Facebook punta sulla produzione di video. Cerca professionisti

Mark Zuckerberg scommette su contenuti originali per sfidare Amazon e YouTube. Vuole sfruttare il mercato della pubblicità digitale che sostiene i suoi ricavi
Facebook

Facebook affila le armi per recuperare terreno nei confronti di YouTube e Amazon nel campo dei video. Il social network più grande al mondo vuole arruolare professionisti in grado di produrre una programmazione di alta qualità. E' il segno di come il gruppo guidato da Mark Zuckerberg voglia puntare su contenuti originali.

Anche se la tv resta il mezzo preferito dagli inserzionisti, chiaramente Facebook intende sfruttare la domanda in crescita di pubblicità video pensate per bombardare i consumatori attraverso dispositivi mobili. D'altra parte l'azienda di Menlo Park (California) vuole garantirsi una quantità di inserzioni tali da mantenere solida la crescita dei suoi ricavi: stando al bilancio, quelli da pubblicità nei primi tre mesi del 2017 sono cresciuti del 51% a 7,857 miliardi di dollari; l'85% circa del totale è stato generato su smartphone e tablet.

In questa sfida Facebook è indietro rispetto ad Amazon, che vanta serie originali come "The Man in the High Castle" (storia ambientata in un passato alternativo in cui gli Usa sono stati divisi tra Germania e Giappone, in quel contesto i vincitori della Seconda guerra mondiale). Dal canto suo YouTube, divisione di Google, da un decennio sfrutta video generati dagli utenti e sa bene come negoziare i diritti su film e show di Hollywood. Eppure Zuckerberg vuole mantenere fede a quanto detto a inizio anno: Facebook diventerà prima di tutto un'azienda di video.

Per centrare l'obiettivo sta cercando un "Film Producer" capace di "sviluppare, scrivere, produrre e montare contenuti video condivisibili". Servono almeno otto anni di esperienza nella produzione di video e film, una laurea nel settore e un portafolio da mostrare. Il gruppo vuole arruolare anche un "ingegnere software per film" capace di "integrare filmati di team creativi...per creare nuovi video personalizzati". Questa tipologia di contenuti già esiste ed è inviata ai quasi 2 miliardi di utenti, specialmente intorno ad anniversari. Ora però Facebook vuole portare quei video a un livello superiore. C'è un terzo profilo professionale che Facebook vuole trovare: quello chiamato "Production Lead, Media Partnerships"; in questo caso, l'assunto dovrà "supervisionare il lavoro di altri produttori che lavorano per conto di Facebook e garantire che i progetti siano completati in tempo, rispettando il budget e gli standard tecnici e artistici concordati".

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta agli Spring Meetings dell'Fmi

Tra i dati in programma oggi, le richieste dei sussidi di disoccupazione
iStock

Alcoa si aspetta un deficit nel 2018 di alluminio, su cui l'amministrazione Trump ha imposto dazi. Il gruppo ieri ha fornito una indicazione della conseguente domanda attesa in aumento con la pubblicazione della sua trimestrale.

Amazon: oltre 100 milioni di persone pagano per Prime, oltre le stime

Lo ha svelato il Ceo Bezos nella lettera ai soci. 2017 anno record in termini di vendite di hardware del gruppo come le casse Echo e i tablet Kindle
Amazon

Per la prima volta, il Ceo di Amazon ha fornito un'indicazione numerica del numero di persone che pagano per godere del servizio Prime, che negli Stati Uniti costa 99 dollari l'anno e prevede consegne gratuite illimitate entro due giorni da un ordine oltre a - tra le altre cose - accesso a musica e video.

Dopo avere archiviato l'ultimo trimestre del 2017 in perdita, il primo in rosso in un quarto di secolo, America Express è tornata a generare utili.

La conferma di Pompeo a segretario di Stato Usa a rischio in Senato

Al direttore della Cia servirà il voto di almeno un democratico. La sua visita in Corea del Nord un ulteriore ostacolo verso il voto
Ap

La conferma del direttore della Cia, Mike Pompeo, come nuovo segretario di Stato non è scontata, al Senato statunitense. Nessun democratico ha finora dichiarato di sostenerlo e, con il repubblicano Rand Paul contrario e il collega John McCain tornato in Arizona per portare avanti la sua difficile battaglia contro il cancro, al Grand Old Party servirebbe il voto di un democratico, nel caso gli altri 49 repubblicani in Senato si schierassero con l'uomo scelto dal presidente Donald Trump per prendere il posto di Rex Tillerson.

Trump e Abe uniti sulla Corea del Nord ma non sul commercio

Il presidente americano lascia i dazi su acciaio e alluminio giapponesi e resta contrario alla Tpp, a meno che non gli sia proposto un accordo "che non posso rifiutare". Lui preferisce intese bilaterali
AP

Uniti in favore della denuclearizzazione della Corea del Nord. Divisi, ma in modo apparentemente amichevole, sul commercio. E' terminato così il summit in Florida tra il presidente americano Donald Trump e il premier giapponese Shinzo Abe.

Fmi: Gaspar, ecco come l'Italia deve gestire entrate e spesa pubblica

Ridurre cuneo fiscale e sgravi, alzare l'Iva, riformare il catasto, contenere la spesa pensionistica e migliorare l'efficienza di quella sanitaria

Mentre l'Italia è alle prese con la formazione del prossimo governo, da Washington arrivano suggerimenti su come gestire al meglio i conti pubblici e fare imboccare al debito una strada esclusivamente in discesa. E' il Fondo monetario internazionale a fornire quella che negli Stati Uniti chiamano 'to-do list', la lista delle cose da fare. Ad averla descritta è Vitor Gaspar, direttore del dipartimento degli Affari fiscali dell'istituto guidato da Christine Lagarde.

Le aziende Usa alle Fed: i dazi di Trump preoccupano

Balzo notevole dei prezzi dell'acciaio. Per alcuni le tariffe "stanno uccidendo" aziende e posti di lavoro

Saranno anche "in generale ottimiste" sull'outlook americano, ma le aziende americane sembrano temere l'effetto negativo dato dai dazi che l'amministrazione Trump ha introdotto (su pannelli solari, lavatrici, acciaio e alluminio) o che si prepara a fare scattare su una vasta gamma di prodotti Made in China. E' quanto emerge dal Beige Book della Federal Reserve, in base al quale l'economia statunitense ha continuato a espandersi a un passo tra il "modesto" e il "moderato" tra marzo e l'inizio di aprile.

Trump non ha una strategia in Siria. E il Congresso è diviso su come agire

Lascia aperta la possibilità di un nuovo attacco, ma in realtà i generali sono molto preoccupati per l'assenza di un disegno nella regione
AP

Il presidente americano Donald Trump ha commentato i bombardamenti contro il regime di Bashar al Assad come una "missione compiuta". Nonostante questo ha lasciato aperta la possibilità di nuovi attacchi nelle prossime settimane, se Damasco dovesse continuare a usare armi chimiche.

Fmi lancia allarme: debito globale oltre il record del 2009, Cina fa da capofila

Nelle economie avanzate è ai massimi dalla Seconda guerra mondiale. In quelle emergenti è al top degli anni '80