Facebook avverte: i costi esploderanno per contrastare gli abusi. Ricavi record

Il Ceo Zuckerberg: la redditività ne risentirà ma per lui, "proteggere la nostra comunità è più importante che massimizzare i nostri profitti". Vendite +47% a 10,33 miliardi di dollari. Utili +79% a 4,7 miliardi, sopra le stime

Nonostante un trimestre chiuso per la prima volta nella sua storia con ricavi trimestrali sopra i 10 miliardi di dollari, Facebook ha perso quota nel dopo mercato invertendo rotta rispetto a un rally iniziale alimentato da utili saliti del 79% e un fatturato aumentato del 47% annuo. Gli investitori hanno punito il titolo del social network che, prima attraverso il suo Ceo Mark Zuckerberg e poi il suo direttore finanziario David Wehner, ha lanciato un allarme su un'esplosione dei costi necessari per contrastare le fake news e i tentativi propagandistici come quelli che hanno visto arrivare sulla piattaforma inserzioni legate alla Russia.

"Sono turbato dal fatto che i russi abbiano cercato di usare i nostri strumenti per seminare la sfiducia", ha detto il Ceo aprendo la call con gli analisti: "Quello che hanno fatto è sbagliato e noi non lo accettiamo". I costi dedicati alla sicurezza della piattaforma si aggiungeranno agli investimenti necessari per spingere sui contenuti video e sull'intelligenza artificiale. Tutto ciò andrà a pesare inevitabilmente sulla redditività del gruppo.

Nel giorno in cui Facebook, Twitter e Google si sono presentati al Congresso per testimoniare nell'ambito del Russiagate - l'inchiesta sull'interferenza di Mosca nelle elezioni presidenziali del novembre 2016 - Zuckerberg ha detto in una nota a commento dei conti che "la nostra comunità continua a crescere e le nostre attività continuano ad andare bene". Il fondatore di Facebook ha proseguito: "Nulla di tutto ciò conta se i nostri servizi sono usati in modi che non portano le persone ad avvicinarsi le une alle altre. Siamo seri nel volere prevenire abusi sulle nostre piattaforme. Stiamo investendo così tanto in sicurezza che ciò avrà un impatto sulla nostra redditività". Per lui, "proteggere la nostra comunità è più importante che massimizzare i nostri profitti".

Nella call, il Ceo ha ripetuto quanto un rappresentate legale dell'azienda aveva detto a Capitol Hill in giornata: il numero di dipendenti che lavoreranno sulla sicurezza di Facebook raddoppierà a 20.000 entro fine 2018. "Voglio che gli investitori sentano direttamente da me che la redditività ne risentirà", ha spiegato. Al 30 settembre, i dipendenti di Facebook erano 23.165, già in aumento del 47% su base annuale.

Il direttore finanziario ha fornito i numeri che hanno ulteriormente preoccupato gli investitori: nell'anno fiscale 2018 le spese operative balzeranno rispetto all'esercizio 2017 del 45-60%, un netto aumento dal +35-40% atteso per l'anno fiscale in corso. Questo boom è dovuto a tre fattori: prima di tutto, ha precisato il Cfo, gli investimenti "notevoli in persone e tecnologie per rafforzare il nostro sistema e prevenire gli abusi"; seguono quelli nei video e nelle "iniziative di lungo termine sulla realtà virtuale e aumentata, sull'intelligenza artificiale e sulla connettività". A ciò si aggiungono gli investimenti nelle infrastrutture del gruppo per sostenere la crescita e migliorare i suoi prodotti. Dato che si aspetta una "continua decelerazione del tasso di crescita dei ricavi", Facebook prevede che questi investimenti abbiano un impatto "netto negativo sui margini operativi". Il Cfo Wehner ha spiegato che a sostenere i ricavi da pubblicità sono i "prezzi delle inserzioni", considerati un driver "sempre più importante" e un cambio di rotta rispetto al passato quando a fare da traino era la quantità in aumento delle inserzioni stesse. Lo stesso manager ha aggiunto che le spese per capitale nell'esercizio 2018 raddoppieranno sul 2017 a 7 miliardi di dollari.

Sheryl Sandberg, direttore operativo di Facebook, ha spiegato che il gruppo vanta 6 milioni di "inserzionisti attivi" e che la sua app di condivisione di immagini Instagram ne ha due milioni.

Nei tre mesi chiusi il 30 settembre scorso, il gruppo ha registrato profitti per 4,7 miliardi di dollari, in aumento del 79% rispetto allo stesso periodo del 2016. I profitti per azione diluiti sono cresciuti a 1,59 dollari da 0,90 dollari dell'anno precedente, contro previsioni degli analisti per 1,28 dollari per azione. In quello che per il gruppo di Menlo Park (California) è stato il terzo trimestre fiscale, i ricavi sono aumentati del 47% annuo a 10,33 miliardi di dollari. A fare da traino al fatturato sono stati gli introiti da pubblicità, aumentati del 49% a 10,14 miliardi ossia oltre le stime ferme a 9,84 miliardi di dollari; del totale di questa categoria, quelli generati da dispositivi mobili hanno rappresentato l'88% circa del totale, in aumento dall'84% del periodo luglio-settembre del 2016.

Gli utenti attivi su base giornaliera sono stati in media 1,37 miliardi (+16% annuo). Gli utenti attivi mensilmente hanno raggiunto quota 2,07 miliardi (+16%), segno che il Russiagate non ha fatto venire meno la popolarità del social network più grande al mondo. Anche gli investitori fino ad ora avevano ignorato i problemi di carattere politico di Facebook: dal 5 settembre, il giorno precedente all'annuncio dell'azienda relativo alla scoperta di inserzioni in salsa russa, il titolo è salito del 5%. Ora soci e analisti guardano con preoccupazione al boom dei costi.

Il gruppo a fine ottobre aveva annunciato nuove misure per garantire la trasparenza sulle pubblicità e all'inizio dello stesso mese decise di fornire un contesto agli articoli che compaiono nel tradizionale News Feed per evitare la circolazione di fake news.

In attesa dei conti, arrivati a mercati chiusi, il titolo Facebook aveva terminato la seduta in rialzo dell'1,44% a 182,66 dollari. Nel dopo mercato aveva aggiunto l'1% circa salvo perdere poi l'1,9%. Da inizio anno ha guadagnato quasi il 59% e negli ultimi 12 mesi il 41%.

Altri Servizi

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Trump: "Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non cattiva"

Al via il vertice con Putin a Helsinki. Il presidente russo: "È ora di affrontare i punti dolenti"
Ap

"Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non una cosa cattiva". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante il saluto ufficiale con l'omologo russo, Vladimir Putin, all'interno del palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Il presidente statunitense, che so è congratulato con Putin "per il Mondiale davvero grandioso", ha detto che con il leader russo affronterà la questione nucleare. "Siamo le due più grandi potenze nucleari. Abbiamo il 90% del nucleare e questa è una cosa negativa, non positiva. Spero che potremo fare qualcosa al riguardo" ha aggiunto Trump.

Wall Street, attenzione a trimestrali e a testimonianza Powell

Il numero uno della Fed atteso in Congresso, trimestrali di Goldman Sachs e Johnson & Johnson
iStock

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

Obama celebra Mandela: "Viviamo in tempi strani e incerti. Attenzione all'uomo forte"

L'ex presidente Usa a Johannesburg per i 100 anni dalla nascita del leader per la lotta contro l'apartheid. "La stampa libera sotto attacco"
AP

"Viviamo in tempi strani e incerti. Ogni giorno ci sono titoli preoccupanti". Lo ha detto l'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, parlando alla sedicesima conferenza annuale in ricordo di Nelson Mandela, a 100 anni dalla nascita del Nobel per la Pace e presidente sudafricano. Obama ha poi guardato al passato, rimarcando "le notevoli trasformazioni" avvenute negli ultimi cento anni. "Anche in democrazie come gli Stati Uniti, la segregazione razziale e la sistemica discriminazione erano legge in quasi la metà del Paese e la norma nell'altra metà" ha ricordato Obama, durante l'evento organizzato a Johannesburg.

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.

La settimana americana (ovvero, Trump incontra Putin)

Lunedì sarà il giorno dei giorni. Il presidente americano incontra quello russo. Poi è tutto in discesa, con tantissime trimestrali a Wall Street, la Fed e Facebook al Congresso
AP

Lunedì sarà il giorno più atteso degli ultimi mesi per la politica internazionale. Donald Trump incontra Vladimir Putin a Helsinki, in Finlandia. La Casa Bianca ha detto che i due presidenti discuteranno di Medio Oriente, Ucraina e di interferenze russe nelle elezioni americane del 2016. Uno dei punti fondamentali è l'annessione russa della Crimea, che gli Stati Uniti non hanno riconosciuto e su cui Trump ha lasciato una apertura: "Vedremo". Tra l'arto, il presidente Usa insiste nel voler affrontare parte del colloquio da solo con Putin, cosa che sta preoccupando molto l'amministrazione Usa, visto che Putin è un ex agende del Kgb, con decenni di formazione alle spalle.