.

Al Nasdaq, il titolo Facebook cede l'1,5% a 183,89 dollari, lontano dai 152 dollari toccati a fine marzo. Nel 2018 ha aggiunto il 4,26% e negli ultimi 12 mesi il 22,5%.

Altri Servizi

In Europa, il 25 maggio di quest’anno, è divenuto efficace il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati 679/2016, noto come GDPR. La nuova normativa ha dato vita ad una corsa all’adeguamento per la maggior parte delle società europee, e non solo.

La Cina risponde a Trump: al via i dazi sui prodotti Usa

Oggi sono entrati in vigore i dazi reciproci tra Washington e Pechino, che ha deciso di rispondere alle tariffe statunitensi

La guerra commerciale fra Stati Uniti e Cina è ufficialmente iniziata. Pechino ha annunciato di aver cominciato a imporre tariffe doganali di ritorsione sui beni statunitensi dopo l'entrata in vigore dei dazi per 34 miliardi dollari sulle importazioni cinesi voluti dall'amministrazione Trump. Misure già in vigore ma di cui non sono stati forniti dettagli da Pechino. In ogni caso decisioni che avranno conseguenze sull'economia mondiale, secondo David Qu, economista: "Quello che gli Stati Uniti stano facendo avrà conseguenze di lungo termine sul commercio mondiale. La Cina dovrà considerare come sarà il nuovo modello economico in futuro". All'orizzonte, altri mercati capaci di rimpiazzare quello cinese, non se ne vedono. "Io non vedo nessuna economia che può sostituire la Cina a breve termine per sostituire tutte le mancanze che provocherà questo scenario. Quindi gli Usa dovranno acquistare ancora dalla Cina e dunque i dazi faranno male anche a loro".

Nato, Stoltenberg: è interesse degli Usa mantenere un forte legame con gli alleati

"Abbiamo cominciato a fare" quello che ha chiesto Trump

Il presidente statunitense, Donald Trump, incontrerà gli alleati della Nato la prossima settimana, al vertice di Bruxelles dell'11-12 luglio. Al centro delle discussioni ci sarà senza dubbio la spesa insufficiente dedicata alla difesa della maggior parte dei membri della Nato. Trump, da mesi, chiede agli alleati di rispettare l'impegno a dedicare il 2% del Pil alla difesa e si è recentemente lamentato sia al G7 in Canada, sia nelle lettere che ha inviato a giugno ai capi di Stato e di governo.

Wall Street attende le minute della Fed

La Banca centrale, probabilmente, ignorerà le richieste di rallentare il passo dei rialzi dei tassi
iStock

Dazi Usa-Cina, Wall Street preoccupata

Entrate in vigore le tariffe reciproche tra Washington e Pechino
iStock

Più carceri per i migranti, più affari per i sostenitori di Trump

Buone notizie per le società che hanno sostenuto il presidente

La decisione del presidente Donald Trump di creare nuovi centri di detenzione per migranti irregolari negli Stati Uniti darà una notevole spinta agli affari degli operatori di carceri private che hanno sostenuto il capo di Stato. A parlarne è il Wall Street Journal. Il valore delle azioni di CoreCivic e Geo Group, che hanno donato 250.000 dollari ciascuno per le celebrazioni in occasione dell'inaugurazione del mandato di Trump, è notevolmente aumentato lo scorso mese, dopo che l'Immigation and Customs Enforcement (Ice) ha annunciato che potrebbe chiedere 15.000 nuovi letti per le famiglie, dopo che Trump ha imposto, con un ordine esecutivo, che i bambini non siano separati dai genitori, in attesa del procedimento penale nei loro confronti. Dall'inizio dell'anno, il valore delle azioni di Geo è cresciuto del 14%, quello dei titoli di CoreCivic del 4,8 per cento.

Usa 2016, la commissione Intelligence del Senato conferma: Mosca ha interferito in aiuto di Trump

Confermate le conclusioni dei servizi segreti; le indagini vanno avanti per scoprire eventuali collusioni tra il Cremlino e lo staff dell'attuale presidente

La commissione intelligence del Senato statunitense, controllata dei repubblicani, ha pubblicato il rapporto sulle elezioni presidenziali, sostenendo la conclusione di tre agenzie d'intelligence, secondo cui la Russia cercò di aiutare Donald Trump a vincere.

Facebook da record, Zuckerberg diventa la terza persona più ricca del mondo

Superato Buffett: è la prima volta che i tre più ricchi (gli altri sono Bezos e Gates) provengono dal settore tecnologico

Il rialzo del titolo Facebook sul Nasdaq ha consentito al suo amministratore delegato, Mark Zuckerberg, di superare l'investitore Warren Buffett in termini di patrimonio e di diventare la terza persona più ricca del mondo, confermando che il settore tecnologico è il maggior creatore di benessere. Venerd", il titolo ha guadagnato sul Nasdaq il 2,41%, raggiungendo la chiusura record di 203,23 dollari. Il valore delle azioni di Facebook sta aumentando costantemente da giugno, nonostante le pressioni e le polemiche in seguito al cosiddetto scandalo Cambridge Analytica, che alla fine di marzo aveva spinto in ribasso il titolo fino a 152,22 dollari.

Cinque fatti poco conosciuti sul 4 Luglio, giorno dell'Indipendenza statunitense

Dalla reale giornata che andrebbe festeggiata alle curiosità su presidenti e hot dog: ecco quello che nemmeno molti cittadini statunitensi sanno
iStock

Le celebrazioni per il 4 Luglio, cominciate 241 anni fa per il primo anniversario del giorno dell'Indipendenza, si sono evolute nel corso dei decenni: gli statunitensi, per esempio, hanno sostituito la zuppa di tartaruga e gli spari di cannone con hot dog e fuochi d'artificio. Ci sono degli elementi costanti e imprescindibili, che si ripetono ogni anno, come i barbecue e le parate, e ci sono anche cinque fatti relativi al 4 Luglio poco conosciuti agli stessi statunitensi.

Ottimismo a Wall Street, incoraggiata dal rapporto sull'occupazione

Attesa per la scelta del presidente Trump per la Corte Suprema
iStock