Facebook lancia dispositivi per video-chiamate

Il gruppo si fa strada nell'hardware e sfida Amazon, Google e Apple per conquistare le case dei consumatori

Anche Facebook vuole farsi strada nelle case dei consumatori. Sfidando Amazon, Google e Apple, il gruppo di Menlo Park (California) ha lanciato due speaker dotati di videocamera e microfono pensati per effettuare video-chiamate.

I due dispositivi si chiamano Portal e Portal+ e rappresentano il primo esempio di hardware per Facebook oltre ai visori per la realtà virtuale a marchio Oculus.

Oltre a potere effettuare chiamate dicendo semplicemente "Hey Portal, chiama..." seguito dal nome di un contatto presente sul servizio di chat Messenger (attraverso cui si fa log-in), gli speaker possono trasmettere musica in streaming da Spotify, Pandora e Amazon Music e video da Facebook Watch. Per ora i servizi Apple Music, YouTube, Netflix, Hulu o HBO Now non sono inclusi.

I dispositivi sono dotati di Alexa, cosa che permette a Facebook di sfruttare il successo dell'assistente vocale della galassia Amazon e che è presente sugli speaker concorrenti a marchio Echo. La mossa è giudicata interessante dagli analisti. L'azienda guidata da Mark Zuckerberg sta già permettendo preordini con consegne previste a partire dal mese prossimo.

Portal, con schermo da 10 pollici, costa 199 dollari mentre Portal+, con schermo da 15,6 pollici, costa 349 dollari. Resta da capire come Facebook sarà capace di farsi strada in un mercato che nel 2018 è visto valere 6,7 miliardi di dollari e che dovrebbe arrivare a 23,5 miliardi entro il 2023. Attualmente, calcola Strategy Analytics, Amazon è in testa con una quota di mercato del 34,2% seguita da Google con il 22%.

Resta anche da capire quanto i consumatori si fideranno di Facebook, un gruppo che a marzo fu travolto dallo scandalo legato a Cambridge Analytica e che recentemente ha annunciato un'intrusione di hacker a danno di 50 milioni di account. A tutela della privacy, gli speaker di Facebook sono dotati di un bottone per spegnere videocamera e microfono (lo sono anche le casse Echo) e di una cover per coprire la lente della videocamera. Il titolo Facebook al Nasdaq cede lo 0,6% a 156,4 dollari. Da inizio anno ha perso l'11% e negli ultimi 12 mesi ha ceduto il 9%.

Altri Servizi

Wall Street, restano le tensioni commerciali Usa-Cina

Dati: in programma la fiducia dei consumatori dell'Università del Michigan
AP

Stormy Daniels rinuncia all'ultima causa contro l'ex legale di Trump

La pornostar aveva accusato Micheal Cohen di collusione con il legale che la rappresentava all’epoca dell’accordo da 130mila dollari per il silenzio sui rapporti con il tycooon
Ap

La pornostar Stormy Daniels ha raggiunto un accordo con l'ex legale di Donald Trump, Michael Cohen, ritirando l'ultima delle tre cause avviate dal suo ex legale Michael Avenatti, nell'ambito della presunta relazione avuta nel 2006 con l'attuale presidente degli Stati Uniti. Lo riporta la Cnn che cita i documenti del tribunale.

Bezos vince la battaglia per il dominio ".amazon", America Latina sconfitta

Lo scontro era iniziato nel 2012. La decisione è stata presa dall'Icann, visto che la società di Seattle e i governi non hanno trovato un accordo
AP

Tesla: il ritorno all'utile? Per analisti, è come scalare il Kilimangiaro

Wedbush, a dicembre tra il più ottimista, taglia l'obiettivo di prezzo sotto la media di Wall Street. Il titolo sotto i 200 dollari, prima volta da oltre due anni. Situazione da "codice rosso"
AP

L’Italia dell’High Tech protagonista alla Collision Conference a Toronto

Matteo Picariello, direttore Ice Canada: portiamo 19 aziende, prima presenza in assoluto

Wall Street, si guarda ai rapporti Usa-Cina

Google ha deciso di vietare a Huawei l'aggiornamento di Android
AP

Operazioni sospette di Trump e Kushner, Deutsche Bank ignorò l'allerta antiriciclaggio

Il New York Times: i vertici della banca ignorarono le segnalazioni dei dipendenti nel 2016-2017
AP

Venezuela, Usa al lavoro per tenere fuori Russia e Cuba

Ue e Gruppo di Lima, intanto, lavorano a un negoziato tra Maduro e l'opposizione
AP

Trump vuole graziare dei militari condannati o accusati di crimini di guerra

Lo sostiene il New York Times, secondo cui il presidente vorrebbe i documenti pronti per il Memorial Day (27 maggio)
US Departement of Defence