Facebook sfida YouTube: nasce la piattaforma video Watch

Un nuovo servizio con piccoli show esclusivi, e partner come la Nasa e l'Nba

Facebook ha lanciato una sfida a YouTube, parte di Google (a sua volta controllata da Alphabet). Il più grande social network al mondo ha presentato un nuovo servizio di contenuti video esclusivi: Watch.

Su questa nuova piattaforma, che per ora sarà disponibile solo negli Usa in una sezione della home page del sito, i partner di Facebook potranno produrre piccoli show. Si potranno fruire contenuti live e preregistrati, e ci saranno categorie come "I video di cui si parla di più" e "Che cosa sta facendo ridere di più"; ci saranno anche contenuti esclusivi forniti dall'Nba e dalla Nasa (puntate da cinque minuti in cui si approfondirà un tema scientifico). E per gli utenti sarà possibile iscriversi a determinati show per non perdere le puntate, inserirli nella propria "Watchlist", e interagire con gli altri utenti attraverso i commenti (come su Facebook Live, il servizio di video in diretta già presente da diverso tempo).

"Da Facebook Live abbiamo imparato che i commenti e le reazioni delle persone a un video spesso sono parte dell'esperienza tanto quanto il video stesso. Perciò, quando guarderete uno show, potrete vedere i commenti e interagire con amici e altri spettatori, o parlarne in un gruppo dedicato allo show", ha scritto il direttore prodotti di Facebook, Daniel Danker, in un comunicato diffuso attraverso il sito.

"Su Facebook, i video vengono scoperti tramite gli amici, e uniscono la community. E mentre sempre più persone si godono quest'esperienza, abbiamo capito che sì, apprezzano la 'serendipity' di scoprire i video nel loro news feed, ma vogliono anche uno spazio dedicato, dove possono andare appositamente per guardare video", ha spiegato Danker. "Ora vogliamo rendere ancora più semplice la fruizione degli show che amate".

Danker spiega poi che questi video saranno divisi in quattro macro gruppi, e fa un esempio per ciascuno:

- show che coinvolgono i fan e la community: per esempio Nas Daily, che fa uno show quotidiano in cui registra video insieme ai fan da ogni parte del mondo; "Ora la Watchlist permetterà ai fan di vedere gli episodi quotidiani più facilmente", scrive Danker.

- Show live che mettono in comunicazione diretta i fan: per esempio quello di Gabby Bernstein, un'autrice di bestseller, speaker motivazionale e life coach, che risponde in diretta ai suoi fan.

- Show che seguono un arco narrativo o hanno un tema particolare: per esempio "Kitchen Little", un programma in cui dei bambini leggono le istruzioni di una ricetta e poi spiegano per filo e per segno a uno chef professionista come realizzarla; lo chef deve ovviamente seguire gli ordini, e i risultati sono spesso esilaranti.

- Grandi eventi che uniscono le persone, come quelli sportivi: la Major League Baseball trasmetterà su Watch una partita a settimana.

I partner godranno del 55 per cento dei ricavi pubblicitari delle trasmissioni, mentre a Facebook andrà il restante 45 per cento.

Che qualcosa bollisse in pentola si pensava da mesi, e si era capito meglio a fine luglio, quando - a commento dell'ultimo rapporto trimestrale - il direttore operativo di Facebook, Sheryl Sandberg, aveva detto: "Stiamo facendo degli investimenti preliminari per creare contenuti a episodi".

In molti credevano però che Facebook volesse lanciarsi nella produzione di serie tv, e diventare quindi concorrente di giganti dello streaming come Netflix e (ormai) Amazon. Watch invece somiglia decisamente a YouTube. La mossa di Facebook è l'ultima a dimostrare come il settore dei media tradizionali si stia riorganizzando: due giorni prima dell'annuncio dell'azienda di Mark Zuckerberg, Walt Disney ha detto che lancerà due servizi di video in streaming e che interromperà il suo accordo di distribuzione con Netflix.

Altri Servizi

Gli Usa contro la Russia, a 30 anni dal trattato INF per l'eliminazione dei missili

Da tempo Washington denuncia le violazioni di Mosca. L'amministrazione Trump pronta a sviluppare un'arma per restare al passo dei russi
Ap

Gli Stati Uniti sono pronti a sviluppare un nuovo missile da crociera capace di trasportare armi convenzionali o testate nucleari, visto che credono che la Russia stia violando l'accordo per l'eliminazione dei missili a raggio corto e intermedio, l'INF, firmato 30 anni fa dal presidente Ronald Reagan e dal segretario generale del Partito comunista sovietico, Mikhail Gorbachev.

NY Times: cambio generazionale al vertice, editore passa il testimone al figlio 37enne

Arthur Ochs Sulzberger Jr cede il suo ruolo a Arthur Gregg Sulzberger

Cambio generazionale al vertice della New York Times Company. Dal primo gennaio 2018 il nuovo editore del gruppo sarà il 37enne Arthur Gregg Sulzberger, figlio dell'attuale numero uno Arthur Ochs Sulzberger Jr e già suo vice.

La riforma fiscale torna a preoccupare Wall Street

Progressi verso l'approvazione di una riforma fiscale; la Federal Reserve ha alzato i tassi, come previsto, di 25 punti base all'1,25-1,5%
AP

La rivincita delle Crocs (anche a Wall Street)

Lo stilista Christopher Kane e Balenciaga hanno portato in passerella le ciabatte che sembravano passate di moda. Gli analisti di Stifel scommettono in un rilancio: comprare il titolo

Le calzature Crocs sono destinate a tornare di moda. Le ciabatte leggere e dai colori sgargianti, un tempo diffuse anche in Italia, sembra stiano tornando ad essere popolari. Per questo gli analisti di Stifel consigliano agli investitori di comprare il titolo e non di tenerlo semplicemente in portafoglio. La raccomandazione ha spinto l'azione sui massimi di oltre due anni a Wall Street, dove venerdì 15 dicembre ha vissuto un rally di oltre il 14% a 12,55 dollari.

Incertezza sulla riforma fiscale, investitori preoccupati

Marco Rubio, senatore repubblicano della Florida, chiede maggiori sgravi fiscali per l'infanzia.
Shutterstock

Si fa nuovamente in salita la strada verso l'approvazione della riforma fiscale, che soltanto ieri sembrava cosa ormai fatta. E gli investitori a Wall Street tornano a preoccuparsi: e infatti il Russell 2000 ha ampliato i cali arrivando a perdere l'1%; l'indice che raggruppa le società a piccola e media capitalizzazione è visto come maggiormente correlato alle prospettive della riforma perché queste aziende tendono a pagare aliquote più alte rispetto alle multinazionali.

Riforma fiscale sempre più vicina, Rubio voterà sì

Il senatore della Florida si aggiunge quello del Tennessee. La settimana prossima verrà messa al voto in Parlamento. Entro Natale, la firma di Trump (salvo sorprese)
AP

Bloomberg a Trump: la riforma fiscale è una "cantonata economicamente indifendibile"

Per l'ex sindaco di NY, dà alle grandi aziende tagli alle tasse di cui non hanno bisogno, abbassa le aliquote dei contribuenti più abbienti e per permette ai più ricchi di proteggere i loro patrimoni
iStock

La fine della neutralità della rete: implicazioni per aziende e consumatori

La decisione dell'Agcom americana ha creato vincitori (AT&T, Verizon, Comcast, Sprint e T-Mobile) e vinti (Facebook, Amazon, Netflix e Google)
AP

Fitch promuove Fiat Chrysler Automobiles

Il rating passa a BB da BB- con outlook positivo. Atteso un flusso di cassa positivo e sostenibile. In vista dell'addio di Marchionne, prevista una riorganizzazione aziendale

Wall Street, Dow e S&P 500 archiviano la quarta settimana di guadagni

Ritorna l'ottimismo sull'approvazione della riforma fiscale
AP