Facebook: pubblicità russe viste da 10 milioni di persone

Nel giorno in cui le ha consegnate al Congresso Usa, il social network ha spiegato: "possibile" che emergano altre sorprese di "attori cattivi"

Dieci milioni di persone hanno visto le inserzioni pubblicitarie piazzate su Facebook da soggetti legati alla Russia. Molte di loro sembra si siano concentrate "su messaggi politici e sociali che dividono", toccando argomenti che sono spaziati da questioni di razza a quelle riguardanti la comunità LGBT, dall'immigrazione al diritto di possedere armi. Lo ha comunicato il social network ammettendo che è "possibile" che nuove sorprese firmate da "attori cattivi" emergano. Lo ha fatto nel giorno in cui ha consegnato quelle inserzioni agli inquirenti del Congresso americano che stanno indagando sul Russiagate, ossia sulla presunta interferenza di Mosca nelle elezioni presidenziali dello scorso novembre e sulla potenziale collusione tra la campagna di Donald Trump e funzionari russi.

Come spiegato in un blog da Elliot Schrage, vicepresidente delle politiche di comunicazione di Facebook, delle pubblicità viste, il 44% è stato visualizzato prima delle elezioni presidenziali dello scorso 8 novembre; il 56% è stato visto dopo l'appuntamento elettorale. Il 25% del totale non è mai stato mostrato a nessuno. "Per il 50% di queste pubblicità, sono stati spesi meno di tre dollari; per il 99%, meno di mille", ha scritto Schrage.

L'azienda di Menlo Park ha aggiunto che alcuni di quei messaggi pubblicitari sono stati pagati in rubli russi ma "la valuta da sola non è un buon modo di identificare un'attività sospetta perché la maggior parte degli inserzionisti che paga con la moneta russa, come la maggior parte della gente che ha accesso a Facebook dalla Russia, non sta facendo nulla di sbagliato". Facebook continua a "raffinare" il tipo di tecniche usate per identificare il tipo di pubblicità in questione. Il gruppo guidato da Mark Zuckerberg ha detto che non svelerà ulteriori dettagli "perché non vogliamo dare alle persone che si comportano male una roadmap per evitare di essere individuati in futuro". Forse anche per questo Facebook non ha diffuso immagini o esempi delle pubblicità arrivate a Capitol Hill.

Schrage ha fatto notare che inserzioni in violazione delle politiche di Facebook sarebbero state tolte anche se fossero state piazzate sulla piattaforma da soggetti americani impegnati - come nel caso russo - in "un'operazione coordinata e non autentica". Il manager ha tuttavia sottolineato che molte delle pubblicità in questione non hanno violato le politiche attualmente in vigore del social network. Questo significa che se fossero state lanciate da individui "autentici", a prescindere dal luogo in cui si trovavano, sarebbero potute rimanere sulla piattaforma.

Secondo Facebook, "le minacce che stiamo affrontando sono più grandi di una sola azienda o persino di una sola industria". Per questo il gruppo sta lavorando con "molti altri nel settore tecnologico, inclusi Google e Twitter, su una serie di elementi legati all'indagine" in corso. L'idea è che il tipo di interferenza osservata "richiede che tutti lavorino insieme" per condividere informazioni e per giungere alle migliori soluzioni.

Altri Servizi

Bill O'Reilly pagò 32 milioni per fermare denuncia molestie. E Fox gli rinnovò il contratto

Un nuovo caso che coinvolge il super presentatore del network conservatore, il sesto dopo i cinque già noti. I vertici del gruppo sapevano

A gennaio del 2017 il presentatore di Fox, Bill O'Reilly, pagò 32 milioni di dollari per patteggiare una causa di violenza sessuale su una analista del network. Poco dopo il canale conservatore gli rinnovò il contratto per 3 anni pagandolo 25 milioni all'anno, pur sapendo che aveva appena pagato la somma per fermare il processo.

John Kelly e la reputazione corrotta da Donald Trump

Un'altra vittima del presidente americano, che rischia di perdere ogni credibilità. Soprattutto dopo l'enorme bugia raccontata sul conto di una deputata afroamericana del partito democratico
AP

Lavorare per Donald Trump significa fare un sacrificio. Questo assunto è così vero che nei primi mesi di presidenza, sono stati pubblicati diversi articoli per raccontare come Trump facesse fatica a riempire i posti, soprattutto quelli che richiedono competenze e un curriculum di alto livello. Il rischio? Vedere infangata la propria reputazione e non trovare più lavoro in futuro.

Brexit: Blankfein (Goldman) pensa a Francoforte

Il Ceo della banca Usa dice in un tweet che trascorrerà più tempo nella capitale finanziaria tedesca. Messaggio diretto al premier britannico Theresa May?
AP

Con un semplice tweet, il Ceo di Goldman Sachs ha ventilato l'ipotesi di un trasferimento di gran parte delle attività della banca di Wall Street da Londra a Francoforte. Sarebbe l'effetto provocato dalla Brexit.

Trump pubblicherà gli ultimi documenti segreti sulla morte di Kennedy

Lo ha annunciato su Twitter sabato mattina nonostante alcune agenzie federali gli abbiano consigliato di non declassificarli
JFK Library

Fuori dalla Casa Bianca, Bannon è sempre più vicino a Trump

Il Washington Post racconta come l'ex super consigliere del presidente americano si senta costantemente più volte ogni settimana con Trump. Anche se il rischio di uno scontro nelle elezioni di Midterm continua a esserci
AP

Fitch: luci e ombre sull'Italia, ripresa in corso ma rischi politici all'orizzone

L'agenzia lascia il rating a "BBB" con outlook "stabile". Debito pubblico e npl alti. Crescita lenta: nel 2019 il Pil italiano sarà ancora il 4% al di sotto del livello 2007

I favoriti da Trump per il vertice della Fed sembrano Taylor e Powell

Si tratta, rispettivamente, di un economista di Stanford giudicato come un 'falco' e dell'attuale membro del board della banca centrale Usa, visto come una sorta di 'colomba'. Yellen non ancora fuori dai giochi
John Taylor

Trump esulta, ma la strada per la riforma fiscale è ancora lunga

I repubblicani sperano di farcela per la fine dell'anno, ma dovranno superare le divisioni interne
AP

Fed: il Wsj fa il tifo per i falchi, il prossimo governatore sia Taylor o Warsh

In un editoriale, il giornale chiede al presidente Donald Trump una "voce fresca" al vertice della banca centrale Usa
Kevin Warsh AP

Microsoft entra (in ritardo) nel mercato degli speaker per la casa

Il gruppo informatico lo fa con Invoke, quasi tre anni dopo il lancio da parte della rivale Amazon di Echo. Google lo ha fatto un anno e mezzo fa
Microsoft