Facebook pronto a collaborare dopo accuse di antitrust Ue

Il gruppo: abbiamo agito in buona fede. Per l'Ue il social network ha fornito dati fuorvianti sulla fusione con WhatsApp

"Rispettiamo il processo avviato dalla Commissione e siamo fiduciosi che dall’analisi completa dei fatti verrà confermato che Facebook ha agito in buona fede. Abbiamo costantemente fornito informazioni precise sulle nostre capacità tecniche e sui nostri piani, incluso le richieste circa l'acquisizione di WhatsApp e briefing proattivi inviati in maniera volontaria prima della introduzione dell’aggiornamento della privacy policy di WhatsApp quest'anno". Lo si legge in una nota diffusa da Facebook in risposta all'accusa rivolta dall'antitrust europeo al colosso californiano secondo cui avrebbe fornito informazioni fuorvianti nel momento della valutazione della fusione con Whatsapp.

"Siamo lieti che la Commissione confermi la sua decisione di autorizzazione (“clearance decision” nel testo originale); noi continueremo a collaborare e condividere informazioni con i funzionari per rispondere alle loro domande", ha continuato Facebook. Secondo la Commissione europea Facebook non avrebbe dato tutti gli elementi necessari per capire i legami tra gli account dei due gruppi. Facebook ha acquistato Whatsapp nel 2014 per 19,3 miliardi di dollari.

La Commissione europea sostiene che il colosso di Mark Zuckerberg abbia violato le regole, fornendo informazioni fuorvianti. L'accusa, se fosse confermata, potrebbe portare facebook a dover pagare una multa fino all'1% del fatturato globale: facendo riferimento al gior d'affari del 2014 è pari a circa 125 milioni di dollari.

Adesso l'Ue si attende che Facebook risponda entro il 31 gennaio, mostrando invece che non ci sono violazioni di alcun genere. In pratica la Commissione aveva chiesto di mostrare se ci fossero state possibilità di collegare i profili Facebook con quelli di Whatsapp. Facebook aveva detto che non c'era la possiblità, anche se la possibilità di collegare i due account c'era già dal 2014, e non solo dal 2016 quando il colosso ha aggiornato le condizioni d'uso e la privacy.

Bruxelles è preoccupata che "Facebook, intenzionalmente o con negligenza, abbia fornito informazioni scritte o fuorvianti alla Commissione, in violazione dei suoi obblighi sotto il regolamento Ue sulle fusioni".

"Le societa' sono obbligate a dare alla Commissione informazioni accurate durante le inchieste sulle fusioni, e devono prendere questo obbligo in modo serio" in quanto "la nostra revisione puntuale ed efficace delle fusioni dipende dall'accuratezza delle informazioni fornite dalle societa' coinvolte", ha avvertito la commissaria Ue alla concorrenza, Margrethe Vestager.

Altri Servizi

L'ex consigliere Flynn ha mentito all'Fbi

Secondo il Washington Post, avrebbe negato di avere discusso di sanzioni con l'ambasciatore russo in Usa prima dell'arrivo di Trump alla Casa Bianca

Michael Flynn, l'ex consigliere per la Sicurezza nazionale dell'amministrazione Trump, avrebbe mentito durante un interrogatorio con gli agenti dell'Fbi.

Iguatemi Group

Valentino raddoppia a San Paolo. E dopo il negozio all'interno dello Shopping Cidade Jardim la maison italiana ha inaugurato il suo secondo store nella città brasiliana nell'Iguatemi Mall São Paulo, il primo shopping center della catena, il primo mai aperto in America Latina e che nel 2016 ha festeggiato il cinquantenario dall'inaugurazione.

A Wall Street torna la cautela

Solo il Dj è riuscito a mettere a segno il sesto record di fila
AP

Sul NyTimes la storia del giudice italiano che separa i figli dai padri mafiosi

Per Roberto Di Bella tagliare i legami tra i figli di famiglie mafiose e i parenti possa dare loro maggiori possibilità di avere una vita normale.

La storia di Roberto Di Bella, magistrato italiano di 53 anni, impegnato nella lotta alla mafia e dal settembre 2012 presidente del tribunale per i minorenni di Reggio Calabria, è finita sul New York Times. Il quotidiano, che lo ha intervistato, racconta la convinzione del giudice che tagliare i legami tra i figli di famiglie mafiose e i genitori possa dare loro maggiori possibilità di avere una vita normale.

Tarullo lascia la Fed mentre Trump smantella la riforma finanziaria

E' l'uomo che ha creato un nuovo framework volto a garantire la sicurezza e la tenuta del sistema finanziario Usa. La sua uscita spiana la strada alla nomina di un amico delle banche

Mentre il governo repubblicano di Donald Trump si prepara ad allentare la riforma finanziaria adottata negli Stati Uniti dopo la crisi del 2008, uno dei suoi creatori ha deciso di lasciare il Board della Federal Reserve guidata da Janet Yellen. Si tratta di Daniel K. Tarullo. Dal 5 aprile prossimo non farà più parte dell'organo che governa la banca centrale americana e in cui era entrato nel 28 gennaio 2009, quando fu nominato dal 44esimo presidente americano Barack Obama (un democratico). Il suo incarico doveva terminare il 31 gennaio 2022.

Gli Usa fissano le condizioni per una relazione con la Russia

Nel suo primo viaggio all'estero da segretario di Stato, Tillerson chiede il rispetto degli accordi in Ucraina. Il capo del Pentagono Mattis: ancora non pronti per una collaborazione militare. Trump incolpa i media anche su Mosca
Rex Tillerson, segretario di Stato AP

Nuovo attacco di Trump alla stampa: "Sulla Russia sono solo notizie false"

Il presidente americano in una conferenza stampa di un'ora e venti minuti si scaglia contro i giornali. E poi promette un nuovo ordine sull'immigrazione per settimana prossima. Mosca? "Non ho nessun rapporto"

Trump vuole un suo alleato per riformare l'intelligence Usa

Feinberg ha un forte legame con Bannon e Kushner. Le agenzie temono che il presidente voglia ridurre la loro autonomia

Cisco: conti del II trimestre sopra le stime grazie alle soluzioni di sicurezza

Vendite in calo nei servizi di switching e routing.

Trump incontra Netanyahu. "Per la pace in Medio Oriente non serve la soluzione dei due stati"

Il presidente Usa riceve il primo ministro israeliano alla Casa Bianca e per la prima volta dopo anni mette in dubbio la soluzione sostenuta dagli Stati Uniti. Poi assicura: "Faremo un grande accordo di pace"