Facebook respinge le accuse del Nyt sul tentativo di nascondere gli scandali: "Semplicemente false"

Zuckerberg e Sandberg rispondono al quotidiano, secondo cui i due manager avrebbero cercato di non far emergere le prove contro la società, spargendo poi informazioni false su rivali e critici
Facebook

Mark Zuckerberg e Sheryl Sandberg, amministratore delegato e direttrice operativa di Facebook, hanno respinto le accuse lanciate dal New York Times, che in un articolo ha sostenuto che i due manager avrebbero nascosto le prove sul Russiagate e sullo scandalo Cambridge Analytica per non danneggiare la società. Zuckerberg ha detto che l'articolo è "semplicemente falso" e ha difeso Sandberg, affermando che nessuno dei due era a conoscenza della collaborazione con Definers Public Affairs, una società di comunicazione politica di stampo conservatore, che sarebbe stata usata per screditare rivali come Google e Apple e critici di Facebook come il miliardario George Soros. Dopo la pubblicazione dell'articolo del New York Times, Facebook ha rescisso il contratto con Definers.

Sandberg, su Facebook, ha ammesso che la risposta sua e di Zuckerberg alle interferenze russe sul social network, per cercare di influenzare le scorse presidenziali statunitensi, è stata "troppo lenta", ma "è semplicemente falso sostenere che non fossimo interessati alla verità o che volessimo nascondere quello che sapevamo, o che cercassimo di impedire le indagini". Ai loro commenti si è aggiunto anche quello del board di Facebook, secondo cui le accuse sono "esageratemente ingiuste".


L'articolo del Nyt

I massimi dirigenti di Facebook hanno a lungo negato e nascosto le prove sul Russiagate e sullo scandalo Cambridge Analytica. A Menlo Park, sapevano che degli hacker russi stavano usando il social network per cercare di influenzare le elezioni presidenziali statunitensi nel 2016 e conoscevano bene anche gli errori commessi nella gestione della privacy degli utenti. Poi, una volta finiti al centro dello scandalo, hanno lanciato una campagna di lobbying per combattere i critici e screditarli, a partire dal miliardario George Soros, e spostare l'attenzione sulle società tech rivali, su cui hanno fatto uscire articoli negativi.

È il New York Times, con una lunga indagine, ad accusare Sheryl Sandberg e Mark Zuckerberg, rispettivamente direttrice operativa e amministratore delegato di Facebook, che avrebbero prima sottovalutato i problemi, poi cercato di nasconderli. Nell'autunno 2016, per esempio, Zuckerberg dichiarò pubblicamente che era "da pazzi" credere che Facebook avesse avuto un ruolo nell'esito delle elezioni, anche se era a conoscenza delle intrusioni degli hacker russi. Facebook ha accumulato prove per un anno sulle attività degli hacker, prima di condividerle pubblicamente.

Una volta al centro dello scandalo, la strategia di Facebook fu molto semplice: mentre Zuckerberg chiedeva scusa nelle audizioni davanti al Congresso, Sandberg conduceva la campagna per screditare i critici. Tra gli episodi raccontati dal quotidiano, anche gli attriti con altre società della Silicon Valley. Quando l'amministratore delegato di Apple, Tim Cook, disse che la sua società non vende i dati dei suoi clienti, Zuckerberg ordinò al suo team di usare solo telefoni e tablet Android. Tra gli amici di Facebook a Capitol Hill, invece, c'è il senatore Chuck Schumer, appena rieletto leader della minoranza democratica in Senato, che è stato il politico che ha ottenuto più fondi dai manager di Facebook nella campagna elettorale del 2016.

Altri Servizi

Usa: venti gruppi farmaceutici accusati di avere gonfiato i prezzi

Sell-off a Wall Street per Teva e Mylan. Si temono multe e pagamento di danni

Un cartello per gonfiare artificialmente i prezzi di oltre un centinaio di farmaci, con punte del mille per cento. E' questa l'accusa lanciata da 44 stati americani capitanati dal Connecticut contro 20 produttori di farmaci generici che includono la svizzera Novartis e la sua controllata tedesca Sandoz, le statunitensi Pfizer e Mylan e l'israeliana Teva.

L'escalation delle tensioni commerciali Usa-Cina manda a picco Wall Street

DJIA e S&P 500 verso il maggio peggiore da quasi 50 anni. Archiviata la seduta più brutta del 2019 a causa delle ritorsioni di Pechino ai dazi di Washington
AP

Lunedì nero a Wall Street a causa dei timori di una guerra a colpi di dazi tra Stati Uniti e Cina. Già reduci dalla peggiore settimana del 2019, i listini hanno archiviato la peggiore giornata dell'anno in corso. Il Dow Jones Industrial Average e l'S&P 500 stanno vivendo il peggiore maggio dal 1970; per il Nasdaq Composite, è il peggiore maggio dal 2000. Con perdite, nell'ordine del 5,1%, del 4,8% e del 5,7%, gli indici rischiano di chiudere con i cali mensili più ampi dallo scorso dicembre.

Wall Street, pesano le tensioni commerciali

Venerdì, chiusa la peggiore settimana del 2019
AP

Wall Street, si guarda sempre ai rapporti Usa-Cina

Nuove tensioni, dopo l'ordine esecutivo di Trump contro Huawei
AP

Operazioni sospette di Trump e Kushner, Deutsche Bank ignorò l'allerta antiriciclaggio

Il New York Times: i vertici della banca ignorarono le segnalazioni dei dipendenti nel 2016-2017
AP

Venezuela, Usa al lavoro per tenere fuori Russia e Cuba

Ue e Gruppo di Lima, intanto, lavorano a un negoziato tra Maduro e l'opposizione
AP

Trump vuole graziare dei militari condannati o accusati di crimini di guerra

Lo sostiene il New York Times, secondo cui il presidente vorrebbe i documenti pronti per il Memorial Day (27 maggio)
US Departement of Defence

Trump pro vita, ma contro le leggi in Alabama e Missouri

Il presidente su Twitter: "Sono fortemente pro vita, con tre eccezioni: stupro, incesto e per proteggere la vita della madre. La stessa posizione di Ronald Reagan". L'offensiva dei repubblicani punta alla Corte Suprema e a cancellare il diritto all'aborto
ap

Biden lancia ufficialmente la sua campagna con un duro attacco a Trump: "Vomita odio"

L’ex vicepresidente americano, a Philadelphia per il primo grande comizio verso Usa 2020, ha lanciato l'appello all'unità
Ap

Boeing, completato l'aggiornamento del software: i 737 max sono pronti a volare

La ho annunciato la società in una nota in cui ha dichiarato di aver effettuato test su 207 voli, per oltre 360 ore
Ap