Facebook perde utenti giovani: preferiscono Snapchat

E' quanto emerge da uno studio di eMarketer secondo cui nel 2018, il gruppo guidato da Zuckerberg perderà 2 milioni di iscritti al di sotto dei 25 anni, mentre Snapchat ne attrarrà 1,9 milioni intorno a quell'età.

Facebook sta perdendo giovani utenti, che preferiscono Snapchat. E' quanto emerge da uno studio di eMarketer, secondo cui nel 2018 meno della metà dei ragazzi americani tra i 12 e i 17 anni userà il social network più grande al mondo almeno una volta al mese. La società di ricerca sostiene che il gruppo guidato da Mark Zuckerberg quest'anno perderà 2 milioni di utenti con un'età inferiore ai 25 anni, mentre Snapchat ne attrarrà 1,9 milioni intorno a quell'età. Secondo lo stesso studio, Facebook non potrà più contare su Instagram - altro social network della galassia fb - per "adescare" i giovani utenti. (Instragram nel 2018 acquisirà 1,6 milioni di iscritti tra i 12 e i 24 anni).

Uno dei fattori che non agevola le iscrizioni dei giovanissimi al primo social di Zuckerberg è il limiti di età: per poter aprire un proprio profilo bisogna aver compiuto i 13 anni. Un limite che viene quasi sempre aggirato perché sono i genitori dei ragazzi al di sotto di quella fascia di età, ad aprire un primo profilo per conto dei loro figli.

Snapchat recentemente ha aggiornato la propria app, rendendola più semplice da usare e separando le interazioni con gli amici dalle notizie provenienti dai media. La crescita degli utenti che usano Facebook almeno una volta al mese, secondo eMarketer, arriva principalmente dalle persone su di età e non dai giovani. Per l'analista di eMarketer, Debra Aho Williamson, "Snapchat potrebbe registrare una crescita di utenti da parte di una fascia di utenti di età più alta, dal momento che sta ridisegnando la propria piattaforma in modo da renderla più facile da usare". Resta da vedere, ha spiegato l'esperto, se "gli utenti più giovani continueranno a considerare Snapchat attraente se sempre più genitori e nonni lo useranno. Questo è il problema in cui si trova Facebook". Nonostante il calo di popolarità tra i giovani, Facebook è destinato comunque a restare il social network più utilizzato nel 2018, con 169,5 milioni di utenti statunitensi contro gli 86,5 milioni di utenti americani di Snapchat.

E' la seconda volta in meno di sei mesi che eMarketer ha rilevato una crescente perdita di appeal di Facebook. Lo scorso anno, la piattaforma dell'impero Zuckerberg aveva provato a svecchiarsi lanciando una nuova versione dell'app Messenger destinata ai bambini tra i 6 e i 12 anni.

Secondo la scienziata sociale Julie Smith, sentita da Usa Today, i ragazzi usano definire Facebookcome "il social network degli anziani". Secondo lei, "gli adolescenti cercano la gratificazione istantanea, motivo per cui Instagram [parte del gruppo Facebook] e Snapchat funzionano meglio per loro. Le loro menti si muovono velocemente".

Quello che piace agli adolescenti di Snapchat è inoltre la possibilità di comunicare individualmente o in piccoli gruppi perché con il tempo hanno acquisito la consapevolezza che una mossa sbagliata sul social network potrebbe compromettere il loro futuro: come l'iscrizione all'università o la ricerca di un lavoro. L'uso di Snapchat consente loro di rivolgersi a una platea molto più ridotta e a limitare le conseguenze delle proprie (social) azioni. 

 

Altri Servizi

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.

Shutdown: Pelosi blocca il discorso sullo stato dell'unione, Trump pensa a evento "alternativo"

Continua il duello tra la leader della maggioranza democratica al Congresso e il presidente americano
Ap

Il duello a colpi di lettere tra la speaker democratica alla Camera Usa e il presidente americano non sembra terminare. Nancy Pelosi ha nuovamente scritto a Donald Trump spiegando che non autorizzerà il discorso sullo stato dell'unione che lo stesso Trump vuole tenere il prossimo 29 gennaio.

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

Trump riconosce Guaido come leader del Venezuela, sfida a Maduro

"Tutte le opzioni sono sul tavolo" se il regime reagirà con violenze. "Ha i giorni contati". Meglio una "exit pacifica" per consentire nuove elezioni. Caracas taglia le relazioni diplomatiche con Washington
AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha ufficialmente riconosciuto come nuovo presidente ad interim del Venezuela l'attuale presidente dell'Assemblea nazionale e leader dell'opposizione nel Paese, Juan Guaido. E ha lanciato un messaggio al regime di Nicolas Maduro: se reagirà con violenza "tutte le opzioni sono sul tavolo". I suoi giorni sono comunque "contati". Lui ha reagito tagliando le relazioni diplomatiche con Washington, che ha 72 ore di tempo per riportare a casa il suo personale nella nazione.

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Wall Street, rinnovato ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Il presidente Trump valuterebbe la rimozione dei dazi per agevolare i negoziati e calmare i mercati
iStock

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati