Facebook perde utenti giovani: preferiscono Snapchat

E' quanto emerge da uno studio di eMarketer secondo cui nel 2018, il gruppo guidato da Zuckerberg perderà 2 milioni di iscritti al di sotto dei 25 anni, mentre Snapchat ne attrarrà 1,9 milioni intorno a quell'età.

Facebook sta perdendo giovani utenti, che preferiscono Snapchat. E' quanto emerge da uno studio di eMarketer, secondo cui nel 2018 meno della metà dei ragazzi americani tra i 12 e i 17 anni userà il social network più grande al mondo almeno una volta al mese. La società di ricerca sostiene che il gruppo guidato da Mark Zuckerberg quest'anno perderà 2 milioni di utenti con un'età inferiore ai 25 anni, mentre Snapchat ne attrarrà 1,9 milioni intorno a quell'età. Secondo lo stesso studio, Facebook non potrà più contare su Instagram - altro social network della galassia fb - per "adescare" i giovani utenti. (Instragram nel 2018 acquisirà 1,6 milioni di iscritti tra i 12 e i 24 anni).

Uno dei fattori che non agevola le iscrizioni dei giovanissimi al primo social di Zuckerberg è il limiti di età: per poter aprire un proprio profilo bisogna aver compiuto i 13 anni. Un limite che viene quasi sempre aggirato perché sono i genitori dei ragazzi al di sotto di quella fascia di età, ad aprire un primo profilo per conto dei loro figli.

Snapchat recentemente ha aggiornato la propria app, rendendola più semplice da usare e separando le interazioni con gli amici dalle notizie provenienti dai media. La crescita degli utenti che usano Facebook almeno una volta al mese, secondo eMarketer, arriva principalmente dalle persone su di età e non dai giovani. Per l'analista di eMarketer, Debra Aho Williamson, "Snapchat potrebbe registrare una crescita di utenti da parte di una fascia di utenti di età più alta, dal momento che sta ridisegnando la propria piattaforma in modo da renderla più facile da usare". Resta da vedere, ha spiegato l'esperto, se "gli utenti più giovani continueranno a considerare Snapchat attraente se sempre più genitori e nonni lo useranno. Questo è il problema in cui si trova Facebook". Nonostante il calo di popolarità tra i giovani, Facebook è destinato comunque a restare il social network più utilizzato nel 2018, con 169,5 milioni di utenti statunitensi contro gli 86,5 milioni di utenti americani di Snapchat.

E' la seconda volta in meno di sei mesi che eMarketer ha rilevato una crescente perdita di appeal di Facebook. Lo scorso anno, la piattaforma dell'impero Zuckerberg aveva provato a svecchiarsi lanciando una nuova versione dell'app Messenger destinata ai bambini tra i 6 e i 12 anni.

Secondo la scienziata sociale Julie Smith, sentita da Usa Today, i ragazzi usano definire Facebookcome "il social network degli anziani". Secondo lei, "gli adolescenti cercano la gratificazione istantanea, motivo per cui Instagram [parte del gruppo Facebook] e Snapchat funzionano meglio per loro. Le loro menti si muovono velocemente".

Quello che piace agli adolescenti di Snapchat è inoltre la possibilità di comunicare individualmente o in piccoli gruppi perché con il tempo hanno acquisito la consapevolezza che una mossa sbagliata sul social network potrebbe compromettere il loro futuro: come l'iscrizione all'università o la ricerca di un lavoro. L'uso di Snapchat consente loro di rivolgersi a una platea molto più ridotta e a limitare le conseguenze delle proprie (social) azioni. 

 

Altri Servizi

Immigrati, Trump minaccia il veto su un eventuale accordo in Congresso

Lo riporta Axios; il difficile dibattito aperto in Senato. Il presidente non indietreggia dal suo piano con quattro 'pilastri'

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, "metterà il veto su qualsiasi proposta di legge che non presenti le sue sensate riforme sull'immigrazione". Lo ha reso noto un funzionario dell'amministrazione statunitense, parlando con il sito Axios.

Uber fa concessioni per riottenere la licenza a Londra

La City rappresenta il mercato europeo più grande per il gruppo
BigStock

Uber fa promesse al fine di riottenere la licenza per operare a Londra, il suo più grande mercato europeo.

Google: il browser Chrome blocca le pubblicità "intrusive"

L'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - è rendere la navigazione in rete più semplice. Ma i critici insorgono: selezione arbitraria dei contenuti, l'azienda vuole fare solo i suoi interessi

A partire dal 15 febbraio, il browser Chrome di Google - usato da oltre il 59% degli internauti - bloccherà automaticamente alcuni tipi di pubblicità online con l'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - di rendere la navigazione in rete più semplice. Google ha descritto il cambiamento come uno sforzo collettivo del settore per liberare internet da spam e pop-up rendendo invece altre tipologie di pubblicità più attraenti per gli utenti.

Il piano infrastrutturale di Trump

Previsti progetti da 1.500 miliardi di dollari in 10 anni ma il governo federale ce ne mette solo 200 miliardi. L'amministrazione Usa conta su stati, municipalità e privati
iStock

Lo aveva promesso sin dalla notte della sua vittoria elettorale nel novembre 2016. Oltre un anno dopo, il presidente americano Donald Trump ha finalmente presentato un piano per progetti infrastrutturali da 1.500 miliardi di dollari in 10 anni, che rischia però di deludere. Il governo federale è pronto a impegnarsi a investire solo 200 miliardi di dollari. Inoltre, l'iniziativa ha di fronte a sé un futuro incerto al Congresso, che deve trovare i fondi per finanziarla e deve legiferare in materia.

Immobiliare, esperti e costruttori avvisano: "Crisi in arrivo"

Si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili. Le famiglie con un reddito medio-basso spendono proporzionalmente di più per l'affitto

La costruzione di nuove case negli Stati Uniti procede a spron battuto, ma in questa crescita - secondo alcuni esperti del settore immobiliare sentiti da Cnbc - ci sono criticità che prima o poi porteranno a una "profonda crisi". Il problema principale è che si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili, tendenzialmente i più richiesti.

Immigrazione, scontro tra California e amministrazione Trump

Le autorità locali non collaborano nella lotta contro gli irregolari, Washington lancia un'operazione nell'area di Los Angeles: 212 immigrati arrestati
Immigration and Customs Enforcement

Mentre in Senato stanno fallendo tutti i tentativi di arrivare a un accordo che tuteli i Dreamers, gli immigrati senza documenti arrivati da bambini e protetti dal Daca, il programma voluto da Barack Obama e cancellato da Donald Trump, i federali portano avanti le loro operazioni contro l'immigrazione irregolare in California, dove è ormai evidente lo scontro tra Washington e le autorità locali.

Mueller: la Russia ha condotto una guerra informatica contro gli Usa

Lo scopo: favorire Trump e Sanders con migliaia di troll, pubblicità e interferenze nella campagna elettorale. Facebook e Twitter chiudono in rosso a Wall Street
AP

Quello di venerdì è stato il quinto rinvio a giudizio per cittadini o società russe accusate di aver influenzato le elezioni presidenziali americane del 2016. Tuttavia si tratta del primo del procuratore speciale, Robert Mueller, che dal maggio del 2017 sta indagando sul Russiagate e sulle possibili connessioni tra il Cremlino e alcuni membri del comitato elettorale di Donald Trump.

Strage in Florida, l'Fbi: "Avvertiti sul killer, ma non abbiamo agito"

Il Federal Bureau aveva ricevuto una segnalazione da una persona vicina a Cruz sul suo "desiderio di uccidere"

L'Fbi ha ammesso di essere stato avvertito da una persona vicina a Nikolas Cruz della sua intenzione di compiere una strage a scuola e di non aver agito. Secondo la persona che si era rivolta al Federal Bureau, Cruz aveva manifestato "il desiderio di uccidere". Il diciannovenne, due giorni fa, ha ucciso 17 persone nella sua ex scuola.

Il dip.Commercio a Trump: imponiamo dazi e quote su alluminio e acciaio

La Casa Bianca ha tempo fino ad aprile per prendere una decisione

Il dipartimento americano del Commercio consiglia all'amministrazione Trump di imporre dazi pesanti e quote sui produttori stranieri di acciaio e alluminio. Nell'interesse della "sicurezza nazionale", le raccomandazioni prendono di mira i materiali importati negli Stati Uniti. E' quanto emerge da un comunicato diffuso dal ministero guidato da Wilbur Ross, che si è detto "contento di essere i  grado di fornire queste raccomandazioni al presidente". Lui si è detto "impaziente" di conoscere la decisione del leader Usa.