Facebook, in arrivo il tasto "non mi piace" ma solo su Messenger

Dovrebbe arrivare sulla piattaforma di messaggistica assieme alle Reactions, anche se per ora è solo in fase di test

Facebook ha finalmente deciso di introdurre il tasto "non mi piace" (Dislike) ma in modo diverso da come molti utenti si sarebbero aspettati. Come riporta TechCrunch sembra infatti che Mark Zuckerberg abbia deciso di introdurre il pollice verso solo su Messenger, la piattaforma di messaggistica del social network.

Il tanto atteso tasto "Dislike" dovrebbe essere inserito in una barra di Reactions, ovvero le emoticon attraverso cui l’utente esprime la propria reazione (già presenti sui post di Facebook). La volontà della società con base a Menlo Park, in California, è quella di consentire ai suoi utenti di rispondere a un messaggio con una "reazione", proprio come accade tutt’oggi nei classici post su Facebook.

Come scrive sempre il sito specializzato in notizie tecnologiche, la "reaction" apparirà di fianco al messaggio ricevuto dal nostro interlocutore così da facilitare soprattutto quelle chat in cui ci sono più utenti e risulta spesso difficile capire a chi si sta risponendo.

Facebook, interpellata da TechCrunch, ha affermato che testa continuamente "modi per rendere Messenger più divertente e coinvolgente", sottolineando che per il momento questa novità è "in fase di test su un numero ristretto di utenti a cui verrà consentito di esprime i loro sentimenti con un emoji piuttosto che con un messaggio".

Sempre secondo quanto dichiarato da Facebook a TechCrunch, in base alle reazioni di questa ristretta cerchia di persone la società deciderà se rendere disponibili questa novità alla totalità degli utenti.

Altri Servizi

Ottimismo a Wall Street, giornata di trimestrali

Attesi i dati di Campbell Soup, Dollar Tree, DSW, Guess, Hewlett Packard Enterprise, HP e Salesforce
AP

Charlie Rose accusato di molestie. Pbs sospende il programma

Lui ammette: sono colpevole e chiede scusa. Le accuse da parte di otto donne sono contenute in un articolo del Washington Post

Lo storico giornalista americano, Charlie Rose, è stato coinvolto in uno scandalo sessuale: almeno otto donne lo hanno sostenuto di essere state molestate dal settantacinquenne. Per questo motivo, Cbs ha deciso di sospenderlo dalla conduzione della trasmissione "CBS This Morning" e da "60 Minutes", a cui contribuisce regolarmente. PBS e Bloomberg Television ha annunciato lo stop alla produzione e alla distribuzione del programma "Charlie Rose" che il 75enne conduce dal 1991.

Molestie sessuali, emergono vecchie accuse contro un deputato democratico

Il caso di John Conyers, secondo la stampa Usa, è un esempio di un meccanismo segreto e perverso che permette ai parlamentari di tenere segrete le accuse di molestie

Il democratico John Conyers, il deputato statunitense che da più tempo siede alla Camera, ha licenziato un'impiegata che, secondo l'accusa, non avrebbe ceduto ai suoi approcci sessuali; poi, ha trovato un accordo con la donna, che aveva denunciato il licenziamento illegittimo. A riportare i fatti, risalenti al 2015, è stato il sito BuzzFeed. Come parte dell'accordo, Conyers non ha ammesso alcuna responsabilità; contattato da BuzzFeed per commentare il fatto, non ha voluto parlare. Conyers, 88 anni, è deputato dal 1965, in rappresentanza del Michigan.

New Orleans, eletto il primo sindaco donna in 300 anni di storia

La democratica LaToya Cantrell ha battuto la rivale Desiree Charbonnet con il 60% dei voti
@LaToyaForNOLA

Una notte elettorale storica quella che si è vissuta a New Orleans, in Louisiana, dove per la prima volta in 300 anni di storia cittadina è stato eletto un sindaco donna. A trionfare, in un ballottaggio tutto al femminile, è stata la democratica LaToya Cantrell che ha battuto la rivale Desiree Charbonnet con il 60% delle preferenze.

Hillary Clinton: "Trump è ossessionato da me"

L’ex candidata democratica ha parlato da Little Rock, in Arkansas, dove ha festeggiato il 25esimo anniversario della vittoria presidenziale del marito Bill
Ap

A poco più di un anno dalle elezioni americane che hanno segnato il trionfo di Donald Trump, lo scontro tra lui e Hillary Clinton sembra non essersi ancora placato. L’ultima frecciata arriva dall’ex candidata democratica secondo cui il presidente americano è ossessionato da lei. L’ex segretario di Stato ha parlato durante un forum a Little Rock, in Arkansas, dove è andata a celebrare il 25esimo anniversario della vittoria presidenziale del marito e i 13 anni di vita del centro a lui intitolato.

Wall Street punta sul rimbalzo

Ieri per il DJIA è stata la peggiore seduta dal 19 ottobre
AP

Apple: fornitore Foxconn sfrutta studenti in fabbrica cinese (FT)

Lavorano fino a 11 ore al giorno, oltre il limite previsto dalla legge per i stagisti

Messo sotto pressione dai ritardi nella produzione, per assemblare l'iPhone X in una sua fabbrica in Cina il fornitore taiwanese di Apple (Foxconn) ha arruolato studenti facendo fare loro gli straordinari; si tratta di una mossa illecita in base alle leggi cinesi. Lo scrive il Finacial Times, che ha parlato con sei di quei studenti, parte di un gruppo di 3.000 inviati nello stabilimento dalla loro scuola, la Zhengzhou Urban Rail Transit School.

L'ex segretario al Tesoro Jacob Lew torna alla finanza

Lavorò nell'amministrazione Obama. Diventa partner della società di private equity Lindsay Goldberg. Avrà un ruolo attivo. Mossa simile a quella del suo precessore Timothy Geithner
United States Government Work

Jack Lew è diventato l'ultimo esempio di chi ha ricoperto incarichi di alto livello dentro il governo Usa e che ha poi deciso di darsi al settore privato. L'ex segretario al Tesoro durante il secondo mandato del presidente americano Barack Obama ha deciso di unirsi alla squadra della società di private equity Lindsay Goldberg nei panni di partner. Lo ha annunciato il gruppo con sede a New York con circa 130 dipendenti e che vanta capitali per 15 miliardi di dollari.

Gli Stati Uniti bloccano la fusione tra At&t e Time Warner

Il dipartimento di Giustizia sostiene che avrebbe eliminato l'innovazione e avrebbe fatto alzare i costi per i consumatori. Adesso i due colossi si preparano a ricorrere. Dubbi sulle pressioni di Trump per vendicarsi con CNN

Il dipartimento di Giustizia americano dice no alla fusione tra At&t e Time Warner, che avrebbe avuto un valore di 85 miliardi di dollari e dato vita a un colosso verticale dei media e delle telecomunicazioni. La decisione delle autorità americane è stata fortemente criticata da At&t, che si prepara a fare ricorso, aprendo una delle più grandi cause antitrust della storia degli Stati Uniti. La decisione raggiunta ieri nel pomeriggio dal dipartimento di Giustizia è stata definita come "inspiegabile" rispetto ai precedenti casi, che in passato non erano stati bloccati.

Trump pagherà di tasca propria spese legali Russiagate. Studia modo per aiutare staff Casa Bianca

Tecnicamente non c'è una legge che vieta al presidente di fare doni al proprio staff, ma nel caso specifico c'è il dubbio che il contributo del presidente finirebbe per influenzare la testimonianza delle persone che lo hanno ricevuto.
AP

Donald Trump pagherà di tasca propria i conti legali collegati all'indagine sul Russiagate, senza usare i fondi della sua campagna elettorale e senza chiedere l'intervento della Republican National Committee. Il presidente americano sta anche studiando un piano per usare fondi personali per aiutare il personale della Casa Bianca, attuale e passato, a coprire le spese legali.