Facebook punta sulla produzione di video. Cerca professionisti

Mark Zuckerberg scommette su contenuti originali per sfidare Amazon e YouTube. Vuole sfruttare il mercato della pubblicità digitale che sostiene i suoi ricavi
Facebook

Facebook affila le armi per recuperare terreno nei confronti di YouTube e Amazon nel campo dei video. Il social network più grande al mondo vuole arruolare professionisti in grado di produrre una programmazione di alta qualità. E' il segno di come il gruppo guidato da Mark Zuckerberg voglia puntare su contenuti originali.

Anche se la tv resta il mezzo preferito dagli inserzionisti, chiaramente Facebook intende sfruttare la domanda in crescita di pubblicità video pensate per bombardare i consumatori attraverso dispositivi mobili. D'altra parte l'azienda di Menlo Park (California) vuole garantirsi una quantità di inserzioni tali da mantenere solida la crescita dei suoi ricavi: stando al bilancio, quelli da pubblicità nei primi tre mesi del 2017 sono cresciuti del 51% a 7,857 miliardi di dollari; l'85% circa del totale è stato generato su smartphone e tablet.

In questa sfida Facebook è indietro rispetto ad Amazon, che vanta serie originali come "The Man in the High Castle" (storia ambientata in un passato alternativo in cui gli Usa sono stati divisi tra Germania e Giappone, in quel contesto i vincitori della Seconda guerra mondiale). Dal canto suo YouTube, divisione di Google, da un decennio sfrutta video generati dagli utenti e sa bene come negoziare i diritti su film e show di Hollywood. Eppure Zuckerberg vuole mantenere fede a quanto detto a inizio anno: Facebook diventerà prima di tutto un'azienda di video.

Per centrare l'obiettivo sta cercando un "Film Producer" capace di "sviluppare, scrivere, produrre e montare contenuti video condivisibili". Servono almeno otto anni di esperienza nella produzione di video e film, una laurea nel settore e un portafolio da mostrare. Il gruppo vuole arruolare anche un "ingegnere software per film" capace di "integrare filmati di team creativi...per creare nuovi video personalizzati". Questa tipologia di contenuti già esiste ed è inviata ai quasi 2 miliardi di utenti, specialmente intorno ad anniversari. Ora però Facebook vuole portare quei video a un livello superiore. C'è un terzo profilo professionale che Facebook vuole trovare: quello chiamato "Production Lead, Media Partnerships"; in questo caso, l'assunto dovrà "supervisionare il lavoro di altri produttori che lavorano per conto di Facebook e garantire che i progetti siano completati in tempo, rispettando il budget e gli standard tecnici e artistici concordati".

Altri Servizi

Congresso americano, raggiunto accordo su nuove sanzioni alla Russia

Si profila uno scontro con Trump la cui volontà è invece quella di incrementare le relazioni diplomatiche con Mosca
Ap

Continua il braccio di ferro tra il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e il Congresso americano. Al termine della settimana in cui la nuova amministrazione ha festeggiato i sei mesi di carica, Capitol Hill ha raggiunto un accordo bipartisan che rischia di portare allo scontro definitivo con il tycoon newyorchese.

Texas, dramma immigrazione. Trovati otto corpi in un camion

Tra i cadaveri anche quelli di due bambini. I corpi sono stati scoperti in un rimorchio fermo nel parcheggio del grande magazzino Walmart di San Antonio. Delle altre 30 persone, 20 sono in pericolo di vita

Otto persone, tra cui due bambini, sono state trovate morte all’interno del rimorchio di un camion parcheggiato nei pressi di un Walmart di San Antonio in Texas. Il bilancio, per ora provvisorio, di questo dramma dell’immigrazione clandestina conta altre 30 persone, di cui 20 in gravissime condizioni immediatamente trasportate negli ospedali della zona.

Cinema, morto John Heard, il papà di "Mamma ho perso l’aereo"

L’attore 71enne è stato trovato in una stanza d’albergo a Palo Alto, in California

John Heard, attore americano noto soprattutto per aver interpretato il ruolo di Peter McCallister nella serie di film "Mammo ho perso l’aereo", è stato trovato morto in una stanza d’albergo di Palo Alto, in California. Heard, 71 anni, si stava riprendendo da un intervento chirurgico alla schiena al quale si era sottoposto pochi giorni fa allo Stanford University Medical Center, ospedale a pochi chilometri dallo stesso albergo dove è stato trovato.

Simona Ferrari, dalla tv italiana ai documentari a New York: "Qui ci sono molte più opportunità"

Intervista con la regista e video editor di Milano, che ora vive a Brooklyn e lavora ad Harlem

Si potrebbe pensare che i cunicoli sotterranei di Parigi e la montagna El Capitan nel parco Yosemite in California in comune non abbiano niente. Si potrebbe, ma sarebbe un pensiero sbagliato, perché a legare questi due luoghi così diversi c’è una donna italiana di quarantun anni che vive a Brooklyn: Simona Ferrari.

Washington Post: A Mosul l'Isis avrebbe potuto costruire una "bomba sporca"

I jihadisti, dopo la conquista di Mosul, trovarono del materiale radioattivo che non hanno mai usato
iStock

Il giorno che lo Stato islamico ha conquistato Mosul nel 2014, i jihadisti si sono impossessati di uno dei più grandi arsenali mai finiti nelle mani di un gruppo terroristico: numerose basi militari piene di armi, bombe, razzi e carri armati. Eppure questo è nulla rispetto a ciò che i militanti dell’Isis hanno trovato in un deposito dell’Università di Mosul e che avrebbe potuto essere usato per costruire una "bomba sporca". Come riporta il Washington Post in un lungo articolo, i terroristi hanno infatti trovato una grande quantità di cobalto-60, un metallo molto radioattivo usato nelle radioterapie per uccidere le cellule tumorali.

Il primato di Trump: il consenso per un presidente Usa mai così basso nei primi 6 mesi

Il tasso di approvazione per il 45esimo presidente sceso fino al 35 per cento. Obama, Clinton e Ford non hanno mai raggiunto un livello così basso durante la loro permanenza alla Casa Bianca

A sei mesi dal suo insediamento, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha ottenuto un primato davvero poco invidiabile: nessun inquilino della Casa Bianca aveva mai ricevuto un tasso di approvazione basso come il suo, a questo punto del mandato presidenziale. Axios ha messo in risalto anche altri due aspetti che dovrebbero far preoccupare il 45esimo presidente:

Sessions e l'ambasciatore russo parlarono di campagna elettorale e dei rapporti Usa-Russia

Lo scrive il Washington Post, citando intercettazioni d'intelligence basate sul resoconto di Kislyak ai suoi superiori. Trump: "Un'altra illegale fuga di notizie", questa volta sul segretario alla Giustizia, che avrebbe quindi mentito
Ap

L'ambasciatore russo a Washington ha detto ai suoi superiori a Mosca di aver discusso di temi riguardanti la campagna elettorale statunitense, compresi quelli di interesse russo, con Jeff Sessions, allora senatore repubblicano e membro dello staff di Donald Trump, oggi segretario alla Giustizia, nei loro colloqui durante la corsa presidenziale. Il nuovo scoop che fa gridare Trump, ancora una volta, contro le "fughe di notizie illegali", è del Washington Post, che cita fonti dell'ex e dell'attuale amministrazione statunitense.

Il messaggio degli Usa alla Cina: giù le mani dalle nostre aziende

La commissione sugli investimenti stranieri sta rallentando o bloccando vari takeover, preoccupata per gli effetti sulla sicurezza nazionale
AP

Gli Stati Uniti stanno rafforzando i controlli sugli accordi che trasferirebbero la proprietà di aziende nazionali a società cinesi, mettendo in dubbio il buon esito di takeover di alto profilo. La commissione sugli investimenti stranieri negli Stati Uniti (Cfius) avrebbe dichiarato che ci sono ostacoli significativi alla conclusione positiva dell'acquisto di MoneyGram International, società di pagamenti con base a Dallas, da parte di Ant Financial Services Group, controllata dal miliardario cinese Jack Ma, cofondatore di Alibaba Group, per 1,2 miliardi di dollari. A riferirlo sono alcune fonti del Wall Street Journal.

Russiagate, Trump Jr. e Manafort testimonieranno a porte chiuse

Accordo con la commissione Giustizia del Senato per un'udienza non aperta al pubblico. Nei prossimi giorni, anche Kushner atteso in Congresso, sempre in merito alle indagini sulle possibili collusioni con la Russia
AP

Il figlio del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump Jr., e l'ex manager della campagna elettorale, Paul Manafort, hanno raggiunto un accordo con la commissione Giustizia del Senato per testimoniare, la prossima settimana, a porte chiuse, prima di un'eventuale udienza pubblica. La testimonianza verterà sui presunti rapporti tra lo staff di Trump e le autorità russe, su cui sono in corso le indagini, e in particolar modo sull'ormai famoso incontro alla Trump Tower, nel giugno 2016, con alcuni cittadini russi con presunti legami con il Cremlino e l'intelligence russa.

Trump recluta un finanziere come direttore della comunicazione, il portavoce lascia

Il presidente Usa ha voluto Anthony Scaramucci, scelta fortemente criticata da Sean Spicer: un "onore" lavorare per il presidente e questo "Paese fantastico"

C'è tensione alla Casa Bianca, dove il presidente Donald Trump è sempre più frustrato su come il suo team ha gestito l'intensificarsi del Russiagate, l'inchiesta sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali dello scorso novembre e sulla potenziale collusione tra la campagna Trump e funzionari russi. Nel giorno in cui è stata ufficializzata la nomina del nuovo direttore della comunicazione, un altro ex Goldman Sachs, il portavoce dell'amministrazione Trump ha lasciato. Dopo le indiscrezioni di stampa, è stato lo stesso Sean Spicer ha comunicare il suo addio su Twitter.